Film

THE MORTUARY COLLECTION, UN SALTO ALL’OBITORIO

THE MORTUARY COLLECTION, UN SALTO ALL’OBITORIO

Così, semplice semplice: The Mortuary Collection è l’equivalente di un diamantino, piccolo e modesto, che buttato in mezzo a un mucchio di letame rifulge come la più splendida tra le gemme. Certo, non proprio quello che ti aspetti da un film tirato su da una campagna crowdfunding. The Mortuary Collection è un’antologia, un classico film dell’orrore a episodi, un concetto che risale agli albori del... »

LA NASCITA DEL CINEMA HARD ITALIANO

LA NASCITA DEL CINEMA HARD ITALIANO

L’anno di riferimento per il cinema hard in Italia può essere orientativamente identificato nel 1978. Il problema di trovare personale disposto a lavorare nel settore non si pone nemmeno, nel contesto di grave crisi che la cinematografia italiana attraversa verso la fine degli anni Settanta. Anzi, si può certamente credere che molte centinaia di persone tra registi, truccatori, attori e operatori ... »

BUIO OMEGA, L’ITALIA ENTRA NEL GORE

BUIO OMEGA, L’ITALIA ENTRA NEL GORE

Con Buio Omega, il 1979 è l’anno che sancisce l’ingresso del cinema italiano nel mondo del gore più estremo. Dopo Zombi 2 di Lucio Fulci, che con gli effetti artigianali di Giannetto De Rossi ha reso i morti viventi più spaventosi degli omologhi d’oltreoceano, Joe D’Amato (pseudonimo di Aristide Massaccesi) si accoda alla scia di sangue con Buio Omega, un remake in chiave splatter del thriller got... »

MORTAL KOMBAT 2021, QUALCOSA NON QUADRA

MORTAL KOMBAT 2021, QUALCOSA NON QUADRA

Metti che c’è voluto un quarto di secolo per vedere un nuovo film di Mortal Kombat. Da qui in poi Mortal Kombat 2021, giusto per distinguerlo dal Mortal Kombat del 1995, quello di Paul W. S. Anderson. Metti che, sì, ci sono voluti più di venticinque anni e sì, il risultato tutto sommato non è male. Il problema è che Mortal Kombat 2021 non è male. Insomma… arrivato ai titoli di coda uno non può far... »

PITCH BLACK, UN CULT CON TROPPE COINCIDENZE

PITCH BLACK, UN CULT CON TROPPE COINCIDENZE

Pitch Black è la prova che David Twohy aveva ragione: chi fa da sé, fa per tre. Siamo nel 1992 e la sua, fra le millemila già scartate fino a quel momento, si trova a tanto così da essere la sceneggiatura definitiva di Alien 3. Peccato che il regista, Vincent Ward, altro fra i millemila avvicendatisi prima di David Fincher, mandò tutto all’aceto. E va be’, cose che capitano. Passano gli anni e Two... »

DAL TRAMONTO ALL’ALBA, CRIMINALI E VAMPIRI DI TARANTINO

DAL TRAMONTO ALL’ALBA, CRIMINALI E VAMPIRI DI TARANTINO

Dal tramonto all’alba (From Dusk till Dawn) molto probabilmente è la sintesi della cifra stilistica di Quentin Tarantino come autore. Questo perché spesso “prendere ispirazione da…” significa copiare da chi è meglio di te. In questo senso nessuno è meglio di Quentin Tarantino nel cercare ispirazione un po’ ovunque. Dopotutto ha sempre ammesso di essere un grande appassionato di certi generi. Dal t... »

JAYNE MANSFIELD IN TUTTI I SUOI FILM

JAYNE MANSFIELD IN TUTTI I SUOI FILM

Attrice dalla fisicità devastante, Jayne Mansfield fu sempre considerata una bionda stupida nonostante fosse, invece, molto intelligente. Nata nel 1933, mentre ancora frequentava l’Università del Texas vinse diversi concorsi di bellezza, con titoli fantasiosi che includevano Miss Photoflash, Miss Magnesium Lamp e Miss Fire Prevention Week.   Nel febbraio 1955, a 22 anni, apparve sul pag... »

JOY HARMON, LA TORRIDA BIONDA

JOY HARMON, LA TORRIDA BIONDA

Joy Harmon per molti rimane il simbolo della stellina di Hollywood tra gli anni cinquanta e sessanta. Una classica bionda dalle curve esplosive sulla falsariga di Jayne Mansfield, che seppe costruirsi un seguito di devoti attraverso centinaia di apparizioni televisive, decine di copertine delle riviste e diversi ruoli teatrali, oltre a una manciata di apparizioni in film di primo piano. Non divenn... »

WEEKEND CON IL MORTO SALUTA GLI ANNI ’80

WEEKEND CON IL MORTO SALUTA GLI ANNI ’80

Weekend con il morto di Ted Kotcheff è… aspetta, come si dice? Imparando dagli errori, abbiamo perfezionato le catastrofi. Ecco, a volerlo riassumere in poche parole, questo rende piuttosto bene il concetto. L’idea stessa alla base di Weekend con il morto. Siamo nel 1989, agli sgoccioli di un decennio fatto di eccessi e stramberie in cui sembrava non esserci limiti. Nessuna spallina era troppo gra... »

INTRUDER, IL TERRORE DAL SUPERMERCATO

INTRUDER, IL TERRORE DAL SUPERMERCATO

Così, a secco: Intruder, da noi (s)conosciuto come Terrore senza volto (e chissà perché riportato da Google pure come Notte di sangue) è in assoluto uno dei migliori slasher degli anni ottanta. Probabilmente uno degli ultimi grandi slasher duri e puri degli ottanta. Immagina un film in cui ci sono, tutti insieme appassionatamente, Sam Raimi e il fratello Ted, i loro amici di vecchia data Bruce Cam... »

CANNIBAL HOLOCAUST, SPLATTER O SNUFF MOVIE?

CANNIBAL HOLOCAUST, SPLATTER O SNUFF MOVIE?

Nel film Cannibal Holocaust risultano particolarmente disturbanti le scene di stupri e le uccisioni, specialmente di animali, le quali non si avvalgono dell’ausilio di effetti speciali e appaiono nude e crude dinnanzi all’occhio della telecamera. «Il film di Deodato tocca livelli addirittura rivoltanti, secondo noi con effetti sulla psiche molto più dannosi della pornografia in quanto ... »

ISABELLA FERRARI, LE DUE VITE DI UN’ATTRICE SENSUALE

ISABELLA FERRARI, LE DUE VITE DI UN’ATTRICE SENSUALE

La carriera di Isabella Ferrari si divide in due periodi diversi. Il primo, dove predomina il tono brillante, d’evasione, si conclude alla fine degli anni ottanta. Il secondo è quello drammatico. L’ultimo periodo è molto più corposo e, al di là di qualsiasi considerazione relativa alla qualità dei lavori, ha richiesto un maggiore impegno nella recitazione. Si può quindi affermare, rifa... »

I FILM A TECNICA MISTA NEGLI ANNI NOVANTA

I FILM A TECNICA MISTA NEGLI ANNI NOVANTA

Nel 1989 Chi ha incastrato Roger Rabbit rilanciò con grande classe, e coinvolgendo mezza industria cartoonistica, i film a tecnica mista. Un po’ live action, un po’ cartoon… negli anni novanta i film a tecnica mista sono stati sempre più numerosi, traghettandoci anche verso quella che è stata la fine del genere: perché ormai l’uso della Cgi, onnipresente, rende quasi tutte ... »

MILLE CHILOMETRI AL MINUTO!

MILLE CHILOMETRI AL MINUTO!

Alcuni siti del settore danno il 1939 come anno di produzione del film Mille chilometri al minuto!, altri il 1940. Probabilmente avranno ragione un po’ tutti, essendo stato proiettato nelle sale nel 1940 è verosimile che le riprese siano state realizzate nel corso dell’anno precedente. In quel periodo scoppia la Seconda guerra mondiale e anche l’Italia sta per entrare nel conflit... »

PRODURRE UN FILM INDIPENDENTE: DALL'IDEA ALLA REALIZZAZIONE

PRODURRE UN FILM INDIPENDENTE: DALL’IDEA ALLA REALIZZAZIONE

Molti aspiranti registi vorrebbero produrre un film tutto loro, ma da dove partire? Il cinema, fin dalla sua nascita, ha creato un’enorme attrattiva a tutto l’universo che lo circonda. Il motivo principale, per il regista, rimane sempre quello di voler raccontare una storia. Dall’altra parte, chi va al cinema vuole che gli si racconti una storia. Le buone intenzioni non sono sufficienti, sono nece... »

IL WESTERN NASCE DA PUŠKIN

IL WESTERN NASCE DA PUŠKIN

“Una parola decisamente nuova e geniale, quale fino a quel momento non era mai stata assolutamente detta in nessun luogo”. Questo scrisse Fëdor Dostoevskij in una lettera indirizzata al filosofo Nikolaj Strachov nel 1870 (in Dostoevskij, Lettere sulla creatività, 1991), riferendosi ai racconti di Puškin L’arabo di Pietro il Grande e I racconti di Belkin. Dieci anni più tardi lo stesso Dostoe... »

INTERVISTA A LEVENT CAKIR, L’ATTORE DI ZAGOR

INTERVISTA A LEVENT CAKIR, L’ATTORE DI ZAGOR

“Molti film trash turchi meritano di ricevere un amichevole rispetto, non una forma superficiale di derisione”. Levent Cakir Intervista a Levent Cakir, action star turca e stuntman, lo Zagor del cinema. L’attore turco Levent Cakir ha interpretato molti film, ma in Italia ne abbiamo sentito parlare solo per la sua interpretazione di Zagor in due pellicole “apocrife” di... »

NATASHA HOVEY, ACQUA E VERDONE

NATASHA HOVEY, ACQUA E VERDONE

In più di un caso per i propri film Carlo Verdone ha scelto l’attrice del momento, che poteva garantire un buon esito al box office. Non è stato l’unico, lo hanno fatto altri comici passati alla regia nello stesso periodo, come Francesco Nuti e Massimo Troisi. La presenza femminile a fianco di Verdone ha quasi sempre funzionato. Tra le pellicole piazzatesi ai primi posti delle classifi... »

ZOMBIES OF THE STRATOSPHERE, L’ESORDIO ALIENO DI LEONARD NIMOY

ZOMBIES OF THE STRATOSPHERE, L’ESORDIO ALIENO DI LEONARD NIMOY

In questo periodo avrebbe compiuto novant’anni Leonard Nimoy, l’indimenticabile Spock della saga di Star Trek degli anni sessanta. Ma l’attore bostoniano di origine ucraina ha fatto anche molto altro. Nel corso della sua lunga carriera Nimoy è stato fotografo, poeta, scrittore oltre che, naturalmente, attore e regista. Nel 1982, grazie a una coproduzione internazionale, ebbe modo... »

IL MALE NEI FILM DI WILLIAM FRIEDKIN

IL MALE NEI FILM DI WILLIAM FRIEDKIN

L’esorcista e Vivere e morire a Los Angeles, due tra i migliori film di William Friedkin, hanno molti punti in comune. In particolare, il regista americano li costruisce in modo esemplare su una situazione narrativa che caratterizza il suo cinema: la rappresentazione del male. L’esorcista (The Exorcist, 1973) è sostanzialmente diviso in due parti. Nella prima, la dodicenne Regan MacNei... »

DREDD 1995 – LA LEGGE DI STALLONE

DREDD 1995 – LA LEGGE DI STALLONE

Venticinque anni dopo Dredd – La legge sono io, da qui in poi Dredd 1995 per distinguerlo dall’altro film, quello fatto bene, se ci pensi un attimo ti accorgi che aveva tutto: soldoni, attoroni, Sylvester Stallone. Un film ad alto budget, adattamento di un famoso personaggio dei fumetti. Con queste premesse, uno pensa, cosa mai potrà andare storto?… Un blockbuster spintissimo e largamente pu... »

ORSON WELLES NEL LABIRINTO DELLE IMMAGINI

ORSON WELLES NEL LABIRINTO DELLE IMMAGINI

Nel periodo in cui è vissuto, Orson Welles era ritenuto da alcuni un regista che dissipava il proprio enorme talento (anche attoriale, in molti film considerati di quarta categoria), impegnandosi su una miriade di progetti perlopiù irrealizzabili. In questi giorni sta per essere distribuito nelle sale cinematografiche italiane Mank, di David Fincher, incentrato sulla figura dello sceneggiatore Her... »

DEMOLITION MAN NEL FUTURO POLITICAMENTE CORRETTO

DEMOLITION MAN NEL FUTURO POLITICAMENTE CORRETTO

Demolition Man è l’ennesimo film della fantascienza a tema dystopian future. Concetto più che sfruttato, abusato fino all’anima da decenni a questa parte. Niente di strano, se non fosse per un fatto: Demolition Man l’ha visto sul serio il futuro. Il futuro l’ha visto e lo sai cos’è? Uno zitellone di mezz’età che sta sempre in camicia da notte a bere centrifughe di carote e mele, cantando i ritorne... »

I REGISTI DIMENTICATI IN 18 SEQUENZE

I REGISTI DIMENTICATI IN 18 SEQUENZE

Alla fine degli anni trenta, Federico Fellini giunge a Roma con l’intenzione di fare il giornalista. Gli viene dato l’incarico di intervistare il famoso attore Osvaldo Valenti. Per questo motivo una mattina entra per la prima volta a Cinecittà. Si sta girando un film. Fellini si ferma a osservare la troupe al lavoro e a un certo punto alza lo sguardo: “Lassù, a più di mille metri, su u... »

L’INFOGRAFICA CRONOLOGICA DEI FILM DI FANTASCIENZA

L’INFOGRAFICA CRONOLOGICA DEI FILM DI FANTASCIENZA

Mancano otto anni all’arrivo di Terminator: ecco i film, le serie tv e videogiochi di fantascienza in una timeline infografica realizzata dal sito Glow. »

EVA MENDES, SPIRITO EROTICO

EVA MENDES, SPIRITO EROTICO

Eva Mendes non gira un film dal 2014, anno in cui ha partecipato a Lost River, esordio registico di Ryan Gosling. Con Gosling si è poi fidanzata e due anni dopo l’attore canadese è diventato suo marito. La Mendes non è la prima donna del mondo dello spettacolo con una carriera ben avviata che dirada gli impegni artistici per questioni matrimoniali o per la maternità. Potrebbe essere questa l... »

HIGHLANDER 3, L’INUTILE SEQUEL AUTUNNALE

HIGHLANDER 3, L’INUTILE SEQUEL AUTUNNALE

Se  Highander 2 falliva perché osava troppo rispetto al capostipite, Highlander 3 ha il problema opposto: è un sequel-fotocopia con qualche guizzo tra musica e fotografia. Highlander 2 era stato linciato da fan e critica. Tuttavia, misteriosamente, aveva incassato bene ai botteghini. Ciò permise la creazione di un nuovo capitolo. Ma, dato che i produttori si erano scottati le dita distaccandosi tr... »

CECCHI GORI, IL CINEMA DA MARIO A VITTORIO

CECCHI GORI, IL CINEMA DA MARIO A VITTORIO

Dai primi film con Totò, al decennale e quantomai proficuo sodalizio con il “mattatore” Vittorio Gassman, fino ai premi ottenuti da Troisi e Benigni, Mario e Vittorio Cecchi Gori con le loro produzioni hanno contribuito in modo determinante al successo della commedia all’italiana, a cui il marchio Cecchi Gori è indubbiamente legato. Nella filmografia dei due produttori tuttavia non mancano, ... »

JUSTICE LEAGUE SNYDER CUT È SOLO BUONI CONTRO CATTIVI

JUSTICE LEAGUE SNYDER CUT È SOLO BUONI CONTRO CATTIVI

Justice League Snyder Cut, Justice League: Director’s Cut, magari semplicemente Snyder Cut o in qualunque altro modo lo si voglia chiamare, non è più un sogno ma una solida realtà. Bene. Quasi quattro anni di paturnie dopo, tutti gli sforzi dei fanZ hanno dato i loro frutti. Benissimo. Finalmente, Justice League Snyder Cut, l’idea originale e primigenia di un film dedicato alla Justice League così... »

MICHAEL CIMINO, REGISTA FRAINTESO

MICHAEL CIMINO, REGISTA FRAINTESO

Michael Cimino, il grande regista de Il Cacciatore, era un nome di spicco della New Hollywood degli anni settanta (con Coppola, Spielberg e De Palma), ma dallo stile classico e dalle ambizioni fraintese. Michael Cimino nacque a New York nel 1939 da una famiglia di origini italiane. Ma la sua italianità non era forte come quella di Coppola o di Scorsese. Il suo è un cinema che più americano non si ... »

IL PRINCIPE CERCA FIGLIO, UN SEQUEL 30 ANNI DOPO

IL PRINCIPE CERCA FIGLIO, UN SEQUEL 30 ANNI DOPO

Il principe cerca figlio è la risposta a una domanda che nessuno aveva fatto. Come Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge: nessuno l’aveva chiesto, nessuno lo voleva, eppure si è rivelato un film al di sopra di qualunque aspettativa. Quindi, di per sé, fare un sequel non è necessariamente un fatto negativo. Invece Il principe cerca figlio, benché non sia un brutto film, è, come dire, piuttosto ... »

VALERIA BILELLO, DA VEEJAY AD ATTRICE

VALERIA BILELLO, DA VEEJAY AD ATTRICE

Nei primi anni Duemila i canali musicali Mtv e All Music puntavano molto sulle giovani conduttrici per le trasmissioni musicali. Tra le veejay di punta di quel periodo spiccava Valeria Bilello, l’unica oltretutto che abbia lavorato per entrambe le reti. Non ne veniva evidenziata, almeno in apparenza, la potenziale carica erotica come accadeva per alcune colleghe, per esempio Lucilla Agosti, ... »

“GLI SPIETATI” DI EASTWOOD È DAVVERO PESSIMISTA?

“GLI SPIETATI” DI EASTWOOD È DAVVERO PESSIMISTA?

Il capolavoro di Clint Eastwood, Gli spietati, che ne ha segnato la consacrazione come regista e autore, viene ricordato come un malinconico e sarcastico addio al genere western. Ma il film è davvero così pessimista? Negli anni settanta, lo sceneggiatore David Webb Peoples (poi noto per Blade Runner), scrisse una sceneggiatura intitolata The William Munny Killings. Inizialmente opzionata da Franci... »

LINO BANFI, UN ATTORE DA CENSURARE?

LINO BANFI, UN ATTORE DA CENSURARE?

Il 21 febbraio è stata riportata la notizia che Facebook ha tolto dal gruppo “Noi che amiamo Lino Banfi official” una serie di video relativi ad alcuni film con Lino Banfi, i cui contenuti sono stati ritenuti offensivi dal social network. C’è da chiedersi se abbia senso prendersela con il politicamente corretto, che, secondo alcuni, avrebbe motivato l’intervento censorio. I... »

BATMAN E ROBIN, 25 ANNI DI SCUSE DOPO

BATMAN E ROBIN, 25 ANNI DI SCUSE DOPO

Batman e Robin, l’inossidabile dinamico duo che da oltre ottanta anni combatte il crimine in tutina e mantella. Se ci pensi un attimo, nella cultura pop quante sono le cose in grado di mantenere una tale popolarità per tanto tempo? Fai pochissime, va. Batman è uno di quei nomi, marchi conosciuti in lungo, largo a destra e pure a sinistra. Normale che fama e notorietà di simile portata vengano/vada... »

WES CRAVEN VIVE NEI NOSTRI INCUBI

WES CRAVEN VIVE NEI NOSTRI INCUBI

Wes Craven era uno dei registi di punta che dagli anni settanta hanno svecchiato il genere horror, passando dai vampiri e i lupi mannari ai “mostri della porta accanto” creati dalla società contemporanea. Lui, John Carpenter, Tobe Hooper, Bryan Yuzna, Stuart Gordon, Clive Barker, Tom Holland sono gli autori che hanno plasmato gli incubi di più di una generazione e che continuano a farlo in quanto ... »

Il regista delle cause perse Sam Peckinpah

SAM PECKINPAH, IL REGISTA DELLE CAUSE PERSE

In una scena del western di Sam Peckinpah Il mucchio selvaggio (The Wild Bunch, 1969), il bandito Pike e gli altri componenti della sua banda decidono di andare contro le truppe del generale Mapache per salvare il loro compagno messicano, votandosi sostanzialmente alla morte. Lo fanno sorridendo, tanto che il sottotitolo del film potrebbe essere Andare incontro alla morte sorridendo. Vari film di ... »

LA FISICITÀ DI EVA GRIMALDI

LA FISICITÀ DI EVA GRIMALDI

Dopo l’incontro cinematografico con Federico Fellini  nel film “Intervista”, Eva Grimaldi venne definita “la nuova Anita Ekberg”. Lei stessa ha raccontato in un’intervista a Roberta Damiata, pubblicata sul settimanale F, che per apparire formosa come l’attrice svedese celebre per il bagno nella fontana di Trevi, prima del provino riempì il reggiseno con qualsiasi cosa... »

COS’HANNO IN COMUNE POLANSKI E DE PALMA?

COS’HANNO IN COMUNE POLANSKI E DE PALMA?

Roman Polanski, con alcuni film degli anni sessanta e settanta, ha esercitato una notevole influenza sui registi delle generazioni successive, in particolare sugli autori dell’horror americano. John Carpenter in un’intervista ha indicato Chinatown come uno dei suoi film preferiti; il finale di Non aprite quella porta, diretto da Tobe Hooper nel 1974, ricorda per certi versi quello di C... »

MASSIMO BOLDI E LA RILEVANZA DELLE ATTRICI

MASSIMO BOLDI E LA RILEVANZA DELLE ATTRICI

Massimo Boldi viene da una tradizione cinematografica e televisiva nella quale la presenza femminile, non solo di pura rilevanza estetica, era considerata fondamentale. In vari casi l’attrice esercitava un tale richiamo da decretare il successo di una pellicola o di uno show. Vediamo quali sono state le partner con cui ha avuto a che fare Massimo Boldi sul grande e piccolo schermo nel corso ... »

PROFONDO ROSSO E IL MISTERO DEL PITTORE TORINESE

PROFONDO ROSSO E IL MISTERO DEL PITTORE TORINESE

Il rosso è un colore che associamo facilmente a scenari macabri e ad atmosfere inquietanti. La presenza del sangue che schizza a fiotti da teste mozzate e corpi mutilati è una costante del cinema horror degli ultimi cinquant’anni. Basti pensare al celebre film Profondo Rosso, diretto da Dario Argento (4 mosche di velluto grigio, Suspiria) nel 1975. Il titolo subì, nel corso della lavorazione, vari... »

HIGHLANDER II, IL PEGGIORE SEQUEL DELLA STORIA

HIGHLANDER II, IL PEGGIORE SEQUEL DELLA STORIA

Blade Runner, Dune, e perfino Scientology: tutto riappare sgangheratamente frullato insieme in Highlander II, il sequel più pazzo e odiato della storia del cinema. Come dicevamo l’altra volta, Highlander – L’Ultimo Immortale fu un parziale flop al botteghino, salvo poi rifarsi alla grande con l’home video tra vendite e noleggio. Ciò permise la messa in cantiere di un sequel. Russell Mulcahy ... »

I MORTI NON MUOIONO, MA TU SÌ, DI NOIA

I MORTI NON MUOIONO, MA TU SÌ, DI NOIA

I morti non muoiono. Forse non dovrebbero, ma in questo caso lo faranno se ti chiami Jim Jarmusch. Il punto è questo: Jarmusch è quello di Stranger Than Paradise, Daunbailò, Dead Man e via dicendo; in altre parole è un “autore”. Cosa succede quando uno come lui si dedica ai film di genere? Dipende. Il discorso è più o meno lo stesso di quello che riguarda Gabriele Salvatores, quando, una ventina e... »

MATILDE GIOLI, L’ATTRICE LIQUIDA

MATILDE GIOLI, L’ATTRICE LIQUIDA

Dopo l’esordio sul grande schermo nel 2014, Matilde Gioli venne salutata come “l’attrice su cui il cinema italiano scommette” e “l’astro nascente del cinema italiano”. Si scrivono articoli che esaltano i suoi occhi turchesi (secondo alcuni ricorderebbero quelli di Liz Taylor) o che trovano in lei  una somiglianza con Angelina Jolie. Fino a ora le sono state offerte poche opportun... »

L’ARMATA DELLE TENEBRE, DA FLOP A CULT

L’ARMATA DELLE TENEBRE, DA FLOP A CULT

È un caso più unico che raro la trilogia di Evil Dead (in italia La Casa), della quale L’Armata delle tenebre è il terzo capitolo. Il primo capitolo del 1981 è un horror low-budget duro e sanguinario, il sequel/reboot del 1987 ha più mezzi e più ironia, e il terzo capitolo del 1992, pur essendo stavolta un sequel vero e proprio, cambia totalmente genere tanto che si può benissimo vedere come... »

CHERRYVALE, CITTADINA DEGLI ORRORI E DI LOUISE BROOKS

CHERRYVALE, CITTADINA DEGLI ORRORI E DI LOUISE BROOKS

Ci sono luoghi all’apparenza rassicuranti, pacifici. Piccole realtà provinciali circondate dal verde, a poche miglia dai parchi naturali e da laghi limpidi e trasparenti. Cittadine tranquille, immerse nella natura, in cui i campi di granturco si stendono a perdita d’occhio con l’intensa doratura estiva delle sue lunghe foglie. Zone talvolta flagellate dagli uragani, come nel Mago di Oz, ma in cui ... »

HIGHLANDER NON INVECCHIA MAI

HIGHLANDER NON INVECCHIA MAI

Nel mese di marzo del 1986 usciva nelle sale un film destinato non solo a entrare nell’immaginario collettivo, ma anche nei vocabolari trasformando il significato della parola inglese highlander da “abitante degli altipiani” a “immortale”. Sigla: Highlander è il caso più unico che raro di un film prodotto con budget medio-basso realizzato da tanti grandi professionisti al meglio delle loro potenzi... »

LE COMMEDIE SCATENATE DI FRANK TASHLIN E BLAKE EDWARDS

LE COMMEDIE SCATENATE DI FRANK TASHLIN E BLAKE EDWARDS

La commedia brillante, uno dei tradizionali generi cinematografici americani, sta attraversando una crisi creativa che appare irreversibile. Il regista Blake Edwards ne è stato, nel passato, uno tra i maggiori artefici, sempre in bilico tra commedia sofisticata, comicità volutamente grossolana e cupa malinconia crepuscolare. Come solo pochi riescono a fare, con furiosa misantropia nichilista, non ... »

HITCHCOCK E LYNCH, LA DONNA CHE VISSE A MULHOLLAND DRIVE

HITCHCOCK E LYNCH, LA DONNA CHE VISSE A MULHOLLAND DRIVE

Nella mia personale top ten tra i capolavori cinematografici di tutti tempi figurano La donna che visse due volte (Vertigo, 1958), di Alfred Hitchcock, e Mulholland Drive (2001) di David Lynch. Due opere distanti nel tempo ma che rimandano, pur nelle differenze stilistiche e narrative, ad alcune tematiche e figure affini. Entrambe le pellicole sono suddivise in due parti. Si tratta di sezioni ben ... »

L’IMPRONTA DI HOWARD HAWKS IN 8 SEQUENZE

L’IMPRONTA DI HOWARD HAWKS IN 8 SEQUENZE

Il 26 dicembre del 1977 moriva Howard W. Hawks (la W sta per Winchester), uno dei più grandi registi del cinema americano classico. Nato nel 1896, Hawks gode generalmente di minore considerazione rispetto ad altri maestri di Hollywood come Ford o Hitchcock. Forse perché la sua filmografia pare a prima vista alquanto eterogenea. In realtà ha diretto capolavori in qualsiasi genere abbia affrontato, ... »

Pagina 1 di 11123»