ROBERTO COLTRO, IL FALSARIO DI COPERTINE

ROBERTO COLTRO, IL FALSARIO DI COPERTINE

Sono da sempre lettore e collezionista di fumetti. Da un po’ di tempo ho scoperto la possibilità di intervenire graficamente sulle copertine che hanno fatto la storia dei comics e ho iniziato a diffondere i miei lavoretti su Facebook, nel mio profilo e nei gruppi a tema.
“Fake cover” per me vuol dire passione e divertimento: non c’è assolutamente uno scopo di lucro.
Creare una copertina rimaneggiata significa fare interagire personaggi di case editrici diverse, creando incontri improbabili.

Per esempio, una copertina di Batman disegnata da Irv Novick…

… più una di Licantropus disegnata da Mike Ploog…

… diventano una sinistra fake cover!

Ci sono molti tipi di fake cover.
Quelle più semplici da realizzare mettono in opposizione due personaggi disegnati di profilo su uno sfondo neutro (nero o bianco). Ecco un doppio esempio: in questo caso ho solo invertito i fattori.

Hulk contro la Cosa disegnati da John Buscema…


… e Flash contro Antiflash disegnati da Carmine Infantino…

… permettono di avere due incontri al vertice…

… tra case editrici diverse.

Ma si possono anche prendere quattro immagini, unirle tutte insieme e creare qualcosa di completamente nuovo.
Il terribile Doomsday, il famoso nemico di Superman, viene fatto combattere con tre Hulk diversi: Rosso, Grigio e Verde (la vedo difficile anche per un osso duro come Doomsday).

Ci sono copertine ancora più complesse, anche a causa degli sfondi.
Possiamo fare interagire Batman e Robin con l’Uomo Ragno, la mutante Scarlett Witch con la Lega della Giustizia, Thor contro l’Antimonitor, Wonder Woman contro Hulk, Superman tra Galactus ed Ego il Pianeta Vivente (tutti e tre, personaggi disegnati da Jack Kirby). Sempre mescolando personaggi della Dc Comics con quelli della Marvel.

La fantasia non ha limiti: il bello delle fake cover è che tutto può accadere, anche mescolanze tra fumetti e cartoni animati.

L’improbabilissimo incontro di Batman con la Linea di Osvaldo Cavandoli

Bender di Futurama, creato da Groening, corteggia rudemente Rosie dei Pronipoti della Hanna-Barbera

L’Uomo Ragno in un fumetto comico per bambini

L’Uomo Ragno in un albo “giovanilista” della Dc Comics

Diabolik ucciderà Heidi e Clara?

Duffy Duck nel frontespizio di Tex disegnato da Galep

Electro, il nemico dell’Uomo Ragno, se la vede con Batman e Robin

I Fantastici Quattro diventano un albo per ragazzine, con “Susan la modella”

Gli eroi Marvel in un comic book di brevi storie “mystery” della Dc Comics

Freccia Nera degli Inumani lacera i timpani di Dylan Dog in una falsa variant cover di “Dopo un lungo silenzio”

 

E quelle che avete visto sono solo alcune delle mie fake cover!

 

GIORNALE POP cerca articolisti e redattori.
Chi fosse interessato scriva a info@giornalepop.it

La collaborazione sarà di tipo volontaristico

 

2 commenti

  1. Bellissime. Mi ricordano la consuetudine Silver Age di Mamma DC di far disegnare covers a sensaz ( Supes affamatissimo che mangia uno dietro l’altro dei panini mentre si snoda una coda di persone che gli portano cibo, Flash che affronta un nemico invincibile scaturito dal disegno di un bimbo etc ) e poi chiedere ad uno sceneggiatore di scrivere una storia che giustifichi una simile copertina.
    Omicidio al collegio poi ricorda nel titolo il famigerato e sequestrato dramma al collegio di Kriminal.
    Bats potrebbe anche incontrare La Linea di Cavandoli in una storia di Grant Morrison e Chip Kidd.
    E Tex in uno showdown con Daffy Duck e persino in un triello con Don Duck avrebbe senso filtrato da Tito Faraci e Alberto Lavoradori.
    Mi piacerebbe tanto leggere la storia di un autore ” puro ” DC – oggi la cosa non ha molto senso considerato che i cartoonists si spostano da editore a editore o lavorano simultaneamente per più publishers – che si addormenta al crepuscolo sul tavolo inclinato dove ha disegnato l’ennesima storia di Bats che sarà poi firmata da Bob Kane e sogna che le sue dita sono personaggi Marvel che gli parlano e gli dicono di mollare baracca e burattini e ritirarsi in montagna dove le caprette gli faranno ciao e scrivere e disegnare storie mute e stilose e grafiche in cui solo l’ultima vignetta è un assordante grido e gli prometteranno premi e gloria e la immortalità che nei comics è solo degli dei del tuono e poi il tizio si sveglia e realizza che ha dormito troppo ed è in futuro ripieno di robots innamorati che leggono fumetti pieni di robot maggiordomi che si ribellano e vogliono fare fumetti. Mai la fine.

  2. Sensazionali; le immagini della finta copertina di “Amazing Spider-Man” da dove sono prese? Visti anche gli sviluppi del dopo-Ditko, avessero realizzato la testata veramente così lo avrei preferito.
    Sull’argomento finte copertine è interessante anche il sito “Super-Team Family … the lost issues!”, https://braveandboldlost.blogspot.it/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*