mitologia giapponese

L’INFLUENZA DELLA MITOLOGIA GIAPPONESE NEI MEDIA

Da dove vengono molti dei mostri e delle creature fantastiche presenti nei manga e negli anime? La risposta è semplice: dalla mitologia giapponese. Bisogna tenere presente che il Giappone è un paese animista e politeista, quindi ricco di spiriti e divinità di vario tipo che risalgono all’antichità. A differenza dell’Occidente, dove le credenze antiche sono state spazzate via dalla religione cristiana.   La mitologia giapponese è sempre viva La mitologia giapponese è chiamata Shin-to’, dottrina degli spiriti. Molte storie leggendarie sono state tramandate di generazione in generazione, rimanendo fedeli nel tempo. Un elemento caratterizzante della mitologia giapponese è la funzione di alcune figure che non sono solo eroi, mostri o semidei come nella religione greco-ro... »

QUANDO TI DANNO UNA LEZIONE DI VITA

POP – QUANDO TI DANNO UNA LEZIONE DI VITA

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI   »

Silent Hill

SILENT HILL DA STEPHEN KING A DAVID LYNCH

Nel 1999 leggevo su Psm (internet ce l’avevo già, ma era un’epoca ancora perlopiù analogica) del gioco Silent Hill, prodotto da Konami. Non era un vero e proprio articolo su Silent Hill, ma poco più di un trafiletto d’anteprima. In Giappone, si diceva, il gioco sarebbe uscito a marzo, mentre da noi, nel vecchio continente, ad agosto. Mi incuriosiva molto ‘sto Silent Hill. A partire dal titolo: “Collina Silenziosa”, strano nome per un videogame. Tanto più per un survival horror.     In quelle due foto pubblicate ce n’era una in cui si vedeva questo personaggio, fermo, vicino a una barella per ambulanze logora e completamente ricoperta di sangue. La barella si trovava in un vicolo di una città completamente avvolta dalla nebbia. All’epoca, avevo già letto La nebbia (The Mist) di St... »

a destra

PERCHÉ TENIAMO LA DESTRA SE GLI ANTICHI ANDAVANO A SINISTRA?

Qualche anno fa, mentre ero a Londra per un corso d’inglese, l’insegnante chiese alla classe se sapesse come mai in Inghilterra (e in altri Paesi) si tenesse il volante a destra e guidasse a sinistra. Le ipotesi che ne uscirono fuori da quella conversazione “multietnica” variarono dalle più probabili a quelle più fantasiose. Dal canto mio, fino a quel momento non mi ero mai posta la domanda. Ma ciò mi portò a chiedermi veramente perché in alcuni Paesi del mondo si guida tenendo la sinistra e in altri la destra. I Paesi che hanno il volante a destra, e tengono la guida quindi a sinistra, sono l’Inghilterra, l’Australia, il Giappone e alcune nazioni dell’Africa.     Essendo una minoranza, si potrebbe pensare che siano stati loro a decidere di modificare la propria... »

La mitologia di Lovecraft

GRANDI ANTICHI E DÈI ESTERNI: LA MITOLOGIA DI LOVECRAFT

L‘universo partorito dalla fantasia dello scrittore statunitense Howard Phillips Lovecraft è un cosmo popolato da orrori inenarrabili, costellato di abissi senza fondo gravidi di osceni segreti che priverebbero della ragione chiunque osasse addentrarvisi. Il fascino di questa mitologia, seppure vaga e spesso interpretata in maniera contrastante dagli altri autori del Ciclo, consiste nell’aver spostato l’attenzione dai consueti incubi della mitologia terrena (come vampiri, licantropi, streghe e non morti) alle recondite profondità dello spazio. Le storie dei Miti di Lovecraft, infatti, sono un originale mix di fantasy, fantascienza e horror nel quale gli orrori non sono partoriti dalle tradizioni folkloristiche della Terra ma dalle insensate profondità siderali, di cui i m... »

fotografia

LA CRESCITA DEI SOCIAL INCREMENTA I CORSI DI FOTOGRAFIA

Siamo un popolo di social addicted, malati di social, forse non nel vero senso della parola ma la realtà non si discosta poi molto. Gli ultimi dati riferiti all’anno 2018, diffusi da Censis Internet, dipingono un quadro piuttosto chiaro: il 52% degli italiani accede mensilmente alle piattaforme social. I dati relativi a Facebook dimostrano, in particolare, una grande crescita: il 74% degli italiani lo utilizza quotidianamente. Nel complesso sono 35 milioni gli italiani che trascorrono due ore tutti i giorni sui social. Questo quadro indica che buona parte della nostra vita reale si è spostata sui social, con le conseguenti ripercussioni.   Condividere foto durante la giornata Soffermiamoci sui social più utilizzati come Facebook, per l’appunto, e Instagram. Ormai condividere le foto d... »

vino rosso

IL VINO ROSSO MADE IN ITALY FA TENDENZA ANCHE IN ESTATE

I prodotti del Made in Italy sono sempre più richiesti all’estero. Tra questi, quelli che probabilmente più ci rappresentano in tutto il mondo appartengono alla tradizione enogastronomica. L’Italia è il paese del mangiare bene e del buon vino, un riconoscimento che nessuno oserà mai contestare. Infatti, quando si parla di enologia siamo subito presi come riferimento dall’estero. Vuoi per tradizione e cultura, vuoi per la conformazione del territorio italiano, particolarmente favorevole alla coltivazione della vite soprattutto per i fattori climatici che ne favoriscono la crescita. Qui i vini buoni trovano ampio terreno fertile.   La tradizione dei vini in Italia Da Nord a Sud la scelta è vasta e articolata: elencare tutti i vini è praticamente impossibile. L’Italia è il primo pa... »

l'ospite

POP – L’OSPITE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI   »

SEBASTIANO CRAVERI CEDE IL TESTIMONE A LINO LANDOLFI

CRAVERI CEDE IL TESTIMONE A LANDOLFI

Il Vittorioso è uno dei pochissimi settimanali di fumetti che riesce a resistere con il suo grande formato nel dopoguerra, quando si afferma rapidamente il più economico formato striscia in bianco e nero. E Sebastiano Craveri, “padre fondatore” del Vittorioso, cosa fa, tra il 1950 e il 1951? Nei dieci anni in cui sulle pagine del settimanale letteralmente esplode il talento del giovanissimo Benito Jacovitti, il suo ruolo diventa sempre più quello di un outsider: un peccato, perché se è vero che Jac è un genio del fumetto, le poetiche, delicate storie di Zoolandia sono piccole opere d’arte che avrebbero meritato, allora, assai miglior sorte, e certamente la meriterebbero adesso.   Il malinconico destino di Craveri Nel dopoguerra soffia un vento decisamente più spietato rispetto a quell... »

MATITE BLU 146

MATITE BLU 146

. »

Clue

CLUE, LA CENA CON DELITTO DIVENTA UN RAFFINATO FUMETTO

Il Prof. Plum, un esperto nella valutazione di oggetti rari, riceve un messaggio in codice inviatogli da un facoltoso collezionista, Mr. Boddy, che dopo aver ricevuto alcune minacce di morte ha deciso di dare una cena nel suo castello. Nel castello, oltre alla cameriera e alla governante, Mrs. White, faremo la conoscenza di Mr. Green e Mrs. Peacock, di Miss. Scarlet e del Col. Mustard. In breve tempo, la cena si trasforma in una scena del crimine con l’uccisione di uno degli ospiti prima che sia servito il dessert. Plume e gli altri ospiti dovranno dividersi e cercare nel castello… immaginate un po’ cosa.     Cluedo, negli Usa conosciuto come Clue, è un gioco da tavolo pubblicato originariamente in Inghilterra nel 1949. È un gioco estremamente popolare e relativamente incentrato ... »

L'Uomo Ragno

QUANDO L’UOMO RAGNO PERSE 100MILA COPIE

Nel 1968 l’Uomo Ragno (creato nel 1962 da Stan Lee e Steve Ditko) è il nuovo fenomeno editoriale nei fumetti americani, da anni le vendite sono in crescita: è arrivato a raggiungere una media di 378mila copie a numero, diventando la testata Marvel più venduta. A essere obiettivi non è una diffusione altissima, nella piccola Italia i fumetti vendevano molto di più, ma bisogna tenere presente che dal 1955, a causa della persecuzione del fumetto innescata dallo psicologo Fredric Wertham, le vendite complessive dei comic book si sono ridotte enormemente. Ciononostante all’inizio della seconda metà degli anni sessanta si ha un certo rialzo generale, dovuto soprattutto ai telefilm di Batman e ai primi cartoni animati dell’Uomo Ragno, che portano a una rivalutazione pubblica dei bistr... »

ORA SI SPIEGA

POP – ORA SI SPIEGA

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI       »

IL CF (CAG***RE FOLLE): UNO STRANO CRIMINALE

IL CF (CAG***RE FOLLE): UNO STRANO CRIMINALE

Non ci sono peggiori scherzi di cattivo gusto di quelli perpetrati dal cagatore folle (d’ora in poi, per decenza, CF). Chi è questo individuo e perché agisce in tale sorta? Secondo l’Urban Dictionary, il CF (Mad Shitter in inglese) è un individuo che fa i suoi bisogni in luoghi insoliti come corridoi, uffici, laboratori e via dicendo. Il termine sarebbe stato ideato dall’esercito americano per definire gli squilibrati che lasciano i loro ricordini in aree ben visibili o negli equipaggiamenti personali. Il loro scopo è il più delle volte quello di disgustare e di scioccare gli scopritori, altre volte cercano di provocare delle malattie inquinando acqua e cibo. In genere questi attacchi vengono interpretati come “scherzi”, raramente come degli atti di vendetta. Le are... »

TOM & PONSI – 39

TOM & PONSI – 39

. »

BRICIOLE

PV – BRICIOLE

. »

Tags:
BUSTE DI CARTA PER LA POSTA

BUSTE DI CARTA PER LA POSTA, CONTENITORI CHE NON PASSANO DI MODA

Le buste di carta per impieghi postali non passano mai di moda. Nel corso degli ultimi anni è anzi scattata una sorta di corsa a personalizzarle, in modo da poter conferire loro una confezione grafica accattivante. Tale esigenza è avvertita in particolare dalle aziende, che proprio in questo modo possono farsi pubblicità a costi estremamente contenuti. Una necessità che ha trovato il suo naturale sfogo sul web, ove sono moltissimi i servizi predisposti all’uopo, come nel caso di Paesedellebuste.it, in grado di assicurare un risultato di buon livello oltre che molto conveniente.   Il dettaglio conta molto Per le aziende più piccole la cura del dettaglio è ormai un obbligo, se vogliono riuscire a trasmettere una sensazione di affidabilità alla propria clientela. Il primo modo per riusci... »

La nuova Sirenetta Disney

LA SIRENETTA DISNEY ISTIGA ALLA CONTRAPPOSIZIONE ETNICA?

Questo articolo sull’attuale filosofia della Disney, che si evince da scelte come quella della interprete per La Sirenetta, non è politico. Del resto non parteggio per nessuna forza politica, di destra, di sinistra, di sopra o di sotto che sia. C’è solo un modo per realizzare storie non razziste: trattare i personaggi indipendentemente dal colore della pelle. Mettere bianchi, neri e gialli tra i “buoni” e bianchi, neri e gialli tra i “cattivi” in maniera del tutto casuale. Naturalmente solo se l’epoca e la località in cui è ambientata la storia rendono logico e non forzato l’assortimento cromatico delle epidermidi. Invece le storie che mettono i neri sempre dalla parte del bene e i bianchi sempre dalla parte del male sono razziste. Non importa se si vuole rappresentare tutti i neri c... »

JOHN RIDGWAY CONTRO HELLBLAZER

JOHN RIDGWAY CONTRO HELLBLAZER

Hellblazer è una serie a fumetti della Dc che dal 1988 racconta le avventure di John Constantine, un personaggio creato da Alan Moore nel 1984 sull’albo di Swamp Thing. I primi episodi pubblicati quando ancora non c’era l’etichetta Vertigo, che in seguito ospiterà il personaggio, furono realizzati da una coppia di autori inglesi responsabili del successo della serie: Jamie Delano (il quale ha continuato a scriverlo per molti anni) e l’illustratore inglese John Ridgway. A quest’ultimo ho voluto rivolgere alcune domande…     John, quale motivo ti spinse a lasciare la serie Hellblazer? Per capire perché abbandonai Hellblazer, devi conoscere qual era il mio background fumettistico prima di iniziare a lavorare su quel fumetto. Per molti anni ho disegnato fumetti sull... »

Minnie live action

POP – MINNIE LIVE ACTION

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI   »

Dino Buzzati cyberpunk

IL CYBERPUNK DI DINO BUZZATI VENT’ANNI PRIMA

Dino Buzzati (1906-1972), giornalista di punta del Corriere della Sera, scrittore dallo stile kafkiano del fondamentale romanzo “Il deserto dei tartari”, e disegnatore poliedrico, anche di fumetti molto particolari, ha anticipato il genere cyberpunk? In una sua storia quasi dimenticata il professor Ermanno Ismani, ordinario di elettronica, e la moglie Elisa, vengono invitati dal ministero della Difesa a partecipare alla realizzazione di un progetto di fondamentale importanza per la nazione classificato come top secret. I ricercatori coinvolti sono obbligati ad abitare all’interno della misteriosa Zona 36, una base militare tra le montagne, per una durata di almeno due anni. I due coniugi intuiscono che si sta costruendo una macchina pensante, la quale riesce a elaborare qualsia... »

Ugo Gregoretti

SULLA SERIETÀ, UN RICORDO DI UGO GREGORETTI

Non voglio raccontarvi qui la vita di Ugo Gregoretti, morto il 5 luglio 2019. I giornali sono pieni di sue biografie e ognuno di voi potrà richiamarlo seguendo i propri ricordi. Voglio invece dirvi perché Gregoretti abbia formato parte del mio modo di guardare al mondo. Erano i primi anni Novanta, su qualche canale Rai trasmettevano una serie di brevi inchieste di Gregoretti, su argomenti di per sé non particolarmente importanti, e a dire il vero non ne ricordo neanche una. A parte l’ultima della serata, dedicata a un gruppo di ragazzi, più o meno quattordicenni, che con proprie apparecchiature esploravano luoghi abbandonati alla ricerca di “presenze spirituali”, ritenendo di individuarne, di quando in quando. Gregoretti faceva domande precise ottenendo risposte precise e... »

il giallo nei gialli

DAL PERICOLO GIALLO AI DETECTIVE GIALLI

Prima della guerra fredda con la Russia, per l’Occidente la minaccia arriva da ancora più lontano, dal misterioso Oriente patria del “pericolo giallo”. Le storie di detective, come quelle di avventura e di guerra, hanno spesso bisogno di un nemico facilmente identificabile, una minaccia da sventare. Che sarebbe Sherlock Holmes senza Moriarty, o James Bond senza la Spectre? Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, l’Occidente teme la Cina per svariati motivi, innanzitutto per la supremazia demografica. La Cina già allora vantava oltre quattrocento milioni di abitanti, potendo così mettere in campo un esercito potenzialmente composto da milioni di soldati. Poi quella cinese è una cultura molto differente, spesso difficile da comprendere per il pubblico europeo e americano. ... »

massima discrezione

POP – MASSIMA DISCREZIONE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI   »

Lotario Vecchi

L’EDITORE VECCHI E LA CULLA DEL FUMETTO ITALIANO

Come abbimao visto nell’articolo precedente, il successo del settimanale Jumbo dell’editore Lotario Vecchi si basa sostanzialmente su due serie inglesi “avventurose”: Lucio l’Avanguardista (Rob The Rover) e Colomba Bianca (White Dove). Lo si evince, oltre che dalle testimonianze dirette dei lettori, anche dalla “piccola posta” del settimanale. Ma Jumbo pubblica anche, l’abbiamo visto fin dal volantino pubblicitario del 1932, alcuni fumetti americani del gruppo di Hearst. Ed è tutta un’altra storia…   La vecchia scuola del fumetto americano Tra gli americani il personaggio più famoso è Fortunino (conosciuto in precedenza sul Corriere dei Piccoli come Fortunello), ovvero Happy Hooligan di F. B. Opper. Quando il settimanale passa parzialmente in quadricromia, vien... »

MATITE BLU 145

MATITE BLU 145

. »

manicomio

IL MANICOMIO E IL SUO FALLIMENTO

Il manicomio moderno nasce nel 1793 in Francia a opera di Philippe Pinel e muore in Italia nel 1978, con la legge Basaglia n. 180.     Il manicomio nacque, nelle intenzioni di Pinel, come un istituzione specializzata nella cura dei soli malati mentali. In precedenza le persone identificate come “folli” venivano internate insieme ai vagabondi, i criminali, i poveri e i mendicanti, all’interno dei vecchi lebbrosari ormai svuotati. La lebbra e la follia erano patologie diversissime, ma accomunate dal fatto che i loro sintomi suscitavano paura e repulsione, generando l’esigenza di tenere separato chi ne era affetto dalla parte sana della società. Erano così sorte delle particolari strutture dedite all’assistenza, ma con funzioni repressive e deputate alla segregazio... »

furry

PERCHÉ CE L’AVETE TANTO CON NOI AUTORI FURRY?

Sono una fan del favoloso mondo furry. Io amo il furry in qualsiasi forma artistica sin da quando sono al mondo. Amo tantissime creature legate a questo genere, sia maschili che femminili. Soprattutto l’arte erotica legata a questo genere (il cosiddetto furry yiff) che io stessa pratico con le mie LadyKitties. È come la musica, non mi stancherà mai. Oltretutto il furry, a pensarci bene, è sempre esistito. Basti pensare agli antichi egizi, che consideravano il gatto un essere divino e disegnavano molti dei loro dèi con facce animalesche. O ai miti greci, o pagani in generale.   Fonte: Greek Pagan Fox   Fonte: Indian Clouded Leopard   “Eh, ma voi furry immaginate di fare sesso con gli animali”. “Eh, ma siete malati, feticisti, perversi…”. “Ma perché disegni animali parlanti?”.... »

SPIACENTI

POP – SPIACENTI

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI   »

HO TROVATO UN MESSAGGIO IN BOTTIGLIA CON DUE PAROLE...

HO TROVATO UN MESSAGGIO IN BOTTIGLIA CON DUE PAROLE…

All’annuale festa celebrativa del Brunello di Montalcino, l’anno scorso è intervenuto il cantante Sting, il quale ha disegnato, insieme alla moglie Trudie Styler, una chitarra stilizzata su una formella ricordo. Sting ha anche intrattenuto i presenti riproponendo alcuni suoi celebri pezzi. Quale migliore testimonial per un evento del genere? Il cantante da diversi anni vive in Toscana, confermando la predilezione che gli inglesi hanno sempre manifestato verso questa regione, dai tempi di Camera con vista di E.M. Foster, libro dal quale è stato tratto l’omonimo e ottimo film di James Ivory, con Helena Bonham Carter. Il cui titolo è stato impietosamente ripreso dal giornalista Mario Spezi: mentre si occupava dei delitti del Mostro di Firenze nella campagna toscana, rilevava come tutto ... »

Pagina 1 di 107123»