LE COPERTINE CDE DI BRUNO MUNARI

LE COPERTINE DEI LIBRI DI BRUNO MUNARI

Raccontare di Bruno Munari, artista milanese nato nei primi anni del Novecento e dalla vita lunga e produttiva fino all’ultimo (ci ha lasciato nel 1998), significa aprire una numerosa sequenza di porte rivolte alle attività e le arti più disparate, in un lavorio sempre avvolto da una tensione innovativa e una costante ricerca quando non risultato di anticipazione. È stato pittore, scrittore, designer, scultore. Ha dato contributi fondamentali alla cinematografia, al disegno industriale e alla grafica, ha creato una didattica, ha rinnovato la grafica editoriale, ha profuso la sua fantasia (un concetto primario che impresse nel suo interesse verso l’infanzia) nell’arte cinetica e nell’arte visiva dell’installazione in cui l’opera d’arte diventa un ambiente tridimensionale. Famosi sono i suoi... »

MUSICA E SANGUE NEL GORE ITALIANO DI THE CARPENTER'S HOUSE

MUSICA E SANGUE NEL GORE ITALIANO DI THE CARPENTER’S HOUSE

Una band metal composta da quattro ragazze avvenenti e trasgressive decide di girare il video di una loro canzone all’interno di una vecchia falegnameria abbandonata, famosa per essere stata teatro di una serie di raccapriccianti torture e omicidi di un serial killer. Secondo molti, le urla delle vittime si possono ancora sentire rimbombare tra quelle mura. Ben presto le ragazze capiscono che l’edificio non è per nulla sicuro e che qualcuno, nascosto nell’ombra, aspetta solo le prossime vittime. Già dai primi momenti in flashforward si capisce dove voglia andare a parare The Carpenter’s House, primo lungometraggio del milanese Brace Beltempo, già regista di “Insonnia”, terzo episodio di “P.O.E. 4 – The Black Cat”, film firmato insieme a Chris Milewski e Domiziano Cristoph... »

Alfred Hitchcock

LA COSTRUZIONE DEI FILM DI HITCHCOCK IN 19 SEQUENZE

Trentanove anni fa, il 29 aprile del 1980, moriva Alfred Hitchcock. Trentanove, come gli scalini del titolo originale di uno dei capolavori del periodo inglese. Per un certo periodo considerato semplicemente il maestro del brivido, poi giustamente un maestro del cinema tout court. Del cinema “puro”. Si sa, per esempio, che di Psycho a Hitchcock interessavano ben poco il soggetto e i personaggi, e molto di più invece la costruzione del film, non a caso il maggiormente elaborato dal punto di vista visivo. Questo naturalmente non significa che l’intreccio e le situazioni narrate non fossero importanti per Hitchcock. Tutt’altro. Se uno dei suoi film più belli, La finestra sul cortile, nel quale la storia d’amore rende ancora più intrigante il soggetto thriller, lo dimostra, d... »

politic

MOMENTO POP – POLITIC

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

The Young Gods

THE YOUNG GODS, SEMPRE GIOVANI GLI DÈI SVIZZERI

Al recente concerto milanese, gli svizzeri Young Gods si confermano una delle voci più interessanti di un rock industriale che riesce a essere elettronico senza perdere in energia e visceralità. Anzi, conquistando con la maturità un’apertura psichedelica “cosmica”. Gli Young Gods non sono certo la novità del giorno: hanno esordito nell’ormai lontano 1987, planando sulla scena del rock cosiddetto industriale dalle fredde Alpi svizzere come barbari del Nord. In una formazione all’epoca spiazzante per un combo rock, infatti erano in tre: un cantante, un batterista e un tastierista, che faceva tutto il resto col campionatore. Non solo gli archi e i sibili spaziali del sintetizzatore, i loop, ma anche i riffoni di chitarra distorta dell’hard. Tutto campionato e suonato alla tastiera. Strano, pe... »

MATITE BLU 135

MATITE BLU 135

. »

JACOVITTI, DE LUCA E CAPRIOLI NEL VITTORIOSO DEL DOPOGUERRA

JACOVITTI, DE LUCA E CAPRIOLI NEL VITTORIOSO DEL DOPOGUERRA

Il Vittorioso, pubblicato dall’Ave (casa editrice romana vicina all’Azione cattolica), era un settimanale a fumetti distribuito in edicola e nel circuito delle parrocchie. Fondato nel 1937, diversamente da L’Avventuroso e da altri settimanali del periodo, invece di presentare autori americani puntava tutto sugli italiani, lanciando alcuni dei principali talenti dell’epoca. A causa di una grave crisi diffusionale, nel 1967 abbreviò la testata ormai considerata troppo pomposa in Vitt (la stessa del celebre diario disegnato da Jacovitti), iniziando a pubblicare i più economici fumetti esteri, soprattutto francofoni. Ha cessato le pubblicazioni nel 1970. Con questo articolo iniziamo a raccontarne la storia dal dopoguerra. Il 1949 è un anno di svolta, anzi addirittura di... »

LE CONTRADDIZIONI DEGLI ANIMALI UMANIZZATI DELLA DISNEY

LE CONTRADDIZIONI DEGLI ANIMALI UMANIZZATI DELLA DISNEY

È difficile prendersi sul serio quando si parla di animali umanizzati. Immaginare un’oca, un cavallo, un topo che cercano di assomigliare a noi soffrendo sul lavoro, pagando le tasse, cercando un compagno di vita, richiede una grossa sospensione dell’incredulità. Eppure c’è chi ha studiato seriamente la questioni relative all’antropomorfismo nella letteratura, nei fumetti, nel cinema, giungendo a conclusioni contrastanti. Limitando l’attenzione al mondo di Walt Disney, per esempio, c’è chi accusa il creatore di Topolino di aver creato animali bamboleggianti, fintamente somiglianti agli uomini. D’altra parte, sempre recentemente, uno studio internazionale ha attribuito all’antropomorfismo, anche disneyano, un’utilità nel rendere l’opinione pubblica più favorevole ai progetti di ... »

UN CLASSIKEN

MOMENTO POP – UN CLASSIKEN

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Gabriella Pession

GLI OCCHI FELINI DI GABRIELLA PESSION IN 14 SEQUENZE

Partiamo dalla considerazione, già espressa in altre occasioni (ma da ribadire), che scrivere su un’attrice italiana dei nostri giorni significa andare incontro quasi sempre a una serie di visioni cinematografiche quando va bene passabili, e quando va male disarmanti. Allora è lecito chiedersi perché farlo. Perché, nella fattispecie, scrivere su Gabriella Pession. A renderlo necessario è forse proprio l’evidente scarsa valorizzazione delle sue doti, estetiche e interpretative. Non sembra fuori luogo scrivere che Gabriella Pession tra le attrici affermatesi negli ultimi vent’anni sia quella con il minor numero di film discreti all’attivo. Situazione paradossale, dal momento che si tratta di una delle più dotate sotto vari punti di vista. Emergere in un contesto del g... »

TOM & PONSI – 28

TOM & PONSI – 28

. »

Pensatrici

PV – PENSATRICI

. »

Tags:
COLLEZIONARE I BOZZETTI DEI CARTELLONI CINEMATOGRAFICI

COLLEZIONARE I BOZZETTI DEI CARTELLONI CINEMATOGRAFICI

Marco Strada, un comasco che lavora in Svizzera, possiede una straordinaria collezione di manifesti cinematografici e soprattutto di bozzetti originali. Opere meravigliose realizzate con varie tecniche pittoriche dai migliori cartellonisti italiani degli anni sessanta, settanta e ottanta. Chi ama il cinema e ha l’animo del collezionista come me non può che rimanere estasiato di fronte a tanta bellezza. Era da tempo che avevo voglia di rivolgere a Marco alcune domande per conoscere meglio lui e la sua collezione.   Marco Strada, tu sei un collezionista speciale… Mi definisco un collezionista atipico. Cambio spesso obiettivo, cerco cose che mi colpiscono, inusuali, ma sono legato ai ricordi di gioventù. Alcune cose che ho acquistato sono inconfessabili per un “ragazzo” di 53 anni. Il mi... »

Porc...!

MOMENTO POP – PORC…!

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

MUSSOLINI E FUMETTO, FASCISTA PERFETTO?

MUSSOLINI E FUMETTO, FASCISTA PERFETTO?

In Italia il fumetto è legato al regime di Mussolini dal suo stesso atto di nascita, anche se si parla spesso di una presunta forte ostilità del fascismo nei suoi confronti: in realtà questa era dovuta dagli intellettuali in generale, al di là delle correnti politiche a cui appartenevano. Già nel lontano 1908, nell’Italia liberale, i personaggi dei fumetti creati in America a fine Ottocento vengono presentati dal Corriere dei Piccoli con l’evirazione dei balloon (le nuvolette) per essere corredati dalle ormai anacronistiche didascalie con rime baciate. Per vostro ammaestramento ecco l’intero primo numero del Corriere dei Piccoli del 1908. Apre Mimmo / Buster Brown di Richard Felton Outcalt (autore anche di Yellow Kid), mentre Frederick Burr Opper (autore anche di Fortunel... »

sorpresona

I CHINSON – SORPRESONA

. »

Emilio De Rosa

IL VIAGGIO FANTASY DI EMILIO DE ROSA

L’ospite di questa puntata di Art Pop! è Emilio De Rosa. Disegnatore e fumettista napoletano dal ricco curriculum, classe 1971, dopo una laurea in Conservazione dei Beni Culturali ha frequentato alcune scuole di disegno e fumetto, per approdare infine al corso triennale di Fumetto tenuto dalla Scuola Italiana di Comix di Napoli. Tra i suoi docenti i fumettisti e illustratori Roberto De Angelis, Luigi Siniscalchi e Daniele Bigliardo. Ma prima di vedere il suo percorso artistico, andiamo subito a scoprire quale sia il viaggio fantastico di cui si accenna nel titolo. Nel 2012 De Rosa ha pubblicato per conto della casa editrice milanese E.F. Edizioni la prima parte della storia a fumetti Ali di farfalla, il cui seguito è attualmente in lavorazione e di cui ne sono state mandate in stampa finor... »

spanking

SPANKING, IL SOTTILE PIACERE DELLA SCULACCIATA

Dopo aver passato un’altra interminabile giornata fingendo di essere buoni, ecco che arriva il momento per sfogare le nostre tensioni, frustrazioni o semplicemente per il piacere di lasciare una cinquina sulla chiappa della nostra lei o del nostro lui. C’è chi gradisce, chi fa finta di lamentarsi oppure chi soffre in silenzio per paura di disturbare. Sta di fatto che la sculacciata ha origini antichissime, sia come punizione sia come pratica erotica che prende il nome di spanking.   Spanking: la sculacciata erotica La sculacciata può coinvolgere la sfera sessuale, dato che le mani e lo sguardo dello sculacciatore si trovano necessariamente molto vicini ai glutei e all’organo sessuale della vittima. Quando è un uomo a sculacciare una ragazza (oppure una donna con un r... »

IL VENERDÌ SANTO IN CORSICA

IL VENERDÌ SANTO IN CORSICA TRA CATENACCIU E GRANITULA

I riti della Settimana santa, e in particolare del Venerdì santo, sono per i credenti occasione di raccoglimento spirituale e partecipazione alla vita della comunità. Si moltiplicano qua e là, nei villaggi come nelle città, rappresentazioni della passione di Cristo e processioni. I fedeli, mai così uniti come in quei momenti, riempiono chiese e strade, soffrendo all’unisono per l’ennesima crocifissione e gioendo, il giorno di Pasqua, per la puntuale resurrezione. La Corsica non viene meno a questi appuntamenti annuali, nei luoghi consacrati si stipano i fedeli pronti a immergersi nei tanto attesi rituali. Tra i più famosi abbiamo “U catenacciu” di Sartene e la “Granitula” di Brando, poco prima di Erbalunga, paese che dista una decina di chilometri a nord di Bastia. U Catenacciu... »

Dipendente pubblico o privato: cosa cambia per i finanziamenti

DIPENDENTE PUBBLICO O PRIVATO: COSA CAMBIA PER I FINANZIAMENTI

Una differenziazione che esiste da sempre all’interno del mercato e che non rappresenta una novità: ci riferiamo alla necessità da parte delle società che erogano i finanziamenti (banche o soggetti privati) di avere maggiori garanzie. E in Italia, come è noto, le garanzie più forti sono sempre considerate quelle del settore pubblico. Chi ha un posto fisso nella Pubblica Amministrazione, per dirla in altri termini, viene considerato “blindato” e quindi contratti di questo tipo prevedono garanzie di gran lunga maggiori rispetto a chi lavora con contratto per una realtà privata. Tutto ciò fa si che, sul mercato, i soggetti che erogano i finanziamenti si contandono i lavoratori privati predisponendo per loro particolari condizioni, ovviamente più favorevoli. Qualche esempio? Per i ... »

I bei giochi di una volta

MOMENTO POP – I BEI GIOCHI DI UNA VOLTA

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

HELLBOY (2019) È DAVVERO DA PRENDERE A PERNACCHIE?

HELLBOY (2019) È DAVVERO DA PRENDERE A SPUTI E PERNACCHIE?

Appena finito di vedere questo Hellboy (2019) di Neil Marshall, adattamento del personaggio creato da Mike Mignola nel 1993, mi è venuta in mente una cosa. Una scintilla, se vogliamo, che mi è passata in testa mentre mi avviavo alla macchina nel parcheggio del cinema: C’è qualcosa che non va. E non sto parlando di Hellboy, ma del mondo. Va bene, viviamo in un periodo in cui stiamo annegando nei film di supereroi: non è che si sentisse tutta ‘sta grandissima esigenza di vedere l’ennesimo cinecomics. Potevamo benissimo fare a meno di un nuovo film di Hellboy. Gli aggregatori di recensioni lasciano il tempo che trovano, ma è logico che il Tomatometer di Rotten Tomatoes arrivi a un miserabile 15% di gradimento per Hellboy (2019)? A cui vanno ad aggiungersi gli incassi di pochi milioni di... »

MATITE BLU 134

MATITE BLU 134

. »

Terry e i pirati in Italia

L’ESORDIO ITALIANO DI MILTON CANIFF CON TERRY E I PIRATI

In un precedente articolo abbiamo visto il lancio sottotono de La Risata, una testata della Casa Editrice Moderna dei fratelli Del Duca (la futura Casa Editrice Universo), nel novembre del 1934. Settimanale nato povero per la mancanza del colore e modesto per i fumetti presentati, anche se in seguito arrivano, come abbiamo visto, personaggi di primo piano come Red Barry e, come vedremo in questo articolo, Terry e i pirati di Milton Caniff.   The Gumps e le altre strip del Chicago Tribune Jim il Rosso (Red Barry di Will Gould) non è il solo nuovo fumetto americano ad apparire sul fatidico numero 37. Un altro è L’allegro Jack, traduzione letterale di Smilin’ Jack di Zack Mosley. Stavolta l’editore Cino Del Duca, o chi per lui, non sceglie nel gruppo dei comics distribuiti dal King... »

L'Uomo Ragno di John Romita

L’UOMO RAGNO CLASSICO DI JOHN ROMITA

Il vero uomo ragno sarà anche quello inattuale di Steve Ditko, come sostiene il buon Sauro (andiamoci piano con la condiscendenza – NdR), ma è innegabile che fu quello meno ombroso e complicato di John Romita a imporsi nell’immaginario collettivo. Quello di Ditko era semplicemente troppo nevrotico per diventare mainstream (era solo il fumetto più venduto della Marvel – NdR), quello di Romita aveva invece tutte le carte in regola per farlo. John Romita, nato nel 1930 nel distretto di Brooklyn, tornò da Stan Lee verso la metà degli anni sessanta dopo avere collaborato con la Atlas/Marvel nei cinquanta, disegnando, tra l’altro, la sfortunata ripresa di Capitan America in chiave anticomunista. Romita capita nel periodo più creativo della Casa delle idee, grazie al lavoro svol... »

MOMENTO POP – PADRI

MOMENTO POP – PADRI

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

RITRATTO DI DONNA VELATA, UNO SCENEGGIATO DI SUCCESSO

RITRATTO DI DONNA VELATA, UNO SCENEGGIATO DI SUCCESSO

Durante gli ultimi anni del monopolio televisivo della Rai, alle 20.55 del 31 agosto 1975 sul Programma Nazionale (l’attuale Rai Uno), va in onda la prima delle cinque puntate di Ritratto di donna velata, per la sceneggiatura di Gianfranco Calligarich e Paolo Levi, e la regia di Flaminio Bollini. È uno sceneggiato “giallo-misterioso” ambientato nei pressi di Firenze e Volterra, avente come tema gli antichi etruschi e le loro necropoli, cimiteri formati da piccoli edifici semisotterrati. (Gli etruschi erano un popolo stanziato nell’attuale Toscana e parte dell’Umbria e del Lazio nel corso del primo millennio avanti Cristo, prima di essere conquistati e assorbiti dai romani. Le loro origini sono ancora fonte di dibattito, così come la lettura della loro scrittura). Lo scene... »

TOM & PONSI – 27

TOM & PONSI – 27

. »

buoni esempi

PV – BUONI ESEMPI

. »

Tags:
LA GRANDE OLANDA DI CRUYFF NATA DALLA CONTESTAZIONE

LA GRANDE OLANDA DI CRUYFF NATA DALLA CONTESTAZIONE

Johann Cruyff, il profeta del gol, uno dei più grandi calciatori della storia, ci ha lasciati nel 2016. Tra i tanti ricordi e le tante dediche che ho letto in quei giorni mi è rimasta impressa quella dello storico leader del movimento studentesco milanese, Mario Capanna: “Vedevo in Johan Cruyff e nella sua Olanda i germi del ’68: era una rivoluzione parallela alla nostra, erano ragazzi che cambiavano un mondo difficile da smuovere. Per questo il Cruyff calciatore mi ha reso felice, e per questo ora la sua morte mi rattrista. Sono da sempre un tifoso di calcio senza eccessi e senza troppe conoscenze, ma ricordo perfettamente quegli anni e l’impressione che Cruyff faceva anche a tutti noi studenti impegnati in politica”. Queste parole mi hanno fatto riflettere e concl... »

indistruttibile

MOMENTO POP – INDISTRUTTIBILE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Pagina 3 di 10312345»