AYAKASHI TRIANGLE DI KENTARO YABUKI

AYAKASHI TRIANGLE DI KENTARO YABUKI

Stavolta vi parlo di Ayakashi Triangle del maestro Kentaro Yabuki.
Chi mi conosce sa che nel mio Olimpo dei mangaka è annoverato il maestro Kentaro Yabuki (già autore di Black Cat e To Love Ru). Di Yabuki amo le trame sempre mutevoli che sanno mischiare (soprattutto nelle ultime opere) azione, divertimento e una buona dose di ecchi (erotismo soft, NdR).

Ancora di più di questo mangaka amo i disegni, caratterizzati da una linea morbida e sensuale, con la quale tira fuori personaggi incantevoli. Ebbene, Yabuki è tornato e stavolta lo fa con una serie tutta dedicata agli spiriti giapponesi.

Gli ayakashi sono spiriti e mostriciattoli che circolano per il mondo di Matsuri e Suzu, due amici di infanzia che da sempre hanno avuto a che fare con questi strani esseri: il primo da apprendista ninja esorcista, la seconda perché possiede innate capacità medianiche grazie alle quali stringe strampalate amicizie con gli spiritelli.

AYAKASHI TRIANGLE DI KENTARO YABUKI

Insomma, le vite dei due ragazzi da sempre sono sospese tra realtà e mondo onirico, ma con l’arrivo di un potente Ayakashi gatto, questa normalità viene repentinamente messa in crisi. Per colpa del perfido demone-gatto Shirogane, Matsuri si ritrova con un corpo femminile, costretto a vivere una nuova vita che, per desiderio del gatto, potrà allontanarlo dalla sua amica Suzu, la quale sembra provare qualcosa di più di una semplice amicizia per il giovane esorcista…

AYAKASHI TRIANGLE DI KENTARO YABUKI



Da subito Kentaro Yabuki ci presenta un cast variegato che parte dai due amici di infanzia per poi allargarsi ai diversi ayakashi e ai nuovi amici del liceo. Matsuri e Suzu ovviamente la fanno da padroni, anche se (chi ha letto le opere precedenti dell’autore lo saprà) i comprimari mettono a dura prova il loro ruolo di protagonisti, infilandosi costantemente nella loro quotidianità.

Soffermiamoci per un momento su Matsuri e Suzu. Due amici di infanzia con un legame che trascende la semplice amicizia e due caratteri diversi, che però sanno trovare punti di incontro. Matsuri è coraggioso e intraprendente, pronto a tutto pur di proteggere l’amica e quindi spesso risulta un po’ irruento e diffidente verso il prossimo. Suzu ama i dolci sopra ogni cosa e con questa passione non può che essere buona di cuore, disponibile al confronto e ai nuovi legami.

AYAKASHI TRIANGLE DI KENTARO YABUKI

Il loro punto di incontro è quel mondo spirituale che una accoglie e l’altro respinge (o esorcizza) che, son certo, li avvicinerà sempre più, nonostante il cambio di sesso e l’arrivo di nuovi personaggi che cercheranno di mettere loro i bastoni tra le ruote.

La storia stavolta non parte esplosiva come To Love Ru (o To Love Ru Darkness), ma si prende il giusto tempo per la presentazione dei personaggi e del mondo onirico che entrambi vivono da sempre. Stavolta l’elemento azione tipico dello shonen viene mescolato in quantità superiori con l’elemento ecchi tipico di Yabuki.


Il primo volume di Ayakashi Triangle, per esempio, si concentra maggiormente sulle scene d’azione e sulle lotte con gli yokai (esseri sovrannaturali – NdR), piuttosto che sui momenti hot e sulle palpatine a cui Kentaro Yabuki ci aveva abituati nella serie precedente.

Non mancano in una serie shonen come questa i momenti introspettivi, e questo Yabuki ce l’ha dimostrato in To Love Ru Darkness: nonostante Yami fosse costantemente vittima dei palpeggiamenti involontari di Rito e i conseguenti scatti d’ira, il personaggio ha sempre portato a galla le diverse sfumature della sua anima, spesso turbata da un mondo che non sentiva totalmente suo.
In questa nuova serie è Suzu a mostrare i turbamenti, sopraffatta dai primi batticuori e dalla confusione che la presenza di Matsuri genera nella sua vita quotidiana (soprattutto quella scolastica).

Per i disegni mi toccherebbe fare un ulteriore articolo diviso in diversi capitoli, perché ci sarebbe tanto da dire e analizzare. Dovendo stringere, mi soffermo sul “cambio” di registro adottato per quest’opera: il tratto rimane morbido e voluttuoso, con gli ormai noti accenni alle curve femminili che tanto riescono bene a Yabuki, ma si nota una chiara semplificazione del tratto, tipica degli shonen a puntate settimanali, che però, nonostante tutto, non perde minimamente di mordente. Insomma, i disegni saranno anche “semplificati” ma conservano fascino e potere attrattivo!


AYAKASHI TRIANGLE

  • Autore: Kentaro Yabuki
  • Editore: Star Comics
  • Genere: Shonen Ecchi
  • Pagine: 192 pp
  • Uscita: 30 Novembre 2022
  • Prezzo: € 5,90
  • Nazionalità: Giapponese

La storia

Protagonisti di questa divertente serie sono il ninja esorcista Matsuri e la sua amica d’infanzia Suzu. I due provano un’evidente infatuazione reciproca mai dichiarata, ma se Matsuri è tanto abile in battaglia quanto timido e imbranato nelle questioni di cuore, Suzu è più consapevole e determinata. Peccato che la formosa ragazza sembri risultare particolarmente appetitosa agli spiriti maligni chiamati “ayakashi”: per toglierla dalle loro grinfie Matsuri non esita a incrociare le lame con il loro re, lo scaltro demone-gatto Shirogane. Gli esiti dello scontro sono imprevedibili. Se da una parte Shirogane viene sconfitto, dall’altra prima di essere soggiogato riesce a lanciare su Matsuri una maledizione che lo fa diventare… una ragazza! Come cambierà la vita di Matsuri? E come si evolverà il rapporto con Suzu, proprio ora che lei si era fatta coraggio e aveva deciso di farsi avanti? E Shirogane rinuncerà mai al suo proposito di divorare Suzu?


(Da Everpop).




Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*