DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

Dagli anni trenta ai novanta, le Edizioni Del Duca, diventate poi Casa editrice Universo, offrì sulle pagine dell’Intrepido e de Il Monello fumetti piene di eroi, esotismo e storie comiche per poche lire.

Negli articoli, ma anche nei fumetti, dei primi anni sessanta dell’Intrepido iniziarono a essere introdotti piccoli flash dedicati ai personaggi sportivi che in quel momento catturavano l’attenzione del pubblico. Più che altro foto con didascalie “simpatiche”. Arrivati a cavallo dei settanta, gli articoli si fanno più corposi e autorevoli, mentre i ritratti degli atleti prendono possesso della copertina con le illustrazioni di Aldo Torchio.

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

Fabio Cudicini, portiere del Milan, disegnato da Aldo Torchio

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

Renzo Pasolini e Giacomo Agostini, campioni del motociclismo disegnati da Torchio

 

Negli stessi anni, Il Monello si specializza invece nello spettacolo. Con redazionali su cinema, musica e televisione.
Comunque anche in questo settimanale fa capolino lo sport: rimangono nella memoria le dinamiche immagini dei calciatori dipinti da Walter Molino.

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Oltre ad articoli che spiegano l’Abc del calcio e degli altri sport (disegni di Ferdinando Corbella).

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Gli autori della Universo sfornano in questo periodo anche alcune serie con protagonisti atleti, spesso contagiati dallo spirito investigativo e il bisogno di fare giustizia.

Bold Boy, scritto da E. Cannata e disegnato da L. Jeva e da G. Pallotti, dal n. 52 del 1966 di Intrepido al n. 15 del 1968.

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Forza Folgore, ovvero le vicissitudini adolescenziali di una giovane squadra di calcio di periferia ideata da R. D’Argenzio e disegnata da P. e P. Montecchi.

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Mister Kappa, il cupo pilota interprete di una giustizia spiccia e definitiva, ideato dai fratelli Cicogna e illustrato da J. Blasco, dal n. 30 (1977) al n. 10 (1986) di Intrepido.

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Ma la parte del leone nel campo del fumetto sportivo la fa la serie Romanzo Sport. Prima pubblicata come allegato e poi integrata nelle pagine dell’Intrepido. Quasi tutti gli episodi della serie Romanzo Sport sono illustrati da Gino Palloti.

Illustratore, fumettista e vignettista dal tratto dinamico, pulito e dettagliato, Gino Pallotti nasce a Bologna nel 1920. Inizia a lavorare professionalmente negli anni trenta, disegnando per il Giornale delle Avventure. Dal 1948 realizza caricature sportive per i quotidiani Stadio e Resto del Carlino, e vignette umoristiche per Petroniano. Nel 1951 inizia a collaborare con la Casa editrice Universo riprendendo Il Cavaliere Ideale, creato graficamente da Alvaro Mairani, dal 1952 al 1959. Nel frattempo esegue numerose copertine e romanzi per Intrepido e Albi dell’Intrepido. Passa poi a Grand Hotel, settimanale “sentimentale” della Universo, come illustratore. Nel giugno 1973 riprende I due dell’Apocalisse sull’Intrepido, serie scritta da Luigi Grecchi e disegnata inizialmente da Ferdinando Fusco. Dal 1974, fino ai primi anni ottanta, collabora con il Guerin Sportivo realizzando caricature e illustrazioni di copertine. Nel 1992 diventa disegnatore di Mister No. Scompare nel 2000.

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Romanzo Sport esce dal 1970 al 1973, presenta storie autoconclusive con personaggi sportivi inventati, coinvolti in amori impossibili, passioni agonistiche, riscatti sociali e drammi esistenziali.

Qui di seguito vi proponiamo una storia completa disegnata da Gino Palloti (lo sceneggiatore è sconosciuto).

DA INTREPIDO A INTREPIDO SPORTDA INTREPIDO A INTREPIDO SPORTDA INTREPIDO A INTREPIDO SPORTDA INTREPIDO A INTREPIDO SPORTDA INTREPIDO A INTREPIDO SPORT

 

Nelle pagine dell’Intrepido c’erano anche inserti speciali dedicati al ciclismo.

Illustrazione di Aldo Torchio

 

Walter Molino disegnava pubblicità di prodotti che garantivano una forma fisica opportuna.

 

Sempre Walter Molino illustrava le notizie curiose sul mondo dello sport nella rubrica “È accaduto”.

 

Negli anni ottanta, infine, Intrepido aggiunge una parola alla testata diventando Intrepido Sport. I fumetti diminuiscono e gli articoli sportivi dilagano sulle pagine del settimanale. Inoltre, mentre prima c’era una certa attenzione ai vari sport, ora è il solo calcio che impera.

(La decisione di aumentare gli articoli sportivi di Intrepido e sullo spettacolo de Il Monello, a scapito dei fumetti, è conseguenza di una legge che il capo del governo Giovanni Spadolini vara in quel decennio. Per incoraggiare la diffusione della stampa, lo Stato paga la carta delle testate prevalentemente giornalistiche. La scelta della Universo non giova alle vendite dei due settimanali, che in pochi anni si riducono drasticamente, passando da mezzo milione di copie a 20 mila – NdR).

 

© Casa editrice Universo

 

1 commento

  1. Errata corrige: intendevo Nino (Antonino) Cannata, giornalista e creatore di Bold Boy. Autore anche di sceneggiature per le avventure di Billy Bis e tanto altro.
    Qualcuno più informato di me dovrebbe parlarne e rendergli merito delle creazioni realizzate.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*