BUIO OMEGA, L’ITALIA ENTRA NEL GORE

BUIO OMEGA, L’ITALIA ENTRA NEL GORE

Con Buio Omega, il 1979 è l’anno che sancisce l’ingresso del cinema italiano nel mondo del gore più estremo.
Dopo Zombi 2 di Lucio Fulci, che con gli effetti artigianali di Giannetto De Rossi ha reso i morti viventi più spaventosi degli omologhi d’oltreoceano, Joe D’Amato (pseudonimo di Aristide Massaccesi) si accoda alla scia di sangue con Buio Omega, un remake in chiave splatter del thriller gotico Il terzo occhio, diretto da Mino Guerrini nel 1966.

Il protagonista di Buio Omega è Francesco (Kieran Canter), un giovane imbalsamatore che non accetta la morte della fidanzata Anna (Cinzia Monreale): dopo averla dissepolta dal cimitero decide di avvalersi delle proprie competenze per tenere il corpo della ragazza in grande segreto accanto a sé.

BUIO OMEGA, L'ITALIA ENTRA NEL GORE

Orfano di entrambi i ricchi genitori, Francesco abita in una villa assieme alla perfida Iris (Franca Stoppi), la governante, ignorando che quella donna si è resa responsabile della morte di Anna mediante maleficio.

Iris ha infatti intenzione di sposare Francesco e lo copre anche nel corso degli efferati omicidi che compie ai danni di due ragazze, le quali, a turno, hanno la sventura di vedere il corpo senza vita di Anna.
Nel frattempo qualcuno sta indagando attorno alla villa…

BUIO OMEGA, L'ITALIA ENTRA NEL GORE

 

UN TRIPUDIO DI CARNI CRUDE E SANGUE DI MAIALE

Se nel decennio precedente il tema della necrofilia era stato già velatamente affrontato da esteti del terrore come Riccardo Freda e Mario Bava, o anche dallo stesso Mino Guerrini, qui è l’occhio dello spettatore a subire la dissacrazione finale di un percorso che da questo momento in poi non avrà più limiti.

In Buio Omega si respira la stessa aria malsana dei fumetti horror-erotici italiani di quegli anni (Terror, Oltretomba, Storie nere…), ma con lo shock estetico prodotto da una macchina da presa che infrange gli ultimi tabù ancora in piedi nel nostro cinema.
Un tripudio di carni crude e sangue di maiale sostituisce con orrenda efficacia le materie plastiche degli effetti artigianali, mentre la violenza è scandita dai ritmi elettronici dei Goblin.

Girato in due settimane in Trentino Alto Adige, tra Bressanone e Campo Tures, il film esce nelle sale il 15 novembre 1979. Riceve recensioni non proprio amorevoli, come quella del quotidiano La Stampa.
«Il regista di questa pellicoletta (che con le generalità sue, Aristide Massacesi, firma la fotografia) imita alla casalinga i film dell’orrore, sia ricalcandone gli effettacci sanguinolenti di bassa macelleria, sia sfogandosi nella scimmiottatura di quanto di più repellente, in fatto di situazioni atte a produrre ribrezzo, si è visto nei film del genere. Le atrocità incalzano, allineate in tutta la loro crudezza. Il protagonista è un giovane imbalsamatore dilettante che conserva la cara salma, dissepolta e imbalsamata, della sua morosa e le si corica macabramente accanto per eccitarsi ogni qualvolta fa l’amore con altre donne prima di diventare il folle loro assassino. Quello che viene dopo ripugna anche soltanto a riassumerlo. In tema di “spaghetti-horror”, vale a dire di contraffazioni spudorate di prodotti, forestieri o nazionali non privi come modelli di un’allucinante loro attrattiva, qui si tocca decisamente il fondo. Al dilettantismo della regia corrisponde, in condizione di parità, quello degli interpreti».

Il Corriere della sera non si mostra più generoso. Parlando di «indigesto guazzabuglio», descrive la pellicola affermando che «i cadaveri, ora imbalsamati, ora squartati con cura, ora cremati ora disintegrati con acidi nella vasca da bagno, sono i veri protagonisti di questa storia disgustosa fino alla noia, ambientata (chissà mai perché) in un villaggio alpino dell’Austria».

Nonostante le critiche negative, per gli amanti del genere la pellicola di Massaccesi diventa presto un autentico cult-movie.
Non solo in Italia, negli Stati Uniti viene distribuito con il titolo Beyond the Darkness, in Francia diventa Blue Holocaust e in Germania Ovest Sado – Stoß das Tor zur Hölle auf.

 

(Da Spazio70).

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*