MORTAL KOMBAT 2021, QUALCOSA NON QUADRA

MORTAL KOMBAT 2021, QUALCOSA NON QUADRA

Metti che c’è voluto un quarto di secolo per vedere un nuovo film di Mortal Kombat. Da qui in poi Mortal Kombat 2021, giusto per distinguerlo dal Mortal Kombat del 1995, quello di Paul W. S. Anderson. Metti che, sì, ci sono voluti più di venticinque anni e sì, il risultato tutto sommato non è male. Il problema è che Mortal Kombat 2021 non è male. Insomma… arrivato ai titoli di coda uno non può fare a meno di chiedersi una cosa. Anni e anni e anni ad aspettare e alla fine questo è il risultato?   Mortal Kombat 2021 – L’anno del contatto Il fatto è che film come Mortal Kombat 2021 arrivano sempre con il proverbiale bastimento carico-carico di dubbi e incertezze. Sempre, o quasi, si rivelano delle incognite, tra l’altro pure abbastanza pericolose. Nella migliore delle ipotesi c’è s... »

FUORI LUOGO

PV – FUORI LUOGO

.   »

Tags:
LA FALSA RIPARTENZA DI MARTIN MYSTÈRE

LA FALSA RIPARTENZA DI MARTIN MYSTÈRE

Sempre curioso di quello che si muove nel mondo del fumetto, ho acquistato il primo numero del “nuovo corso” di Martin Mystère. Sinceramente, mi è sembrato un passo falso. Piccolo riassunto: nato negli anni ottanta, Martin Mystère fu il primo personaggio “attuale” di quegli anni in casa Bonelli accanto a vari western e a Mister No, che era comunque ambientato negli anni cinquanta. Univa l’avventura ai misteri che si potevano trovare sui saggi “fanta-archeologici” di Peter Kolosimo. Con gli anni il lato avventuroso si era un po’ rarefatto, il protagonista si era un po’ imborghesito e il testo era diventato sempre più verboso. La generale crisi di vendite e l’inevitabile stanchezza delle serie di lunga durata (Martin Mystère si appr... »

POP! CONTESTAZIONE SOLIDALE

POP! CONTESTAZIONE SOLIDALE

Visita il gruppo satirico Momento Pop cliccando QUI   »

LA FOTO “FAKE” DI PIETRO VALPREDA

LA FOTO “FAKE” DI PIETRO VALPREDA

L’anarchico Pietro Valpreda era stato arrestato come sospetto responsabile della strage avvenuta nel 1969 alla Banca nazionale dell’agricoltura in piazza Fontana, a Milano. In seguito Valpreda verrà assolto – NdR. Nel settembre del 2000, sul quotidiano La Repubblica compare un articolo dal titolo: «È lui. Così fu riconosciuto “il mostro” Pietro Valpreda – Ritrovata l’incredibile foto del confronto all’americana». L’immagine proposta ai lettori è quella che potete vedere sotto: Pietro Valpreda, spettinato e non proprio elegante, in riga assieme a quattro uomini ben vestiti e preparati.   L’articolo afferma che si tratta di una fotografia del controverso confronto avvenuto a Roma il 16 dicembre 1969, quando il tassista Cornelio Rolandi puntò il dito contro l’anarchico ... »

QUANTO VENDE TEX – LA POSTA

QUANTO VENDE TEX – LA POSTA

Le vendite di Tex Egregio direttore, si sa qualcosa delle vendite totali di Tex? Alessio Gentile Alessio, Mauro Boselli, curatore e sceneggiatore di Tex, nel 2017 era intervenuto su Giornale POP (vedi QUI) dicendo che Tex vendeva tra le 170mila e le 180mila copie, e che ne perdeva 5mila l’anno. Adesso, quattro anni dopo, Tex dovrebbe quindi vendere dalle 160mila alle 150mila copie. Anche se voci ben informate lo danno sulle 120mila… In ogni caso Tex rimane il fumetto di gran lunga più venduto della Bonelli, sia perché è sempre stato così, sia perché non lo coinvolgono in mode di marketing fuori luogo. Certo, sarebbe ora che la Bonelli puntasse davvero su nuovi personaggi indirizzati a un pubblico più giovane, che ama poco o nulla il western, ma sempre sul solco della tradizione... »

GUNDAM, LA LUNGA ASSENZA E IL RITORNO

GUNDAM, LA LUNGA ASSENZA E IL RITORNO

Anno 79 dell’era spaziale… e il mondo dell’animazione robotica non fu più lo stesso. È già trascorso mezzo secolo da quando, a causa della sovrappopolazione, parte dell’umanità  fu costretta a trasferirsi su gigantesche isole spaziali che ruotano come satelliti intorno alla Terra. Queste isole sono diventate ormai la seconda patria per queste popolazioni che vivono, lavorano, muoiono… Anno 79 dell’era spaziale: Side 3, il gruppo delle isole spaziali più lontano dalla Terra, si è autonominato Principato di Zeon. Ha dichiarato la propria indipendenza e tentato con la forza di sottomettere le altre isole spaziali. Una guerra spaventosa è scoppiata tra la Confederazione delle Isole Spaziali e il Principato di Zeon. I combattimenti, nel solo primo mese di guerra, hanno causato la morte di oltre... »

POP! VERSIONE NETFLIX

POP! VERSIONE NETFLIX

Visita il gruppo satirico Momento Pop cliccando QUI   »

PARANOID, I BLACK SABBATH SEGNANO IL ROCK

PARANOID, I BLACK SABBATH SEGNANO IL ROCK

Nel gennaio del 1970, i Black Sabbath pubblicano Evil Woman (Don’t Play Your Games with Me), cover della hit della band di Minneapolis Crow, uscita l’anno precedente e oggetto di un rifacimento anche da parte del duo Ike & Tina Turner, sempre nel 1970 (e nel 2021 anche dei Saxon, sul disco Ispiration). Registrato ai celebri Trident Studios di Soho, a Londra (che ospitarono anche David Bowie, Lou Reed, Queen, Frank Zappa, Genesis e molti altri artisti di rilievo), il singolo esce su etichetta Fontana Records, una sussidiaria della Philips Records, per cui la band ha firmato nel novembre 1969. Sempre in quel periodo i Black Sabbath suonano quattro brani su Bbc Radio One nel programma radiofonico Top Gear, del celebre disc jockey e presentatore John Peel: Black Sabbath, N.I.B., Behind the... »

MATITE BLU 246

MATITE BLU 246

. »

BONNIE E CLYDE, LA VERA STORIA

BONNIE E CLYDE, LA VERA STORIA

Dietro gli alberi che costeggiano una strada di campagna della Louisiana sono nascosti sei nervosi agenti armati. A guidarli è Frank Hamer, un capitano dei ranger in pensione richiamato in servizio per catturare Bonnie e Clyde, i due famigerati criminali. Da un momento all’altro dovrebbe passare la loro Ford otto cilindri color grigio topo. Ad Hamer lo ha rivelato un complice che li ha traditi. È il mattino del 23 maggio 1934 e la maggior parte di quei sei vorrebbe essere altrove, invece di affrontare una coppia che ha ucciso almeno 13 persone. All’arrivo della macchina, tutte le dita stringono pronte i grilletti. Clyde indossa un paio di occhiali da sole e guida senza scarpe. Bonnie ha un cappello rosso e bianco, rossi sono anche il vestito e le scarpe. Sta sfogliando una rivi... »

PERSEPOLIS: STORIA DI UNA DONNA INDOMITA

PERSEPOLIS: STORIA DI UNA DONNA INDOMITA

Persepolis è un fumetto scritto (in lingua francese) e disegnato dall’autrice iraniana Marjane Satrapi. Il titolo originale è Persepolis, histoire d’une femme insoumise, cioè Persepolis, storia di una donna indomita. È stato scritto in due parti dal 2000 al 2003. In Italia è stato pubblicato per la prima volta dal 2002 al 2003.   Persepolis è un’autobiografia ambientata per buona parte in Iran e per una piccola parte in Europa, a Vienna. Inizia alla fine degli anni settanta e tratta il periodo della rivoluzione iraniana e la successiva guerra Iran-Iraq.   Negli anni settanta l’Iran era un paese piuttosto libero, dove le donne potevano lavorare fuori casa e indossare quello che credevano.   Mohamad Reza Palhavi era lo scià, cioè il re dell’Iran. ... »

POP! LO FERMA SOLO LA KRYPTONITE

POP! LO FERMA SOLO LA KRYPTONITE

Visita il gruppo satirico Momento Pop cliccando QUI   »

PITCH BLACK, UN CULT CON TROPPE COINCIDENZE

PITCH BLACK, UN CULT CON TROPPE COINCIDENZE

Pitch Black è la prova che David Twohy aveva ragione: chi fa da sé, fa per tre. Siamo nel 1992 e la sua, fra le millemila già scartate fino a quel momento, si trova a tanto così da essere la sceneggiatura definitiva di Alien 3. Peccato che il regista, Vincent Ward, altro fra i millemila avvicendatisi prima di David Fincher, mandò tutto all’aceto. E va be’, cose che capitano. Passano gli anni e Twohy continua a scrivere: Il fuggitivo (The Fugitive), Soldato Jane (GI Jane), persino Waterworld.   Pitch Black è il successo nel buio   Morale della favola, ce l’aveva piene a tre quarti di gente che, quando non gliele rimbalzavano, nella migliore delle ipotesi facevano solo cagnara con la roba scritta da lui. Quindi, più o meno nel 1998 David Twohy decide di farselo direttamente lui il ... »

PV - POTATURE

PV – POTATURE

.   »

Tags:
I PRIMI CENTO NUMERI DEI VENDICATORI

I PRIMI CENTO NUMERI DEI VENDICATORI

Parliamo dei Vendicatori (The Avengers), “gli eroi più potenti della Terra”. Nel corso degli anni, dal 1963 a oggi, più di cento personaggi hanno fatto parte della squadra, con una ventina di membri onorari e quasi 50 che hanno avuto o hanno tuttora una propria testata personale. Dopo i successi del Marvel cinematic universe, i Vendicatori sono il gruppo di supereroi più famoso di sempre. La loro è una storia fatta di intuizioni geniali e ripensamenti, di unioni e abbandoni, di litigi e di amori. Una storia le cui fondamenta vengono gettate nel settembre 1963, uno degli anni più creativi della Casa delle idee. L’idea di partenza era quella di ispirarsi a quello che aveva fatto la Dc Comics con la Justice League: mettere insieme gli eroi della casa editrice (che allora erano anc... »

cartongesso

LA MIGLIORE QUALITÀ DI CARTONGESSO

Cos’è e perché si usa il cartongesso? Sei alla ricerca di un materiale da costruzione economico e facile da reperire? Una delle migliori soluzioni è il cartongesso. Il profilo in cartongesso è un ottimo materiale che ha trovato largo impiego nell’edilizia leggera. Questo prodotto è formato da gesso incastonato in fogli di cartone, al centro del quale si trova un’intercapedine che viene riempito di materiale isolante. Il gesso è trattato con particolari resine che conferiscono al materiale maggiore resistenza e un miglior assorbimento acustico e termico. Lo spessore dei pannelli varia in base alle esigenze tecniche di cui si ha bisogno. Il cartongesso è un ottimo prodotto in termini di resistenza nel tempo e velocità d’installazione, ma è anche largamente utilizzato ... »

POP! BUONI CONSIGLI

POP! BUONI CONSIGLI

Visita il gruppo satirico Momento Pop cliccando QUI   »

COME COSTRUIRE UN “FIGLIO DI”

COME COSTRUIRE UN “FIGLIO DI”

Per “figli di” intendiamo i figli di persone importanti che usano il loro potere per spingerli e proteggerli. Quello che gli altri si aspettano da noi influisce sul nostro destino. È necessario, però, che chi crede nelle possibilità di un giovane gli offra stimoli, ma gli consenta anche di imparare da solo. Coloro che sono considerati poco promettenti vengono segnati da questo pregiudizio. Si calcola che la “predizione” influisca per il 30% sulla riuscita di una persona o sul suo fallimento. Il pregiudizio sulla riuscita di uno studente viene comunicato anche in modo non esplicito. Raccomandare il proprio rampollo, spingere gli insegnanti a fare delle preferenze, usare mezzi disonesti per farlo emergere è per il figlio una prova che i suoi genitori non si fidano del... »

VASCO NON C’ENTRA CON BONELLI – LA POSTA

VASCO NON C’ENTRA CON BONELLI – LA POSTA

Che ci azzeccano Vasco Rossi e Dylan Dog? Gentile direttore: 1) Perché negli anni ottanta le vendite di Topolino aumentarono a dismisura? Le storie non mi sembravano migliori di quelle degli anni settanta. Anzi, in quel periodo va in pensione lo sceneggiatore Guido Martina. 2) Che ne pensa dell’iniziativa “Vasco Rossi incontra Dylan Dog”? Marco Gentile Marco, no, Topolino vendeva molto di più negli anni settanta. Non bisogna confondere il record di vendite di un singolo numero dovuto a un gadget in regalo con le medie annuali. Dal mio fondamentale articolo “Negli anni settanta i fumetti italiani erano i più venduti del mondo” traggo questi dati certificati delle copie vendute di Topolino. 1976 – 750.482 1977 – 692.962 1978 – 630.326 1979 – 632.020 1980 – 540.550 198... »

VENOM IN TUTTE LE SUE COMBINAZIONI

VENOM IN TUTTE LE SUE COMBINAZIONI

A volte capita che un personaggio abbia un successo tale da superare le aspettative dei propri autori. Questo è quanto accaduto a Venom, uno dei principali nemici dell’Uomo Ragno, che negli anni novanta ha visto la propria fama crescere a dismisura. Tanto da diventare, in quel periodo, uno dei personaggi più noti di tutta la Marvel.   Il costume vivente Generalmente la creazione di Venom viene attribuita a David Michelinie (testi) e Todd McFarlene (disegni), ma Michelinie ritiene che non si debba attribuire tutta questa paternità al celebre disegnatore canadese, in quando Venom di fatto indossa il costume nero appartenuto già in precedenza all’Uomo Ragno, molto prima che McFarlane lavorasse alla Marvel. In effetti, il costume nero apparve sulle pagine di Amazing Spider-Man... »

collegamenti

POP! COLLEGAMENTI

Visita il gruppo satirico Momento Pop cliccando QUI   »

THE DEUCE, LA VIA DEL PORNO A NEW YORK

THE DEUCE, LA VIA DEL PORNO A NEW YORK

The Deuce, il diavolo. Così negli anni settanta i newyorkesi chiamavano la Quarantaduesima strada, quella che taglia a sud Times Square, un tempo tra le zone più malfamate di tutti gli States, agli antipodi della sgargiante vetrina commerciale divenuta oggi. Qui il mercato del sesso di tutta la città prosperava. Proprio The Deuce si intitola la serie tv Hbo, nata dalla penna di David Simon (The Corner, The Wire, Treme) e George Pelecanos. Racconto di una città che palpita come un cuore strappato da un corpo vivo, palcoscenico artificiale in cui ogni cosa si innalza all’apoteosi, solitudine e abomini, affari e speranze, violenza e libertà.   The Deuce tra il 1971 e la fine degli anni ottanta La via del porno, questo il sottotitolo della versione italiana andata in onda su Sky-Atlantic.... »

MATITE BLU 245

MATITE BLU 245

.   »

DÜRRENMATT, IL GIOCO DE LA CADUTA

DÜRRENMATT, IL POTERE DE LA CADUTA

Dürrenmatt non è uno scrittore di letteratura fantastica, ma nel breve romanzo La caduta utilizza una metafora in modo così magistrale che i lettori di Immaginario non potranno non apprezzarla.   Secondo Jorge Luis Borges, “¿En qué reside el encanto de los cuentos fantásticos ? Reside, creo, en el hecho de que no son invenciones arbitrarias, porque si fueran invenciones arbitrarias su número sería infinito ; reside en el hecho de que, siendo fantásticos, son símbolos de nosotros, de nuestra vida, del universo, de lo inestable y misterioso de nuestra vida y todo esto nos lleva de la literatura a la filosofía” (“In cosa risiede il fascino dei racconti fantastici? Risiede, io credo, nel fatto che non sono invenzioni arbitrarie, perché se fossero invenzioni arbitrarie il loro ... »

L’ESTETICA NAZISTA

L’ESTETICA NAZISTA

La grafica, le divise militari, i manifesti di propaganda e il resto dell'immaginario nazista derivano in gran parte dall'arte che Hitler aveva bollato come "degenerata". »

BETTY BOOP, IL MODELLO DI MARILYN MONROE

BETTY BOOP, IL MODELLO DI MARILYN MONROE

L’America di Betty Boop del 1931 è travagliata dalla grande crisi economica iniziata due anni prima. I cittadini hanno bisogno di qualcosa che li affranchi, almeno momentaneamente, dalla pesante realtà quotidiana. Il cinema si gioca l’arma della “sex bomb”. Un’intera generazione di vamp cinematografiche riempie gli schermi di seni procaci e bocche carnose, anche il cinema d’animazione troverà la sua icona sexy. Prima era una cagnolina L’arma di distrazione di massa è una giovane provocante e piena di malizia, dal corpo esuberante e dalla boccuccia a forma di cuore. Sì, il suo nome è Betty Boop. Dopo una falsa partenza in cui veniva presentata come una barboncina, nel cortometraggio Dizzy Dishes del 1930, gli animatori Max e Dave Fleischer (che in seguito saranno apprezzati sopr... »

PANTERA NERA, IL DESTINO DI UN EROE AFRICANO

PANTERA NERA, IL DESTINO DI UN EROE AFRICANO

Pantera Nera è un personaggio molto particolare. Legittimo re dello stato immaginario del Wakanda, è il primo grande supereroe africano che fa del proprio bagaglio culturale, così diverso da quello degli altri eroi, la fonte del proprio orgoglio. Esistono altri eroi che traggono la propria origine da culture e mitologie non americane, si pensi a Thor o Wonder Woman, legati ai miti norreni o greci. Oppure a Moon Knight e Hawkman, entrambi legati all’Antico Egitto. Ma in questi casi il personaggio va a vivere ed interagire in America, terra in cui avvengono le storie di supereroi. Invece Pantera Nera è un eroe che vive e lotta nel proprio continente in difesa del proprio popolo, orgoglioso paladino e ambasciatore del continente nero.   Le origini di Pantera Nera Pantera Nera è sta... »

POP! 4 MODI PER FISSARE I CAPELLI

POP! 4 MODI PER FISSARE I CAPELLI

Visita il gruppo satirico Momento Pop cliccando QUI   »

DAL TRAMONTO ALL’ALBA, CRIMINALI E VAMPIRI DI TARANTINO

DAL TRAMONTO ALL’ALBA, CRIMINALI E VAMPIRI DI TARANTINO

Dal tramonto all’alba (From Dusk till Dawn) molto probabilmente è la sintesi della cifra stilistica di Quentin Tarantino come autore. Questo perché spesso “prendere ispirazione da…” significa copiare da chi è meglio di te. In questo senso nessuno è meglio di Quentin Tarantino nel cercare ispirazione un po’ ovunque. Dopotutto ha sempre ammesso di essere un grande appassionato di certi generi. Dal tramonto all’alba con Clooney e Tarantino Generi come il giallo all’italiana, per esempio. Oppure lo spaghetti western. I vecchi film Wuxia e Gongfu, tanto per dirne qualcun’altro. Tutta roba da cui attinge spunti e idee per i suoi lavori. Da questo deriva la peculiare caratteristica di Tarantino. Ovvero, prendere cose alla cazzomannaggia, che di primo acchito non hanno nulla da spartire tra ... »

Pagina 2 di 1541234»