JOHN FORD, IL GENIO DELL’IMMAGINE

JOHN FORD, IL GENIO DELL’IMMAGINE

Esiste una verità incontrovertibile che riguarda la storia del cinema. L’asserì in un’intervista di tanti anni fa Walter Hill: “Credo che Ford abbia fatto i più bei western della storia, non ci sono dubbi su questo”.
Altri cineasti ne hanno girati di indimenticabili, a cominciare da Howard Hawks (e poi Raoul Walsh, Anthony Mann, John Sturges, Sam Peckinpah eccetera). Tuttavia, il nome John Ford è sinonimo di western, almeno quanto quello di Alfred Hitchcock è sinonimo di thriller.
D’altronde, fu lo stesso Ford a dire: “Mi chiamo John Ford. Faccio western”. Una dichiarazione d’intenti che suona, per di più, alquanto modesta. Poiché il maestro, nato negli Stati Uniti da genitori irlandesi, ha al suo attivo un buon numero di capolavori anche al di fuori del genere più tipicamente americano: dal gangster movie Tutta la città ne parla (The Whole Town’s Talking), del 1932, all’esotico e scanzonato I tre della Croce del Sud (Donovan’s Reef), del 1963.
Insomma, come si può vedere dalle sequenze scelte, John Ford è stato, per citare il nostro regista Riccardo Freda (che non era certo prodigo di complimenti nei confronti dei colleghi), “un genio dell’immagine”.

JOHN FORD

John Ford (1894-1973)

 

Il cinema migliore è quello in cui l’azione è lunga e i dialoghi brevi. Quando un film racconta la sua storia e ci descrive i suoi personaggi con una successione di piani semplici, belli e “attivi”, allora sì che è cinema.

John Ford

 

John Ford, se mi ha insegnato qualcosa, mi ha insegnato come non cedere alla lusinga di una ripresa dall’alto, sapete, quando allargare, quando stringere. Non girare primi piani a ogni scena o a ogni ripresa.

Steven Spielberg

 

Girare un western è sempre uno svago per me. Parto con la troupe e per settimane e settimane non me ne frega più di niente.

John Ford

 

Quello che Ford sa fare meglio di ogni altro regista al mondo è creare una tela epica e popolarla poi con personaggi di eguale grandezza e rilievo, per quanto modesti possano essere.

Peter Bogdanovich

 

Adoro fare film, ma non mi va di parlarne. Voglio dire, è tutta la mia vita. Ma mi chiedono sempre qual è il mio film preferito. Io rispondo sempre: il prossimo.

John Ford

 

John Ford è stato il mio maestro. Il mio stile non ha niente a che fare con il suo, ma Ombre rosse è stato il mio libro di testo. L’ho visto quaranta volte.

Orson Welles

 

I produttori non capiscono niente nella fabbricazione dei film. È per questo che io giro i film in maniera tale che non possano essere montati che in una maniera. Entrano in moviola e dicono: “Qui mettiamoci un primo piano”. Ma non ne esistono. Non ne ho girati.

John Ford

 

Lui aveva quella visione ariosa, romantica (ma sempre realistica) del West, ed era giusto che fosse così. La sua foto con dedica (“To Sergio Lione with admiration, John Ford”) è uno dei miei ricordi più cari e il mio massimo motivo d’orgoglio.

Sergio Leone

 

Uno dei problemi che hanno i registi in questo paese, e credo che sia uno dei problemi che hanno i registi ovunque nel mondo, è che quando realizzano un film di successo, cercano di realizzarne un altro così. Ma di solito cadono con la faccia per terra.

John Ford

 

Psicologicamente, John Ford è un uomo semplice, un americano ottimista e bonario, cui però l’origine irlandese e la formazione cattolica conferiscono doti di tollerante comprensione e di umana pietà.

Pietro Bianchi

 

Filmografia completa di John Ford (lungometraggi)

1966 Missione in Manciuria
1965 Il magnifico irlandese
1964 Il grande sentiero
1963 I tre della croce del Sud
1962 La conquista del West (segmento “La guerra civile”)
L’uomo che uccise Liberty Valance
1961 Cavalcarono insieme
1960 I dannati e gli eroi
1959 Soldati a cavallo
1958 L’ultimo urrà
24 ore a Scotland Yard
1957 Storie irlandesi
Le ali delle aquile
1956 Sentieri selvaggi
1955 La nave matta di Mr. Roberts
La lunga linea grigia
1953 Mogambo
Il sole splende alto
1952 Uomini alla ventura
Un uomo tranquillo
1950 Rio Bravo
La carovana dei mormoni
Bill sei grande!
1949 I cavalieri del Nord Ovest
1948 In nome di Dio
Il massacro di Fort Apache
1947 La croce di fuoco
1946 Sfida infernale
1945 I sacrificati
1941 Com’era verde la mia valle
La via del tabacco
1940 Viaggio senza fine
Furore
1939 La più grande avventura
Alba di gloria
Ombre rosse
1938 Pattuglia sottomarina
Il giuramento dei quattro
1937 Uragano
Alle frontiere dell’India
1936 L’aratro e le stelle
Maria di Scozia
Il prigioniero dell’isola degli squali
1935 Il battello pazzo
Il traditore
Tutta la città ne parla
1934 Il giudice
Il mondo va avanti
La pattuglia sperduta
1933 Doctor Bull
Pellegrinaggio
1932 Carne
L’aeroporto del deserto
1931 Un popolo muore
La trovatella
In fondo ai mari
1930 Risalendo il fiume
Temerario nato
Il sottomarino
1929 Saluto militare
La guardia nera
Forzuto
1928 Riley the Cop
La casa del boia
L’ultima gioia
1927 La canzone della mamma
Controcorrente
1926 L’aquila azzurra
I tre furfanti
La corsa a ostacoli di Shamrock
1925 Cuore di combattente
Grazie!
L’orgoglio del Kentucky
La nipote parigina
1924 Cuori di quercia
Il cavallo d’acciaio
1923 Paraocchi
A Nord di Hudson Bay
Ladro d’amore
Tre salti in avanti
La faccia sul pavimento del bar
1922 Il fabbro del villaggio
I favori della signorinetta
1921 Jackie
A colpo sicuro
Azione
Piste disperate
Un fracco di botte
Sbaragliare la concorrenza
La grande forza
1920 Just Pals
Ostacoli
La ragazza del n. 29
Il principe di Avenue A
1919 Uomini segnati
Pistola conto gentiluomo
Il cavaliere della legge
L’asso della sella
I proscritti di Poker Flat
I cavalieri della vendetta
A pugni nudi
Lotta per amore
Preso al laccio
1918 Tre uomini a cavallo
The Craving
Inganno di donna
Indemoniato
La goccia scarlatta
L’oro dei ladri
Donne selvagge
I cavalieri fantma
1917 Bucking Broadway
Un uomo segnato
L’uomo segreto
Straight Shooting

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*