IL MISTERO DEL RITORNO DI MISTER NO

IL MISTERO DEL RITORNO DI MISTER NO

“E dentro ti porti una cicatrice in più! Bah, così è la vita vecchio mio… una lunga serie di cicatrici… non ci pensare troppo”. Mister No n. 84, pag. 29. Mister No è personaggio a fumetti creato da Guido Nolitta, alias Sergio Bonelli. La sua serie è uscita dal 1975 al 2009 per un totale di 379 numeri, più una ventina di speciali e di Almanacchi. Negli anni settanta al cinema non era più tempo di western. John Ford aveva diretto il suo ultimo western, “Il grande sentiero” (Cheyenne Autumn). Gli altri grandi registi di Hollywood, da Hawks a Mann e Boetticher, avevano passato la mano. Era rimasto un grande allievo, Sam Peckinpah, ma i suoi erano western crepuscolari su un mondo che scompariva. Sergio Leone aveva chiuso la trilogia del dollaro e detto addio ... »

VACANZE SPORTIVE CON L’ORIENTEERING

VACANZE SPORTIVE CON L’ORIENTEERING

Esistono tanti modi di intendere la vacanza. Ognuno ha il suo. C’è chi la cerca all’insegna del puro relax e chi, invece, è animato da un sano spirito di avventura. Chi preferisce il mare, chi la montagna. Chi la cultura, chi il semplice intrattenimento e così via. Il mercato del turismo propone una pluralità di offerte in grado di soddisfare tutti i bisogni, dai più semplici e tradizionali a quelli più esigenti e innovativi. Tra le nuove tendenze, quella dell’orienteering (dall’inglese “to orient”, orientarsi”), una pratica sportiva nata in Nord Europa ai primi del novecento per scopi militari e divenuta negli ultimi anni una vera e propria mania con un numero sempre più crescente di seguaci. Si tratta essenzialmente di una gara che si può fare ca... »

PV – STRONZI

PV – STRONZI

PROF KNOX – ARTI MARZIALI

PROF KNOX – ARTI MARZIALI

MOMENTO POP – LAVORO

MOMENTO POP – LAVORO

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

IL SESSANTOTTO DI ROCKY JOE

IL SESSANTOTTO DI ROCKY JOE

“Ashita no Jo”, vale a dire “Jo del domani”, è un manga noto in Italia con il titolo di “Rocky Joe”. Siccome da noi è stata trasmessa prima la serie dei cartoni animati su Rete 4 a partire dall’aprile del 1982, era funzionale associargli un titolo che ricordasse “Rocky”, la serie di film con Sylvester Stallone che all’epoca era all’apice del suo successo. Jo Yabuki Il manga originale scritto da Asao Takamori, con lo pseudonimo di Ikki Kajiwara, e disegnato da Tetsuya Chiba, fu originariamente pubblicato in Giappone dal gennaio 1968 al marzo del 1973 dalla casa editrice Kodansha sul settimanale Shonen Magazine. Sulla carta potrebbe essere ascritto al genere spokon (fumetti ambientati nel mondo dello sport) della categoria sho... »

GLI ANNI NUDI DI SILVIA DIONISIO

GLI ANNI NUDI DI SILVIA DIONISIO

Silvia Dionisio nasce a Roma nel 1951 da famiglia borghese e benestante. Figlia di un pediatra, con tre fratelli e una sorella minore di due anni di nome Sofia (attrice di minor fortuna), entra nel cinema grazie al nonno giornalista che la mette in contatto con il mondo dello spettacolo. La sua infanzia è quella della tipica bambina prodigio: ancora piccolissima partecipa come indossatrice alle sfilate di moda dedicate agli abiti per bambini. Debutta nel cinema a quattordici anni con una particina in Darling (1965) di John Schlesinger, coproduzione italo-inglese che racconta la scalata al successo di una giovane fotomodella. Il suo ruolo è quello della figlia della famosa attrice inglese Julie Christie. Tra i suoi primi lavori ricordiamo il divertente Eat it (1967) di Francesco Casaretti c... »

I CHINSON – MACCHINETTE

I CHINSON – MACCHINETTE

LA CASA PASSIVA CONSUMA POCA ENERGIA

LA CASA PASSIVA CONSUMA POCA ENERGIA

La casa passiva è un tipo di costruzione che consuma meno energia di quanta ne produce. Anche nel passato l’uomo cercava di costruire case che lo proteggessero efficacemente dal freddo d’inverno e dal caldo d’estate senza un eccessivo dispendio energetico. Tuttavia all’epoca si riteneva che le fonti energetiche non si sarebbero mai esaurite. Gli uomini erano relativamente pochi e il potere della natura sembrava infinito. Oggi sappiamo che consumiamo più di quanto il pianeta sia in grado di reintegrare. Quasi il 50% delle risorse sono impiegate per riscaldare le case in inverno e forse ancora di più per mantenere una temperatura gradevole negli appartamenti d’estate. Dobbiamo trovare non solo fonti alternative e rinnovabili, ma anche metodi costruttivi migliori... »

ROKKO CIPOLLA – 38

ROKKO CIPOLLA – 38

L’INCONTRO TRA IL COMANDANTE MARK E IL GRANDE BLEK

L’INCONTRO TRA IL COMANDANTE MARK E IL GRANDE BLEK

La sigla esseGesse per decenni ha firmato le storie di personaggi famosi come Kinowa, per i soli disegni (i testi sono di Andrea Lavezzolo), e poi, sia per i disegni sia per i testi, di Capitan Miki, il Grande Blek e il Comandante Mark. Gli ultimi due ambientati durante la Rivoluzione americana negli ultimi anni del settecento. Dietro questa sigla c’erano gli autori Giovanni Sinchetto (1922-1991), Dario Guzzon (1926-2000) e Pietro Sartoris (1926-1989). Dopo avere iniziato a lavorare nel campo del fumetto nel 1949, Pietro Sartoris e Dario Guzzon si sono conosciuti alla casa editrice Taurina di Torino. In seguito al suo fallimento, i due incontrarono il terzo “collega”, Giovanni Sinchetto, dall’editore Torelli. La prima collaborazione del trio porta alla nascita di Kinowa, personaggio ... »

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 7

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 7

MOMENTO POP – VEGANI

MOMENTO POP – VEGANI

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

IL CUORE DI CAPITAN HARLOCK NEL LEIJIVERSE

IL CUORE DI CAPITAN HARLOCK NEL LEIJIVERSE

“La nostra storia risale a tanti anni fa. Al lontano 2977, quando un pirata, deriso da un’umanità concentrata solo su se stessa, fidando in un futuro migliore, salpa, con il suo equipaggio che condivide i suoi sogni, verso gli spazi immensi del cosmo. Egli vaga verso stelle lontane. Il suo vessillo è un teschio bianco in campo nero. Vive la sua vita in uno spazio senza confini e senza domani, in armonia con le leggi dell”universo. Libero! Egli è Capitan Harlock“. Capitan Harlock è un “pirata spaziale” nato come manga grazie ai testi e i disegni di Leiji Matsumoto, che lo ha pubblicato dal 1977 al 1979 per l’editore giapponese Akita Shoten. La serie animata è stata trasmessa in Giappone da Tv Ashai dal 1978 all’anno successivo e proprio nel 1979 è s... »

ROMERO TERRORIZZÒ ANCHE LA PICCOLA ELISA

ROMERO TERRORIZZÒ ANCHE LA PICCOLA ELISA

Metà anni novanta. Una giovanissima cantante deve fare alcune foto per l’album di esordio in piazza Duomo a Milano. Ma la piazza, al solito, è affollata di piccioni e lei ne è terrorizzata. Le foto, però, vengono bene: il fotografo americano scambia la sua paura autentica per recitazione e non fa che dirle: “Great, great!”. La cantante, che da allora di strada ne ha fatta, è Elisa (al secolo Elisa Toffoli), la quale ha raccontato la vicenda sabato 15 luglio al festival di Collisioni, a Barolo (eravamo presenti). “Ho questa fobia degli uccelli che mi è venuta non dal film omonimo di Hitchcock ma dal film La metà oscura, tratto dal romanzo di Stephen King, che ho visto quando ero troppo piccola”, ha spiegato la cantante che deve essere un po’ fifona: essen... »

MATITE BLU 47

MATITE BLU 47

5 SEQUENZE DAI MITICI FILM DI SERGIO MARTINO

5 SEQUENZE DAI MITICI FILM DI SERGIO MARTINO

Il cinema italiano di genere ha rappresentato per almeno tre decenni la spina dorsale delle nostre produzioni. Non è stato importante solo perché i film incassavano parecchio: erano pellicole esportabili e potevano arrivare in ogni parte del mondo, tanto è vero che oggi Sergio Leone, Riccardo Freda, Dario Argento, Mario Bava e Lucio Fulci sono ormai ritenuti dei maestri da molti cineasti stranieri. E non solo. Lo scorso anno la prestigiosa Cinémathèque Française ha proiettato ben due film di Sergio Martino, seppur nell’ambito di una rassegna dedicata al cinema bis. Comunque, un attestato di stima per un regista che ha diretto più di quaranta pellicole (oltre a numerosi film per la tv e fiction), affrontando praticamente tutti i generi possibili, con una particolare predilezione per la comm... »

TIZIANO SCLAVI HA ANCORA QUALCOSA DA DIRE?

TIZIANO SCLAVI HA ANCORA QUALCOSA DA DIRE?

Dopo tanti anni abbiamo assistito al ritorno di Tiziano Sclavi ai testi del suo Dylan Dog, quindi se per dire quello che pensiamo di questa operazione abbiamo aspettato alcuni mesi rientra tutto nella logica delle cose. Il numero 362 di Dylan Dog, a suo tempo strombazzato a destra e manca su tutti i social, scritto dal padre tutelare Tiziano Sclavi è stata una cocente delusione. Per noi lettori è stato uno dei più grandi flop fumettistici di questi ultimi anni di frequentazione più o meno sporadica nell’ambito fumettistico, dopo una vita divisa tra mille albi e centinaia di testate collezionate nel tempo. Senza perdersi in lungaggini, “Dopo un lungo silenzio” è la storia personale di Sclavi, nella quale vengono raccontati in maniera più o meno emotiva la caduta e il tenta... »

ROKKO CIPOLLA – 37

ROKKO CIPOLLA – 37

VUOTO INTERIORE

VUOTO INTERIORE

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 6

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 6

MOMENTO POP – FIGHE DI LEGNO

MOMENTO POP – FIGHE DI LEGNO

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

MEGLIO LA BONIFICA DELLA GUERRA

MEGLIO LA BONIFICA DELLA GUERRA

La bonifica dell’agro pontino è stata un’impresa tentata e in parte realizzata da tutti coloro che hanno governato il Lazio. Ogni progresso era seguito da periodi di abbandono e di regresso con l’impaludamento di tutta la zona. Quando Benito Mussolini arrivò al potere erano già stati fatti studi approfonditi su come si presentava al momento l’agro e sulle possibili soluzioni. L’agro era un territorio paludoso a Sud di Roma. Formazione delle paludi costiere La pianura pontina è una depressione che si estende parallelamente alla costa. Per l’azione del mare si è formata una duna di sabbia parallela alla costa. All’interno della duna il terreno è più basso di quello in riva al mare. Le acque piovane e quelle dei fiumi non riescono a defluire e si racc... »

LE ARACHIDI DI SUPER PIPPO

LE ARACHIDI DI SUPER PIPPO

L’imbranato Pippo, mangiando un’arachide speciale che cresce solo nel giardino di casa sua si trasforma in Super Pippo. A differenza dell’uomo d’acciaio non ha il punto debole della kriptonite, ma un problemino lo ha comunque: l’effetto delle super-noccioline (dette anche “spagnolette”) è mutevole e, a volte, dura poco. Non potendo rischiare di rimanere senza superpoteri nel bel mezzo di uno scontro o di un salvataggio, Pippo rimedia con una buona scorta di arachidi nascoste nel suo inseparabile cappello. Super Pippo indossa una calzamaglia, o meglio, un pigiamone rosso con una “S” stampata sul petto e un mantello blu annodato al collo. I suoi poteri sono esattamente quelli di Superman: raggio laser, superforza, supervelocità, volo, superudito, supersoffio e seminvulnerabilità. Del P... »

PV – DOPO IL VOTO

PV – DOPO IL VOTO

PROF KNOX – TETTE CINESI

PROF KNOX – TETTE CINESI

GEORGE ROMERO IN 5 SEQUENZE

GEORGE ROMERO IN 5 SEQUENZE

Il 1968 fu un anno importante (anche) per il cinema fantascientifico e per l’horror. Uscirono infatti tre capolavori che avrebbero cambiato il corso della storia. 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, Rosemary’s Baby di Roman Polanski e La notte dei morti viventi di George A. Romero. Se i primi due erano produzioni hollywoodiane firmate da autori celebrati, il terzo era un piccolo film indipendente, girato in bianco e nero e che ovviamente non poteva contare su un grande battage pubblicitario. Eppure risultò un successo inaspettato che permise a Romero, esordiente ben poco allineato e con le idee molto chiare su come fare cinema, di ritagliarsi con coraggio e coerenza uno spazio ben definito all’interno delle produzioni americane. Al di là della retorica, vogliamo celebrare ... »

MOMENTO POP – SCRITTRICI

MOMENTO POP – SCRITTRICI

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

IL FASCINO DEI VIAGGI DI CARTA

IL FASCINO DEI VIAGGI DI CARTA

Ci sono periodi in cui si insinua un senso di mancanza, il desiderio di esperienze nuove, l’attrazione per luoghi mai visti che hanno assunto una valenza di meta personale, una nostalgia interiore a cui non sappiamo dare un nome preciso: è il senso del viaggio, trascolorato dai tempi moderni nella versione più povera del turismo. Che ha ammazzato il vero senso del viaggio, perché manca del tempo necessario per capire dove ci si trova, conoscere il luogo e assimilarlo, ma soprattutto mortifica il senso interiore della scoperta fatta con occhi ingenui per quello che ci sta davanti. La volontà di comprensione e di adattamento a un territorio che non ci è familiare. In verità, un viaggio può avvenire anche nell’arco di un solo giorno. Tutto dipende dall’attitudine con cui lo facciamo. E non è ... »

QUANDO BONELLI RIFIUTÒ DI PUBBLICARE SUPERMAN

QUANDO BONELLI RIFIUTÒ DI PUBBLICARE SUPERMAN

La Dc Comics non ha avuto grandissima fortuna in Italia, salvo all’inizio quando, nel 1954, la Arnoldo Mondadori introduce Superman nel nostro Paese, dopo che era stato presentato in maniera sporadica già in epoca fascista con il nome di Ciclone. La Mondadori, invece, lo chiama Nembo Kid e lo pubblica nel settimanale omonimo insieme a Batman e agli altri eroi Dc. Il settimanale ottiene un buon successo, vendendo oltre 100mila copie (come si dimostra in questo articolo dedicato alle diffusioni dei fumetti di un tempo). Nel 1966, Nembo Kid si sdoppia in due quattordicinali: Superman e Batman. Qui avviene il declino diffusionale, che costringe la Mondadori alla chiusura delle due testate nel 1970: Superman con il n. 651 (proseguiva la numerazione di Nembo Kid) e Batman con il n. 82. Il ... »

I CHINSON – AUTOMAZIONE

I CHINSON – AUTOMAZIONE

Pagina 1 di 55123»