mitologia giapponese

L’INFLUENZA DELLA MITOLOGIA GIAPPONESE NEI MEDIA

Da dove vengono molti dei mostri e delle creature fantastiche presenti nei manga e negli anime? La risposta è semplice: dalla mitologia giapponese. Bisogna tenere presente che il Giappone è un paese animista e politeista, quindi ricco di spiriti e divinità di vario tipo che risalgono all’antichità. A differenza dell’Occidente, dove le credenze antiche sono state spazzate via dalla religione cristiana.   La mitologia giapponese è sempre viva La mitologia giapponese è chiamata Shin-to’, dottrina degli spiriti. Molte storie leggendarie sono state tramandate di generazione in generazione, rimanendo fedeli nel tempo. Un elemento caratterizzante della mitologia giapponese è la funzione di alcune figure che non sono solo eroi, mostri o semidei come nella religione greco-ro... »

perdere

PV – PERDERE

. »

Tags:
Il Mucchio Selvaggio

UN REMAKE PER IL (DIMENTICATO) MUCCHIO SELVAGGIO?

Nel giugno di 50 anni fa usciva nelle sale Il Mucchio Selvaggio, l’ultimo grande western classico, nonché il film con cui il (cattivo) maestro Sam Peckinpah si rimboccò le maniche e mise in riga tutti i registi di questo mondo su come si girano le scene d’azione.     Oggi, che si vocifera di un remake affidato a Mel Gibson, ripercorriamo la storia dell’originale e del suo regista     Come? Non avete mai sentito nominare Il Mucchio Selvaggio?!? Beh, non mi stupisce. Cosa si può pretendere da una generazione che non ricorda nulla che sia stato girato prima di Matrix? Se mai è esistito un regista fondamentale quanto dimenticato questi è Samuel David Peckinpah (1925-1984). E se mai un film si può definire “capolavoro” nel vero senso del termine (cioè di “lavoro a cui fare c... »

tango

POP – TANGO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Evangelion

COME SBAGLIARE L’ADATTAMENTO DI EVANGELION

È la polemica dell’estate: della nuova versione Netflix di Neon Genesis Evangelion ne hanno parlato anche i quotidiani nazionali. Nell’occhio del ciclone c’è l’adattatore italiano Gualtiero Cannarsi, colpito da aspre critiche, e che si è prestato a due lunghe sessioni live dove ha esposto le motivazioni dietro le sue scelte. Ora vi dirò perché, per me, il lavoro di Cannarsi è sbagliato (sotto diversi profili). Intanto, con un messaggio su Facebook, Netflix annuncia di aver tolto il nuovo doppiaggio. Chi ha visto/ascoltato le due live dove vari youtuber hanno dialogato con Cannarsi, avrà notato come quest’ultimo tenda ad assurgere a “personaggio”. Dopotutto, adattare in un certo modo i film dello Studio Ghibli (da ora in poi Stadio Gibli: si pronunc... »

Salgari e Kinowa

KINOWA, FIGLIO ILLEGITTIMO DI SALGARI

La cosa era risaputa in una ristretta cerchia di appassionati: per creare il personaggio di Kinowa nel 1950, lo sceneggiatore Andrea Lavezzolo si era pesantemente ispirato a un romanzo di Emilio Salgari, l’autore di Sandokan e del Corsaro Nero. Il romanzo in questione è “Avventure fra le pelli-rosse”, uscito mezzo secolo prima, nel 1900.     Il bello è che, in un gioco di “prestiti” fin troppo abituale nel mondo della letteratura, anche Emilio Salgari aveva attinto a un’opera precedente, uno dei primi romanzi western, “Nick of the Woods, or The Jibbenainosay: A Tale of Kentucky” (1837) di Robert Montgomery Bird. Salgari sforbiciò e alleggerì l’opera, eccessivamente complicata, conservandone comunque la trama di fondo che vede ... »

i film politici

I FILM POLITICI DEGLI ANNI SETTANTA

Negli anni settanta si diceva che “il privato è politico”, quindi non deve certo stupire se in quel periodo furono girati precchi film politici. L’Enciclopedia Treccani spiega che questo tipo di cinema racconta e analizza la condizione umana di fronte al potere e che si oppone alle verità imposte dalla “storia ufficiale”, offrendo, grazie alla forza stessa del suo linguaggio, altri e inediti punti di vista, altre modalità di narrazione e di rappresentazione del reale.   Film politici o di impegno sociale I film politici sono stati definiti anche cinema di impegno civile o di denuncia, o ancora cinema militante, a rimarcarne la stretta vicinanza alle rivolte politiche della fine degli anni sessanta. Con la politicizzazione sempre più spinta della società i... »

KISS ME

POP – KISS ME

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Batman Last Knight

BATMAN LAST KNIGHT, L’ULTIMA AVVENTURA

Batman Last Knight on Earth inizia in modo piuttosto classico, con una voce fuori campo mentre l’uomo pipistrello è intento a indagare per le strade di una Gotham buia e piovosa. Capiremo ben presto che le cose non sono così definite come sembrano, qualcosa di molto diverso dal solito è in atto: Bruce Wayne si sveglia nel manicomio di Arkham e i presenti lo trattano come se fosse pazzo, è molto giovane e, soprattutto, non è mai stato Batman.     Da questo incipit prende il via una storia divisa in due tronconi. Una che vede Batman vagare per un mondo devastato, cercando di capire cosa ha portato alle catastrofiche condizioni in cui versa la Terra. Nell’altra, Bruce Wayne è rinchiuso in manicomio e cerca di capire quale sia il suo passato e chi sia veramente. La storia di Sc... »

MATITE BLU 144

MATITE BLU 144

. »

Nello Rossati

LA NIPOTE E L’INFERMIERA DI NELLO ROSSATI

Nello Rossati (Adria, Rovigo 1942 – Roma, 2009) è un regista che merita di essere rivalutato per alcune pellicole interessanti nell’ambito della commedia sexy e dell’erotismo puro. Frequenta l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica e comincia a lavorare in teatro prima come aiuto regista di Albertazzi, Zeffirelli, Squarzina e Patroni Griffi, successivamente come attore e regista di opere interpretate da Salvo Randone e Nando Gazzolo.   Nello Rossati nel cinema di genere degli anni settanta Scopre il cinema nel 1971, prima come sceneggiatore (Il giorno del giudizio e Acquasanta Joe) e infine come regista per girare l’erotico a basso costo Bella di giorno, moglie di notte che riscuote grande successo. Si tratta di un dramma di costume con qualche nota satirica che racconta ... »

supereroi Valiant

I FILM SUI SUPEREROI VALIANT PRODOTTI CON CAPITALI CINESI

Dopo Marvel e Dc, stanno per arrivare i film con i supereroi Valiant… prodotti con soldi cinesi! In una fase come questa in cui si parla sempre più spesso di “nuova via della seta” e dei conseguenti investimenti della Cina in Europa, con una verve che infiamma gli schieramenti politici dividendo i due partiti che sostengono il governo, pochi si sono accorti che il colosso asiatico sta investendo anche in un settore che sembrerebbe del tutto occidentale: i cinecomic, i film tratti dai fumetti dei supereroi.   I film Marvel sfondano in Cina I Marvel Studios, casa di produzione cinematografica della Disney che produce film sui supereroi Marvel, si sono già detti pronti a girare in Cina un progetto incentrato su Shang-Chi, Maestro del kung-fu, supereroe ispirato a Bruce Lee creato n... »

l'uomo con il randello

POP – L’UOMO CON IL RANDELLO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI   »

Ilenia Pastorelli e le altre del Grande Fratello

ILENIA PASTORELLI E LE ALTRE DEL GRANDE FRATELLO

Nel 2000 su Canale 5 va in onda una novità assoluta per la nostra televisione. La versione italiana del format olandese Big Brother, da noi diventato ovviamente Grande Fratello. Da allora Mediaset ha trasmesso altre quindici edizioni del reality show. È abbastanza evidente che il Grande Fratello sia stato in varie occasioni utilizzato per dare visibilità e lanciare alcune partecipanti che avevano avuto precedenti esperienze televisive o comunque nel mondo dello spettacolo.   Ilenia Pastorelli L’idea, generalmente piuttosto diffusa, è che una ragazza di particolare bellezza che cerchi di affermarsi in ambito televisivo o cinematografico abbia, quando va bene, scarse capacità artistiche. L’essere reduce dal Grande Fratello viene ritenuta un’aggravante. In alcuni casi p... »

TOM & PONSI – 37

TOM & PONSI – 37

. »

threesome

PV – THREESOME

. »

Crepax su Galaxy

CREPAX, LE COPERTINE FANTASCIENTIFICHE DI GALAXY

Forse non tutti sanno che la più importante rivista di fantascienza americana del dopoguerra, Galaxy Science Fiction, si deve a un editore italiano. Cino Del Duca, il fondatore di quella che sarà la Casa Editrice Universo, dopo avere lanciato diversi settimanali nel campo del fumetto come La Risata, Il Monello e Intrepido, negli anni Trenta si trasferisce in Francia diventando uno dei più grandi editori dei periodici generalisti di quel Paese (in tempi recenti passati alla Mondadori France). Lasciata l’azienda italiana ai fratelli Alceo e Domenico, nel 1951 cerca di espandersi anche negli Stati Uniti pubblicando senza successo la rivista femminile Fascination, ispirata all’italiana Intimità, e appunto, Galaxy, che comunque consegna a un altro editore dopo il primo anno di vita ... »

surfing in Italy

POP – SURFING IN ITALY

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

LA SINDROME DI STOCCOLMA PRENDE IN OSTAGGIO

LA SINDROME DI STOCCOLMA PRENDE IN OSTAGGIO

La sindrome di Stoccolma, insieme al complesso di Edipo, è forse il disturbo psichico più citato dalla fiction. Chi ne è colpito prova un sentimento di affezione nei confronti del proprio sequestratore. Ma perché si chiama “sindrome di Stoccolma”?     Il 23 agosto 1973 Jan-Erik Olsson, un trentaduenne evaso dal carcere di Stoccolma dove era detenuto per furto, tenta una rapina nella banca Sveriges Kredit di Stoccolma, prendendo in ostaggio tre donne e un uomo. In questi drammatici momenti i sequestrati diventano amici di Olsson, lo difendono quando alla fine viene catturato dalle Forze dell’Ordine e infine lo vanno a trovare in prigione. Il criminologo e psicologo Nils Bejerot battezza questo fenomeno “sindrome di Stoccolma”: da allora verrà osservato in circa il trenta per cento... »

anni Settanta

LA MUSICA DEGLI ANNI SETTANTA

Insoddisfatto del mondo circostante e della mia vita adulta, tempo fa ho deciso di trasferirmi stabilmente indietro nel tempo, nel giugno del 1976. Se fosse ancora vivo, il mio analista non ne sarebbe forse contento, ma da uomo di ampie vedute non ne sarebbe neppure scandalizzato. È una scelta che presenta numerosi aspetti positivi. Soprattutto non si invecchia: la percezione di sé è piuttosto stabile, basta non farsi fotografare. Niente vieta di scorrazzare nel tempo attuale e recente per poi rifugiarsi nella tiepida tarda primavera del 1976. Con un po’ di pratica, l’illusione della eterna adolescenza diventa perfettamente appagante. Vivendo nel pieno di un altro decennio ho modo di osservarne dal vivo la cultura e l’arte, e oggi voglio parlarvi alla rinfusa della musica... »

IL CINEMA FANTASCIENTIFICO ITALIANO

IL CINEMA FANTASCIENTIFICO ITALIANO DEGLI ANNI SESSANTA

Il cinema italiano di fantascienza è, con alcune eccezioni, un cinema di serie B. Nato sulla scia dei grandi successi della fantascienza americana degli anni cinquanta, si tratta di un cinema caratterizzato da budget estremamente ridotti, che se da una parte limitavano molto l’utilizzo di effetti speciali dall’altra avevano il pregio di esaltare la creatività e l’ingegnosità degli autori costretti a supplire con la loro fantasia le scarse risorse economiche.   Il cinema italiano ci prova senza convinzione Quello che molti ritengono il primo film italiano di fantascienza giunge relativamente tardi, nel 1958: La morte viene dallo spazio di Paolo Heusch, sulla minaccia portata alla Terra da una pioggia di asteroidi. Non che negli anni precedenti il filone fosse stato completamente ... »

URBAN SPLATTER

POP – URBAN SPLATTER

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Giffen

GIFFEN E DEMATTEIS: LEZIONI DI SCENEGGIATURA

Al pubblico piacciono i fumetti vivaci, agli autori quelli tristi. Oggi che gli autori fanno quello che vogliono in Italia, negli Stati Uniti e altrove, leggere fumetti e stringersi le parti basse è diventato un tutt’uno. Prendiamo la Marvel, se ieri c’erano l’editor-dialoghista Stan Lee o l’editor-sceneggiatore Jim Shooter, oggi non c’è quasi nessun autore brillante tra gli autori dei comic book. Tra le poche eccezioni, peraltro non proprio freschissime, troviamo la coppia composta da Keith Giffen e J.M. DeMatteis.   Keith Giffen e J.M. DeMatteis, la strana coppia Keith Giffen (nato nel 1952) lo seguo dai suoi primi fumetti che ha disegnato per le riviste Marvel in bianco e nero a metà degli anni settanta, quando il suo stile era totalmente kirbyano. Il ... »

MATITE BLU 143

MATITE BLU 143

. »

IL GOMMAGE DELICATO CON LA FARINA DI RISO

IL GOMMAGE DELICATO CON LA FARINA DI RISO

Il lavaggio quotidiano alla farina di riso, utilizzabile come gommage delicato, si riconduce alle abitudini degli abitanti del Giappone, i quali, già in antichità, scoprirono le proprietà del riso e dell’acqua utilizzata per il suo lavaggio per pulire i piatti, fare il bagno e risciacquare i capelli. Dato che i Giapponesi hanno una tendenziale, nonché encomiabile, propensione al riciclo, i loro consigli sono, oggi più che mai, preziosi. Si erano accorti che, grazie a una serie di semplici accorgimenti, la loro pelle diventava sempre più bella, idratata e trasparente, e anche i capelli, trattati con l’acqua di riso, ne guadagnavano in pulizia, nutrimento e lucidità. »

I MAESTRI ITALIANI DELL'EROTISMO A FUMETTI

I MAESTRI ITALIANI DELL’EROTISMO A FUMETTI

Nell’erotismo, sostiene Bataille, trasgressione e violenza si incontrano. L’erotismo è innanzitutto trasgressione, “nel suo complesso è infrazione alla regola dei divieti”. Inoltre, l’atto erotico è violento: “L’amante non disgrega la donna amata più di quanto non faccia il sacrificatore cruento con l’animale immolato”. Bataille distingue nettamente l’erotismo dalla pornografia, mancando quest’ultima del carattere sacro che contraddistingue l’erotismo. L’erotismo di Bataille non è divertissement, ma culto: il suo significato ultimo “è la soppressione del limite”. L’erotismo emerge con prepotenza anche nel fumetto non dichiaratamente erotico, in quanto intrinseco al medium stesso nella misura in cui quest’ultimo risulta inesorabilmente legato alla sensual... »

Pablo Paperasso

POP – PABLO PAPERASSO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

JOHNNY MNEMONIC TRADISCE WILLIAM GIBSON

JOHNNY MNEMONIC E WILLIAM GIBSON

Johnny Mnemonic, o magari Johnny Mnemonico come conosciuto da noi nell’antologia La notte che bruciammo Chrome, è un racconto di una ventina di paginette che William Gibson tirò giù nel 1981. Era ‘na roba infognante Johnny Menomic, era la sostanza primigenia di ciò che da lì a breve sarà il cyberpunk. Genere codificato dallo stesso William Gibson, tra l’altro, con il successivo Neuromante. “Johnny Mnemonic? No. Mi chiamo Johnny. Johnny… e basta”.   Era pionieristico il racconto Johnny Mnemonic, pieno di avveniristica immaginazione e di idee. Si poteva scorgere Il fantasma dentro la macchina, il saggio psicofilosofico di Arthur Koestler sulla dualistica relazione tra mente e corpo sul concetto di olone. La dicotomia del transumanesimo, “l’uomo che rimane umano, ma che trascende se stes... »

TOM & PONSI – 36

TOM & PONSI – 36

. »

ALTA GRADAZIONE

PV – ALTA GRADAZIONE

. »

Tags:
Blake e Mortimer

GLI ANZIANI BLAKE E MORTIMER RITORNANO CON SCHUITEN

Gli albi di Blake e Mortimer in Italia sono editi da Alessandro Editore, ma siccome il nuovo episodio, Le Dernier Pharaon, è una storia fuori serie al momento non è ancora noto se e quando (e da chi) verrà editata da noi, anche se la pubblicazione da parte dell’editore consueto è assai probabile.     Anni dopo essere stato nella Grande Piramide (“Il mistero della Grande Piramide” – Le Mystère de la Grande Pyramide, Le Journal de Tintin, 1950-1952), i ricordi di quell’avventura egiziana tornano ad animare gli incubi di Philip Mortimer, dal momento che lo scienziato comincia a indagare su di una misteriosa radiazione sprigionatasi dal Palazzo di Giustizia di Bruxelles, in grado di generare un campo magnetico così potente da bloccare i circuiti elettronici e provocare l’aurora... »

Pagina 2 di 1071234»