EGITTO, DESTINAZIONE IDEALE PER LE IMMERSIONI

Sharm el-Sheikh

Nella lista dei migliori luoghi al mondo per le immersioni molti subacquei inseriscono il Mar Rosso. E nessun Paese è situato in una posizione migliore dell’Egitto per trarre il massimo vantaggio da tutto ciò che il Mar Rosso ha da offrire. Inoltre, l’Egitto si affaccia a nord con un altro mare: il Mediterraneo. Con così tanta acqua e tante aree tra cui scegliere, può essere difficile decidere dove andare per una vacanza subacquea in Egitto. In questo articolo sono elencati alcuni dei migliori siti di immersione.

 

Hurghada

Per i subacquei principianti che cercano un posto dove fare esperienza (o per i subacquei che vogliono prendersela comoda), Hurghada è la destinazione perfetta. Molti dei siti per le immersioni si trovano in acque non troppo profonde e offrono una splendida vista sulle scogliere e sulla vita marina. Hurghada, inoltre, è un punto di partenza ideale per visitare altre zone del Mar Rosso. Le Isole Giftun, per esempio, si possono raggiungere in barca in soli 45 minuti. Un altro vantaggio importante è che da Hurghada si possono trovare facilmente voli diretti dall’Europa senza fare scali.

 

Quseir

Come Hurghada, anche Quseir è un luogo adatto per i principianti, ma c’è anche molto da fare per i subacquei che hanno un po’ di esperienza. Nel corso degli anni, Hurghada è diventata sempre più popolare, una zona molto frequentata soprattutto durante le vacanze. Questo aspetto di una vacanza a Hurghada forse piace poco a chi preferisce un po’ più di pace e tranquillità. Quseir è meno frequentata e quindi meno affollata, ma offre tante altre possibilità interessanti, rendendola più adatta per i viaggiatori che amano la tranquillità.

 

Alessandria

I subacquei che si limitano alla costa orientale dell’Egitto si perdono le bellissime acque del nord. Non c’è nessun punto di partenza migliore della città di Alessandria per esplorare queste acque. La maggior parte delle persone conosce Alessandria per la sua ricca storia, per questo motivo è ideale per i turisti che vogliono fare anche altre cose oltre alle immersioni. Qui si possono esplorare le rovine dell’antico Egitto, come il palazzo di Cleopatra e il sito dove sorgeva il leggendario faro di Alessandria. Attenzione: le immersioni ad Alessandria sono più adatte ai subacquei esperti, in quanto la visibilità può essere scarsa rispetto alle zone del Mar Rosso.

 

Isole El Ikhwa

Queste due isole al largo del Mar Rosso, note anche come “The Brothers”, ovvero i Fratelli, sono famose per l’enorme quantità di vita marina che offrono. Ci sono così tanti piccoli pesci colorati che l’acqua, a volte, sembra un dipinto vivente. Anche i pesci più grandi si vedono regolarmente durante tutto l’anno. Le isole El Ikhwa sono adatte per i subacquei esperti, poiché le acque hanno forti correnti. Le isole si possono raggiungere con una barca speciale, che di solito parte da Hurghada o Marsa Alam.

 

Sharm el-Sheikh

Nessuna lista delle migliori destinazioni per le immersioni è completa senza menzionare Sharm el-Sheikh, che è di gran lunga la destinazione subacquea più nota in Egitto e una delle più popolari al mondo. A Sharm el-Sheikh si trovano Shark Reef e Yolanda Reef, aree della barriera corallina molto gettonate. Sharm el-Sheikh offre luoghi per le immersioni senza uguali. I principianti possono immergersi a riva, ma la maggior parte dei subacquei si dirige più al largo in barca, anche per vedere il famoso relitto del SS Thistlegorm.

 

Recarsi in Egitto: visto e itinerario del viaggio

L’Egitto è facilmente accessibile per i turisti, in parte grazie al sistema di richiesta dei visti che permette di ottenere il visto in modo facile online. Invece di andare all’ambasciata o aspettare in fila all’aeroporto, i turisti possono richiedere il visto per l’Egitto in modo facile e veloce online compilando un modulo di richiesta digitale. Dopo il rilascio, il visto per l’Egitto viene inviato per e-mail, dopodiché è necessario stamparlo e portarlo con sé in viaggio. I turisti che vanno in Egitto devono portare anche con loro un itinerario del viaggio, oltre a soddisfare tutti gli altri requisiti per il visto. Per esempio, il passaporto utilizzato per la richiesta del visto deve avere validità residua di almeno otto mesi al momento dell’arrivo in Egitto. Il visto è valido per 90 giorni e permette di rimanere in Egitto per un massimo di 30 giorni consecutivi.

 

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*