BLOCCO 181, INTERESSANTE ANCHE SE NON ORIGINALE

BLOCCO 181, INTERESSANTE ANCHE SE NON ORIGINALE

Invece di antiche regine o di politica internazionale, oggi voglio parlare di una serie “evento” di Sky Italia: Blocco 181.

La promozione ha insistito molto che il cast annovera la partecipazione del rapper Salmo.
Diciamo subito che Salmo riesce bene nel suo primo ruolo televisivo, anche perché, molto opportunamente gli hanno affidato un personaggio, Snake, un trafficante di droga, che ha solo due espressioni, come Clint Eastwood: cattiva e molto cattiva. Insomma, vince facile.

Blocco 181 è ben fatta e piacevole da seguire, personalmente mi è piaciuta, ma basta una veloce analisi per capire come sia un prodotto furbetto, che scopiazza allegramente altre serie di successo.

La ricetta è semplice: portare in una ambientazione milanese una storia di malavita realistica e cruda, con cui lo spettatore potesse empatizzare, la stessa operazione fatta con successo con Gomorra per Napoli e Suburra per Roma.

Il parallelismo con la trama di Suburra è evidente: il motore della storia sono tre giovani che pur provenendo da mondi diversi fanno amicizia e uniscono le forze per farsi spazio.

Abbiamo il “virgulto” della mala locale, in Suburra è Aureliano, il figlio del boss di Ostia, in Blocco 181, Mahdi il nipote del boss del quartiere.
Il “bravo ragazzo” in Suburra, è Gabriele, figlio addirittura di un poliziotto, in Blocco 181 c’è Ludo, pargolo della buona società meneghina.
Infine abbiamo il giovane rappresentate della malavita “straniera”, in Suburra è Spadino, il fratellino del boss di una famiglia rom ispirata ai Casamonica, in Blocco 181 abbiamo Bea, la sorellina del capo (il “Palabrero”) della comunità degli immigrati guatemaltechi.

In entrambi i casi la malavita italiana locale si trova a fare i conti con quella straniera, che ambisce ad espandersi e a prendere il controllo. Un fenomeno più che reale, come riportano i vari studi delle forze dell’ordine.

Blocco 181 si differenzia, però, andando a riprendere anche il classico topos di Romeo e Giulietta. Infatti, mentre in Suburra abbiamo i legami dell’amicizia tra un gruppo di ragazzi, in Blocco 181, Bea, seppur venendo dalla fazione rivale, intreccia una relazione con i suoi coetanei italiani. Con entrambi, perché Blocco non disegna una coppia ma un, molto moderno, trio poliamoroso tra Bea, Ludo e Mahdi: amanti che insieme aspirano a mettere in piedi il loro giro di spacciatori senza dover rendere conto a nessuno.

Bea è sicuramente il personaggio più interessante e approfondito, quello che ho preferito. Una ragazza forte, ma anche disperata, che, sue parole alla madre, “yo quiero lo mejor” (voglio qualcosa di meglio). Ricorda con nostalgia quando con sua sorella poteva andare a scuola invece di essere manovalanza per piccoli furti e non vuole essere intrappolata nel ruolo prefissato dalla machista comunità guatemalteca: “Farmi mettere incinta da un coglione che va in giro a fare lo stronzo col coltello”.

Conoscere Mahdi e Ludo gli aprirà gli occhi su mondi e possibilità che non poteva nemmeno sognare, ed è bella la scena in cui letteralmente li sgrana la prima volta che vede i due baciarsi tra loro (impensabile per la concezione virile della società in cui è cresciuta).

Non vi sto a dettagliare la trama, basti dire che ovviamente le cose non vanno lisce per le aspirazioni dei nostri antieroi. Ogni azione provoca reazioni impreviste, ogni piano sembra andare storto, ogni escalation va fuori controllo fino ad arrivare al sanguinoso epilogo dell’ultima puntata.

Bea, Ludo e Mahdi si troveranno di fronte a un bivio: rimanere fedeli alla loro amicizia o tornare ai loro mondi di origine per prepararsi a una sanguinosa faida che li vedrà su sponde opposte. Non vi spoilero la loro scelta, ma di certo la seconda serie si prospetta “interessante”.

Penso che continuerò a vederla

BLOCCO 181, INTERESSANTE ANCHE SE NON ORIGINALE

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*