GESEBEL PREANNUNCIA LE EROINE SEXY

GESEBEL PREANNUNCIA LE EROINE SEXY

Facile la vita delle cosplayer, ben riparate dietro le ricche stoffe dei costumini colorati. Avrei voluto vederle negli anni sessanta e settanta, con addosso solo un paio di straccetti trasparenti e le poppe al vento come le eroine dei fumetti dell’epoca. Sto parlando di Gesebel e delle altre protagoniste dei tascabili a fumetti che, pur essendo teoricamente per adulti, venivano letti da tutti. Ragazzine comprese.

La prima eroina (o antieroina) erotica italiana è Satanik, creata nel 1964 da Max Bunker e Magnus, alla quale ho dedicato un articolo molto divertente: “Quella stronza di Satanik”.

Sempre alla premiata coppia di Bunker (Luciano Secchi) e Magnus (Roberto Raviola), dobbiamo la successiva Gesebel, eroina “fantaspaziale” del febbraio del 1966. Quindi un paio di mesi prima di Isabella, ufficialmente considerata la prima eroina sexy italiana.

Questa presentazione di Luciano Secchi rivela scarsa dimestichezza con la fantascienza, impressione confermata dalla lettura degli albi.

Vediamo qualche sequenza del primo episodio di Gesebel, originariamente pubblicato (due pagine sì e due no) con colori troppo forti: per questo abbiamo preferito la successiva versione tutta in bianco e nero.

Di primo acchito, le Corsare delle spazio capitanate da Gesebel sembrano una manica di lesbiche (con la massima simpatia verso le omosessuali), ma l’impressione è erronea: “C’è un capitano che è un fustacchio da mozzare il fiato, me lo vorrei pappare io”. E con questo la tizia ha detto tutto.

“I fustoni saranno venduti all’asta, il grassone lo metteremo all’arena”: quando si dice avere le idee chiare.

Va be’, finisce che il mostro si ingoia il ciccione.

Bunker e Magnus non fanno vedere manco mezza tetta (all’epoca non si poteva mostrare nemmeno un capezzolo), ma la tensione erotica, più precisamente sadomaso, è altissima. Direi che è l’essenza stessa della storia, anche se alcuni critici la pensano diversamente.

Queste ultime tavole di Gesebel le faccio vedere perché mi piace come Magnus disegna gli alieni: ricordano quelli di “Saturno contro la Terra”, il mitico fumetto che Federico Pedrocchi e Giovanni Scolari hanno realizzato tra gli anni trenta e quaranta.

Ecco cosa dice Max Bunker in epoca recente dell’esperienza editoriale di Gesebel, che si è rivelata sfortunata.

Nello stesso 1966, ma ad aprile, escono due altri tascabili erotici: Goldrake, un personaggio alla James Bond, e la già citata Isabella.

Editore e autore è Renzo Barbieri (1930-2007), sceneggiatore di fumetti e giornalista di gossip per il quotidiano popolare del pomeriggio “La Notte”. Nelle sue biografie si parla anche del “Corriere della Sera”, ma in realtà si tratta del “Corriere d’Informazione”, cioè del giornale del pomeriggio della casa editrice del Corriere, dove Barbieri era andato dopo avere lasciato la Notte (anche su Tiziano Sclavi si fa questa interessata confusione). Barbieri era un tipico milanese estroverso, da quello che ho potuto capire quando l’ho incontrato. Si considerava soprattuto uno scrittore, a giudicare dai depliant pubblicitari dei suoi romanzi che mi spediva (solo le pubblicità, non i libri). In questi romanzi raccontava l’alta società “moralmente corrotta” nello stile ormai superato di Pitigrilli.

A sceneggiare le storie di Isabella, Barbieri mette il suo futuro socio Giorgio Cavedon, mentre il bravo Sandro Angiolini disegna. Isabella è ambientata nell’epoca dei moschettieri di Dumas, cioé all’inizio del seicento: si fa per dire, perché la coerenza storica non è sempre rispettata. Ne parla diffusamente Pietro Zerella in “Isabella, la duchessa dell’erotismo”.

Anche le prime copertine sono del grande Angiolini.

La casa editrice Sessantasei, dal nome dell’anno di fondazione, deve chiudere presto per mancanza di liquidità dopo avere lanciato altri due personaggi, Messalina, la “dissoluta” moglie dell’imperatore Claudio, e Cap, dedicato ai “capelloni” (i beat). Ecco tutti i numeri usciti della Sessantasei. Isabella, ottenendo maggior successo, da mensile era diventata subito quattordicinale.

Per poter continuare, Barbieri diventa socio del regista Giorgio Cavedon (1930-2001), che immette nuovi capitali. Ho avuto modo di conoscere anche lui: introverso e tranquillo, l’esatto opposto di Barbieri. Cavedon non era precisamente un “compagno”, dato che aveva una paura boia dei comunisti e si apprestava a fuggire all’estero dopo le loro vittorie elettorali degli anni ottanta. Era semplicemente terrorizzato.

Negli anni sessanta, con la casa editrice Erregi, Barbieri e Cavedon continuano la pubblicazione di Goldrake e Isabella, dando vita ad altre eroine sexy. Eccole disegnate da Ferdinando Tacconi. Come vedete, care cosplay, in quanto a costumini succinti c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Dicevamo di Messalina, creata da Barbieri e da Edgardo Dell’Acqua, pure lei uscita nel 1966. Secondo gli storici barbogi suoi contemporanei, l’imperatrice Messalina (è esistita veramente) si travestiva da prostituta per fare le gang bang con la gente del popolo. E allora, che c’è di male?

messalina-ii-serie-129

La mia preferita è Jungla, creata da Paolo Trivellato e Stelio Fenzo nel 1968. Anche di lei ha parlato Zerella, in “Jungla!”.

Jungla mi piace soprattutto per i disegni del sottovalutato Fenzo. Un artista della scuola veneziana come Hugo Pratt, e come lui influenzato da Milton Caniff (più ancora da Frank Robbins).

Fenzo non è mai stato valorizzato come avrebbe meritato. In seguito ha lavorato per “Il Giornalino” e ancora per Barbieri, disegnando negli anni settanta il popolaresco Pierino.

Anche la gangster Bonnie, qui senza il suo amico Clyde, è stata lanciata nel 1968: da Cavedon e Tito Marchioro.

bonnie112

La famosa Jacula la vampira, di Barbieri e lo Studio Rosi, è dell’anno successivo, il 1969. Su Jacula ha fatto ponderose riflessioni Alessandro Baggi, il disegnatore di Dylan Dog, con una introduzione di Pietro Vanessi: “Jacula la vampira non succhia più”. (Sempre Baggi, ha scritto un pezzo su un semiclone di Jacula altrettanto fortunato: “Il segno di Zora… sulla gola”).

Lucrezia (1969), di Barbieri e Alessandro Chiarolla, era la presunta avvelenatrice della famiglia Borgia: anche lei è un personaggio reale. Il Rinascimento era un’epoca interessante, tenuto conto che il padre di Lucrezia era papa Alessandro IV e le gang bang le organizzava alla fine dei festini insieme alla figlia avuta da una prostituta.

Walalla, di Mario Gomboli e Mario Cubbino, è un’indiana (bionda!) anche se il suo nome rimanda al paradiso dei vichinghi (proprio perché bionda?). Questa incongruità onomastica e i disegni poco gradevoli di Cubbino mi hanno sempre impedito di interessarmi a fondo di questo personaggio, peraltro di scarso successo.

walalla11

La piratessa Jolanda (1970), di Roberto Renzi e Armando Bonato, è famosa soprattutto perché disegnata a lungo da Milo Manara, come ho scritto nell’articolo “Il punto debole di Manara”.

Dello stesso anno è Hessa, di Ennio Missaglia e Giovanni Di Stefano. Ingiustamente accusata da chi non l’ha letta di essere un fumetto nazista, su di lei se ne scrivono di tutti i colori: per esempio, che Gomboli e Manara avrebbero fatto pressioni sull’editore per farla chiudere. Nazista dove? Nelle pagine di Hessa il nazismo viene sempre condannato senza appello.

Se non ci credete, leggetevi alcune tavole dell’episodio in cui affronta Adolf Hitler in persona.

Dopo avere fallito, ci prova ancora.

Se non fosse stato per quella stronza di Eva Braun, Hessa avrebbe ucciso Hitler, altro che palle! In un episodio, Hessa uccide il figlio segreto di Hitler perché è un bambino cattivo (tortura gli animali e roba del genere). Soprattutto, non bisogna confondere la protagonista, Hessa, con le storie, nelle quali i gerarchi nazisti sono sempre descritti in maniera spregevole.

Lucifera, creata nel 1971 da Cavedon e Leone Frollo, è l’ultimo grande personaggio della Erregi. Ai disegni, il giovane ma promettente Frollo copia a man bassa John Buscema, come dico ne “L’espressionismo muscolare di Buscema”.

luc1505luc1730

Molte copertine di Lucifera sono dipinte dal grande Averardo Ciriello.

55060342193e51d8272525bcf00e3c11kgrhqnlsfi3ivbu8dbsypunjhq60_57
Nel 1972, Giorgio Cavedon si separa da Renzo Barbieri perché scopre che il socio non è del tutto corretto con lui. Mentre Cavedon acquista anche l’altro 50% della Erregi, ribatezzandola Ediperiodici, Barbieri fonda la Edifumetto.

I due rimangono comproprietari solo della Elvifrance, la casa editrice francese attraverso la quale pubblicavano i fumetti della Erregi e ora quelli delle loro due nuove aziende editoriali.

Con la Edifumetto, Barbieri continua a sfornare eroine erotiche. Una delle meno famose è Yra, realizzando la quale, nel 1980, Leone Frollo raggiunge i massimi livelli artistici. I testi sono del fin troppo prolifico Giuseppe Pederiali. Dalla seconda metà degli anni settanta, grazie a Magnus (già autore di Kriminal, Satanik e di Gesebel) i tascabili diventano parecchio più spinti. Come dico ne “Lo Sconosciuto di Magnus”.

nagafrollo_1280yra09yra10yra031

Opere come Yra la vampira e la successiva Naga la strega, sempre di Leone Frollo, sono del tutto ignorate dalla critica fumettistica. Che razza di bestie operano nel settore?!

tumblr_mg7b47khzc1qfbon7o1_1280
Come vediamo da questo elenco, nel 1982 le eroine della Edifumetto (Zora, Ulula, Sukia, l’effimera Moschettiera, Cimiteria e la Poliziotta) cedono il posto agli eroi maschili e agli albi antologici. Peggio ancora è messa l’Ediperiodici, dove le vecchie eroine della Erregi scompaiono una dopo l’altra.

Nel corso degli anni ottanta i tascabili diventano decisamente troppo spinti per questo morigerato giornale. Non solo per le tematiche politicamente scorrettissime, la Poliziotta realizzata da Angiolini (quello di Isabella) si scontra con la “sadica banda dei finocchi motociclisti”, ma soprattutto per il surriscaldamento erotico: Cimiteria, per esempio, si fa montare da un cane lupo.

Ragione di più per rimpiangere un passato dove la fantasia non aveva limiti e regole, al contrario del grigio presente.

A proposto delle cosplayer, voglio ricordare che abbiamo una morigeratissima rubrica a singhiozzo dedicata a loro. Per partecipare, scrivete a info@giornalepop.it.

Contatto E-mail: info@giornale.pop

2 commenti

  1. EC:”Naga la maga” come da rima ( non “la strega”).

  2. […] Questa “eroina” vive una serie di situazioni paradossali: vergine convinta, si trova sempre in mezzo alle orge; aguzzina nazista, ama perdutamente un partigiano olandese. Nei suoi fumetti, i gerarchi nazisti vengono sempre rappresentati come degenerati, quindi non si può considerare Hessa un fumetto filonazista. Anche se si potrebbe eccepire sul buon gusto di una simile operazione editoriale. (Ho pubblicato parte di un suo fumetto qui). […]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*