STUDENTI STUPIDI E PROFESSORI NOIOSI CON POWERPOINT

STUDENTI STUPIDI E PROFESSORI NOIOSI CON POWERPOINT

Quando uscì Windows 95 il corpo insegnante si spaccò in due fazioni: da una parte la schiera sparuta dei docenti, per lo più maschi, smanettoni reduci del Ms Dos, che salutavano con grida di gioia appena trattenute il nuovo sistema operativo, dall’altra i dinosauri irriducibili della penna, che male sapevano adattarsi alle innovazioni tecnologiche. Con l’andare degli anni nella scuola le cose erano destinate a cambiare. Gli istituti scolastici si dotarono dell’isdn, poi dell’adsl, si sostituirono i videoregistratori con dei più moderni lettori Dvd, fecero la loro apparizione nelle aule informatiche dei Pc più potenti, furono organizzati dei corsi d’aggiornamento per imparare l’uso di Ms Word, e di qualche altra applicazione Microsoft, i libri furono resi disponibili in versione digitale, si appesero le lavagne interattive multimediali ai muri e si installarono dei Pc portatili sulle cattedre. Possiamo affermare che la tecnologia  e la multimedialità si sono impossessati della didattica? Penso che lo si possa affermare. Oggi tutti gli insegnanti sanno utilizzare un word processor e le slide. Ovviamente, molti si sono dovuti sacrificare frequentando dei lunghi e strazianti corsi di aggiornamento, spesso pagandoli di tasca propria.

Ma tutta questa tecnologia, invocata a gran voce dai vari ministeri dell’istruzione, è davvero utile? Che cosa succede nelle aule quando il professore si presenta con la sua lezione trascritta su Word o su Open Office? Pensate che gli alunni prendano degli appunti? Certo che no: c’è lì il file bell’e pronto da copiare e incollare. Pensate che ascoltino l’insegnante? Certo che no, tanto c’è lì il file… E poi chi se ne frega, se non si riesce a copiare il file, c’è Internet. Wikipedia sa tutto. Forse uno c’è che prende degli appunti. Ma alla fine fa una foto con lo smartphone e la manda con Whatsapp al gruppo classe. Whatsapp, guai a non averlo, altrimenti come si farebbero i compiti in classe?

Vogliamo parlare delle slide? Un tempo gli insegnanti più bravi, forti di un enorme bagaglio culturale, trasmettevano la loro esperienza e il loro sapere direttamente ai ragazzi, mentre altri, forse un po’ meno preparati, preferivano leggere dal libro di testo. Oggi il testo è sempre più spesso sostituito dalle slide, che presentano, rispetto al libro, il vantaggio di una maggiore chiarezza e semplicità: il riassunto del riassunto, il Bignami del Bignami, si e no quattro frasi da ricordare. Che fanno i ragazzi? Ascoltano e prendono appunti? Certo che no: tanto c’è il file…

Sapevate che, come afferma Paul Ralph, Powerpoint scoraggia i ragionamenti complessi rendendo gli studenti stupidi e i professori noiosi?

1 commento

  1. E questo mi conferma ancora il livellamento sempre più al ribasso del modo di concepire l’istruzione.
    Per inciso, ho visto dei moderni testi di scuola elementare (non è inerente all’argomento, ma è anche un altro motivo per cui, forse, ci si trova a questo punto), e sembrano scritti per degli idioti non in grado di comprendere. Ho visto anche la reazione dei bambini (normali bambini il cui cervello è, se non altro per l’età, una vera e propria spugna) ed è profondamente annoiata.

    Forse, giustamente come dice la vignetta (complimenti al disegnatore), non si vuole gente intelligente.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*