GLI U2 CELEBRANO THE JOSHUA TREE E TORNANO IN STUDIO

GLI U2 CELEBRANO THE JOSHUA TREE E TORNANO IN STUDIO

Gli U2, la rock band irlandese di fama mondiale, torna in studio a marzo per mettersi al lavoro su un nuovo album.

Mentre si prepara il tour per il trentennale dell’album The Joshua Tree, che farà tappa anche in Italia, il 15 e 16 luglio allo stadio Olimpico di Roma, la band di Bono e soci ha fatto sapere che, per l’occasione, pubblicherà una nuova versione del singolo Red Mill Mining Town, brano contenuto proprio in quell’album (il quinto degli U2) pubblicato il 9 marzo 1987 dalla Island Records.

Prodotto da Brian Eno e Daniel Lanois, The Joshua Tree fu l’album dell’anno ai Grammy Award del 1988 ed è, attualmente, il numero 27 nella lista dei 500 migliori album secondo la rivista Rolling Stone.

Nel frattempo, la band è tornata in studio per perfezionare e rendere più attuale quanto già registrato per il nuovo album Song of Experience, alla luce degli ultimi rivolgimenti politici planetari, come l’elezione di Trump negli Stati Uniti e l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. L’album dovrebbe uscire nella seconda metà del 2017.

Evidentemente gli U2, nonostante siano da tempo pop star di livello planetario, ritengono doveroso continuare a scrivere canzoni che parlino anche di politica e affrontino tematiche sociali scottanti.

Bono contesta Trump durante un recente concerto degli U2 a San Francisco.

Ben noto, del resto, il loro amore/odio per gli Stati Uniti d’America, di cui proprio l’album The Joshua Tree, un omaggio agli Usa a partire dal titolo, fu il loro primo frutto, seguito poi dal live e dal documentario Rattle & Hum, registrati interamente negli States.

Un disco che contestava la politica estera degli Usa dell’allora presidente Reagan e che dimostrava la grande passione per il blues e il country, generi musicali di quella stessa terra.

Un’attenzione e un impegno, quello degli U2, testimoniato anche dal recente incontro avvenuto a Monaco di Baviera, tra Bono e il vicepresidente di Trump, Mike Pence.

I due hanno discusso del Piano di Emergenza per l’Aids (Pepfar), un’iniziativa del governo americano per la fornitura gratuita del trattamento, del test, di informazioni e consulenza varia allo scopo di combattere l’Hiv e l’Aids nei paesi africani.

il Piano è stato varato nel 2003 sotto la presidenza di George W. Bush, e poi rinnovato nel 2008 da Barack Obama. Quando era membro del parlamento americano, Pence è stato un grande sostenitore del Pepfar: “Ti conosciamo come l’uomo che lo ha già difeso due volte”, ha detto Bono al nuovo vicepresidente, “continua così”.

Nel frattempo gli U2 stanno ultimando il tour con cui hanno portato sui palchi di tutto il mondo il loro ultimo disco, Songs of Innocence.

Nella fase di registrazione di quel lavoro, la band aveva già messo da parte materiale per il successivo Songs of Experience.

I titoli Songs of Innocence e Songs of Experience sono un chiaro omaggio a uno dei poeti preferiti di Bono, l’inglese William Blake, e alla sua raccolta di poemi Songs of Innocence and Experience.

“Siamo già completamente impegnati nel progetto Songs of Experience, ha spiegato Bono ai microfoni di E.W. “Proprio l’altro giorno The Edge ha portato in studio una canzone fantastica con il titolo provvisorio di Tightrope. Il nuovo materiale? Sarà davvero epico. Questo è quello che ci ha insegnato l’esperienza: lasciarsi prendere completamente dal momento che stai vivendo, rispettare il divertimento e non lasciare scappare la gioia”. “Stiamo suonando davvero al meglio in questo momento”, continua Bono, “è incredibile pensare che ci sono voluti 35 anni per diventare la band che volevamo essere. È davvero folle quello che sta succedendo”.

Riepilogando, dopo gli ultimi spettacoli in programma proprio nell’amata Irlanda, Bono e compagni torneranno in studio per completare il nuovo disco, per poi riprendere il tour del trentennale di The Joshua Tree, che si preannuncia come uno degli eventi musicali più importanti del 2017 (le due date romane sono andate sold out in poche ore). Nelle scalette degli show verranno inseriti anche brani nuovi e totalmente inediti, tratti proprio da Songs of Experience.

Il libro di poesie di William Blake con il titolo ripreso dagli U2

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*