CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA DELL’AMERICA

CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA DELL’AMERICA

Nel 1947, tre anni prima di lanciare la striscia dei Peanuts con Charlie Brown e Snoopy, Charles Schulz disegnò un comic book per una casa editrice cattolica americana, pur essendo lui protestante (in quegli anni fece anche il predicatore laico).

CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA

 

L’albo, intitolato Is this tomorrow (“È questo il domani”), contiene un fumetto fantapolitico sulla presa del potere negli Stati Uniti d’America da parte dei comunisti.

Gli Stati Uniti durante la Seconda guerra mondiale avevano aiutato in tutti modi la Russia di Stalin contro la Germania di Hitler, a partire dall’invio di una enorme quantità di materiali strategici attraverso il Corridoio persiano.
Terminato il conflitto, gli occidentali rimasero sconcertati dal comportamento dei sovietici negli stati dell’Europa centrorientale liberati dal nazismo, dove presero il potere con la forza.
Non riuscendo a vincere le elezioni attraverso i partiti comunisti locali, che a volte avevano un nome diverso per risultare più accettabili dalle popolazioni, i comunisti attuarono dei colpi di stato sostenuti dalla presenza dell’esercito sovietico. Il colpo di stato in Cecoslovacchia, forse il più noto, avvenne un anno dopo l’uscita del fumetto disegnato da Charles Schulz.

In occidente i democratici guardavano con orrore l’instaurazione dei regimi dittatoriali in Germania Orientale, Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria, Iugoslavia, Albania, Bulgaria, Romania; oltre che in Moldavia, Lituania, Lettonia ed Estonia, direttamente inglobate dall’Unione Sovietica. Ma chi contestava questa situazione veniva accusato dalla propaganda filosovietica di essere un “anticomunista viscerale” nemico della pace.

Is this tomorrow racconta come i comunisti americani riescano a raggiungere il potere sfruttando le conseguenze di una grave siccità e alimentando una strategia della tensione.
Nella storia vediamo diverse situazioni della realtà sovietica inserite nel contesto americano, come i bambini indotti a denunciare il comportamento dei genitori non in linea con il partito.
In particolare, viene messo l’accento sulla persecuzione dei religiosi.

 

CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTACHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTACHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA CHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTACHARLES SCHULZ DISEGNA LA CONQUISTA COMUNISTA

 

Contatto E-mail: info@giornale.pop

2 commenti

  1. Inquietante e (ancora più inquietante) assolutamente attuale per alcuni aspetti.

  2. Uno Schulz irriconoscibile 😮😮

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*