COSE CHE HO FATTO IN TEMPO A CONOSCERE – IL DUPLEX

COSE CHE HO FATTO IN TEMPO A CONOSCERE – IL DUPLEX

Quando ancora abitavo a Siena in via Don Minzoni nel palazzo a otto piani che veniva chiamato “il grattacielo”, un bel giorno in casa nostra arrivò il telefono. Erano gli anni a cavallo tra i cinquanta e i sessanta, e si usavano ancora i modelli in bachelite nera, in prevalenza da parete, con il “disco” per fare il numero (Trrrrr… ta-ka-ta-ka-tak… trrr….). Quello che ci fu installato aveva pure un’altra caratteristica: era in duplex.

All’epoca per le famiglie non abbienti come la mia il costo del canone telefonico era poco abbordabile e la compagnia telefonica, per diffondere l’uso del nuovo mezzo di comunicazione e allargare la clientela, consentiva che a dividersi il canone fossero due diverse famiglie. Naturalmente anche il servizio risultava “dimezzato”. La linea infatti era comunque una sola, e quando una delle due famiglie telefonava, l’altra non poteva né chiamare né ricevere chiamate: se si sollevava la cornetta l’apparecchio, al posto dell’abituale “tu-tuuu”, offriva un inquietante silenzio.

Nel fare la scelta di condividere la linea, bisognava dunque sperare che nessuna delle due famiglie ne abusasse, altrimenti si rischiava la lite condominiale continua… e chissà quante ce ne sono state nell’Italia di quel tempo!

Noi fummo fortunati, e non ricordo alcuna discussione o anche solo lamentela nel ristretto delle mura di casa.

Oggi che la linea fissa per moltissimi italiani è solo un ricordo e i telefoni sono diventati un oggetto portatile che somiglia ormai più a un computer che a un apparecchio telefonico, l’idea del Duplex può sembrare una favola particolarmente fantasiosa, ma per quegli anni di frenetico sviluppo e ancora diffusa povertà fu una geniale trovata commerciale.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*