Freddy Bywaters, Edith Thompson, Percy Thompson

EDITH THOMPSON E IL TRIANGOLO MORTALE

(Nell’immagine sopra: Fred Bywaters, Edith Thompson nata Graydon e Percy Thompson). Poco prima della mezzanotte del 3 ottobre 1922, il giovane Fred Bywaters si pianta davanti alla stazione di Ilford guardando l’arrivo dell’ultimo treno. Arriva una coppia che, dopo essere scesa, si dirige verso casa. Dopo averla inseguita con cautela, al primo vicolo buio il ragazzo tira fuori un coltello per colpire ripetutamente l’uomo alle spalle. La donna che lo accompagna grida inorridita: «No! Ti prego, smettila!». Cerchiamo di capire le cause che hanno portato a quella notte di sangue. Edith Graydon nasce nel 1893 a Ilford, una cittadina a pochi chilometri da Londra. Dopo essersi distinta in matematica a scuola, a 15 anni va a lavorare come commessa in una grande azienda di indumenti femminili.... »

I MANGA IN GRANDE CRESCITA NELLE LIBRERIE

I MANGA IN GRANDE CRESCITA NELLE LIBRERIE

I fumetti, in particolare i manga, da prodotti di nicchia negli ultimi anni sono diventati un fenomeno di massa, rappresentando una fetta consistente nel settore dell’editoria e coinvolgendo un pubblico sempre più ampio. Le variabili che hanno consentito questo boom sono riconducibili sia alla crescita del segmento di coloro che acquistano fumetti nelle librerie e nelle fumetterie, in particolare la Generazione Z avendo acquisito una certa indipendenza economica riversa i propri risparmi per accaparrarsi le innumerevoli opere disponibili sul mercato, sia per l’avvento della pandemia da Covid 19 che ha fatto crescere esponenzialmente il comparto, in linea con il trend positivo del periodo che ha riguardato la lettura in generale. I dati di crescita del fumetto in Italia La crescita del fume... »

LO SPETTATORE DEL MONOSCOPIO

LO SPETTATORE DI MONOSCOPI

Era quasi il 1970, avevo nove anni e al pomeriggio a volte mi piaceva tenere acceso il televisore di casa sintonizzato sul monoscopio (una forma geometrica per la taratura dei televisori) in bianco e nero con le sfumature azzurrine del tubo catodico. Tempo prima ero stato in uno studio televisivo Rai e su tutti i monitor avevo visto segnali a uso interno, monoscopi appunto e altre immagini di controllo. Da allora ogni tanto con il televisore fischiante e l’immagine fissa (i programmi cominciavano alle cinque del pomeriggio), mi piaceva fantasticare di essere un tecnico come quelli della Rai, che mi era sembrato facessero un mestiere molto interessante. In quelle occasioni, per fantasticare meglio giravo per casa con una cuffia Koss in testa e il suo spinotto in tasca collegato a una ... »

Teratitan maximus

TERATITAN MAXIMUS, IL PIÙ GRANDE DINOSAURO

I sauropodi giganti ci intrigano assai. Essi sfidano le leggi della fisica e il nostro stesso senso della misura. Quanto potrebbe essere grande il più grande di tutti i dinosauri? A questo animale colossale, che probabilmente non troveremo mai conservato nella documentazione fossile, diamo qui il nome di Teratitan maximus, il super-sauropode massimo. Siccome è un nome di fantasia, privo di valore tassonomico, non lo scrivo in corsivo.  Dato che tutti i dinosauri super-giganti sono sauropodi, anche Teratitan è ipotizzato appartenere a Sauropoda. Qui non ci interessa troppo stabilire a quale sottoclade di sauropode appartiene Teratitan: potrebbe essere un titanosauro, un brachiosauride, un diplodocoide oppure un mamenchisauride, poco importa per la nostra discussione teorica. La prima q... »

Lilo

LILO ANNUSA LA TRISTEZZA

Stavolta parlerò di Lilo, un libro della scrittrice argentina Inés Garland. Premetto che non ho mai avuto un cane per via della mia allergia, ma nella mia famiglia c’è stato un cagnolino, Scooby, pur essendo di mia cugina. Non so che cosa significhi vivere con un cane in casa e amarlo a dismisura, ma so per certo cosa significa considerarlo parte della famiglia. Quando ho iniziato la lettura di Lilo, nel piccolo e goffo cagnolino protagonista ho rivisto Scooby e non ho potuto fare a meno di sorridere a dismisura, cullato da una storia dolce ma anche spigolosa allo stesso tempo, per le tematiche importanti che tratta. Lilo è un pastore tedesco un po’ diverso dai tanti altri pastori tedeschi: ha le zampine corte ed è decisamente più piccolo rispetto agli altri cani appartenenti a... »

COSA NE SAI DELLA BANDA DELLA MAGLIANA?

COSA NE SAI DELLA BANDA DELLA MAGLIANA?

Il 14 maggio 2012, da una cripta negli antichi sotterranei della basilica romana di Sant’Apollinare viene aperto un sarcofago di marmo, dal quale viene estratta una bara di zinco, poi una di rame e infine una di legno. Il corpo all’interno, benché sepolto da 22 anni, è ancora in buono stato, tanto che vengono prese facilmente le impronte digitali dai polpastrelli. Non ci sono dubbi, si tratta di Enrico De Pedis, un boss storico della banda della Magliana. Da tempo si sapeva che era sepolto lì, ma cosa ci faceva in quella chiesa prestigiosa? Un portavoce vaticano ha dichiarato che la famiglia di De Pedis aveva ottenuto l’autorizzazione versando una forte somma di denaro per le opere pie della Chiesa. Non tutti, però, sono convinti. Secondo la sua vecchia compagna Sabrina Minardi, De Pedis e... »

PARTORIRE IN ITALIA

PARTORIRE IN ITALIA

In una notte del gennaio 2023 all’ospedale Pertini di Roma si è verificato il peggior incubo di ogni nuova mamma: un neonato che dormiva a fianco di sua madre è morto, forse soffocato dalla madre stessa. Mia nonna era terrorizzata da questa eventualità e, dopo che  avevamo partorito, ci ripeteva ossessivamente: “Attenzione, non tenete il neonato al fianco! È troppo piccolo. È sufficiente che vi scivoli vicino al seno e lo soffocate. È già successo…”.  Evidentemente l’ospedale Pertini si è fidato della sorveglianza del personale ma, purtroppo, non è stato sufficiente.   Partorire sotto i bombardamenti Mia madre aveva partorito mio fratello maggiore nel 1941 in casa con una ostetrica. Era il primo anno di guerra e la natalità era diminuita. In quell’anno n... »

ALEXANDRE STAVISKY, IL GRANDE TRUFFATORE

ALEXANDRE STAVISKY, IL GRANDE TRUFFATORE

Il 9 gennaio 1934, la polizia francese circonda uno chalet sul Monte Bianco, a Chamonix. I gendarmi fanno irruzione: l’edificio ha poche stanze, ma stranamente ci mettono più di un’ora a trovare la persona che stavano cercando. L’uomo è disteso su un divano, agonizzante. Morirà poco dopo, ucciso da due colpi esplosi da una pistola trovata ancora fumante. L’inchiesta viene chiusa in fretta e furia. “È un suicidio”, spiegano le autorità. Alla versione ufficiale su questa morte però non credono in molti. Quell’uomo infatti era Alexandre Stavisky, il più geniale truffatore del ventesimo secolo. A 47 anni se n’era andato lasciandosi alle spalle un ultimo enigma, quello sulla sua fine. Tutto inizia nel 1886, quando, da qualche parte dell’Ucraina (che all’epoca faceva parte dell’impero russ... »

MATITE BLU 324

MATITE BLU 324

. »

MARIA BOCCUZZI, LA VERA MARINELLA

MARIA BOCCUZZI, LA VERA MARINELLA

Periferia di Milano, notte del 28 gennaio 1953. Maria Boccuzzi passeggia come al solito lungo il fiume Olona in attesa di qualche cliente. Ormai ha 33 anni e si rende conto di non aver combinato niente di buono nella vita. Non è diventata una vera ballerina, come sognava da piccola. Si è sempre messa con uomini che hanno tradito il suo affetto. Oltre che dai protettori, viene sfruttata dall’attuale fidanzato nullafacente. Però è riuscita a mettere via abbastanza soldi per aprire un negozietto: ormai ha deciso di smetterla con il mestiere di prostituta. Fa un freddo cane, ma deve stringere i denti e aspettare. Ecco, un’auto si avvicina. Stavolta, lo giura a se stessa, sarà davvero l’ultima. In effetti sarà proprio così, perché l’ultima ora della sua vita è arrivata. “Questa di Marinella è l... »

Maurizio Gucci

“MAURIZIO GUCCI LO VOGLIO MORTO”

Maurizio Gucci, un uomo ricchissimo di 47 anni, esce dal suo palazzo in corso Venezia a Milano nella soleggiata mattina del 27 marzo 1995. Dopo una breve camminata, in via Palestro raggiunge la sede della Vierse, una società che ha appena fondato. Appena mette piede sulla scalinata d’ingresso, gli si avvicina uno sconosciuto vestito in maniera elegante. L’uomo estrae una pistola calibro 32 e, a bruciapelo, gli spara tre colpi alla testa. Poi l’assassino scorge Giuseppe Onorato, il custode cinquantaduenne dello stabile, che sta correndo verso di lui per bloccarlo. Il sicario gli spara due colpi, ferendolo a un avanbraccio e alla spalla. Poi il killer sale su un’utilitaria di colore verde, dove lo aspetta un complice con il motore acceso. La vita troppo presto spezzata di Maurizio era i... »

certamente

PV – CERTAMENTE

. »

Tags:
CHARLIE HEBDO, PER NON DIMENTICARE

CHARLIE HEBDO, PER NON DIMENTICARE

Mercoledì 7 gennaio 2015, ore 11.20. Una Citroën C3 si ferma in via Nicolas Appert, Parigi, vicino alla piazza della Bastiglia. Ne escono due uomini mascherati e con i mitra kalashnikov in pugno. Sono i fratelli Said e Chérif Kouachi, 34 e 32 anni, musulmani francesi di origine algerina. Con passo deciso puntano verso il numero 6 della via. Quando capiscono che non è quello che cercano, tornano indietro. Ecco il numero 10, un grande edificio per uffici: è li che devono andare. Corrono dal portiere, Frèdéric Boisseau, e puntandogli i mitra gli chiedono dove si trova la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo. Appena il portiere glielo spiega, la sua vita viene spezzata da una raffica. Ore 11.25. I terroristi salgono al secondo piano, ma l’ingresso dei locali della redazione è chiuso: ... »

MIMMO, L'IMBALSAMATORE NANO

MIMMO, L’IMBALSAMATORE NANO

Roma, notte del 25 aprile 1990. Domenico Semeraro detto Mimmo viene sollevato da terra dal suo aggressore che, con l’altro braccio, gli stringe lentamente il foulard intorno al collo fino a strangolarlo. Mimmo non ha potuto opporre molta resistenza perché era alto solo un metro e trenta centimetri. Insomma, era un nano, un adulto prigioniero nel corpo di un bambino. No, non è stata decisamente una bella vita, quella che Mimmo ha dovuto interrompere a soli 44 anni. La storia di questo delitto inizia nel 1986, quando Armando Lovaglio bussa a una porta in via Castro Pretorio. Armando, un bel ragazzo di 17 anni, è stato appena bocciato a scuola e non ha alcuna intenzione di ripetere l’anno, piuttosto vorrebbe iniziare a lavorare per comprarsi una moto di grossa cilindrata. A quella porta è arr... »

DAN COOPER PRENDE I SOLDI E SI BUTTA CON IL PARACADUTE

DAN COOPER PRENDE I SOLDI E SI BUTTA CON IL PARACADUTE

Un freddo intensissimo, una pioggia battente e un vento che penetra come raffiche di mitra nei vestiti leggeri. Difficile persino rimanere coscienti. E il paracadute che non si apre ancora, in questa caduta infinita. Là sotto, nel buio della notte, i fulmini delineano per lunghi istanti i profili aguzzi delle montagne in attesa dell’inevitabile conclusione… Tutto comincia il 24 novembre 1971, alla vigilia del Giorno del Ringraziamento, la festa nazionale americana. Davanti alla biglietteria, un uomo che si presenta come Dan Cooper chiede un biglietto per Seattle, la grande città del confinante stato di Washington. In Italia, forse, la bigliettaia avrebbe alzato lo sguardo incuriosita, dato che Dan Cooper è il nome dell’avventuroso pilota dei fumetti pubblicati dal Corriere dei Piccoli. Inv... »

PALEOARTE: SONO ATTENDIBILI I DISEGNI DEI DINOSAURI?

PALEOARTE: SONO ATTENDIBILI I DISEGNI DEI DINOSAURI?

La paleoarte è l’insieme delle rappresentazioni iconografiche di specie ed ambienti del passato paleontologico. La parola unisce il termine paleo (che rimanda alla paleontologia, quindi alle scienze naturali, quantitative e sperimentali) e arte (che rimanda alla libertà creativa, all’estro e alla maestria dell’esecuzione).  Le opere di paleoarte sono per me tutte (e in particolare lo sono quelle realizzate da artisti dall’indiscutibile talento esecutivo) fonte di frustrazione, perché non avremo mai modo di verificare se ciò che hanno rappresentato sia effettivamente una fedele ricostruzione dei soggetti paleontologici. Qualcuno dirà che comunque la paleontologia sta facendo progressi enormi nell’analisi e nell’interpretazione dei fossili, e che mai ... »

LA STORIA DEGLI SHOJO (ANIME E MANGA) IN ITALIA

LA STORIA DEGLI SHOJO (ANIME E MANGA) IN ITALIA

Lo shojo (ragazza, in giapponese) è un target dei manga che abbraccia diverse sottocategorie. In questo viaggio non parleremo solo dei manga, ma anche delle opere animate rivolte idealmente al pubblico femminile. Nella lunga storia del fumetto giapponese in Italia (vedi QUI), che si intreccia con quella, altrettanto complessa, dell’animazione nipponica nel nostro Paese (vedi QUI), i manga e gli anime considerati “prodotti per ragazze” hanno un ruolo fondamentale. Heidi non è uno shojo, ma è la prima opera animata giapponese seriale giunta fino a noi con una protagonista femminile.Siamo nel 1978, e all’epoca non si badava al “genere”, essendo i cartoni semplicemente… cartoni, e nel caso specifico si tratta dell’adattamento di un classico della... »

3 MOTIVI PER VENDERE CASA TRAMITE AGENZIA

3 MOTIVI PER VENDERE CASA TRAMITE AGENZIA

Stai pensando di mettere in vendita la tua casa, ma hai ancora qualche dubbio e non sai se sia meglio procedere in completa autonomia oppure affidarti ad un’agenzia immobiliare? Quest’ultima è la soluzione più consigliata, soprattutto al giorno d’oggi: ci sono degli ottimi motivi per cui conviene mettere in vendita il proprio immobile con il supporto di un’agenzia piuttosto che fare tutto in autonomia. 1 – Guadagnare il massimo dalla vendita Innanzitutto, affidarsi a un’agenzia immobiliare significa poter ottenere la massima rendita dalla vendita della propria casa. Gli specialisti che si occupano, per esempio, della vendita di appartamenti Tecnocasa, fanno valutazioni immobiliari e contrattazioni per professione. Gli agenti sono dunque in grado di effettuare una stima precisa circa ... »

MATITE BLU 323

MATITE BLU 323

. »

IL SILENZIO DEI PROSCIUTTI E DELLA COMICITÀ

IL SILENZIO DEI PROSCIUTTI E DELLA COMICITÀ

Il silenzio dei prosciutti (1994), scritto, diretto, interpretato e addirittura prodotto da Ezio Greggio, essenzialmente è un film attraente quanto una carriera da indossatore per un individuo affetto da malattie veneree.  Tutto pare una roba molto italiana e molto alla caz*o de cane, venuta in mente a un bambino di dieci anni poco sveglio, anziché una commedia scritta da un comico di professione. Eppure, Il silenzio dei prosciutti mette in risalto l’amore di Ezio Greggio per il cinema. La bussola di Greggio ha sempre puntato a Occidente: è uno alla ricerca della sua America, più chimera che America, però. Troppo lontana e troppo idealizzata, esisteva prevalentemente nella sua testa. Considerando pure l’amicizia con Mel Brooks, non c’è da sorprendersi che Il silenzio dei p... »

LA GOLIARDIA DI ENZO TORTORA

LA GOLIARDIA DI TORTORA E VILLAGGIO

I termini goliardia e goliardico sono spesso travisati, interpretati come sinonimi di immaturità, disimpegno e poca o nulla serietà. È ora di rivalutare sia il termine sia gli intenti della Goliardia, come antica discendenza studentesca di umorismo condito con cultura e intelligenza. Le prime università e i loro frequentatori creano una cultura alternativa a quella della Chiesa, che si esprime con composizioni in poesia e musica. Alcuni canti amorosi e bacchici sono stati raccolti nei Carmina Burana, datati dal 1100 al 1300 circa. Nel rinascimento, tra il 1400 e 1500, in ambito universitario rinasce pure il teatro, con autori che imitano le antiche commedie di Plauto e Terenzio. Dopo periodi tormentati di guerre e rivoluzioni, dal 1600 a metà Ottocento, la cultura goliardica ha un revival,... »

RISTRUTTURARE GLI IMMOBILI PRIMA DELLA VENDITA

RISTRUTTURARE GLI IMMOBILI PRIMA DELLA VENDITA

Ristrutturare un immobile prima della vendita può aumentare il suo valore e renderlo più attraente per i potenziali acquirenti, e per essere competitivi sul mercato. Tra i fattori maggiormente presi in considerazione troviamo la sostituzione dei vecchi arredi e delle apparecchiature con nuovi modelli di qualità superiore, alla quale si aggiunge la necessità di piccoli lavori di manutenzione, come sistemare i rubinetti che perdono, cambiare le finestre o riparare i danni alle pareti, rimuovendo, se presente, la carta da parati, dando una nuova verniciatura anche ai soffitti. Anche rimuovere i vecchi pavimenti e rimpiazzarli con i nuovi può essere determinante per donare un aspetto rinnovato all’immobile, preferibilmente scegliendo materiali e fantasie che possano incontrare il gusto di una ... »

Ediperiodici negli anni settanta

LA EDIPERIODICI NEGLI ANNI ’70

La Ediperiodici viene fondata nel 1971 come continuazione della Erregi, quando ancora Renzo Barbieri e Giorgio Cavedon sono in società. La nuova casa editrice parte con il botto pubblicando nel primo anno di vita ben tre nuove testate di successo, che si affiancano a quelle ereditate dalla Erregi: Oltretomba, De Sade e Lucifera. Nel 1972 i due editori si separano: Giorgio Cavedon si tiene la casa edtrice comprando la quota di Renzo Barbieri, mentre quest’ultimo fonda una casa editrice simile, l’Edifumetto. L’anno successivo Cavedon tenterà di elevare il livello medio dei tascabili erotici pubblicando serie come Mortimer e Cosmine, che però non avranno lo sperato riscontro di pubblico. Dopo il lancio di altri nuovi personaggi, pure di scarso successo, la Edifumetto di Cavedon im... »

PROTEGGERE I DISPOSITIVI MOBILI CON UNA COVER O UNA CUSTODIA

PROTEGGERE I DISPOSITIVI MOBILI CON UNA COVER O UNA CUSTODIA

Come ben sappiamo noi utenti di dispositivi mobili, i nostri telefoni, tablet e laptop sono costosi. Inoltre si rompono facilmente. Anche se può sembrare di buon senso proteggere il dispositivo con una custodia o una cover, molte persone non lo fanno. A seconda del tipo di custodia, il prezzo può variare da 10 ad oltre 50 euro. Per alcuni è una cifra eccessiva. Tuttavia, l’acquisto di una custodia vale l’investimento perché farà risparmiare nel lungo periodo. Vediamo quali possibilità ci sono e per quali dispositivi è possibile acquistare una cover o una custodia. I dispositivi mobili sono costosi: è bene proteggerli da cadute, graffi e altri danni Acquistare un dispositivo mobile di prezzo elevato, come per esempio un iPhone, è un investimento. Per preservare la qualità del pr... »

Breivik

BREIVIK UCCIDE 77 RAGAZZI PER XENOFOBIA

Sono le 15 e 26 del 22 luglio 2011 quando una bomba, nascosta nel bagagliaio di un’auto parcheggiata, esplode a Oslo nella via in cui si trova la sede del governo norvegese. L’esplosione uccide otto passanti e ne ferisce più di duecento, rendendoli ciechi o mutilati. La strada sembra un campo di battaglia, con i frammenti delle facciate degli edifici sparsi ovunque. Un attentato gravissimo, che lascia sotto shock la città. E che meno di due ore dopo viene oscurato da un altro fatto ancora più terribile, messo in atto dalla stessa mano assassina. Avviene sull’isola norvegese di Utoya, a cinquanta chilometri dalla capitale, dove si sta svolgendo l’annuale meeting estivo dei giovani laburisti, il maggiore partito di sinistra del Paese. Un 32enne vestito da poliziotto s... »

Natalie Wood

LA MISTERIOSA MORTE DI NATALIE WOOD

Natalie Wood sta recitando in Brainstorm, un film di fantascienza che non sembra destinato al successo già in partenza. Negli ultimi tempi, la famosa attrice non ha azzeccato un film. I produttori continuano a offrirle ruoli ben più interessanti, anche se ormai ha 43 anni, ma Natalie li rifiuta tutti. Voci malevole sostengono che abbia accettato di lavorare in quella pellicola solo per stare insieme al protagonista maschile, Chistopher Walken, che è il suo supposto amante. A Natalie non importa niente del destino commerciale del film e dei pettegolezzi che le piovono addosso, descrivendola più o meno come una ninfomane. Ormai è un monumento vivente del cinema, tutti gli americani hanno potuto ammirarla sul grande schermo in ogni fase della sua vita, sin dalla tenera età. Anche se è vero, m... »

Enzo Tortora

ENZO TORTORA ALL’INFERNO E RITORNO

«Dunque, dove eravamo rimasti? Potrei dire moltissime cose e ne dirò poche. Una me la consentirete: molta gente ha vissuto con me, ha sofferto con me questi terribili anni. Molta gente mi ha offerto quello che poteva, per esempio ha pregato per me, e io questo non lo dimenticherò mai. Un grazie a questa cara, buona gente, dovete consentirmi di dirlo. Un’altra cosa aggiungo: sono qui anche per parlare per conto di quelli che parlare non possono, e sono molti, troppi. Ora cominciamo, come facevamo esattamente una volta». Con queste parole Enzo Tortora, uno dei padri fondatori della televisione italiana insieme a Mike Bongiorno, Raimondo Vianello e Pippo Baudo, si ripresenta nel video il 20 febbraio 1987, dopo un’assenza di quasi quattro anni. Riprende la conduzione del fortunatissimo Portobe... »

CINQUE REMAKE A FUMETTI

CINQUE REMAKE A FUMETTI

Sarà che, come diceva qualcuno, dopo la Bibbia e Shakespeare tutte le storie sono state già raccontate. Sarà che oggi il pubblico è frastagliato e occorre produrre materiale di tutti i tipi. O che, banalmente, la fantasia si esaurisce. Fatto sta che, da tempo, si ha la sensazione che romanzi, canzoni, film, serie televisive, videogiochi, si assomiglino un po’ tutti, e che ci sia una preoccupante mancanza di originalità. A volte gli autori sembrano coltivare il gioco della citazione, dell’omaggio. A volte si ha l’impressione che vogliano trarre in inganno il pubblico spacciando l’altrui opera come farina del proprio sacco. E a volte, dichiaratamente, si rifà un’opera già fatta. Il termine remake, secondo il vocabolario Devoto – Oli, è in uso nella lingua italiana dal 1956 e, contraria... »

MATITE BLU 322

MATITE BLU 322

. »

NON MI STUZZICARE, TAKAGI… O DIVENTO ROSSO!

NON MI STUZZICARE, TAKAGI… O DIVENTO ROSSO!

Questa volta parliamo del manga Non mi stuzzicare, Takagi! di Soichiro Yamamoto. Rom-Com è il diminutivo di Romantic Comedy, Commedia Romantica, un genere molto seguito in Giappone e ormai anche da noi, che vede spesso al centro delle storie un ragazzo come tanti, senza arte né parte, che si ritrova improvvisamente “incastrato” in una situazione romantica con una o più ragazze (o viceversa). Quindi nella serie viene trattata l’evoluzione di questo rapporto, molto spesso ricco di imprevisti ed equivoci come in ogni commedia che si rispetti. Di Rom-Com nella mia lunghissima “carriera” di lettore di manga ne ho letti tantissimi e di genere differenti: da Quintessential Quintuplets a Uzaki-chan, tanto per citare i primi due che mi vengono in mente. Oggi però inten... »

SUPERMAN ERA GEORGE REEVES ED È MORTO NEL 1959

SUPERMAN ERA GEORGE REEVES ED È MORTO NEL 1959

Il 15 giugno 1959, a tre giorni dal loro matrimonio, la signora Lenore Lemmon e l’attore George Reeves stanno festeggiando al ristorante con alcuni amici. George litiga con Lenore, non sembra allegro come dovrebbe. Lei fa spallucce e torna a ridere con gli altri. La festa continua nella grande villa di Reeves. Il padrone di casa a un certo punto sale in camera. Poi ridiscende nel salone chiedendo di fare meno rumore, perché vorrebbe dormire. Gli altri gli dicono di non fare l’antipatico e lo trattengono per qualche altro drink. Reeves torna in camera poco dopo la mezzanotte. Verso l’una a mezza, risuona uno sparo. Gli ospiti corrono di sopra, dove scoprono il corpo nudo e senza vita dell’attore. La testa è stata trapassata da un colpo della pistola Luger che ora si trova tra le sue gambe. ... »

Pagina 1 di 96123»