LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

My Little Pony – L’amicizia è magica (My Little Pony: Friendship Is Magic) è una serie animata che ha debuttato il 10 ottobre 2010 negli Stati Uniti sulla rete televisiva The Hub (precedentemente Hub Network, oggi Discovery Family). La serie è basata sulla linea di giocattoli My Little Pony di Hasbro, che ne ha commissionato la produzione a DHX Media Vancouver (precedentemente nota come Studio B Productions) e alla propria sussidiaria Hasbro Studios (chiamata adesso Allspark Animation).

Lauren Faust, nota per aver lavorato a diversi spettacoli televisivi di successo come The Powerpuff Girls e Gli amici immaginari di casa Foster, è stata scelta da Hasbro come direttore creativo e produttore esecutivo per la serie animata. Faust ha cercato di superare la natura prettamente femminile della linea My Little Pony, creando ambientazioni originali e personaggi caratterizzati a tutto tondo, e attribuendo grande importanza alle tematiche, allo sviluppo delle trame e al lato umoristico, nell’intento di rendere lo show piacevole sia per il target demografico di bambine sia per i loro genitori; questa scelta si è rivelata determinante per il successo della serie, che ha guadagnato l’inaspettata attenzione di un gruppo di fan giovani e adulti chiamati bronies.

(Da Wikipedia – My Little Pony)

Bronies – La serie, elogiata da critici televisivi e associazioni di genitori, ha anche suscitato l’inaspettato interesse di un vasto gruppo di fan adulti, in gran parte maschi, fin dalla sua prima messa in onda; questi fan, che sono stati attratti dai personaggi, dalle trame e dall’animazione e influenzati dalla propagazione dello show come fenomeno di Internet, hanno adottato il nome brony (al plurale bronies) dalla fusione delle parole inglesi bro (“fratello”) e pony. Benché si ritenga che la sua propagazione sia inizialmente avvenuta a causa dell’ironia destata dal concetto di persone adulte appassionate a una serie per bambine, il fandom ha dimostrato una dedizione per lo show decisamente più radicale, e viene considerato un esempio paradigmatico di New Sincerity scaturita da Internet. I suoi membri più attivi hanno fondato siti web, organizzato convention e creato numerose opere di letteratura, musica, arte digitale e tradizionale e video ispirandosi alla serie.

L’apprezzamento della serie da parte di un pubblico adulto è stata una sorpresa per Hasbro, Faust e le altre persone coinvolte nello show, ma essi hanno accettato e interagito con questi fan più anziani, pur restando concentrati sul pubblico originariamente previsto. Questo rapporto di reciprocità si è manifestato tramite la partecipazione dei doppiatori e dei produttori alle convention dei fan, il riconoscimento del fandom brony in materiale promozionale ufficiale e l’inclusione di alcuni pony secondari resi celebri dai fan, come la battezzata dal fandom “Derpy Hooves”, in allusioni scherzose all’interno dello show.

(Da Wikipedia – Brony)

 

Ne stavo parlando giust’appunto con uno dei miei amici virtuali ieri notte. Non è fan della serie, ma conosceva My Little Pony: L’amicizia è magica grazie alla parodia di un fan, creata da un disegnatore/animatore anni fa su Youtube, tale Pony.Mov.

C’è anche in italiano, ma è diviso in capitoli, non tantissimi.
Da fan quale sono, trovo divertentissima la parodia dei personaggi di My Little Pony. Con Twilight scienziata (lei che è una maga), Rainbow Dash ce diventa un colosso di sesso maschile, Applejack ingorda di mele, Fluttershy pazza assassina, Rarity sfruttatrice e dall’aspetto buffissimo…

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Fanart di namygaga

 

Ultimamente era uscito anche il primo vero film della saga al cinema, ma per sfortuna me lo persi, e me lo vidi con la mia amica Iasmin a casa tempo dopo. Iasmin fu la prima a cui feci conoscere quel mondo ponoso: lei stessa si ritrovò nel personaggio di Rarity.
Il film è molto carino, nulla della solita trama d’avventura/eroistica, ma i personaggi, specie la madre e figlia del mondo dei pony marini, sono stati una vera sorpresa.

Questo articolo però non è dedicato al film, né alla serie, quanto piuttosto alle mie ships, ovvero le mie accoppiate preferite all’interno della serie.
Tratterò solamente le sei protagoniste principali.

So bene che i personaggi sembra abbiano avuto solo relazioni di tipo eterosessuale (con qualche dubbio per Rainbow Dash), ma le ships sono belle proprio perché libere. Quindi se le immagino omosessuali, cioè molto più che amiche, è un parere personale. So benissimo che molte di loro lesbiche non sono, ma questo non mi vieta di vedercele bene.

Ah, la maggior parte delle immagini o è senza autore (sigh), o viene da Derpiboru.com, famoso sito brony.

Twilight Sparkle X Pinkie Pie

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Certo, Pinkie la preferisco con Cheese, ma, come detto prima, è abbastanza ovvio che posizionandole tutte a gusto mio Twilight finisca con Pinkie Pie.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

In fondo, non è poi una cosa così insensata. Twilight è la pony solitaria, quella più introversa e tranquilla, quindi perché non assegnarle il suo contrario, ovvero l’amichevole, estroversa e festosa Pinkie Pie?

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Oltretutto, Pinkie sa tutto di tutti in città, e sarebbe così molto utile a Twilight quando deve conoscere certe informazioni su qualcosa. Quindi, tralasciando il detto “gli opposti si attraggono”, Pinkie sarebbe un’amica veramente utile per lei, che sta quasi sempre chiusa in casa per leggere e studiare.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Io guardo anche l’opposto dell’aspetto fisico: Twilight ha i capelli lisci e in ordine, Pinkie invece ricci e alla rinfusa, così come è il suo carattere. Precisina l’una e un po’ casinista l’altra.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Fanart di alexielart

 

Nella puntata in cui tutte le protagoniste perdono la testa diventando le loro parti al negativo, Twilight e Pinkie sono le più emotive, quelle che sembrano davvero distrutte dentro.
Pinkie ha paura di venir derisa, Twilight di essere una nullità. Le altre non danno a vedere un crollo emotivo quanto queste due.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Twilight è una studentessa, sì, ma studia l’amicizia (quindi la psicologia messa a metafora), e quale potrebbe essere un modello di studio più adatto se non la festaiola “amica di tutti”? “Tutti sono miei amici! Tutti conoscono Pinkie Pie!
Aggiungo anche che i colori sono molto simili tra loro.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Da una puntata della serie, non ricordo quale

 

Twilight è quella che vuol sempre essere riconosciuta dai personaggi regali, dalla sua mentore Principessa Celestia, mentre Pinkie è interessata a far contento soltanto il popolo.
Le altre protagoniste non sono interessate alla serenità, all’armonia emotiva: Fluttershy cura solo gli animali, Applejack è una contadina/commerciante, Rarity vuole solo creare, Rainbow Dash è competitiva e il suo sogno è un poco più egoistico…

twilight_and_pinkie_pie_by_racoonkun-d4j9n54.jpg

Fanart di RacoonKun

 

Ricordo, inoltre, che quando Pinkie fece conoscere una sua capacità (delle tante assurde che ha) riguardo al prevedere un evento (anche catastrofico) semplicemente “ascoltando” il proprio corpo, Twilight fu la prima a voler trovare una spiegazione: “Non è possibile che sia così, ci deve essere per forza qualcosa dietro”.

8823dc836568df0ed70fc82652f4d3ac.png

Altra cosa ancora, entrambe hanno un possibile fidanzato: Twilight ce l’ha pure nella serie dove è umanizzata; Pinkie ha l’alter-ego di un famoso cantante rock, Weird Al Yankovic.

kP0kQWlye94x.jpg

Entrambe, poi, non hanno un vero lavoro fisso. Almeno, non uno “fisico” come le altre. RD lavora sulle nuvole, Fluttershy è veterinaria, AJ si occupa di vendite e lavori alla fattoria, Rarity è artigiana e gestisce linee di moda. Pinkie lavora qua e là organizzando qualche festa, e dorme in affitto dalla famiglia Cake gestendo i loro pargoli, ma nulla di che. Twilight invece fa la studentessa ed è pagata dai suoi. Si potrebbe dire che non facciano dei lavori veri e propri (Pinkie fa lavoretti non fissi), ma che siano mantenute. Va be’ che Twilight è una principessa reale, ma tralascio questo dettaglio.

full.png

Quindi, perché non potrebbero benissimo essere una ship? Le due si eguagliano, sono così diverse ma così simili…

E poi ricordano molto alcuni aspetti del mio carattere: io sono come Twilight Sparkle, ma nello stesso tempo mi sono sentita anche Pinkie e ho la sua stessa emotività. Curioso, vero?

images.jpg

Oh, mi ero dimenticata di quanto fossero stupende entrambe nella puntata in cui Twilight impazziva per capire cosa volesse dirle una “sé” dal futuro apparsa dal nulla: durante una ronda per entrare nella biblioteca Reale, Pinkie e lei erano vestite da ladre.

solid_sparkle_is_found_by_empty_10-d4sg89d.png

Fanart di empty-10

 

Fluttershy X Rainbow Dash

Sì, Fluttershy la preferisco più con Discord, ma sempre meglio evitare perché non è un’accoppiata che piace a tutti. Sto parlando della Fluttercord, che viene accusata di pedofilia, mah…

fluttershy_s_unbirthday_tea_party_by_empty_10-d5xrvlm.png

Fanart di empty-10 con il coniglio Angel incluso, l’animaletto domestico di Fluttershy che, nonostante il tenero aspetto, è uno stronzo.

f8eadc20507635.562ec7729f26b.jpg

Sì, sono fan pure dell’accoppiata FlutterCord e trovo meravigliose le numerose fanart su loro due. E niente accuse di pedofilia, visto che Fluttershy è già adulta, non una bambina.

Inutile dire che Fluttershy e Rainbow Dash siano più che perfette, data la loro lunghissima amicizia sin da quando erano molto piccole. Difatti sono le uniche nel gruppo a conoscersi da moltissimo tempo. Abitavano entrambe su NuvolaCity (la città dei pegasus), perché entrambe sono pony alati.

Filly_Rainbow_defending_Fluttershy_S1E23.png

Questo basterebbe solo per far capire quanto si somiglino, ma c’è da aggiungere che Rainbow Dash la difendeva sempre. Era bersaglio facile dei bulli perché timida e fin troppo accomodante.

fluttershy-and-rainbow-dash-in-the-city_o_2058809.jpg

Fluttershy è gentile, è quella che non vuol mai far arrabbiare nessuno, mentre Rainbow Dash è talmente attaccabrighe da fare scherzi un po’ a tutti. Sembrerebbe un atteggiamento da bullo, ma si comporta così solo perché è di natura scherzosa e ha sempre avuto un forte orgoglio.

mlp_shipping___fluttershy_and_rainbow_dash_hugging_by_ramseybrony17-da28997.png

Se non fosse stato per Fluttershy, poi, RD non avrebbe mai voluto sfidare i bulli per far capire che lei stessa ha la capacità di creare l’Arcoboom Sonico, un mito fra i pegasus: e Fluttershy, non cadendo da una nuvola a causa di RD, non avrebbe scoperto il suo posto sulla Terra.
Le altre hanno ricevuto solamente l’aiuto dall’arcoboom, e non da RD direttamente (non la conoscevano nemmeno).

16738__safe_artist-colon-yubi_fluttershy_rainbow+dash_blushing_bridal+carry_carrying_clothes_dress_female_flutterdash_lesbian_mare_pegasus_pony_shippin.jpg

Per quanto riguarda l’aspetto esterno, entrambe contrastano con il rosa/azzurro. Fluttershy è più aggraziata, infantile, il suo aspetto ricorda quello di una fata.

67c543ed3b3db8461f58439d438dc17f.jpg

Rainbow Dash, invece, è più un “maschiaccio”, atletica, una che combina più guai invece di lasciare tutto nella pace e quiete. RD è il disordine, Fluttershy la calma.

8fbbc17879476de33ed9e790e9d70336.jpg

Inoltre, entrambe hanno a che fare con il cielo. Fluttershy ha come simbolo le farfalle, RD l’arcobaleno che esce da una nuvola come un fulmine (riferimento all’arcoboom sonico).

filly_rainbowdash_and_fluttershy_by_jurisalis-d999nmt.png

Fanart di Jurisalis

 

Complementari sono anche i colori dei loro occhi: RD fucsia e Fluttershy acquamarina. Quindi dei colori non proprio di “base” (Pinkie li ha azzurri, AJ verdi, Rarity blu, Twilight viola).

Filly_Rainbow_defending_Fluttershy_S1E23.png

Ovviamente la ship è riconosciuta da moltissimi fan, come FlutterDash. Si completano troppo le due. Perché se da una parte RD tiene alla sua amica, insegnandole a farsi rispettare, Fluttershy, da parte sua, le insegna a essere più gentile, ad avere empatia (non a caso fa la veterinaria).

flutterdash_by_blynxee-d9u2vc4.png

Fanart di Blyinxee

 

Applejack X Rarity

Non poteva mancare la mia preferita in assoluto!

 

Entrambe hanno due sorelle minori (Rarity ha Sweetie Belle, AJ Applebloom), entrambe lavorano con e per la propria famiglia: Rarity guadagna da sola con un atelier e cresce la sorellina con sé, lontano dai genitori; AJ gestisce la fattoria e la vendita di mele con le sue sole forze, assieme ai numerosi parenti.

bebb84917e36e3367b3ba4a14298f366abfd5598.png

Entrambe lavorano per cose di estrema utilità (AJ le mele, Rarity gli indumenti).

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Fanart di LooknamTCN

 

Ed entrambe hanno acconciature particolari. Rarity ha i boccoli, AJ una grossa treccia. Certo, la differenza è che AJ tiene poco alla capigliatura, mentre Rarity fin troppo. Ma rispetto agli altri personaggi, che hanno la criniera semplice, le due, su questo piano, sono piuttosto simili.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

La ship più riconosciuta porta il nome di RariJack.
Sono molte le puntate dove entrambe fanno confronti: si va dalla serata a casa di Twilight Sparkle a quella dello spasimante. In entrambe le due litigano parecchio, deridendosi a vicenda, ma tornando poi amiche.

Sweetie_Belle_and_Apple_Bloom_sat_with_their_sisters_S3E6.png

Nella prima puntata Rarity viene schernita da AJ per la sua fissa maniacale del look perfetto, mentre AJ viene costretta (senza lamentarsi molto) a vestirsi per una volta in modo “grazioso”.
Nella seconda la situazione è simile, ma differente il motivo: un pony maschio si sente attratto da AJ, con conseguente gelosia di Rarity verso la rivale (inconsapevole) in amore.

_sob__q_q__rarijack__by_odaefnyo-da32ljd.jpg

Fanart di oDaefnYo

 

Entrambe infatti rappresentano due elementi di stile di vita opposti. La vita di città, mondana e galante (Rarity), e quella campagnola, laboriosa e rustica (Applejack).

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Fanart di aymint

 

Entrambe crescono le sorelle minori, nessuna però vuole seguire le loro orme.

Fanart di hunternif

 

Quello che potrebbero insegnarsi l’un l’altra è ovvio. Applejack ad avere più cura di sé e Rarity a essere meno fissata con l’ordine e l’estetica, ma non c’è solo questo.

Sono le persone più mature del gruppo e anche le uniche a saper gestire un’attività commerciale.

 

Qui chiudo, sperando poi di tornare sopra l’argomento, o anche iniziare un qualche altro articolo dedicato alla serie animata, trattando anche le altre mie ships preferite.

LE MIE SHIPS DI MY LITTLE PONY

Ahi ahi, che trio amoroso complesso!

(Dal blog Il Cerbiatto Volante).

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*