SABRINA FERILLI CONTRO CLAUDIA KOLL

SABRINA FERILLI CONTRO CLAUDIA KOLL

La bellezza femminile è sempre stata una carta su cui produttori e registi puntavano a colpo sicuro, in Italia e non solo. Se usiamo il passato è perché negli ultimi decenni le cose sembrano essere cambiate. Pur restando immutata la bellezza, l’interesse da parte di chi realizza i film si è progressivamente affievolito. Stante il parallelo abbassamento del livello delle nostre produzioni, si potrebbe azzardare l’ipotesi che proprio questo scarso interesse abbia contribuito all’appiattimento qualitativo medio dei film. Comunque, le attrici italiane degli ultimi decenni non sono di basso livello, tutt’altro: in vari casi, dunque, i film valgono meno del poco spazio dato alle interpreti. Discorso che vale senza dubbio per Sabrina Ferilli e Claudia Koll. Infatti, pur ra... »

MOMENTO POP – SFILA “GIORNALE POP”

MOMENTO POP – SFILA “GIORNALE POP”

Visita il nostro sito satirico »

DISEGNARE FUMETTI CON LE FOTOGRAFIE

DISEGNARE FUMETTI CON LE FOTOGRAFIE

Wally Wood una volta disse: “Non disegnare mai ciò che puoi copiare, non copiare mai ciò che puoi ricalcare e non ricalcare mai ciò che puoi incollare”. Artisti come Cézanne, Van Gogh e Degas hanno utilizzato con entusiasmo le fotografie come punto di partenza per il loro lavoro. Quello che conta è il risultato finale. Questo risultato, però, può essere pesantemente influenzato dal modo in cui le varie referenze fotografiche vengono utilizzate. Ecco allora che diventa indispensabile sapere quello che una foto può aggiungere all’esito finale di un disegno, ma anche quello che può togliere. La foto riproduce la realtà un po’ come una proiezione. Entrambe le tecniche trasportano l’immagine di un oggetto tridimensionale su un piano a due dimensioni. Si tratta di un processo c... »

MATITE BLU 97

MATITE BLU 97

. »

RE ELIAS DELL’ARRAMPICATA

RE ELIAS DELL’ARRAMPICATA

Elias Iagnemma, 23 anni, di Barisciano (L’Aquila), pratica l’arrampicata da quando era un ragazzino. Quest’anno è arrivato a un traguardo che molti arrampicatori vorrebbero raggiungere: vincere la Coppa Italia Boulder e portarsi a casa il titolo di campione nazionale. Abbiamo intervistato Elias per Giornale POP. Come hai iniziato? Da bambino, all’età di 12 anni. Prima giocavo a pallone, poi un giorno con mio zio ho provato ad arrampicare e non ho più smesso, salvo nei due anni successivi al terremoto dell’Aquila, per poi riprendere più motivato di prima. Perché hai scelto proprio questo sport? Perché da piccolino mi affascinava il solo pensiero di salire in alto! Una volta provata la sensazione di sollevare il mio corpo da terra e rimanere sospeso in aria non ne ho p... »

LA BONELLI RIPETE GLI ERRORI DEL PASSATO

LA BONELLI RIPETE GLI ERRORI DEL PASSATO

La Bonelli si era già trovata in una situazione come quella odierna, durante la quale “sperimentava” nuovi formati per scoprire poi che il problema erano i contenuti. Ricordo che all’inizio degli anni ottanta Sergio Bonelli si era convinto che i fumetti fossero rapidamente destinati all’estinzione, e quindi pensava di dedicarsi unicamente all’attività di costruttore edile. Convinzione che si basava sull’apocalisse che aveva colpito il fumetto italiano, della quale ho parlato nell’articolo I fumetti italiani erano i più venduti del mondo. Mentre in America Jim Shooter aveva capito che i fumetti non erano in crisi come genere di intrattenimento, ma perché gli autori facevano quello che volevano senza alcun controllo editoriale. Sergio Bonelli, invece che la sostanza come av... »

MOMENTO POP – REBOOT

MOMENTO POP – REBOOT

Visita il nostro sito satirico »

I MIGLIORI GIOCHI DA TAVOLO

I MIGLIORI GIOCHI DA TAVOLO

Parliamo di giochi di società facendo un viaggio nel mondo ludico di ieri e di oggi, per una scalinata di dodici gradini più uno. I giochi da tavolo sono così tanti che non è stato facile fare una selezione: ci abbiamo provato. 12 – CRANIUM Un gioco magistrale, capace di miscelare Pictionary, Trivial Pursuit e altri giochi di società a squadre o a coppie. Ideale per le serate con gli amici, dopo una cena in casa. Divertimento assicurato grazie alla varietà delle prove, che spaziano da quelle culturali a quelle artistiche.   11 – SCARABEO Un classico. Che sia nella sua scatola blu dalla scritta arancio, o in quella sabbia con la scritta verde smeraldo, Scarabeo è un gioco per tutti coloro che vogliono cimentarsi con le parole incrociate.   10 – SALTIMENTE Avete p... »

PROF KNOX – BABBO NATALE

PROF KNOX – BABBO NATALE

. »

PV – EGOISMO

PV – EGOISMO

. »

Tags:
IL MONDO IN CUI VISSE ANDREA PAZIENZA

IL MONDO IN CUI VISSE ANDREA PAZIENZA

Il fumettista Andrea Pazienza e lo scrittore Pier Vittorio Tondelli studiarono entrambi al Dams (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) presso l’Università degli Studi di Bologna. Parteciparono e vissero personalmente il movimento del ’77. Lo hanno descritto e illustrato nelle loro opere. Il movimento del 1977 e prima ancora quello del 1968 si svilupparono in un’Italia ancora in parte legata al passato. In diverse zone d’Italia l’agricoltura era tradizionale e non meccanizzata. L’industria, dopo le distruzioni della guerra, aveva conosciuto un periodo di ricostruzione e di sviluppo. Dopo la fine della Seconda guerra mondiale gli americani inserirono l’Italia nel piano di aiuti Marshall. Questo piano consisteva in uno stanziamento d... »

MOMENTO POP – BOSS TRUMP

MOMENTO POP – BOSS TRUMP

Visita il nostro sito satirico »

ARCHEOLOGIA DELLA GUERRA FREDDA

ARCHEOLOGIA DELLA GUERRA FREDDA

Se in Inghilterra vi capita di passare da Stenigot, paesino del Lincolnshire poco distante dal capoluogo Lincoln, non mancate di andare a vedere i resti di quattro grandi antenne paraboliche della rete troposcatter Nato Ace-High. Percorrete Manor Hill, individuate una torre a traliccio oggi usata per gli esami di ammissione alla Raf (l’aeronautica militare britannica), parcheggiate e seguite per un duecento metri il sentiero alla destra della torre, che è bello sapere essere protetta dallo Stato come struttura di importanza storica. La Ace-High era una rete di collegamenti radio del sistema di avvistamento militare della Nato, che dalla Turchia raggiungeva il nord Europa. Attivata alla fine degli anni cinquanta, serviva a comunicare in tempo reale agli alti comandi del Patto atlantic... »

I CHINSON – STRESS VALIGIA

I CHINSON – STRESS VALIGIA

. »

COSTUMI DA BAGNO: L’INTRAMONTABILE STILE ANNI ’50 E ‘90

COSTUMI DA BAGNO: L’INTRAMONTABILE STILE ANNI ’50 E ‘90

Le mode sono cicliche: i vecchi capi che le nostre nonne e le nostre madri avevano nel cassetto potrebbero prima o poi tornare utili. È il caso dei costumi da bagno di tendenza: questa estate torna di moda lo stile da diva degli anni ’50 e il provocante stile Baywatch anni ’90. Il fascino del vintage colpisce ancora: vediamo quali sono le caratteristiche del passato che possiamo ritrovare in tempi moderni. Il costume da diva anni ‘50 È passato oltre mezzo secolo dai tempi di Marilyn Monroe, eppure il fascino di questa diva non è ancora passato di moda. Tutti la ricordano nei suoi scatti fotografici in riva al mare, con quel costume che ha letteralmente fatto la storia. Ebbene, oggi lo stile anni ’50 ritorna più potente che mai. I costumi a vita altissima sono, infatti, tornati di tendenza,... »

DAITARN 3, UN ROBOT TRA DUE RAGAZZE SEXY

DAITARN 3, UN ROBOT TRA DUE RAGAZZE SEXY

Daitarn 3 (Muteki kōjin Daitān 3) è una serie animata di 40 episodi prodotta da Sunrise, ideata da Yoshiyuki Tomino e Yatate Hajime. È stata trasmessa in Giappone a partire dal 1978 da Tv Nagoya. In Italia è stata trasmessa la prima volta da Milano Tv nel 1980. La vicenda è ambientata in un vicino futuro, in un tempo non molto diverso dal nostro, con alcune importanti differenze tecnologiche legate alla robotica, alla cibernetica e all’esplorazione spaziale. Haran Banjo, il protagonista, combatte una guerra personale a bordo del suo gigantesco robot contro un’orda di spietati cyborg, i meganoidi. Fu proprio il padre di Banjo a creare i meganoidi su Marte, dove viveva con la sua famiglia. I cyborg sfuggirono al suo controllo e lo uccisero, insieme alla moglie e al primogenito. Banjo riuscì ... »

MOMENTO POP – DAMMI IL CINQUE

MOMENTO POP – DAMMI IL CINQUE

Visita il nostro sito satirico »

I  MILLE VOLTI DI FERDINANDO CORBELLA

I MILLE VOLTI DI FERDINANDO CORBELLA

Degli autori della Casa Editrice Universo forse Ferdinando (detto anche Fernando) Corbella è stato quello che più ha messo mano con i suoi disegni sul più alto numero di Intrepido, Albi dell’Intrepido e Il Monello. Dai rebus ai giochi, dalle illustrazioni dedicate ai fatterelli strani o storici, a quelle di divulgazione con tematiche varie, dalle copertine di testata ai fumetti, sia autoconclusivi sia con personaggio fisso (di genere avventuroso, drammatico e comico). Rivediamo la sua biografia affidandoci alle notizie riportate da Luigi Marcianò e Ruvo Giovacca nel n. 47 di Ink della Menhir Edizioni, rivista creata e diretta da Paolo Telloli. Ferdinando Corbella nacque a Milano nel 1915. Rimasto orfano in tenera età della madre Clelia, che apparteneva alla famiglia nobile De Paoli Sailer,... »

MATITE BLU 96

MATITE BLU 96

. »

ALLA SCOPERTA DEI SEGRETI DI ALIEN

ALLA SCOPERTA DEI SEGRETI DI ALIEN

“Alien profumo di Alien, con lo xenomorfo io voglio giocare”… va be’, forse la canzone non faceva proprio così, ma saranno quattro o cinque giorni che sto a farmi le lampade agli occhi con Alien: film, fumetti, videogame. Perciò mi pare pure normale che stia iniziando a vedere mostrilli per casa. ALIEN (ALIEN 1979) Alien è un franchise vecchio di quarant’anni, quindi è ormai una carcassa divorata fino al midollo. Per ragioni anagrafiche non m’è stato possibile vedere i primi due film al cinema, solo sul finire degli anni ottanta vidi per la prima volta Alien di Ridley Scott. Ma il tempo in cui il film era in grado di suscitare brividi di panico e paura era passato, come dimostrano gli spot della Pepsi dei primissimi anni novanta (vedi sotto). Quelli dove lo xenomorfo si scola l... »

LE MANI DISEGNATE NEI FUMETTI

LE MANI DISEGNATE NEI FUMETTI

Come ci ricorda il grande Burne Hogarth nella introduzione al suo trattato “Drawing dynamic hands”, un bravo disegnatore lo si giudica da come disegna le mani. Questo perché le mani, al pari del volto, sono la parte del corpo che, in base alle varie posture e atteggiamenti, permettono di esprimere la più vasta gamma di emozioni. Pensiamo alle mani di Adamo nella “Cacciata dal paradiso” di Masaccio: il suo volto è coperto e non può esprimere emozioni, così tutta la disperazione, la vergogna, la commiserazione che prova in quel momento sono affidate alla posizione delle mani. E come potremmo capire l’estrema concentrazione del “Pensatore” di Auguste Rodin, se non osservando le sue mani? Se l’importanza delle mani è cosi grande nella pittura e nella scultura lo è forse ancor... »

MOMENTO POP – RESA INCONDIZIONATA

MOMENTO POP – RESA INCONDIZIONATA

Visita il nostro sito satirico »

GOD SIGMA CONTRO L’IMPERO ALIENO

GOD SIGMA CONTRO L’IMPERO ALIENO

Tre robot dalla struttura piuttosto povera, se vogliamo, fondendosi insieme creano un robot mastodontico: God Sigma. I robot Tuono, Nettuno e Terremoto hanno una buona autonomia anche da soli, ma sembrano in qualche modo incompleti: solo nella loro fusione raggiungono il massimo della potenza. Scritta da Saburo Yatsude (sceneggiatore anche di Daltanious e Golion) e basato sui disegni di Mitsuteru Yokoyama (autore di manga sui robot come Super Robot 28 e Giant Robot, oltre che di Babil Junior), la serie è stata diretta da Takeyuki Kanda nei primi dieci episodi e da Katsuhiko Taguchi nei restanti quaranta. God Sigma è stata trasmesso in Giappone dal 1980 al 1981 e in questo ultimo anno è stato presentato anche dalle reti italiane. L’ATTACCO DI HELDA Nel 2050 la popolazione terrestre, p... »

PROF KNOX – STORIELLINE

PROF KNOX – STORIELLINE

. »

PV – TASER

PV – TASER

. »

Tags:
40 ANNI FA ATARU SCOPRIVA LE TETTE DI LAMÙ

40 ANNI FA ATARU SCOPRIVA LE TETTE DI LAMÙ

Pubblicato in Giappone dal 1978 al 1987, in Italia il fumetto di Lamù è stato presentato da Granata Press dal 1991 al marzo 1995 e poi da Edizioni Star Comics dal 1997 al 2001, ma il personaggio da noi era già conosciuto dal 1983 grazie ai cartoni animati trasmessi dalle televisioni private. La popolazione della stella Uru decide di invadere la terra. Seguendo le loro stravaganti usanze, viene selezionato da un computer un terrestre che dovrà sfidare Lamù, la figlia del loro monarca, dotata di poteri elettrici e in grado di volare. Se riuscirà a portare a termine la sfida (toccarle le corna), la terra sarà salva, altrimenti i terrestri saranno assoggettati al dominio alieno. Il prescelto dal destino è lo studente liceale Ataru Moroboshi che, riuscendo a vincere la sfida con un trucco, per ... »

ADDIO A CARLO VANZINA, DISPREZZATO CREATORE DEI CINEPANETTONI

ADDIO A CARLO VANZINA, DISPREZZATO CREATORE DEI CINEPANETTONI

La mattina dell’8 luglio 2018 è morto dopo una lunga malattia il produttore e regista Carlo Vanzina. Carlo Vanzina, insieme al fratello Enrico, era figlio di Steno, uno dei più importanti registi italiani che aveva diretto gran parte dei film di Totò. Carlo Vanzina era il regista ed Enrico lo sceneggiatore, ma è probabile che collaborassero entrambi alla scrittura. Se Steno aveva avuto il merito di portare al successo attori come Totò e Alberto Sordi (leggendario il suo “Un americano a Roma” del 1954), i fratelli Vanzina possono dire di aver saputo valorizzare attori come Renato Pozzetto (protagonista di uno dei primi film di Carlo, “Luna di miele in tre” del 1976), Jerry Calà e Diego Abatantuono con il grande successo “Eccezzziunale… veramenteR... »

MOMENTO POP – IBRIDO

MOMENTO POP – IBRIDO

Visita il nostro sito satirico »

LA GOLA PROFONDA DELLA LIBERAZIONE SESSUALE

LA GOLA PROFONDA DELLA LIBERAZIONE SESSUALE

La rivoluzione sessuale fu un fenomeno di costume che caratterizzò il periodo tra la seconda metà degli anni sessanta e la prima dei settanta, faceva parte di un cambiamento culturale più vasto che ebbe luogo in tempi così veloci da scavare un abisso generazionale, che ha lasciato tracce anche in film come Gola profonda. Le generazioni nate prima della Seconda guerra mondiale e quelle dopo non si capivano più: nasceva la contestazione giovanile. La famiglia e la società venivano vissute come oppressive, quello che i giovani sentivano più forte era il bisogno di libertà. All’interno di questo bisogno di una nuova etica, di una nuova qualità della vita, nacque in quegli anni anche la rivendicazione di una sempre maggiore libertà sessuale (resa possibile dalla diffusione delle tecniche antico... »

I CHINSON – BUFALE

I CHINSON – BUFALE

. »

Pagina 1 di 83123»