LE COPERTINE CDE DI BRUNO MUNARI

LE COPERTINE DEI LIBRI DI BRUNO MUNARI

Raccontare di Bruno Munari, artista milanese nato nei primi anni del Novecento e dalla vita lunga e produttiva fino all’ultimo (ci ha lasciato nel 1998), significa aprire una numerosa sequenza di porte rivolte alle attività e le arti più disparate, in un lavorio sempre avvolto da una tensione innovativa e una costante ricerca quando non risultato di anticipazione. È stato pittore, scrittore, designer, scultore. Ha dato contributi fondamentali alla cinematografia, al disegno industriale e alla grafica, ha creato una didattica, ha rinnovato la grafica editoriale, ha profuso la sua fantasia (un concetto primario che impresse nel suo interesse verso l’infanzia) nell’arte cinetica e nell’arte visiva dell’installazione in cui l’opera d’arte diventa un ambiente tridimensionale. Famosi sono i suoi... »

Alberico Motta

ALBERICO MOTTA, MAESTRO DEL FUMETTO UMORISTICO

Se ne è andato il 23 maggio 2019, all’età di 81 anni, Alberico Motta. Ai giovani lettori forse questo nome non dirà molto, ma ai vecchi lettori come chi scrive dice molto, moltissimo… Sceneggiatore, disegnatore, illustratore, redattore, direttore artistico, ideatore di testate, coordinatore di intere linee editoriali, Alberico Motta ha collaborato con molti editori, lasciando la propria firma su decine di personaggi, propri e altrui. “Ho iniziato a disegnare le prime storie sui banchi della scuola media, di nascosto dagli austeri professori di allora, che ti davano le bacchettate sulle mani quando ti scoprivano a fare qualcosa di diverso dal calcolo di quante parti di torta ti rimanevano se ne mangiavi tre quarti (magari!). Erano gli anni cinquanta e si era fortunati quando si riusci... »

La casa di Visione

MOMENTO POP – LA CASA DI VISIONE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Lo spadaccino nero

LE SAGHE DI BERSERK: 1 – LO SPADACCINO NERO

Berserk è un fumetto giapponese serializzato dal 1989 (dopo un “prototipo” dell’anno precedente), scritto e disegnato da Kentaro Miura.   LO SPADACCINO NERO Questo è il primo di una serie di articoli che cercherà di analizzare nel dettaglio l’intero capolavoro dark-heroic fantasy, saga per saga. Iniziamo con la prima: Lo Spadaccino Nero. Si presuppone una conoscenza almeno sommaria di tutta l’opera, perché verranno ripresi aspetti presenti in volumi successivi per disegnare un quadro quanto più completo possibile: dunque sono presenti anticipazioni e spiegazioni.   SCHEDA TECNICA La prima saga ingloba circa i primi tre volumi dell’opera. Si articola in otto capitoli, tutti molto lunghi (il quarto supera abbondantemente le cento pagine!). Il nom... »

MATITE BLU 139

MATITE BLU 139

. »

Nel cupo 2019 respirano a colori i Forever Still

NEL CUPO 2019 RESPIRANO A COLORI I FOREVER STILL

Il nuovo album Breathe In Colours dei metallari danesi Forever Still è un concept cybperpunk su un distopico 2019, l’anno di Blade Runner e Akira che ora è diventato il presente. La nostra intervista alla cantante Maja Shining. La stesura del saggio FantaRock mi ha imposto di occuparmi ecumenicamente anche di generi e musicisti che fino a quel momento non avevano particolarmente acceso i miei gusti. Ancora una volta ho dovuto rivedere le mie convinzioni e ampliare i miei ascolti, ma in fondo è anche questo il bello di mantenere la passione negli anni, no? Il pregiudizio che è finito sbriciolato era l’idea che la musica d’ispirazione fantascientifica fosse prevalentemente l’elettronica avanguardistica dai Tangerine Dream ai Kraftwerk, dai Clock DVA fino alla colonna sonora dell’attuale Capt... »

La stagione della blaxploitation

LA BREVE, INTENSA, STAGIONE DELLA BLAXPLOITATION

Il termine blaxploitation, unione di black (nero) ed exploitation (sfruttamento), indica un genere cinematografico nato negli Stati Uniti all’inizio degli anni settanta che presenta film a basso costo basati su violenza, sesso e droga per il pubblico afroamericano. Anche i registi e gli attori sono afroamericani, mentre le colonne sonore sono le prime a presentare musica soul e funk.   La blaxploitation salva Hollywood Il fenomeno ha avuto un certo successo nonostante la breve durata, dato che tra il 1971 e il 1976 sono stati prodotti oltre duecento film ascrivibili a questo genere. Nella maggior parte dei testi sulla storia del cinema il fenomeno della blaxploitation è ignorato o considerato di scarso livello. In realtà ha svolto un ruolo molto rilevante nel cinema americano, p... »

non capisci un cubo

MOMENTO POP – NON CAPIRE UN CUBO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

i primi fumettisti italiani

LA NASCITA DELLA SCUOLA DEL FUMETTO AVVENTUROSO IN ITALIA

Il sottotitolo de L’Avventuroso inizialmente è “Grande settimanale d’avventure”, con il numero 31 del 1935 diventa “Grande settimanale per tutti”. L’editore Mario Nerbini avverte la necessità di rimarcare che il suo target non è solo adolescenziale, ma anche adulto, per cercare di parare i prevedibili colpi dell’establishment moralista. Lo stesso Nerbini pubblica, sempre nel 1935, un trafiletto in cui dichiara esplicitamente che L’Avventuroso si rivolge non solo e non tanto ai ragazzini, ma ai tanti “giovanotti e signorine” che frequentano le edicole. Resta il fatto che la grandissima maggioranza dei lettori appartiene alla fascia di età dai dodici ai sedici anni: sono i più controllati da genitori, educatori, sacerdoti, capi delle organizzazioni del Partito fascista, che si faranno ... »

TOM & PONSI – 32

TOM & PONSI – 32

. »

nomignoli

PV – NOMIGNOLI

. »

Tags:
Tutti i costumi di Wolverine

TUTTI I COSTUMI (O QUASI) DI WOLVERINE E LA LORO ORIGINE

Ecco un articolo con tutti i costumi di Wolverine l’immortale, l’Arma X, Logan o, come conosciuto in tempi più recenti, James Howlett. Come glieli indossi, alla fine tutto si riduce sempre nello stesso personaggio. Breve premessa Wolverine è il nome inglese del ghiottone. Un mammifero carnivoro che sembra l’incrocio tra una mangusta e un orso in miniatura. È un animale piccolo, tozzo, forte e anche piuttosto furbo. Nonché solitario, aggressivissimo e testardo, tanto da portarlo a scontri con animali molto più grossi di lui. Nell’era mesozoica pre-internet stai sicuro che ci voleva qualcosina in più di tre secondi come oggi, per sapere una qualunque stramaledettissima cosa. A me ci so’ voluti anni per sapere cosa diavolo fosse un “wolverine”. Perciò… prego. Mi è venuta la ... »

al mare non andare da sola

MOMENTO POP – AL MARE NON ANDARE DA SOLA

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

I 25 ANNI DE IL CORVO

I 25 ANNI DE IL CORVO: QUANDO I DIFETTI DIVENTANO PUNTI DI FORZA

Il 13 maggio 1994 usciva nelle sale Il Corvo. Instant-cult poi ridimensionato in base alla scuola di pensiero del: “Eh, ma se non moriva Brandon, Il Corvo restava un filmetto da venerdì sera su Italia 1”. Beh, questa non è la nostra filosofia.   Tra i miei cinecomic preferiti Il Corvo è quello che riguardo di meno. Sarà la sua fama di film maledetto, sta di fatto che quando l’ho visto una volta è crollato un pezzo di cornicione da casa, un’altra volta mio padre ha avuto una emorragia dal naso e ho dovuto portarlo di notte al pronto soccorso. Insomma, come si dice: “Non è vero, ma ci credo”. Vabbé, finite le note autobiografiche (e sperando di arrivare vivo alla fine dell’articolo), partiamo con la sigla. Una vecchia leggenda narra che, quando accade qualcosa di troppo triste e i... »

THE SECRET, IL MAGICO RITORNO AL PASSATO DI ALAN PARSONS

THE SECRET, IL MAGICO RITORNO AL PASSATO DI ALAN PARSONS

Alan Parsons Project è uno dei gruppi musicali di progressive / psychedelic / pop rock più famoso e influente degli ultimi quarant’anni e più. Nato nel 1975 dal sodalizio tra il produttore e ingegnere del suono Alan Parsons (che ha lavorato con Pink Floyd, Joh Miles, Beatles, Paul McCartney, Steve Willson, solo per citarne alcuni) ed Eric Woolfson, gli Alan Parsons Project esordirono l’anno seguente con uno stupefacente concept album ispirato alle opere dello scrittore Edgar Allan Poe, dal titolo Tales of Mistery and Imagination (1976). Allo scioglimento del duo, parallelamente a quella di produttore, Parsons intraprese una carriera solista dal 1993, con l’album Try Anything Once, a cui fece seguito nel 1996 On Air, The Time Machine nel 1999 e, nel 2004, A Valid Path a cui seguirono tre di... »

QUEL CHE SIAMO

I CHINSON – QUEL CHE SIAMO

. »

TUTTE LE DONNE IMMORTALATE DA ANDY WARHOL

TUTTE LE DONNE IMMORTALATE DA ANDY WARHOL

Lo stava aspettando sul lato nord di Union Square a New York da almeno tre ore. Quando arrivò, raggiunsero il suo studio in ascensore. Mentre Andy Warhol rispondeva a una telefonata di un amico, la donna estrasse una pistola da un sacchetto di carta marrone e, mentre l’artista gridava “Valerie, non farlo! No! No!”, sparò tre colpi. Un proiettile colpì Warhol al petto, causando ferite interne quasi fatali.   La mancata assassina di Andy Warhol Quando fu arrestata, la donna gridò: “Lui ha troppo controllo sulla mia vita!”. La donna con la pistola si chiamava Valerie Solanas, era una femminista radicale e una scrittrice. Aveva litigato con Warhol a proposito di una sceneggiatura. Warhol sopravvisse, ma questo episodio violento, accaduto il 3 giugno 1968, rappresen... »

VI FARÀ PIANGERE

MOMENTO POP – VI FARÀ PIANGERE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Paolo Caccia Dominioni

HUGO PRATT PARLA DELL’ILLUSTRATORE PAOLO CACCIA DOMINIONI

Il conte Paolo Caccia Dominioni di Sillavegno (1896-1992), un nome sconosciuto ai più, è stato protagonista della storia e della cultura italiana come soldato, scrittore, architetto e illustratore. Il Paolo Caccia Dominioni soldato, pluridecorato, è stato sull’Isonzo e poi a Tripoli, in Eritrea, Egitto, Sudan, Etiopia, Turchia e Africa Settentrionale in un periodo che va dal 1915 al 1955. Un soldato, per intenderci, che dopo la Seconda guerra mondiale ha speso 10 anni nel deserto libico ed egiziano alla ricerca e nel recupero delle salme dei soldati italiani e stranieri morti nella Campagna del Nordafrica. Paolo Caccia Dominioni scrittore Lo scrittore Paolo Caccia Dominioni è stato autore di una fitta produzione letteraria fatta di cronache e diari di guerra. Ma è stato anche architetto e ... »

MATITE BLU 138

MATITE BLU 138

. »

MILLE E UNA SERA: DA KAREL ZEMAN A OSVALDO CAVANDOLI

MILLE E UNA SERA: DA KAREL ZEMAN A OSVALDO CAVANDOLI

Mille e una Sera è stato un programma-contenitore curato dal regista cinematografico Luciano Pinelli, con la collaborazione di Gianni Rondolino. La trasmissione ha presentato cortometraggi e lungometraggi animati, anche con pupazzi, di tutto il mondo, offrendo un’ampia panoramica. La prima edizione è stata trasmessa dal Secondo canale (l’attuale Rai Due) ogni sabato sera alle 21,15 a partire dal 10 ottobre 1970 fino al 12 giugno 1971. Sono seguite altre tre edizioni, trasmesse sempre di sabato sul Secondo canale alle 21.15. La seconda dal 23 ottobre 1971 fino al 29 gennaio 1972. La terza dal 20 maggio 1972 fino al 24 giugno 1972. La quarta e ultima partiva il 7 ottobre 1972 e finiva il 30 dicembre 1972. Analizziamo la programmazione partendo dalla prima edizione. Le prime quattro pun... »

Nastassja Kinski in 13 sequenze

NASTASSJA KINSKI, NINFETTA DEGLI ANNI OTTANTA IN 13 SEQUENZE

“No, non ci sono scene con Nastassja Kinski. Lei non c’è”. Nel documentario What is Brazil?, girato da Rob Hedden dietro le quinte del film di Terry Gilliam Brazil, del 1984, uno degli interpreti, Michael Palin, risponde così a un fantomatico intervistatore telefonico. Tuttavia, pur ironizzando, Palin afferma una verità. Per almeno una decina d’anni (all’incirca dal 1976 al 1986) Nastassja Kinski è stata l’attrice europea più richiesta, la più apprezzata, e con un vasto seguito di ammiratori, sia nel continente d’origine sia negli Stati Uniti. Come scrisse Franco La Polla nella scheda del film Maria’s Lovers (Cineforum n. 9, settembre 1984): “Nastassja è Nastassja, un must del cinema contemporaneo, non averla significa morte sicura al box-office”. Inoltr... »

Il re del reggae

MOMENTO POP – IL RE DEL REGGAE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Il paratesto nei fumetti

IL PARATESTO: TUTTO QUELLO CHE C’È INTORNO AI FUMETTI

Di cosa parliamo quando parliamo di fumetti? Di un’opera artistica, certamente, ma se diciamo di aver acquistato, letto, o apprezzato “un fumetto”, il termine mantiene un margine di ambiguità, perché si può riferire alla storia o al prodotto editoriale. “Comprare” un fumetto in edicola significa acquistare un oggetto materiale che può essere chiamato in modi differenti (albo, giornalino…) e che non contiene solo storie a fumetti, ma anche pagine di pubblicità, articoli redazionali e così via. Anche in un graphic novel in libreria, un prodotto che ha la forma editoriale del libro, c’è spazio per altro, per esempio, l’elenco degli altri titoli della collana. Nel mondo dell’editoria tradizionale si usa il termine paratesto per indicare l’insieme di elementi che arricchiscono il prodotto... »

TOM & PONSI – 31

TOM & PONSI – 31

. »

i grazie detti

PV – I GRAZIE DETTI

. »

Tags:
THE BRAVE AND THE BOLD: IL RITORNO DEI SUPEREROI NELLA SILVER AGE

THE BRAVE AND THE BOLD: IL RITORNO DEI SUPEREROI NELLA SILVER AGE

Nell’agosto del 1955, la National Comics (futura Dc Comics) pubblica il primo numero del bimestrale antologico a fumetti The Brave and the Bold: “Il coraggioso e l’audace”, due aggettivi dal significato quasi identico. Sulla copertina leggiamo: “Se sogni di condurre un cocchio sferragliante, se desideri esplorare mari sconosciuti, se sei pronto a impugnare una spada per proteggere un segreto straordinario, allora il Gladiatore d’Oro, il Principe Vichingo e il Cavaliere Silente ti invitano a unirti a loro in appassionanti avventure come membro di… The Brave and the Bold!”. The Brave and the Bold n. 1 è una fuga verso l’avventura storica di stampo ottocentesco, alla Alexandre Dumas, resasi necessaria con l’introduzione, proprio in quell... »

UN LOCALE BEN FREQUENTATO

MOMENTO POP – UN LOCALE BEN FREQUENTATO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

LA CROCE DI FREDDY DELIRIO E I PHANTOMS

LA CROCE DI FREDDY DELIRIO E I PHANTOMS

Freddy Delirio, il tastierista dei Death SS, nell’album The Cross esplora sonorità che rallentano il goth nel doom e lo dilatano a sontuosità progressive. Continuiamo a occuparci in qualche modo di fantarock, area in cui escono proposte discografiche molto curiose e assai differenti fra loro. The Cross è il secondo lavoro da solista di Federico Pedichini, più noto come Freddy Delirio, alias tastierista dei terrorifici Death SS, qui accompagnato dall’inedita formazione denominata The Phantoms, minacciosamente paludata con tonache nere e maschere che ricordano un po’ gli svedesi Ghost, “… o i convitati dell’orgia di Eyes Wide Shut”, osserva giustamente il tastierista lucchese.   L’album esce il 12 aprile per Black Widow Records seguendo il remoto Journey, ristampato nel 2012 dalla... »

I CHINSON – SOLUZIONI

I CHINSON – SOLUZIONI

. »

IL TURCHESE MALEDETTO

FUMETTI DIMENTICATI: “IL TURCHESE MALEDETTO”

“Il turchese maledetto” è un fumetto scritto e disegnato da Laurent Theureau, uscito in Italia nel 1997 nella collana L’Eternauta presenta della Comic Art. In Francia, i quattro episodi da cui è costituito erano stati pubblicati dalla rivista (A suivre) dell’editrice Casterman tra il 1992 e il 1994, e poi raccolti nel volume “La turquoise maléfique” nell’agosto del 1994. Per la precisione l’episodio intitolato “Florida Shuffle ’65” in Italia fu pubblicato sul numero 115 di Corto Maltese della Rizzoli nell’aprile 1993, appena due mesi dopo l’edizione originale sulla rivista francese. La rivista diretta da Fulvia Serra non accompagnò il fumetto con una presentazione: nell’editoriale si limitava alla constatazione un po’ piagnucolosa c... »

Pagina 1 di 103123»