UNDISCOVERED COUNTRY, L’AMERICA OLTRE IL MURO

Undiscovered Country

Undiscovered Country: in un futuro non troppo distante da noi la civiltà globale si sta frantumando. Da circa 30 anni gli Stati Uniti si sono letteralmente murati per isolarsi dal resto del pianeta. Quando i membri di una squadra alla ricerca di una cura per una pandemia globale varcano i confini di quelli che un tempo erano gli Stati Uniti d’America, si trovano costretti a lottare per la sopravvivenza in una terra strana e letale, avvolta nel mistero dopo essersi separata dal resto del mondo senza alcuna spiegazione oltre trent’anni prima.

UNDISCOVERED COUNTRY

 

Gli sceneggiatori Scott Snyder (American VampireDetective ComicsBatman) e Charles Soule (Swamp Thing, Red LanternsDaredevil, Wolverines, Star Wars: Poe DameronInhumansAstonishing X-Men), con il primo numero di Undiscovered Country, mettono in piedi una storia ricca di avvenimenti che servono come base per i numeri a venire.
I due autori riescono a compensarsi a vicenda, traendo l’uno dall’altro la giusta misura creativa, dando vita a storie personali, distopia, riferimenti e disamina della situazione geopolitica mondiale e parecchia azione. Il tutto tenuto insieme da fili narrativi coerenti che tessono senza sbilanciarsi troppo in “spiegoni” pseudoscientifici o ideologici. Non che non siano presenti, ma sono molto concisi e concentrati sulla reale utilità per la trama e per l’introduzione (quasi) continua di nuovi spunti e idee, che si susseguono tra loro lasciandoci intendere un futuro estremamente interessante per la serie. Di certo non ci si annoia.

Il primo numero inquadra gli Stati Uniti e i problemi a cui devono far fronte in un modo molto simile a quelli del nostro tempo, senza però cadere nella banalità. Undiscovered Country n. 1 presenta da subito il suo potenziale, senza trattenersi e risparmiare “colpi” per le uscite future, dando al lettore gli stimoli necessari per continuare nella lettura. Lasciando comunque parecchi misteri che sicuramente apriranno sbocchi inaspettati.

UNDISCOVERED COUNTRYUNDISCOVERED COUNTRYUNDISCOVERED COUNTRY

L’ottimo Giuseppe Camuncoli (The Amazing Spider-ManThe Superior Spider-ManDarth VaderHellblazer) con i suoi disegni cambia le nostre aspettative su come potrebbero apparire gli Stati Uniti dopo un lungo isolamento.
Il disegnatore reggiano dà il meglio nella rappresentazione di un paesaggio americano tanto familiare quanto “estraneo”, particolarmente suggestivo specialmente nell’iconico sfondo della Monument Valley, in cui il mito della vecchia America di frontiera incontra qualcosa di sconosciuto, quasi oscuro.

Camuncoli, anche con il sostanziale aiuto dato dai colori di Matt Wilson (PhonogramThe Wicked + The DivinePaper Girls) e le chine di Daniele Orlandini (Darth VaderHan Solo), ha il grande merito di essere riuscito a illustrare un mondo “nuovo” e al tempo stesso noto, che mantiene coerenza e credibilità anche quando le cose si fanno visionarie, quasi grottesche. Il surrealismo è dovuto a situazioni stravaganti. Trovarsi, per esempio, di fronte allo Zio Sam, non è proprio quello che ci si aspetterebbe di vedere in un fumetto di questo tipo (ma neanche un personaggio con una maschera che ricorda molto un predatore Tusken di Star Wars, i “nostri” Sabbipodi). Ci sono tavole doppie che meritano più di una visione e spesso si resta affascinati per la ricchezza dei disegni e per la loro costruzione.

Una menzione anche per il lettering di Crank! (Rick and MortyRevivalHack/SlashUnearth), perfetto nelle dimensioni e nella leggibilità.

 

Quello di Undiscovered Country è un debutto decisamente interessante, uno dei migliori di questo 2019. La storia parla del momento politico attuale, considerando l’immagine dell’enorme muro di confine che circonda gli Stati Uniti. Assistiamo al dilagarsi di epidemie a livello globale, carestia, separatismo e isolazionismo, argomenti con cui si poteva già riempire il numero, ma tra le righe c’è di più.

 

Giudizio: Sorprendente!

 

Undiscovered Country n. 1 

storia: Scott Snyder
Charles Soule
Disegni e chine: Giuseppe Camuncoli
Daniele Orlandini
colori: Matt Wilson
lettering: Crank!

Image Comics
pag. 44
formato: spillato
colore

n. 1
6 novembre 2019
mensile

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*