Dischi volanti

DISCHI VOLANTI, LA GRANDE INVASIONE… MANCATA

Mentre neri e lucidi dischi in vinile giravano all’altezza delle nostre orecchie svelandoci il grande mistero della musica riprodotta, altri strani oggetti volteggiavano ancor più misteriosamente su di noi, e non fu difficile trovar loro un nome: erano circolari, piatti, a volte giravano su se stessi e volavano. Dischi che volavano? Dischi Volanti! Negli anni cinquanta e sessanta del XX secolo l’appellativo Dischi Volanti da noi godette di un successo straordinario, entrando trionfalmente a far parte di enciclopedie e vocabolari della lingua italiana, senza tener conto, una volta tanto, della versione originale americana, flying saucers, letteralmente “piattini volanti”, proprio quei piattini che si mettono sotto le tazze. Un po’ miserina come immagine. A noi piacevano i dischi. E dischi f... »

Marino di Ferdinando Tacconi

MARINO, IL SUB-MARINER DI FERDINANDO TACCONI

Chi è Marino e cosa c’entra l’italianissimo disegnatore Ferdinando Tacconi con i supereroi americani? Tra la fine degli anni quaranta e l’inizio dei cinquanta in Italia vennero realizzati numerosi fumetti con supereroi o uomini mascherati nuovi di zecca, lo strascico creativo riprese vigore nei primi anni sessanta (quando si cimentò nel genere anche Luciano Secchi/Max Bunker con Atomik) per poi spegnersi definitivamente. Alcuni di questi personaggi sono stati citati nel nostro articolo “Supereroi italiani dimenticati”, ma ce ne sono tanti altri come Maskar, che abbiamo trattato parlando del suo ideatore Gallieno Ferri (il quale ha creato insieme a Sergio Bonelli anche l’eroe in costume Zagor); o Misterix, che abbiamo ricordato scrivendo del suo disegnatore Pau... »

MATITE BLU 119

MATITE BLU 119

. »

harem

LE DONNE DEGLI HAREM TRA REALTÀ E LEGGENDA

L’harem è il luogo della casa islamica destinato alle donne e ai bambini, tipico del mondo medievale e moderno. In arabo harem significa luogo inviolabile, proibito. Dall’harem le donne non possono uscire se non accompagnate da un maschio della famiglia. Un tempo esistevano due tipi di harem: domestico e imperiale. Gli harem imperiali turchi Negli harem imperiali le donne erano sorvegliate da eunuchi neri o bianchi. Gli eunuchi erano uomini castrati in tenera età e questo li rendeva impotenti, diversamente dai castrati in età adulta. Erano utilizzati perché non potevano congiungersi sessualmente con le donne a cui facevano la guardia. In ogni caso non potevano entrare nello spazio riservato alle donne: sedevano davanti all’ingresso dell’harem per impedire agli uomin... »

GLI AUGURI DI FELICE 2019 DA PARTE DEI FUMETTISTI

GLI AUGURI DI FELICE 2019 DA PARTE DEI FUMETTISTI

Come è ormai tradizione, ecco l’abituale carrellata di auguri che illustratori, fumettisti e vignettisti hanno voluto rivolgere a lettori, amici e colleghi per il Nuovo Anno. La redazione di Giornale POP si unisce a loro per augurare a tutti un felice 2019. Vittorio Giardino (Fumetto Collettivo) Adriano Carnevali Andy Ventura Bruno Olivieri CeciGian Cinzia Di Felice Chema Garcia Davide Zamberlan (Bea & Giò) Diego Fichera Eleonora Vittori Emilio Van der Zuiden Enrico Marini Eugenio Sicomoro Fabio A. Marchese Fabio Celoni Ferdinando Batistini Giacomo Michelon Giorgio Sommacal Giorgio Trevisan Giuseppe Serafino Lola Airaghi Lou Lubie Lucio Filippucci Marcello Marco De Angelis Ramòn Marcos / Jorge Castelli Mariateresa Conte Mari Mari-chan Mario Airaghi Marisa Vestita Mauro Moretti Mi... »

NE VALE LA PENA

MOMENTO POP – NE VALE LA PENA

Visita il nostro NUOVO gruppo EROTICO cliccando QUI »

Happy Days

HAPPY DAYS NON DOVEVA ESSERE TRASMESSO

Giovedì 8 dicembre 1977, nel classico appuntamento del preserale di Rete Uno delle 19.20 va in onda, con l’episodio dal titolo “Fino in fondo”, la prima puntata di Happy Days, una serie ambientata nella seconda metà degli anni cinquanta (gli “anni felici” che avevano come sottofondo le prime canzoni del rock and roll), nella città di Milwaukee, forse non a caso dove vengono fabbricate le evocative moto Harley-Davidson.   I protagonisti di Happy Days Protagonista è la famiglia Cunnigham, una tipica famiglia americana. Il capofamiglia Howard (Tom Bosley) possiede un negozio di ferramenta di cui è molto fiero. Howard è sempre pronto ad aiutare il figlio Richie nel difficile percorso della sua crescita. Sua moglie è Marion (Marion Ross). Tranquilla e gentile, forse un po’... »

TOM & PONSI - 12

TOM & PONSI – 12

. »

Norman Rockwell ed Edward Hopper a confronto

NORMAN ROCKWELL CONTRO EDWARD HOPPER

Si potrebbe obiettare che Edward Hopper e Norman Rockwell non siano confrontabili perché il primo era un artista che dipingeva quadri mentre il secondo un illustratore di riviste. Obiezione formalistica da respingere senza neppure dover dare spiegazioni. Non credo che ci siano artisti opposti come Hopper e Rockwell. Per molti, Hopper rappresenta l’America in maniera pessimistica e Rockwell in chiave ottimistica (naturalmente, “con ingenuità”). In realtà Hopper è pessimista a prescindere dal soggetto dipinto e Rockwell è ottimista a prescindere. L’America non c’entra niente: Rockwell sarebbe stato ottimista anche nella Russia sovietica, se fosse nato lì.   Norman Rockwell Norman Rockwell (1894-1978) sembra rifarsi a certi dipinti di El Greco, per il modo di allungare i volti per render... »

Non fatemi inc***are

MOMENTO POP – NON FATEMI INC***ARE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

LE CURVE PERICOLOSE DI PANTERA BIONDA

LE CURVE PERICOLOSE DI PANTERA BIONDA

Gli anni del fascismo avevano esaltato l’immagine convenzionale della donna arrendevole, mansueta e sottomessa. Immaginiamoci lo stupore quando nelle edicole italiane del primo dopoguerra fece la comparsa una donna libera, forte e coraggiosa, in grado di affermarsi perfino nello scontro fisico con gli uomini. Il 24 aprile 1948 Pantera Bionda irrompeva sulla scena da grande protagonista. Con impavido coraggio e ottimo fiuto, l’Editrice Arc di Pasquale Giurleo affidò allo sceneggiatore Gian Giacomo Dalmasso e al disegnatore Enzo Magni (in arte Ingam) la realizzazione di una Jungle Girl all’italiana. Le ragazze della foresta avevano alle spalle una prestigiosa carriera fumettistica nella loro patria d’origine, ovviamente gli Stati Uniti. Dopo il periodo iniziale sulle “Pulp Magazines” (... »

I CHINSON – 2019

I CHINSON – 2019

. »

BIG TITS ZOMBIE, IL FILM HORROR PIÙ ASSURDO DEL MONDO

BIG TITS ZOMBIE, IL FILM HORROR PIÙ ASSURDO DEL MONDO

“Big tits zombie” è uno dei film più assurdi e ignoranti che abbia mai visto, e posso assicurare che di film scemi e ignorantissimi girati non da uomini, ma da equini disorientati, ne ho visti parecchi: alieni-pokemon che trasformano gli esseri umani in zombie, ninja contro robot venuti da altri pianeti che trasformano gli uomini in zombie, liceali contro zombie e via discorrendo. Il personaggio dello zombie è diventato la chiave di volta per giustificare la tristissima pochezza di idee che serpeggia, spesso (in)giustificata, sotto la nomenclatura di B-Movie. Al di là di ciò, ci sono prodotti e “prodotti”: c’è il buono, c’è il brutto e c’è l’immancabile cattivo, e questo è un concetto applicabile un po’ a tutto. Però per quanto concerne “Big tits zombie” mai, e ripe... »

Valentina

QUANDO VALENTINA INCONTRÒ UN EDITORE CON LA FACCIA DI BONELLI

Da ragazzino andavo matto per i fumetti di Valentina Mela Verde, pubblicati ogni settimana su due grandi pagine del Corriere dei Piccoli, diventato Corriere dei Ragazzi nel 1972. Mi colpiva che i personaggi, Valentina appunto, suo fratello detto il Miura (dal nome di una favolosa Lamborghini), l’amica Bea, il padre baffuto e tutti gli altri, avessero dei corrispettivi identici nella mia vita reale. Esistevano davvero, con nomi diversi e forse assortiti diversamente, ma esistevano. L’amica di famiglia giornalista del grande quotidiano, il prete giovanlista, la sorellina pestifera di una vicina di casa (che per di più si chiamava proprio Stefi), il libraio arruffato ma coltissimo, l’amica bellissima e sofisticata dai capelli rossi. Leggendo Valentina entravo in un mondo par... »

CENONE CON I PARENTI

MOMENTO POP – CENONE CON I PARENTI

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

10 FILM HORROR DIRETTI DA DONNE CHE DOVRESTI GUARDARE

10 FILM HORROR DIRETTI DA DONNE CHE DOVRESTI GUARDARE

Com’è che ti è venuta ‘sta cosa dei film horror diretti da donne? Sostanzialmente perché l’altro giorno stavo leggendo un articolo che riportava alcuni numeri che mi hanno sorpreso: attualmente si stima che oltre il 50% del pubblico di film horror sia composto da donne, il che indica una controtendenza rispetto a un ventennio fa.   I film diretti da donne sono pochi, ma ci sono Nonostante l’ampio pubblico femminile, nell’attuale panorama cinematografico soltanto il 5% delle emissioni di studio hanno una donna dietro la macchina da presa. Non è che ci voglia la scienza per capire il perché: nell’ultima trentina d’anni la filmografia di genere ha avuto connotati prevalentemente maschili. C’è sempre la “mammella contrattuale” che a un certo punto salta fuori. La chiappa a gratis, l... »

MARISA MELL, L’EVA KANT DEL GRANDE SCHERMO

MARISA MELL, L’EVA KANT DEL GRANDE SCHERMO

L’attrice austriaca Marisa Mell viene adottata dal cinema italiano a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta. La sua bellezza seduce gli spettatori per lo sguardo intenso e provocante, gli occhi di un verde intenso e i lunghi capelli neri e lisci la rendono unica. Oltretutto Marisa Mell è molto alta, le sue forme sono abbondanti e ben dosate, con misure da fare invidia alle odierne top model. Il suo debutto nel cinema italiano avviene nel 1965 a fianco di Marcello Mastroianni per “Casanova 70” di Mario Monicelli, film che un caustico Mereghetti definisce “alimentare”, sia per il grande attore sia per il regista. Mastroianni è un ufficiale della Nato sempre a caccia di donne, che si eccita solo in situazioni di pericolo: non è a suo agio in una farsa che a tra... »

Buone feste

TUTTI GLI AUGURI DI BUONE FESTE DEI FUMETTISTI

Da oggi ci prendiamo una settimana di vacanza per le feste di fine anno, durante la quale ripresenteremo alcuni interessanti articoli rielaborati e corretti che forse vi erano sfuggiti, insieme a qualche novità come questa che avete sotto gli occhi. Anche quest’anno, in occasione delle feste natalizie fumettisti, vignettisti e disegnatori in genere hanno sentito il bisogno di augurare a modo loro il Buon Natale ad amici, colleghi e lettori online. E come ormai è tradizione di Giornale POP abbiamo raccolto tutto quello che abbiamo trovato in rete in questi giorni. Godetevelo con i miei personali auguri e quelli di tutta la redazione.   Adam Hughes Alberto Corradi   Alessandro Gottardo Alessia… ? Alessio Fortunato Andrea Romoli Amando Borrelli Beppe Beppetti   Brun... »

MOMENTO POP - OPERE D'ARTE

MOMENTO POP – OPERE D’ARTE

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

di Natale

RIASCOLTIAMO CINQUE CANZONI DI NATALE ALTERNATIVE

Si fa presto a tirare in ballo Mariah Carey. Troppo scontato chiamare in causa Michael Bublé. Pur con tutto il dovuto rispetto, è eccessivamente comodo rifarsi al solito John Lennon. Se volete passare un Natale davvero “alternativo”, la colonna sonora ve la consiglio io. Quella della canzone di Natale è una sfida con cui si sono cimentati tanti autori musicali, quasi una tappa obbligata, un esercizio di stile per dimostrare (e probabilmente dimostrarsi) di essere in grado di misurarsi con un sottogenere in cui molti grandi compositori del passato hanno confermato ancora una volta la loro abilità. Questi che sto per elencarvi sono cinque episodi di altrettanti artisti che hanno fornito una loro versione di questo tipo di composizione, alcuni cercando risultati totalmente fuori schema, altri... »

QUELLO CHE NON SAPETE DEL NATALE IN CUI NACQUE ZIO PAPERONE

QUELLO CHE NON SAPETE DEL NATALE IN CUI NACQUE ZIO PAPERONE

Il 15 dicembre 1947 esce il numero 178 di “Four Color” con all’interno una storia dal titolo “Christmas on Bear Mountain” (Paperino e il Natale sul Monte Orso), in essa esordisce un nuovo personaggio del variopinto mondo Disney: Scrooge McDuck, in Italia Zio Paperone. Il nuovo personaggio viene presentato come la versione antropomorfa del taccagno Ebenezer Scrooge, il protagonista del racconto “Canto di Natale” di Charles Dickens, e in effetti le caratteristiche ci sono tutte. Però nel tempo quel vecchio rancoroso attaccato al denaro muta il proprio aspetto che diventa più vigoroso, anche perché le avventure da affrontare da lì in poi saranno tantissime. Oltre alle caratteristiche che vengono comunemente attribuite a Paperon De Paperoni ritengo ci ... »

IL SACRO TERRORE NATALIZIO DEI KRAMPUS

IL SACRO TERRORE NATALIZIO DEI KRAMPUS

In Europa esiste una tradizione natalizia che, sebbene modificata dalle culture che si sono sovrapposte nel corso dei secoli, gode di ottima vitalità. Negli ultimi tempi ha varcato perfino i confini per andare oltreoceano: è la tradizione prenatalizia di Santa Claus, che nella maggior parte dei Paesi si è trasformato nell’odierno benigno Babbo Natale, e del Krampus. Una tradizione fortissima e sentita in Austria e nella Germania meridionale (in Baviera), nell’Italia nord-orientale (Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia), in Croazia, in Slovenia e in Ungheria. Santa Claus non è altro che l’appellativo anglofono del vescovo cristiano San Nicola di Bari, che l’antica agiografia ha probabilmente fuso con le vicende di un altro personaggio storico, l’abate Nicola detto Sionita, il quale a... »

10 FUMETTI DI FANTASCIENZA NON ITALIANI DA LEGGERE

10 FUMETTI DI FANTASCIENZA NON ITALIANI DA LEGGERE

I fumetti di fantascienza sono maturati piuttosto in fretta. Maturazione che ha portato a innumerevoli esempi in cui le convenzioni del genere sono state utilizzate non solo per raccontare storie di evasione, ma sfruttate anche in modi originali e stimolanti per permettere ai media fumetto di raggiungere i livelli di profondità della letteratura convenzionale. Questi fumetti di fantascienza contemporanei sono oggettivamente delle opere valide e riconosciute come tali dai più? Sì. Sono oggettivamente, in assoluto, i migliori senza ma e senza se? No. Sono solo i migliori fumetti di fantascienza per me, e sottolineo per me. Visto che il fatidico Natale si avvicina, quale occasione migliore per tirare giù un bel listone di robe che potreste regalare o farvi regalare? Di conseguenza, ecco i… … ... »

Stanno arrivando

MOMENTO POP – STANNO ARRIVANDO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

ART POP

ART POP ASPETTA I TUOI DISEGNI!

Giornale Pop inaugura una nuova rubrica rivolta a disegnatori di fumetti, illustratori e grafici emergenti: ART POP! Un modo per parlare di artisti ancora poco conosciuti. Occorre spedire via mail alcuni lavori: tavole di fumetti, illustrazioni, strisce, opere grafiche… insomma, quello che avete nel cassetto o pubblicato nel web di qualsiasi genere e in qualsiasi stile. Nella mail, allegate informazioni su di voi ed eventuali link. Inoltre, sarebbe opportuna una immagine orizzontale da pubblicare come apertura dell’articolo. Ogni articolo della rubrica verrà promosso su vari social. Spedite il tutto a tea.c.blanc@giornalepop.it ART POP vi sta aspettando! »

I CHINSON – AUGURI

I CHINSON – AUGURI

. »

bigfoot

LA PAROLA DEFINITIVA DELLA SCIENZA SULL’ESISTENZA DEL BIGFOOT

Lo chiamano bigfoot, in italiano “piedone”. Si narra che nelle foreste dell’America settentrionale viva una enorme, misteriosa creatura simile a una scimmia. Avvistamenti della sua presenza sono stati registrati in diverse parti degli Stati Uniti. In base alle testimonianze e ai video registrati, sembrerebbe essere alto tra i due e i tre metri e pesare oltre duecento chilogrammi. Ha una folta pelliccia e cammina in posizione eretta lasciando impronte enormi e profonde, di cui esistono numerose foto. Negli ultimi decenni gli avvistamenti di bigfoot si sono concentrati sulla costa del Pacifico statunitense, più sporadicamente nella valle del Mississippi e addirittura in Florida. L’origine di bigfoot è antica, sembra risalire ad alcune leggende dei nativi americani. Lo scettico Daniel Loxton ... »

Un futuro per Tex

QUALE FUTURO PER TEX, EROE SENZA TEMPO?

Si chiudono le celebrazioni per il settantennale e si aprono nuove stagioni. Ma quali? Sta per finire l’anno in cui Tex ha compiuto settant’anni e mai il termine celebrativo ha avuto un senso come oggi per tutte le manifestazioni che si sono tenute: articoli su quotidiani e rotocalchi solitamente ignari dell’esistenza del fumetto; il varo di nuove collane su di lui oppure, tramite il suo longevo successo, nate come nuove pubblicazioni della Sergio Bonelli Editore; gadget di abbigliamento, tazzine decorate, stelle di latta invisibili dalla mia infanzia, giochi da tavolo e di ruolo. Addirittura è stata annunciata la ricostruzione del suo ambiente tipico in un parco a tema in formato naturale nei pressi di Padova; e poi  dichiarazioni di filosofi, sociologi, impensabili e illustri ammiratori;... »

Lavoro sul web

I LAVORI PIÙ RICERCATI SUL WEB

Il web è sempre più un campo di opportunità dal punto di vista professionale: un recente rapporto formulato dall’Osservatorio e-commerce B2c, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm ha messo in risalto come, nel nostro Paese, il commercio elettronico abbia totalizzato nel corso del 2017 un fatturato di 23,6 miliardi di euro, con un incremento del 17% rispetto ai dodici mesi precedenti. Un dato che invoglia chi passa molto tempo su Internet a porsi una domanda: è possibile trovare lavoro sul web? E, in caso affermativo, quali sono le professioni più ricercate online? Andiamole a vedere nel dettaglio. Il Web Content Editor Tra i lavori più ricercati sul web negli ultimi anni sta emergendo quello del Web Content Editor, ovvero la persona alla quale è affidat... »

il solito porcino

MOMENTO POP – IL SOLITO PORCINO

Visita il nostro gruppo satirico cliccando QUI »

Walter Hill

ALIEN E I GUERRIERI DELLA NOTTE SONO LO STESSO FILM DI WALTER HILL

Alien rappresenta l’esordio da produttore di Walter Hill, che in seguito produrrà non solo gran parte dei propri film alla maniera dei grandi vecchi di Hollywood (probabilmente per avere un maggiore controllo artistico), ma anche qualcuno di altri registi, definendosi “un medio produttore indipendente”. Nel 1978 nelle mani di David Giler capita una sceneggiatura scritta da Dan O’Bannon e Ronald Shusett. O’Bannon ha studiato alla University of South California come John Carpenter e proprio con Carpenter ha realizzato un cortometraggio di fantascienza come prova d’esame, Dark Star, diventato poi un lungometraggio nel 1974. Già ideando l’alieno di Dark Star (un palloncino) O’Bannon aveva pensato a un soggetto con un alieno meno grottesco e più terrificante. Da questa idea nasce lo scrip... »

Pagina 2 di 941234»