SE DIO ESISTE SI CHIAMA JACK KIRBY

SE DIO ESISTE SI CHIAMA JACK KIRBY

Secondo Jack Kirby, a giudicare da questa sua illustrazione in bianco e nero, Dio è un demiurgo che si è dimenticato degli uomini.

tumblr_mhgxookvo31rhjbado1_1280
Mentre a giudicare dall’energia crepitante che scarica nelle sue tavole, il dio Kirby ha sempre tenuto ben presente i propri lettori.

000lolcopia000darksidekirbyboom_thumb
Anche dopo la più completa delle distruzioni, Kirby è venuto a prenderci con i suoi memorabili personaggi, come questi Nuovi Dei (che hanno non poco ispirato Star Wars).

glory_boat_thumb
Per dirne una, senza il genio di Kirby non ci sarebbe la Marvel.

marvel%2blegacy%2bhc
Il problema del fumetto è che Jack Kirby non c’è più, infatti la sua vita ha percorso queste due date: 1917-1994.

Come se ne potrebbe ottenere un altro?
Forse bisognerebbe prendere il figlio di una povera famiglia di immigrati ebrei, per la precisione uno piccoletto di statura: un tizio che guarda tutto dal basso verso l’alto. E daltonico, perché Kirby non distingueva i colori. Anche animoso e non proprio un intellettuale. Senza alcuna preparazione accademica, mi raccomando. Be’, sarebbe impossibile ricrearlo.

Questa, comunque, era la New York degli slum della sua infanzia.

tumblr_ms8s4tguge1r89a2ho1_1280
MONDI D’INVENZIONE
Nonostante le umili origini, o grazie ad esse, Kirby ha immaginato le cose più incredibili.

Wakanda, la città avveniristica nel cuore dell’Africa dove regna Pantera Nera: un nome rubato poi dal gruppo di afroamericani estremisti degli anni sessanta. Per quanto le pantere, ovvero i leopardi con la pelliccia nera, siano percentualmente molto più diffusi nel Sudest asiatico che in Africa.

Kirby aveva immaginato Pantera Nera con la faccia semiscoperta come Batman, ma l’editore Martin Goodman la fece diventare integrale come quella dell’Uomo Ragno (però in Italia la Corno usò la copertina originale). Magari nel Sud degli Stati Uniti dei primi anni sessanta alcuni bianchi, vedendo l’albo esposto, avrebbero potuto non prenderla bene.

ff54

Da bambino, vidi una trasmissione televisiva sulla “violenza” nei fumetti e nei cartoni animati, dove il conduttore diceva: “Ma il disegnatore di questa pagina non poteva evitare di mettere una statua mostruosa?”. Che imbecille!

Una città hippy ed ecologica tra gli alberi: con la sua irrefrenabile fantasia, Kirby fa una sega alla banale metropoli arboricola di Alex Raymond per Flash Gordon.

image%2b%2818%29
Quello di Kamandi (personaggio creato da Kirby per la Dc Comics) è un mondo caduto sotto il dominio degli animali antropomorfi, come questi ratti umani saccheggiatori.

kamandi-02_03
Sempre su Kamandi, Miss Liberty è ormai un reperto archeologico (d’accordo, l’idea viene dal “Pianeta delle scimmie”).

kamandi-splash-jack-kirby
LA TECNOLOGIA DI KIRBY

I disegnatori di oggi non sanno inventare niente, mentre Kirby creava tutto. Soprattutto veicoli e apparecchiature ipertecnologiche. L’ispirazione gli era venuta, da ragazzino, guardando le copertine delle pulp fantascientifiche illustrate da Frank R. Paul.

1%2b%281%2951image%2b%2862%29image%2b%2813%29tales_of_suspense_93_19zff66btumblr_nfws8eyghr1qzoglfo2_1280
Pauraaa…

kirbyadd022015_thumbjack-kirby-2001-6-06tumblr_nau1jjjlpg1r93mfqo1_1280hey1image%2b%2813%29bthor162_15ani-1
Decisamente, Kirby non è un essere umano!

LA NEW YORK DI KIRBY ESISTE!
Pensavo che le sue panoramiche metropolitane viste dall’alto se le inventasse di sana pianta: ma dall’Empire State Building, almeno negli anni trenta, si ammirava lo stesso reticolato geometrico sorvolato da Silver Surfer (un personaggio che Stan Lee dice sia stato creato da Kirby a sua insaputa: come se fosse l’unico!).

tumblr_n2v1qelqv41r93mfqo1_1280

22 May 1947 --- View From the Top of the Empire State Building --- Image by © Bettmann/CORBIS


NOI MOSTRI

Quando un disegnatore inventa un ciclope, abbozza l’anatomia di un uomo normale con due occhi, e poi, incongruamente, ci mette in mezzo un occhio solo. Se Kirby fa un ciclope, reinventa l’anatomia del teschio. E i mostri li crea di sana pianta.

1aa%2b%2825%2902tumblr_ntt563rejd1s0p5ulo1_1280ff097_21image-matiteimage%2b%289%29
LO STORYTELLING
Kirby ha sempre la telecamera indirizzata sul punto giusto, soprattutto quando la gente si mena. La prima tavola qui sotto, per esempio, è un capolavoro del fumetto. Sottolineo del fumetto, perché in un film non si potrebbero usare tanti controcampi. Ha certo preso qualcosa da Max Fleischer quando faceva l’intercalatore dei cartoni animati di Braccio di Ferro, ma queste invenzioni, ripeto, sono puro fumetto.

11at0010009


LE DUE FACCE DELLA GUERRA
A Kirby riesce benissimo il conflitto bellico come uso spettacolare delle armi: qui Nick Fury e i Losers ce lo dimostrano, ma…

0401-shieldshouldermountedgunharness-cap112our%2bfighting%2bforces%2b1954%2b%23156_p003-2
… già nel 1955, ben prima della contestazione americana del 1964, con “Foxhole” era capace di trattare la guerra in una luce critica (lui che la guerra l’aveva fatta davvero).

foxholefoxhole2_cover_atumblr_nowr1jtywi1rhjbado1_1280our%2bfighting%2bforces%2b1954%2b%23160_p003
ANTICO E PRESENTE
Kirby sa cavarsela in tutte le epoche storiche. Si noti in questa vignettona di Demon (un personaggio sfortunato creato per la Dc) la sua tipica composizione a strati: personaggi in primissimo piano, edifici suggestivi che riempiono gli sfondi… ed energia pulsante che esplode da tutte le parti!

demon%2b%231%2b001image%2b%2831%29jack%2bkirby%2band%2bstan%2blee-%2btales%2bof%2basgard-%2bpage-%2b211black-panther-1-4
SUPEREROI MA DIVERSI

Superman, personaggio di autori ebrei ed editore ebreo, faceva propaganda per impedire all’America di entrare in guerra contro Hitler. In una storia, Superman scopre che un politico favorevole all’intervento fa il lobbysta per i venditori di armi. A forza di calci lo porta in Europa nel mezzo della guerra, per fargliela vedere da vicino.

Capitan America, pure di autori ebrei ed editore ebreo, va in guerra da solo dando un pugno sul muso di Hitler prima ancora che i giapponesi bombardassero Pearl Harbor costringendo l’America a intervenire.

Con Cap inizia il successo di Kirby nel genere supereroistico, che, in realtà, lui reintepreta completamente. Solo Capitan America è un personaggio con un look convenzionale, ma questo perché gli schizzi preparatori li aveva fatti Joe Simon. Quando si dovette modificare lo scudo, perché Simon l’aveva ricalcato da un altro personaggio (The Shield), con il suo tocco da maestro Kirby crea il nuovo scudo circolare.

captainamerica1bb1
Ai Fantastici Quattro, il gruppo a cui è più legato, in origine Kirby non aveva neppure messo i costumi. Ma dopo un paio di storie in abiti civili, l’editore Goodman li impone perché, grazie alla Dc, stanno tornando di moda i supereroi. Kirby obbedisce mettendogli anche delle mascherine, che però Stan Lee fa cancellare dalle tavole perché troppo sottili per essere credibili.

fantastic_four_051_000ff%2bpin-upimage%2b%252880%2529ff102_03ff102_04johnnystormkirbyzsur
“CATTIVI” IMPREVEDIBILI
Kirby era in grado di rappresentare un maestoso Galactus, tecno-gigante mangiatore di pianeti, come un misterioso Dottor Destino, dittatore sfigurato, oppure un geneticamente scombinato Arnim Zola o, ancora, rozzi gangster italoamericani, qui rovinati dall’inchiostratura di Vince Colletta.

4%2b%281%29ff087_08

doom-3

In questo disegno realizzato per gli amici, Jack Kirby mostra il volto di Victor von Doom. Secondo Kirby, il grande esteta Dottor Destino si mette la maschera solo per coprire una lieve cicatrice. In realtà, nelle prime storie (che Kirby ricordava male) si dice che il suo volto era orribilmente deturpato a causa di un esperimento fallito

kirbycap10kirby-birthday
LA POLITICA

Antifascista negli anni trenta, Kirby diventa anticomunista dopo la guerra. Stan Lee non voleva esporsi politicamente durante la contestazione giovanile: questo Mao Zedong che attacca Captain America, Kirby glielo ha fatto di straforo.

Negli anni cinquanta, con il socio Joe Simon, Kirby ha satirizzato i sovietici nelle pagine di Fighting American (parodia di Captain America nello stile, allora in voga, del Mad di Harvey Kurtzman).

2014-03-25_132229

Agli inizi, Jack Kirby aveva tentato anche la carriera del vignettista per i quotidiani

captain%2bamerica%2b%23106%2b002

fighting_american_super_khakalovitch

Nella prima metà degli anni cinquanta, Simon e Kirby si divertono a disegnare i sovietici come pezzenti: il potere di Super-Khakalovitch, per esempio, è la terribile… puzza dei piedi!

fa%2b3fa%2b3%2bivan1fa%2b4
STORIE SENTIMENTALI
Alla fine della guerra, forse leggendo da qualche parte dello straordinario successo del settimanale “Grand Hotel” in Italia (che inizialmente pubblica fumetti, non fotoromanzi), Joe Simon e Jack Kirby lanciano i fumetti sentimentali (anche se Kirby non ha mai saputo disegnare bene le donne) aprendo un ricco filone che si esaurirà solo a metà anni settanta.

inlove005-00132
Kirby ha portato il proprio contributo in tutti i generi dei fumetti, compreso il western: per esempio, Tex Willer questo lo sa fare?

000bullsbullseye5-1

Contatto E-mail: info@giornale.pop

7 commenti

  1. Fantastico articolo, non conoscevo questo genio del fumetto, grazie

  2. Quando sono davvero stanco mi capita di chiamare Crepascolino con il nome che avevo scelto per lui ovvero Giacchirbi. Secondo don Backy – il sacerdote ex singer che avevo scelto per il battesimo perchè mi ricordava Bucky Barnes – non esiste un santo del calendario che giustifichi la mia scelta e ho dovuto abbozzare. Davvero un peccato. Ricordo una sera a bordo piscina nello home di King Kirby con Steve Jobs che provava un esercizio di meditazione che aveva preso da un numero degli Eternals ed il cartoonist che ha cambiato la mia vita che girellava intorno con il sigaro come un Ed Robinson in bermuda. Steve era un visionario nel suo campo almeno quanto KK nel suo. Si volevano bene come Tom e Jerry o Stan e Oliver e come loro becchettavano continuamente. KK inventava macchine sciamaniche il cui utilizzo non era intuitivo. Date una occhiata alla strana pistola a due canne fissata alle spalle di Nick Fury nel famoso numero di Cap fill in nella sterankata Stanotte muoio e riprodotto da Pensaurus qui sopra. Non proprio l’ arma che userebbero Bond o Bourne. Forse JP Gautier. Steve era x un design semplice ed immediato: lo vedi, lo capisci, lo vuoi e lo usi.
    Mike Royer diceva che prima della invenzione del tempo, nel big bang Dio si era diviso in due simmetrici lacerti e che questi erano precipitati nel blu dipinto di blu e che oggi ancora ci ricordiamo di loro quando vediamo un venditore porta a porta della Kirby ( non conta l’aspirapolvere – nel mutilevel è la catena che si crea il succo del biz ) o sentiamo parlare di jobs act ( si veicola rapidamente un concetto liscio e privo di asperità che arrivi alle masse in tempo zero ). In un certo senso Royer era un altro visionario. KK e Steve gli volevano bene, ma quando non capivano dove andasse a parare lo buttavano in piscina. Cattivi.

  3. Grazie per il bell’articolo. Devo però aggiungere che anche se apprezzo Kirby per quelle cose buone che ha realizzato credo sia fin troppo sopravalutato. Questo è dovuto al fatto che la figura del supereroe in America è idolatrata. Kirby poi non disegna bene le donne. Le sue donne, un po’ tutte uguali, sono pesanti e non bellissime da vedere. Il suo “Nuovo Mondo” (New Gods ecc.) non mi è piaciuto. L’ho trovato goffo. Non ha inventato il fumetto sentimentale (“romance genre”) come dicono tanti “esperti” americani. La Marvel, che deve tantissimo a lui (non voglio dire tutto perché non è vero), lo trattò male negli anni 70, considerandolo superato. Alcuni giovani autori/redattori sotto sotto ridevano di lui. Rimane secondo me un ottimo disegnatore/narratore che ha avuto una bella dose di fantasia.

  4. “Sopravvalutato”??? Oh madonna che devo leggere.

  5. […] ad aumentare di numero negli anni seguenti. Questa è l’epoca d’oro della Marvel di Stan Lee, Jack Kirby e Steve […]

  6. Ho goduto moltissimo
    Grazie

  7. […] della Dc Comics vende molto bene, a quanto pare i supereroi stanno tornando di moda. Chiedi a Jack Kirby di realizzare la storia su un nuovo supergruppo così vediamo come butta. Magari prendiamo […]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*