Joker

IL JOKER DI JOAQUIN PHOENIX È PER CHI NON AMA I FUMETTI

Joker: più un cinecomic è poco “comic” e più viene incensato. C’è poco da stare allegri…     Ok, l’abbiamo saputo tutti. Joker, il film sulle origini della nemesi di Batman, diretto da Todd Phillips (Una Notte da Leoni) e pesantemente supervisionato da Martin Scorsese, ha vinto il Leone D’Oro a Venezia. Il film è un capolavoro assoluto, Joaquin Phoenix è il più grande attore di tutti i tempi.     Cosa sappiamo di Joker dai trailer e dai rumor? Che la pellicola non ha nulla a che spartire con la genesi del personaggio come narrata nei fumetti, e che gli unici legami con la pagina disegnata sono la presenza di Thomas Wayne (interpretato da Brett Cullen, lo sceriffo Sam Cain de I Ragazzi della Prateria), un piccolo figlio Bruce (che, data la differenza d’età, da grande men... »

PIÙ GRANDE È IL CALIBRO, PIÙ È LETALE

POP – PIÙ GRANDE È IL CALIBRO, PIÙ È LETALE

Visita il gruppo satirico “Momento Pop” cliccando QUI   »

COME LE LIBRERIE POSSONO TENERE TESTA AD AMAZON

COME LE LIBRERIE POSSONO TENERE TESTA AD AMAZON

Parlando di libri mi capita a volte di sentir persone rifiutare Amazon per il modo in cui tratterebbe i suoi dipendenti, per reali o presunti danni che arrecherebbe al mercato librario, soprattutto alle librerie, per l‘inquinamento derivante dalle migliaia di furgoncini indaffarati nelle consegne. Alcune critiche sono probabilmente giuste, altre sono basate sul sentito dire, altre sono decisamente insensate. Sta di fatto che la critica indignata in sé non serve a molto: in Germania sotto Natale il sindacato dei Verdi organizza regolarmente un bello sciopero delle consegne nei magazzini Amazon, con grande eco sui giornali. Il risultato è che la merce è fatta arrivare dai magazzini polacchi a ridosso del confine. Un modo intelligente e utile di contrapporsi a Amazon (indirettamente, perché c... »

TOM & PONSI – 48

TOM & PONSI – 48

. »

RELAZIONE ESSENZIALE

PV – RELAZIONE ESSENZIALE

. »

Tags:
COME USARE IL FUMETTO IN MANIERA SBAGLIATA

COME USARE IL FUMETTO IN MANIERA SBAGLIATA

Tutti i generi artistici (dei quali fa parte anche il fumetto) nascono, raggiungono l’apice e poi decadono miseramente. Una decadenza che può essere lunghissima. Eterna. Questo accade spesso perché i creatori di un genere sono perfettamente consapevoli della sua natura, mentre i continuatori cercano di piegarlo ai loro interessi. La commedia dell’arte, ovvero il teatro delle maschere (in seguito usate per Carnevale), nasce e raggiunge l’apice nel Rinascimento grazie ad alcuni dei maggiori scrittori dell’epoca che ne scrivono le sceneggiature. Decade completamente nel Seicento, quando gli attori rifiutano i testi preferendo improvvisare per mettere in mostra il loro virtuosismo. La commedia dell’arte viene fatta risorgere da Carlo Goldoni, che scrive alcuni testi eccezionali, e ... »

RIFLESSI CONDIZIONATI

POP – RIFLESSI CONDIZIONATI

Visita il gruppo satirico “Momento Pop” cliccando QUI   »

IN CITTÀ CON IL MONOPATTINO ELETTRICO

IN CITTÀ CON IL MONOPATTINO ELETTRICO

Intorno agli anni venti del novecento il monopattino era un giocattolo per bambini ricchi. Ben presto anche i ragazzi che non potevano comprarselo impararono a costruirlo usando due assi da cantiere. Come ruote si servivano di cuscinetti a sfera di recupero. Il video insegna a costruire un monopattino di legno con due ruote e un manubrio per guidarlo.   I carri o carretti Nel video un appassionato insegna a costruire un monopattino senza l’asse verticale per la guida. Veniva chiamato carro o carretto. Serviva soprattutto per gare tra ragazzi da disputarsi nei paesi che sorgono su alture.   In Sicilia, a Centuripe in provincia di Enna, si svolge ogni anno la gara dei carri o carretti.   L’hoverboard di “Ritorno al futuro” L’hoverboard del film ... »

CHARLES VESS, MIGLIOR ARTISTA 2019

CHARLES VESS, MIGLIOR DISEGNATORE FANTASY 2019

Durante quest’ultimo mese di agosto si è tenuta la manifestazione del Premio Hugo 2019, quest’anno dislocata a Dublino, durante la 77sima edizione della Worldcon (World Science Fiction Convention). Le categorie del Premio che hanno interessato la grafica sono state: Best Graphic Story (Miglior fumetto), Best Professional Artist (Miglior disegnatore professionista) e Best Art Book (Miglior libro illustrato). Per la categoria Miglior disegnatore professionista ha vinto Charles Vess, che si è portato via anche il primo premio per la categoria Miglior libro illustrato. È una buona occasione per parlare del lavoro di questo illustratore che, seppure conosciuto anche in Italia, al momento non ha rilevanti interventi in lingua italiana nel territorio digitale. Non vuole quindi essere unR... »

IT CAPITOLO DUE ECCO PERCHÉ NON FUNZIONA

IT CAPITOLO DUE: ECCO PERCHÉ NON FUNZIONA

Facciamola semplice e andiamo dritti al punto: It Capitolo due diretto da Andrés Muschietti non funziona. Il malvagio Pennywise è, essenzialmente, una metafora: la versione in chiave fantastica delle paure, angosce e ansie infantili che, prima o poi, crescendo impariamo ad affrontare. Chiaro che il tentativo di portare sul piano fisico una resa dei conti con un essere simbolico difficilmente avrebbe potuto funzionare. In altre parole… … It Capitolo due è il classico tentativo di quadrare il cerchio.     Due anni fa, quando uscì la prima parte di ‘sto dittico, nell’articolo in proposito dicevo due cose. La prima, che a quasi trent’anni di distanza pure questo nuovo tentativo di adattare l’omonimo romanzo di Stephen King era, a conti fatti, un buco nell’acqua. La ... »

Locke

LOCKE & KEY, IL FUMETTO DEL FIGLIO DI STEPHEN KING

Locke & Key è una miniserie a fumetti di 6 episodi scritta di Joe Hill, pseudonimo di Joseph Hillstrom King, figlio di Stephen e Tabitha King e a sua volta acclamato autore di racconti e romanzi, e illustrata da Gabriel Rodriguez. Pubblicata negli Stati Uniti da Idw Publishing, è stata presentata in Italia da Magic Press. Netflix ha annunciato la produzione di una serie tv tratta dall’opera, dopo che un episodio pilota già realizzato per Hulu era stato accantonato.     Joe Hill ha visto un Eisner Award nel 2011 e devo dire che è ben meritato: la storia è avvincente per tutto l’arco dei sei episodi, con dialoghi taglienti e sapientemente mirati a creare suspense nel lettore. Ogni evento è propedeutico a un’evoluzione dei personaggi, tutti, dal primo all’ultimo, caratteri... »

quando paga lei

POP – PAGA LEI

Visita il gruppo satirico “Momento Pop” cliccando QUI   »

2001 ODISSEA NELLO SPAZIO PER ALBERTO MORAVIA

2001: ODISSEA NELLO SPAZIO PER ALBERTO MORAVIA

Tornando brevemente sulla querelle innescata dalle dichiarazioni di Adriano Aprà riguardanti il cinema di genere, va ribadito come esso in passato non fosse apprezzato dalla maggior parte dei critici e degli studiosi. I quali oltretutto non facevano quasi mai distinzioni tra “alto” e “basso”. Nel senso che in vari casi erano proprio i film diretti da autori celebrati a venire attaccati più duramente. Un esempio significativo è rappresentato dalla recensione di 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, scritta da Alberto Moravia per il settimanale L’Espresso del 29 dicembre 1968.     Scrisse Moravia: “Dicono che 2001. Odissea nello spazio di Stanley Kubrick sia costato sette miliardi. Di fronte a questa somma colossale, i meno di cento milioni che sono stati spesi, per ... »

MATITE BLU 154

MATITE BLU 154

. »

LE ODIOSE AVVISAGLIE DI AUTUNNO A FINE VACANZE

LE ODIOSE AVVISAGLIE DI AUTUNNO A FINE VACANZE

Agosto, tempo di vacanze: autunno stai lontano. Parole d’ordine: smaltire le tossine accumulate sul posto di lavoro; stress da boss, stress da colleghi, stress da utenti, stress da stress. Liberarsi dalle inibizioni: se non ce la sentiamo di fare del naturismo almeno indossare il tanga, ridere a squarciagola, parlare liberamente come fossimo all’estero dove nessuno ci capisce. Lasciarsi il lavoro alle spalle: partire, andare altrove, lontano, dimenticare… Poveri illusi che siamo… Settembre, tempo di rientro, è già arrivato. Si preannuncia surrettiziamente. La prima strizzata d’occhio ce la fa a metà agosto quando improvvisamente nei negozi appare l’uva, segno precursore dell’incipiente autunno e della fine delle nostre vacanze. Ma non ne vogliamo sapere. Vietato comprarla, perc... »

musica trap

5 CANZONI DA ASCOLTARE PER CONOSCERE LA MUSICA TRAP

Il termine “Bufu” vi fa venire in mente niente? E se dicessi “dark polo gang” o “Sfera Ebbastasta”? Se questi nomi non vi suonano familiari vuol dire che ancora non conoscete la trap, il genere musicale le cui canzoni sono tra le più ascoltate del 2019, apprezzatissime dai più giovani e non solo. Ma quali sono i brani che non puoi proprio non conoscere se vuoi dimostrarti un vero intenditore di musica trap?   Come nasce la trap e com’è arrivata in Italia La trap nasce negli Stati Uniti come sottogenere della musica rap negli anni novanta. Il termine fa riferimento alla trap house, ovvero vecchi luoghi spesso abbandonati nei ghetti in cui venivano preparate e vendute le droghe più comuni: il termine “trap” si riferisce infatti a “trappola”. I tratti distintivi, quanto meno inizialmente... »

Jack Kirby alla Dc

QUANDO JACK KIRBY LASCIÒ LA MARVEL PER LA DC

Jack Kirby e Carmine Infantino erano due veterani dell’industria del fumetto, si conoscevano da anni e il fratello di Infantino, Jimmy, aveva anche lavorato nello studio di Kirby per un breve periodo negli anni cinquanta.   L’addio alla Marvel di Jack Kirby Verso la fine del 1969 Infantino, da un paio d’anni direttore della Dc Comics, si trovò in California per lavoro, così telefonò a Kirby (che si era trasferito da New York in California all’inizio dell’anno) per invitarlo a cena. Kirby mostrò a Infantino tre copertine di altrettante nuove serie di fumetti interconnesse: Forever People, New Gods e Mister Miracle. “Sono sensazionali”, disse Infantino, “quando li farà uscire la Marvel?”. “Sono mie creazioni e non voglio farle per la Marvel”, ri... »

go home

POP – GO HOME

Visita il gruppo satirico “Momento Pop” cliccando QUI   »

spogliamoci così

SPOGLIAMOCI COSÌ, SENZA PUDOR… COMMEDIA SEXY DI QUALITÀ

Spogliamoci così, senza pudor… è una commedia sexy a episodi del 1976, genere congeniale al regista Sergio Martino, sempre molto bravo a gestire situazioni comiche e al tempo stesso piccanti. Il soggetto e la sceneggiatura sono di Raimondo Vianello e Alessandro Continenza, da ricordare pure le musiche di Enrico Simonetti. Gli interpreti, di altissimo livello, rappresentano il meglio della commedia sexy anni settanta.     Il detective è il primo episodio di Spogliamoci…, con protagonista Aldo Maccione nel ruolo di un investigatore che si occupa di tradimenti. Alvaro Vitali, l’assistente pasticcione, si fa chiamare agente XX2, ma non disdegna di fare la spesa alla moglie del principale (un’attraente Maria Baxa). Ria De Simone è la prosperosa moglie del cliente (Ma... »

TOM & PONSI – 47

TOM & PONSI – 47

. »

TATUAGGI

PV – TATUAGGI

. »

Tags:
Olandese Volante

L’OLANDESE VOLANTE DI SCARPA, BARKS E CAVAZZANO

Secondo la leggenda, l’Olandese Volante è un vascello fantasma che solca eternamente i mari. O meglio, li sorvola visto che sta sospeso in aria avvolto nella nebbia. I fantasmi del suo equipaggio sono condannati a vagare fino alla fine dei tempi.   La maledizione che ha colpito la nave è dovuta alla caparbietà del suo capitano di voler superare a qualsiasi costo il Capo di Buona Speranza, la parte più a sud della penisola del Capo in Sudafrica che segna il passaggio tra l’Oceano Atlantico e quello Indiano. Un punto difficile per la navigazione. Il capitano aveva giurato di superarlo, nonostante la violenza della tempesta in cui era incappato. Fallendo, la sua anima è stata condannata all’eterno viaggio per i mari, senza poter mai attraccare in un porto.   Le origini dell’Ol... »

saggezza orientale

POP – SAGGEZZA ORIENTALE

Visita il gruppo satirico “Momento Pop” cliccando QUI   »

L'ASSASSINA ERA DAVVERO LA FIGLIA DI LANA TURNER?

L’ASSASSINA ERA DAVVERO LA FIGLIA DI LANA TURNER?

È il 4 aprile 1958 quando squilla il telefono di Jerry Geisler, il famoso avvocato delle stelle di Hollywood. «Sono Lana Turner», dice una voce incerta, «è successa una cosa terribile, può venire a casa mia?». Raggiunta la grande villa in stile coloniale, l’avvocato incontra l’attrice con il volto solcato dalle lacrime e la figlia quattordicenne, Cheryl, in piena crisi isterica. In una camera vicina, disteso sul pavimento, giace il cadavere insanguinato di Johnny Stompanato, un gangster di mezza tacca. Vicino al corpo inerte c’è un coltello da macellaio nuovo di zecca, ancora con l’etichetta. L’avvocato parla fitto con madre e figlia, chiedendo ragguagli e dando saggi consigli. Subito dopo, avverte la polizia.     Il vero nome di battesimo di Lana Turner è Julia. La futura a... »

I VECCHI FUMETTI MUOIONO INSIEME A JUMBO

I VECCHI FUMETTI MUOIONO INSIEME A JUMBO

Abbiamo visto nei precedenti articoli dedicati al settimanale Jumbo (qui e qui) la presenza nelle sue pagine di fumetti “pre anni trenta” già conosciuti attraverso il Corriere dei Piccoli, ma, per la prima volta in Italia, dotati degli originali balloon (malgrado l’aggiunta delle solite didascalie). Pubblico qui le restanti tavole uscite nel 1934 su Jumbo di Boob Nc Nutt, il personaggio di Rube Goldberg. Poco dopo Bob passa a Cine Comico, sempre della casa editrice Saev di Lotario Vecchi. Ho ritoccato un po’ le immagini, con dubbi risultati, per renderle più leggibili. Ora vediamo alcune tavole del Fortunino/Fortunello (Happy Hooligan) di Opper. Impossibile non notare la carica anarchica di Opper, che sbeffeggia i tribunali e le istituzioni in genere. Ma anche Goldb... »

SILVER SURFER, IL MESSIA DI STAN LEE E JOHN BUSCEMA

SILVER SURFER, IL MESSIA DI STAN LEE E JOHN BUSCEMA

La prima serie di Silver Surfer, scritta da Stan Lee e disegnata da John Buscema nel 1968, è una eccezione alla regola. Salvo i disegnatori e gli aspiranti tali, i lettori di un fumetto seguono più il testo dei disegni. Se poi i disegni sono belli, tanto meglio. Dico che Silver Surfer rappresenta un’eccezione perché le storie di Stan Lee obiettivamente non sono un granché. Mentre John Buscema nei disegni fonde magnificamente il proprio “espressionismo muscolare” con la “drammaticità creativa” di Jack Kirby. Nei limiti in cui Buscema riesca a essere creativo, si intende. Quindi queste storie di Lee, che sarebbero state considerate pallose se illustrate da un disegnatore qualsiasi, acquistano tutto un altro valore grazie ai disegni di Buscema.     Il limite fondamentale di Silver S... »

calciomercato chiuso

STOP AL CALCIOMERCATO, ECCO LA SERIE A 2019 – 2020

Anche in Italia è finita la sessione estiva del calciomercato, più precisamente la saracinesca si è abbassata alle ore 22 del 2 settembre. Le operazioni sono ora possibili solo in uscita e solo verso quei pochissimi Paesi dove il mercato è ancora aperto. In entrata è consentito depositare contratti unicamente di calciatori in regime di svincolo. Era iniziata nel migliore dei modi la campagna trasferimenti per la squadra campione d’Italia, la Juventus. Il direttore sportivo bianconero Fabio Paratici era riuscito ad accaparrarsi due importanti parametri zero quali il gallese Ramsey e il francese Rabiot. Senza contare il ritorno di Buffon, dopo una sola stagione trascorsa a Parigi. Valido anche lo scambio concluso col Manchester City Cancelo-Danilo, con un conguaglio di 28 milioni a fav... »

QUANDO IL PIEDE VA SULLO SPIGOLO

POP – QUANDO IL PIEDE VA SULLO SPIGOLO

Visita il gruppo satirico “Momento Pop” cliccando QUI   »

RAMBO DOVEVA ESSERE INTERPRETATO DA TERENCE HILL

RAMBO DOVEVA ESSERE INTERPRETATO DA TERENCE HILL

Rambo, dal 1982 un nome, una leggenda. ‘Na leggenda che, nonostante i settantatré anni suonati di Sylvester Stallone, di posare arco e coltello e andare in pensione non se ne parla proprio. Il 19 settembre 2019 uscirà Rambo: Last Blood, quinto film della saga il cui titolo fa tanto eco a quel First Blood uscito quasi quarant’anni fa. Pertanto mi sono detto, perché non fare una cosetta leggera e buttare un occhio a… … dieci curiosità che forse non sapete su Rambo.   Rambo, il cui titolo originale è First Blood, è l’adattamento cinematografico del romanzo omonimo Primo sangue (First Blood, appunto) di David Morell. C’è un particolare piuttosto rilevante nel romanzo di Morell completamente glissato nel film: il background dello sceriffo Teasle. In pratica, Rambo arriva in que... »

MATITE BLU 153

MATITE BLU 153

. »

cinque feste

CINQUE FESTE CRISTIANE DI ORIGINE PAGANA

L’epoca moderna è figlia, e frutto, del suo passato. Molte usanze, usi, costumi, modi di dire o fare ci vengono tramandati dalla nostra cultura e dalle epoche più antiche. Potremmo perciò stupirci di quante cose noi abbiamo ereditato (o spesso rubato) alle culture passate? Voglio elencarvi, in particolare, cinque festività che hanno origini, o che hanno preso spunto, da altrettante feste pagane.   1 – Il Natale e i suoi simboli   Il Natale può essere considerato una delle feste più emblematiche del cristianesimo. Per la maggior parte delle Chiese ricade il 25 dicembre, mentre per alcune ricade il 6 gennaio (il nostro giorno dell’Epifania) o il 7 Gennaio. I cristiani iniziarono a festeggiare questo giorno solo intorno al trecento dopo Cristo, prendendo spunto da varie tradiz... »

Pagina 1 di 110123»