COSE CHE HO FATTO IN TEMPO A VEDERE – I CARATTERI MOBILI TIPOGRAFICI A PIOMBO

COSE CHE HO FATTO IN TEMPO A VEDERE – I CARATTERI MOBILI TIPOGRAFICI A PIOMBO

Quando studiavo ragioneria all’Istituto tecnico Sallustio Bandini di Siena, per gli studenti del quinto anno era tradizione realizzare un giornale “satirico” (niente più di una bonaria presa in giro di compagni e professori, sotto il vigile controllo della Preside che interveniva all’occorrenza con insindacabili censure) da conservare come ricordo degli anni trascorsi nella scuola. Quando arrivò il nostro turno feci naturalmente la mia parte scrivendo alcuni testi, buttando giù qualche disegno e azzardando delle caricature. Oltre a realizzare la copertina. 

Il giornale veniva stampato in tipografia, grazie al sostegno di tutta una serie di ditte, negozi e agenzie bancarie che acquistavano spazi pubblicitari. Fu in quell’occasione che, per risolvere i problemi “tecnici” per la stampa del nostro “zibaldone”, entrai per la prima volta in una tipografia.

Le tipografie conservano forse anche oggi un certo fascino, ma quello che avevano all’epoca era decisamente particolare. Prima che arrivassero la fotocomposizione, e poi il computer, le pagine di testo di libri e giornali venivano composte manualmente, lettera per lettera, usando dei caratteri in piombo. I blocchettini metallici, che avevano su un lato la lettera da “mettere in riga”, erano conservati in mobili appositi composti da grandi cassetti, divisi per tipo e formato di carattere. Una volta scelto quello che si voleva usare per un certo lavoro, il cassetto veniva tirato fuori e appoggiato su un bancone. Da quello un addetto, il “compositore”, sulla base dei fogli dattiloscritti forniti dal cliente attingeva tutte le lettere, i numeri e i segni di punteggiatura che gli occorrevano per comporre le righe di testo da stampare.

L’odore del legno si mescolava a quello del piombo e dell’inchiostro creando una miscela particolare che è ormai andata perduta. I provvidenziali siti online ci informano che quei caratteri tipografici erano fatti di una specifica lega composta da piombo, antimonio e stagno. Come ho detto, ogni blocchetto recava in testa una rappresentazione in rilievo e a rovescio di una lettera o di altri segni tipografici (numeri, punteggiatura, eccetera). Ciascun carattere, dopo la stampa, poteva essere riutilizzato in una differente composizione, e per questo la metodologia di stampa veniva detta “a caratteri mobili”. La metodologia alternativa era costituita dall’incisione del testo su una lastra metallica (usata in ogni caso per le illustrazioni), che successivamente alla stampa non poteva dunque essere riutilizzata; in quel caso si parlava di stampa “a caratteri fissi”. Le righe di una medesima pagina venivano inserite e opportunamente serrate in un telaio rettangolare. La composizione finita della pagina prendeva il nome di “forma” e veniva posta sul torchio, inchiostrata e utilizzata per la stampa.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*