william moultom marston

WONDER WOMAN DA FUMETTO A COSPLAYER

WONDER WOMAN DA FUMETTO A COSPLAYER

Le pin-up, almeno originariamente, nulla avevano a che fare col fumetto. Le esplosive bellezze immortalate sulle cover di riviste erano statiche, non avevano intenti narrativi e, soprattutto, risultavano troppo erotiche per mescolarsi con serie dirette a un pubblico di imberbi ragazzini protetti, negli anni cinquanta, dalla Comics Code Authority, o dal bollino di Garanzia Morale di italica memoria... »