I MILLE BENEFICI DELLE SPEZIE INDIANE

I MILLE BENEFICI DELLE SPEZIE INDIANE

Le spezie indiane sono entrate a pieno titolo nella nostra cucina: l’utilizzo di alcune di esse nella tradizione italiana è ormai talmente antico ed affermato che non sappiamo neanche si tratti di spezie provenienti da posti così lontani. Ma quali sono queste spezie e perché fanno tanto bene?

L’azione principale delle spezie indiane avviene durante la digestione, perché questi aromi spesso hanno la proprietà di purificare l’intestino da quello che abbiamo mangiato. È importante che le spezie siano lavorate in modo naturale: per questo è sempre opportuno acquistarle in negozi specializzati in prodotti naturali, che garantiscano un processo di lavorazione fatto nel rispetto e nella conservazione delle loro proprietà. Enumerare tutte le spezie indiane con proprietà benefiche richiederebbe fiumi di parole: per avere un esaustivo elenco delle spezie indiane, rimandiamo al sito di prodotti naturali shankara.it. In questo articolo ci soffermiamo invece sulle spezie più conosciute e utilizzate nella nostra cucina, cercando di scoprirne le principali proprietà.

Zenzero, un alleato del metabolismo

Sempre più utilizzato in Italia è lo zenzero. Le proprietà benefiche di questa spezia, recentemente confermate da studi scientifici, sono davvero numerose: si va dall’azione antinfiammatoria ad effetti benefici per la digestione e contro la nausea, fino ad arrivare agli effetti dimagranti e alla cura contro i dolori più comuni, come il mal di testa. Lo zenzero può essere assunto sia sotto forma di radice fresca, da grattugiare e aggiungere a fine cottura a primi piatti, secondi e contorni di verdura, sia come polvere essiccata. In questo secondo caso è usato soprattutto per preparare tisane, ottenute mettendo a bollire l’acqua e immergendovi polvere di zenzero, chiodi di garofano e polvere di cannella, contenuti in un sacchetto di cotone traspirante.

Il curry, un must della cucina indiana

È sicuramente l’ingrediente più usato della cucina indiana: al contrario di quello che si pensa, il curry non è un ingrediente solo ma un misto di spezie indiane. In India viene definito “masala”. Deriva dalla pianta del kuri (dalla quale, appunto, prende origine la parola “curry”), una pianta utilizzata per preparare diversi piatti. La curcuma, insieme al cardamomo e allo zenzero, sono le spezie principali per comporre il curry, insieme anche ad altri elementi. Di solito viene utilizzato per dare sapore a piatti tradizionali, ma è essenziale anche per preparare una bevanda come il tchai.

Pepe, sai che proviene dall’India?

Anche un altro dei capisaldi della nostra cucina proviene dall’India. Si tratta del pepe, spezia che esiste in natura in diverse varianti, rosa, verde e bianco, anche se il più diffuso è il pepe nero. Utilizzato fin dall’antichità, il pepe vanta proprietà disinfettanti e digestive, agendo anche contro la formazione di gas intestinali. Nella medicina ayurvedica il pepe nero è consigliato per il trattamento delle malattie respiratorie. L’azione del pepe nero, come spiegato sul portale Al Meglio, deriva dalla piperina, alcaloide contenuto nel pepe che permette alla spezia di stimolare la produzione di succhi gastrici e facilitare l’assorbimento dei nutrienti. Per questo motivo, nelle diete dimagranti, l’uso del pepe è consigliato per contrastare l’obesità. Il pepe nero è poi utile anche per uso esterno: in cosmetica l’estratto di pepe nero è utilizzato sia nei massaggi muscolari, sia come sale da bagno per stimolare la depurazione della pelle.

La curcuma o “zafferano delle Indie”

La curcuma è forse la spezia indiana più tipica. Aggiunta alla preparazione di molti piatti salati, può essere utilizzata anche per accompagnare alcuni contorni, a cui dona un sapore molto forte e deciso. Utilizzata in aggiunta a zuppe di legumi e risotti, l’azione della curcuma è principalmente di natura antibatterica, con benefici che si manifestano soprattutto sulla cura della pelle.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*