Nuovi Dei

STAR WARS + HE-MAN = I NUOVI DÈI DI JACK KIRBY

Quanto valgono le idee di Jack Kirby? Solo dalla sua serie dei New Gods (i Nuovi Dèi) è stato attinto a sbafo il materiale per creare due franchise popolari come Star Wars e i Masters of the Universe. Jack Kirby, dopo avere creato nella prima metà degli anni sessanta gran parte dei personaggi attribuiti a Stan Lee, è tentato di lasciare la Marvel insieme a Steve Ditko (come scrivo ne “L’inattuale Steve Ditko è l’Uomo Ragno”), ma alla fine decide di rimanere, pur senza ideare altri personaggi. Così, dopo avere praticamente creato l’universo Marvel, nella seconda metà degli anni sessanta si limita ai virtuosismi grafici. Senza Ditko e con Kirby disaffezionato, Stan Lee da solo riesce a partorire solo un risibile personaggio: Capitan Marvel. Personaggio tanto scarso che l’hanno do... »

IL PARCHEGGIO DELLA REDAZIONE DI GIORNALE POP

MOMENTO POP – IL PARCHEGGIO DELLA REDAZIONE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

L'Audace

L’AUDACE PRIMA DI BONELLI

Il terzo settimanale di fumetti dell’aurea “triade” degli anni trenta, dopo Topolino e L’Avventuroso, è L’Audace, uscito nel 1934 per la Saev di Lotario Vecchi e proseguito nella sua forma classica fino al 1940, dopo una breve parentesi mondadoriana. L’Audace non si limitò a essere un giornale di tipo tradizionale. Dopo un esperimento di autogestione da parte dei suoi redattori, si trasformò in albogiornale (una forma ibrida di cui parlerò in futuro) gestito direttamente da Gian Luigi Bonelli, il futuro creatore di Tex, per concludere la propria parabola nel 1944, poco prima dell’alba della Liberazione. Durante il conflitto, su L’Audace, Bonelli tenne a battesimo una nuova forma di fumetto italiano “popolare” con autori appartenenti al gotha dei disegnatori, da Rino Albertarelli a Pa... »

I CHINSON – CONTRADDIZIONI

I CHINSON – CONTRADDIZIONI

. »

Roberto Fabris

LE SAGHE SPACE-FANTASY DI ROBERTO FABRIS – ART POP!

L’ospite di oggi nella rubrica Art Pop! è Roberto Fabris, fumettista amatoriale e collezionista di fumetti. Già fin dagli anni dell’università lo perseguitava il progetto di una storia a fumetti in cui fantascienza e fantasy si fondessero con elementi che prendessero origine dalla mitologia celtica. Ma è solo all’inizio del 2013 che, ritagliando tempi più lunghi nella sua attività professionale di medico e sfruttando la velocità di realizzazione che può dare una tavoletta grafica, ha ripreso il progetto e ha cominciato a pubblicarlo in Rete: si tratta della serie a episodi “Le saghe di Seelhoë”. Qui, sul blog di Roberto Fabris, potete trovare una descrizione dei personaggi che compongono la serie e l’intera produzione pubblicata finora. La cosa non finisce qui, perché nel 2017 Massim... »

GUIDA AI GADGET DI TOPOLINO ENTRATI NELLA LEGGENDA

GUIDA AI GADGET DI TOPOLINO ENTRATI NELLA LEGGENDA

I gadget di Topolino degli ultimi decenni sono ormai dei veri e propri giocattoli. Si va daI pupazzetto o action figure, agli autoveicoli componibili dei personaggi: astronavi, auto, marchingegni dei Bassotti e attrezzature di Paperinik. Un galeone, il castello dei Wizard of Michey e persino l’intera città di Paperopoli con mappa, case e deposito sulla collina Ammazzamotori. I primi gadget di Topolino, quelli degli anni sessanta, settanta e ottanta sono più semplici, ma forse anche più carismatici. Oltre ai vari album di figurine e cataloghi dei giochi in prossimità delle feste natalizie, ci sono medaglie, finte monete, francobolli veri o di metallo, gagliardetti e giochini vari che per noi, bimbi all’epoca, erano omaggi graditissimi. Prima dei gadget di Topolino I primi regali extra-giorn... »

baldoria

MOMENTO POP – BALDORIA

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Apollonio

MIRACOLO A ROMA: GESÙ O APOLLONIO?

Apollonio di Tiana ha fama di essere un sant’uomo, avendo guarito un bambino dal morso di un cane idrofobo e liberato la città di Efeso dalla peste, almeno così sostengono i suoi discepoli. Vive nel primo secolo dopo Cristo nelle terre dell’Impero romano: nato in una regione dell’attuale Turchia, Apollonio si trasferisce per qualche tempo a Roma. Proprio a Roma un giorno vede passare il corteo funebre di una ragazza morta poco prima delle nozze. Guardando il fidanzato piangente e l’afflizione generale dei parenti, Apollonio sembra commuoversi. Ordina di posare la bara in modo che possa mettere fine alle lacrime. Si avvicina al cadavere, lo tocca e sussurra qualche parola finché, all’improvviso, la ragazza riprende vita lanciando un grido. L’antico biografo di Apollonio, Filostrato, c... »

MATITE BLU 127

MATITE BLU 127

. »

stereotipi

GLI STEREOTIPI CHE NON VORREMMO PIÙ VEDERE NEI FILM

Se fossi un regista farei un elenco degli stereotipi da non inserire mai nei miei film. Forse non vincerei l’Oscar ugualmente, ma avrei di sicuro più stima di me stesso di quanta possano averne certi arruffatrame, anche di gran nome, che ci servono da sempre tonnellate di luoghi comuni atti a rendere i loro film più rassicuranti favorendone la prevedibilità, ben consapevoli di prendere gli spettatori per dei poveri sprovveduti. Chissà se gli spettatori se ne rendono conto. Io sì. E allora, fermo restando che non sono un regista, mi autoconferisco il ruolo di rappresentante sindacale degli spettatori paganti raggirati, stilando la lista delle scene viste e riviste che non vorrei vedere più. Quelle almeno che mi vengono in mente. Le altre fatevele venire in mente voi. TUTTO BENE? Una scena c... »

Lobo Kid

LOBO KID, LOREDANO “BILLY BIS” UGOLINI DISEGNA PER BONELLI

Quasi una scoperta Lobo Kid, il fumetto western scritto da Gian Luigi Bonelli e disegnato da Loredano Ugolini. Loredano Ugolini (Firenze, 1927) è un disegnatore dallo stile svelto e accattivante, autore di alcuni personaggi molto popolari realizzati per le testate della Casa Editrice Universo, primo fra tutti Billy Bis, su testi di Antonino Mancuso. A parte una variegata produzione di storie autoconclusive per gli Albi dell’Intrepido dello stesso editore, i suoi character di maggiore successo sono tutti di ambientazione moderna, avventuroso-poliziesca come il su citato Billy Bis e Cristall, o fantascientifica come Junior e Atlas. Al western Loredano Ugolini si è applicato con pochi episodi di Rocky Rider, con Black Jack per le pubblicazioni francesi di Mon Journal e con Lobo Kid, uni... »

Ho ucciso Hitler

MOMENTO POP – HO UCCISO HITLER

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

SINÁN CAPUDÁN PASCIÁ

SINÁN CAPUDÁN PASCIÁ, UN RINNEGATO GENOVESE TRA I GIANNIZZERI

Sinán Capudán Pasciá è un brano del cantautore genovese Fabrizio De André, del quale quest’anno ricorre il ventesimo dalla morte. Nel 1984 pubblicò l’undicesimo album di inediti, Creuza de mä, con la volontà di fare un disco in genovese usando strumenti musicali tradizionali del Mediterraneo. De André unì a sé nell’impresa, come musicista e produttore, Mauro Pagani, un musicista strumentista che ha fatto parte della Premiata Forneria Marconi. Un ricercatore di musica etnica araba. Il disco, che alcuni pensavano sarebbe stato un insuccesso, è in quarta posizione nella classifica di Rolling Stone Italia dei 100 dischi italiani più belli di sempre. In Cina nel 2015 è uscito il libro “Creuza de Mao” di Zhang Changxiao, in arte Sean White. Il libro, che racconta ai... »

TOM & PONSI – 20

TOM & PONSI – 20

. »

AMORE MIO

PV – AMORE MIO

. »

Tags:
Mandrake

MANDRAKE IL MAGO ARRIVA NELL’ITALIA FASCISTA

Abbiamo visto QUI la nascita de L’Avventuroso nel 1934, il settimanale che ha segnato l’arrivo in Italia dei fumetti avventurosi, con Flash Gordon in copertina. Arriviamo al 1935, quando fa il suo ingresso un altro personaggio destinato a lasciare il segno: Mandrake. Le censure ai corpi femminili La trama di Flash Gordon s’infittisce e acquista un minimo di logica: ricompare il dottor Zarro, abbandonato fin dalla seconda tavola, e si costituisce il classico terzetto eroe-ragazza-savant che avrà nei decenni straordinaria fortuna e sarà imitato da innumerevoli autori di fantascienza. Il layout delle tavole di Gordon cambia più volte di impostazione, per offrire sempre maggior spazio all’abilità grafica di Alex Raymond. Appaiono le prime scene di massa, alcuni primi piani e c’è un... »

momento pop paparazzo

MOMENTO POP – PAPARAZZO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Stanley Donen

RICORDANDO IL MAESTRO DEL MUSICAL STANLEY DONEN IN 7 SEQUENZE

È scomparso il 23 febbraio Stanley Donen, uno degli ultimi grandi registi del cinema hollywoodiano classico. Nato il 13 aprile del 1924 nello stato della Carolina del Sud, ha iniziato la carriera artistica negli anni quaranta come ballerino e coreografo, passando poi dietro la macchina da presa per firmare alcuni tra i più riusciti musical della storia. Donen però si è distinto anche in generi diversi da quello che lo ha reso un celebrato maestro. Il modo migliore per ricordarlo è quindi quello di godersi sette sequenze tratte da alcuni dei suoi capolavori. Cominciamo con uno straordinario numero musicale tratto da Un giorno a New York (On the Town, 1949), diretto insieme a Gene Kelly e che segna l’esordio registico di Stanley Donen.   Cantando sotto la pioggia (Singin’ in... »

opinione

I CHINSON – OPINIONE

. »

Japan Magazine

JAPAN MAGAZINE, IL LUNGO PERCORSO DI UNA STRANA RIVISTA

In Italia l’ondata anime di inizio anni novanta portò alla formazione di una coscienza otaku, di una passione precisa rivolta ai prodotti d’intrattenimento di origine giapponese. In quel periodo fiorirono numerose riviste, una delle quali è divenuta celeberrima perché ha attraversato varie fasi fino alla “mania” e fino agli anni duemila. Si tratta di Japan Magazine, rivista famosa anche perché accusata di essere… pirata! Rivediamo assieme la sua storia.   LE PRIME ANNATE Japan Magazine nasce nel 1991. Al prezzo di sole 3000 lire puntava tutto sul colore e sulle (tante) immagini dei nuovi eroi della televisione. Dopo avere presentato un fumetto autoprodotto con i robot nagaiani, iniziò a utilizzare (pare senza autorizzazione) gli anime comic di personaggi ... »

fumetti sexy

GLI STAKANOVISTI DEI FUMETTI SEXY

Durante l’età d’oro del fumetto, negli anni settanta, quando l’Italia è la nazione dove si vendevano più fumetti nel mondo, a Milano ci sono diverse case editrici di grandezza media che se la passano piuttosto bene. Quelle specializzate nei fumetti sexy sono la Edifumetto di Renzo Barbieri, con sede in via Francesco Redi 22, e la Ediperiodici di Giorgio Cavedon, in via Ermanno Barigozzi 2. Inizialmente, nella seconda metà degli anni sessanta, Barbieri e Cavedon avevano un’unica casa editrice: la Erregi. L’apogeo dei fumetti sexy Negli anni settanta Barbieri e Cavedon pubblicano più di una trentina di tascabili al mese con fumetti sexy, contribuendo a forgiare indelebilmente l’immaginario collettivo di generazioni di lettori. La critica ai tempi, nei rari casi in cui li prende i... »

FELICE E SENZA PENSIERI

MOMENTO POP – FELICE E SENZA PENSIERI

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Alita - Angelo della battaglia

ALITA – ANGELO DELLA BATTAGLIA, FILM VECCHIO MA PIACEVOLE

C’era una volta un futuro lontano lontano che con il passare degli anni è diventato vecchiume, abusatissimo vecchiume: questa è una delle cose che più mi ha disturbato di Alita – Angelo della battaglia. Un film tutto sommato piacevole e divertente, che avrebbe potuto essere un gran film. Invece (voglia di sbattersi zero) tutto si riduce a un bel film. Ma facciamo un attimo un passo indietro, ok? Tra il 1975 e il 1985 una selva di personaggi come John Shirley, Bruce Sterling e Phillip K. Dick, hanno dato libero sfogo alla paranoia gettando le basi per un nuovo genere. La cui effettiva codifica risale al 1982, anno in cui esce Blade Runner, e il 1984, in cui esce Neuromante di William Gibson. Due opere che hanno definitivamente fissato i canoni del genere, dandogli rispettivamente un’e... »

MATITE BLU 126

MATITE BLU 126

. »

JOURNAL 29, SESSANTATRÉ ENIGMI PER UN MISTERO

JOURNAL 29, SESSANTATRÉ ENIGMI PER UN MISTERO

Per 28 settimane un segretissimo scavo non ha dato alcun risultato, ma alla ventinovesima accade qualcosa di inatteso e impensato: il gruppo impegnato nelle ricerche scompare misteriosamente, lasciando dietro di sé solo il diario dei lavori: il Journal 29. Per svelare il mistero che si cela dietro a questa misteriosa sparizione, sarà necessario risolvere gli enigmi lasciati sul diario, ma l’impresa è più complessa del previsto.   Journal 29 è un appassionante libro di puzzle interattivi, che possiamo definire come una sorta di escape room in forma cartacea che, attraverso sessantatré rompicapi, sfiderà la mente e il cervello di chi deciderà di intraprendere la storia che li lega, per giungere alla sua conclusione e svelarne il mistero. Nessuno degli enigmi è decifrabile nello stesso m... »

Eleonora Giorgi

ELEONORA GIORGI, REGINETTA DEI FILM SEXY IN 20 SEQUENZE

Poniamo il caso che qualche settimana fa un extraterrestre sia atterrato sul nostro pianeta, in Italia per la precisione, e che gli sia capitato di ascoltare il trailer radiofonico di un film (Non ci resta che il crimine), nel quale il nome dell’interprete femminile (Ilenia Pastorelli) non veniva nemmeno citato. Ebbene, l’extraterrestre in questione faticherebbe a credere che all’incirca quattro decenni or sono i produttori del nostro Paese puntavano anche sulle giovani attrici per realizzare pellicole di successo. A volte succedeva persino che, sempre con la giovane attrice protagonista (e citata nel trailer), ci scappasse pure un ottimo film (strano a dirsi, oggi non accade quasi mai). Ma le cose cambiano, commenterà qualcuno, e oltretutto pure il cinema di quell’... »

COLTIVARE

MOMENTO POP – COME COLTIVARE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Sin City

SIN CITY È L’ULTIMO CAPOLAVORO DELLA STORIA DEL FUMETTO?

La saga di Sin City abbraccia e in qualche modo definisce gli anni novanta del fumetto americano, gli anni degli eccessi e delle estremizzazioni. Una serie di episodi dove l’esagerazione regna sovrana e la verosimiglianza diventa un disvalore. Tutto è spinto al limite, stravolto, dopato. A cominciare dal vocabolario grafico basato su forti contrasti di bianco e nero mai visti prima, a cui Frank Miller arriva portando al limite le lezioni di due grandi come Will Eisner e Jim Steranko. Le storie di Sin City si potrebbero essere definite neonoir, dato che l’atmosfera generale si discosta dalla classica narrativa hard boiled pur mantenendo con essa degli agganci ben evidenti. Questa debordante epopea urbana è stata raccolta in sette imperdibili volumi, guardiamoli da vicino. Il duro addio R... »

TOM & PONSI – 19

TOM & PONSI – 19

. »

DOVE SEI?

PV – DOVE SEI?

. »

Tags:
Walter Rossi

WALTER ROSSI, LA POESIA DELLA NATURA E DEGLI OGGETTI

Conobbi Walter Rossi molto tempo fa, durante una Mostra del Disco in cui esponevo alcuni miei vinili rari. Rideva, rideva tanto, e con la sua voce un po’ afona diceva di essere un mio assiduo radioascoltatore. Io ero distratto dai vari visitatori che si fermavano al mio stand per lo stesso motivo. Ero impegnato a conversare con una stangona stivaluta, ma lui non si perse d’animo, restò in zona e in un momento di calma ripartì all’attacco. E allora seppi che era un avvocato ma anche un poeta. Mi porse un suo libro di poesie con una bella dedica per me. E rideva rubicondo ripetendo alcuni miei tormentoni radiofonici. Non sapevo che come persona sarebbe diventato uno dei miei più cari amici, e come avvocato mi avrebbe fatto stravincere una causa altrimenti persa. Walter, amico e confidente di... »

Pagina 2 di 981234»