I MEME DI INTERNET E IL COVID

I MEME DI INTERNET E IL COVID

I meme sono vignette, brevi filmati, battute umoristiche che si diffondono velocemente tramite Internet.

Nel periodo del confinamento o lockdown, dal 9 marzo 2020 al 18 maggio 2020, gli italiani si sono scambiati messaggi, vignette, barzellette servendosi di internet.

 

Sudici e fifoni

I MEME DI INTERNET E IL COVID

L’umorismo consente di esprimere un contenuto aggressivo senza che diventi offensivo. Il meme sopra dice che gli italiani pre Covid non davano nessuna importanza all’igiene. Però nel periodo del Covid saccheggiano gli scaffali di amuchina. Solo la paura di morire li ha resi attenti.

 

Anche i francesi sono sudicioni?

I MEME DI INTERNET E IL COVID

Il francese non ha capito

Il meme chiede in francese: “Qualcuno sa se si può ricominciare a farsi la doccia oppure si deve unicamente continuare a lavarsi le mani?”.
La fiducia nella capacità di comprensione della gente è scarsa.

 

Gioco di parole

I MEME DI INTERNET E IL COVID

L’incongruità come fonte di umorismo

Nel meme la regina Elisabetta parla in dialetto veneto. Usa una lingua incongrua perché ci aspetteremmo che si esprima in inglese.
Inoltre c’è un gioco di parole sul termine corona. La regina si riferisce alla corona che ha sulla testa, invece il lettore (complice anche la lettera maiuscola di Corona) pensa al covid.

Il meme si prende gioco dell’età veneranda raggiunta dalla regina. Sul web girano molti meme di questo tipo. La regina vi appare pimpante e decisa a non morire.

 

Il meme gioca con le nostre idee preconcette

I MEME DI INTERNET E IL COVID

L’Ultima cena di Leonardo da Vinci

I MEME DI INTERNET E IL COVID

Meme dell’Ultima cena di Leonardo da Vinci nei giorni del coronavirus

Nel meme sopra è rappresentata la sala vuota dell’Ultima cena di Leonardo da Vinci. L’immagine gioca con i nostri ricordi. Durante la Settimana Santa del 2020 non erano possibili cene tra amici, quindi anche l’Ultima cena si sarebbe dovuta svolgere senza commensali.

 

Umorismo nero sui politici

L’autore del meme scherza con la diffusa insofferenza degli italiani nei confronti dei propri governanti. Poiché i cinesi, almeno all’inizio dell’epidemia, parevano gli “untori”, l’annuncio cerca cinesi infetti da portare in parlamento…

I MEME DI INTERNET E IL COVID

Secondo il meme alcuni popoli avevano l’usanza di sacrificare i propri governanti agli dèi. L’autore del meme vuole lanciare l’idea di sacrificare agli dèi i nostri governanti per uscire dall’epidemia.

 

Meme xenofobi

Contro i cinesi

Un atteggiamento xenofobo contrabbandato con un ammiccamento a volte passa senza che qualcuno protesti. Come se dicessimo: “Ci capiamo fra noi!”.

 

Salvare il mondo

Che cosa significa, per generazioni diverse, “Salvare il mondo”

Nella parte superiore c’è scritto: “Salvando il  mondo nel 1944”. La foto rappresenta i soldati americani sbarcati in Normandia per liberare l’Europa dai nazisti.
Nella foto sotto un tizio salva il mondo nel 2020 stando sdraiato sopra un divano senza uscire di casa.
Il meme è autoironico, un tipo di comicità oggi molto diffusa.

 

Chi è veramente ricco

I veramente ricchi

Oggi molti ostentano la propria ricchezza senza problemi. Il meme li prende in giro, proponendo come rimedio alla mancanza di carta igienica l’uso di biglietti da 50 euro.
Però l’autore vuole apparire “modesto”, sostenendo di arrangiarsi come può.

 

Scuse per uscire

Per chi trascinava il cane a passeggio

Tra le giustificazioni consentite per uscire ai tempi del confinamento, c’era la possibilità di accompagnare il cane all’aperto.
Il meme la butta sul ridere. Uscire di casa non è un’azione indegna da additare al pubblico ludibrio, ma una scappatella di cui il cagnolino non vuole essere complice.

 

Essere avanti

Michael Jackson

Il meme si prende gioco dell’abitudine dei fan di artisti defunti di ripetere: “Minchia, come era avanti!”.

 

Lavorare da casa

Lavorare da casa

Questo è uno sfottò all’espressione “Sono in smart working”.
Molti lavoravano da casa durante il confinamento e ci tenevano a far sapere che godevano di questa moderna forma di lavoro. Naturalmente erano impiegati o dirigenti.
Nel caso del meme, l’operaio si è portato l’impastatrice a casa.

Un bambino completamente coperto con una mascherina sul viso chiede di andare dalla nonna.
Nel periodo del confinamento i bambini non sono andati a scuola. Non potevano andare a trovare i nonni.
I bambini odiano essere infagottati e costretti. Cercano di liberarsi. Ma, in questo caso, il bambino accetta di essere ridotto a una piccola mummia per andare dalla nonna.
È un meme tenero e malinconico.

 

 

2 commenti

  1. Molte battute di quest’articolo non le conoscevo.
    Grazie per l’aggiornamento!

  2. Ringrazio.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*