STUDENTI UNIVERSITARI: MEGLIO APPARTAMENTO O BED AND BREAKFAST?

STUDENTI UNIVERSITARI: MEGLIO APPARTAMENTO O BED AND BREAKFAST?

Fatti i test, comprati i testi: l’anno accademico è iniziato. Siccome abitate a 100-200 chilometri dalla città universitaria direi che è giunta l’ora di guardarvi intorno e cercarvi un appartamento, preferibilmente in posizione centrale. Come si è soliti fare in questi casi, date un’occhiata su subito.it ma anche ai vari annunci che rivestono le bacheche delle facoltà. Cercasi o affittasi camera in appartamento. Wifi. Posizione centrale. 300€. Uhmmm… e ora facciamoci un calcolo: come minimo dovrete fittare per dieci mesi e con un contratto regolare per poter recuperare quei 19 o 20% con la dichiarazione dei redditi. Poi, a parte, c’è l’acqua, la corrente e il gas. Si prospetta una spesa mensile di 350-400 €  e annuale di 3500-4000 euro. E poi c’è il problema dei coinquilini. Se avete i coinquilini sbagliati è l’inferno.

Vediamo ora che cosa succederebbe se, invece di prendere una camera in appartamento, optaste per un B&B. Prima di tutto la spesa. I prezzi dei bed and breakfast si aggirano intorno ai 40-50 euro per notte, ma se ne trovano a 30 € e anche a meno. È caro, è vero, ma la buona notizia è che non siete costretti a fittare la camera per dieci mesi. A dicembre, per esempio, c’è la pausa dell’immacolata e in genere, a metà mese, le lezioni vengono sospese. A gennaio si riprende dopo l’epifania. Poi ci sono le vacanze pasquali e la fine delle lezioni a marzo-aprile… Se poi la ripartizione delle lezioni va dal lunedì al venerdì si possono risparmiare tre giorni di fitto settimanali. Facendo bene i calcoli e confrontando con l’appartamento non è certo che quest’ultimo convenga. Vogliamo rimettere sul piatto il problema della convivenza? Negli appartamenti la spesa relativa al consumo di acqua, corrente e gas è generalmente suddivisa tra i coinquilini in parti uguali. Non importa se avete consumato poco o addirittura non ci siete mai venuti. Le bollette sono lì che vi aspettano. E voi pagate. E i turni delle pulizie? E i frigo che è troppo piccolo e non c’è posto nel freezer per la vostra bistecchina? E quelli che vi fanno il muso e voi non sapete neanche perché? Nei B&B tutti questi problemi non ci sono. Ci vogliamo pensare?

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*