PERSONAGGI E FIGURE DEL PRESEPE SARDO

PERSONAGGI E FIGURE DEL PRESEPE SARDO

Accanto al presepe tradizionale e a quello napoletano, con le classiche figure dei pastorelli, degli artigiani e dei commercianti più o meno ambulanti, sta prendendo corpo, nelle vetrine dei negozi, nelle abitazioni private, il presepe di un’altra regione: la Sardegna.

presepe-sardegna

Che cosa c’entra la Sardegna con la Palestina? Poco, direte, eppure…

Il presepe sardo è più sobrio e meno affollato di quello napoletano. Se in quest’ultimo abbiamo qualche volta l’impressione di trovarci in via San Gregorio Armeno in periodo natalizio, nel presepe sardo è più presente la solitudine delle campagne battute dal maestrale, dove pascolano le pecore che ci danno il tanto apprezzato formaggio.

I pastori portano il costume tradizionale di qualche paese, spesso immaginario, con la berritta e is ragas. Le donne indossano un costume più colorato e vario rispetto a quello maschile così com’è nelle tradizioni dell’isola. In qualche caso, spuntano pure dei gioielli d’oro, d’argento, di perle o di corallo.

sardo-presepe

Al centro della scena abbiamo solitamente la capanna, edificata a secco, come quei muri che dividono i vari poderi delle campagne sarde e spesso teatro di tragedie legate alle faide familiari. In molti casi questa è sostituita da un nuraghe, generalmente piccolo. Gesù è là, nella mangiatoia, come deve essere, e vicino, come a riscaldarlo in quelle notti di freddo, l’asino e il bue. Spesse volte, al loro posto, abbiamo le sole pecore. Giuseppe e Maria sembrano dei nuoresi d’altri tempi.

presepe

Non si vedono spesso i re magi con i loro regali e, se ci sono, ci appaiono vestiti da Sardi e portano, sottobraccio, un cestino di vimini colmo di ogni ben di Dio si possa produrre in Sardegna: una forma di formaggio, delle salsicce di Irgoli, del Nepente, delle seadas e del pane carasau. Altrimenti ci si chiederebbe come hanno fatto per venire in Sardegna a dorso di cammello. In compenso, intorno al nuraghe, vengono disposti i vari cori e i suonatori di launeddas. Sappiamo che non suonano i natalizi Bianco Natale o Tu Scendi dalle Stelle. Questi canti non hanno nessun rapporto con la Sardegna. Dai loro magici strumenti fuoriescono le dolci melodie che hanno cullato la tenera infanzia di tutti i Sardi: Notte de Chelu e Naschid’ est.

Per approfondire l’argomento cliccate qui.

presepe sardo

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*