STRONCATUTTO! – “SOTTOMISSIONE”

STRONCATUTTO! – “SOTTOMISSIONE”

SOTTOMISSIONE di Michel Houellebecq: buono lo spunto, ma libro così così. È tutto uno sciorinare di nomi, strade, ricette, vini… in quell’ostentato modo assai snob che solo i francesi (o meglio, i parigini) sanno fare.

Di questo “Sottomissione” di Michel Houellebecq salvo l’idea del raccontare una Francia all’indomani delle elezioni del 2022, che scopre improvvisamente, ai seggi, di essere filo mussulmana! Alle urne viene eletto come Presidente della Repubblica francese un certo Mohammed Ben Abbes, leader del partito dei Fratelli Musulmani. Un moderato, uno apparentemente tranquillo. Tutto merito dell’alleanza di Ps, l’Ump e i centristi dell’Udi per fermare l’ascesa di Marine Le Pen, che a quanto pare sarà ancora in carica, secondo l’autore.

sottomissione

Il più grande desiderio del nuovo presidente è il ritorno al patriarcato, l’alleanza tra i paesi del Mediterraneo in nome di Allah, il riposizionamento delle donne nella società: la sottomissione all’Islam, appunto. Contestualmente assistiamo alla conversione (poco convinta) di un professore della Sorbona, molto probabilmente l’autore stesso: uno studioso ossessionato dallo scrittore Joris Karl Husysmans, autore del capolavoro (realmente esistente) “Controcorrente”, vero esempio di virtuosismo ed estro fantasioso.

Che altro dirvi? Noia e inutilità di una lettura piatta e senza particolari guizzi di ingegno o riflessione. Nemmeno quelle poche scene di sesso spinto e privo di ogni inibizione riescono a fare alzare “l’alzabandiera intellettuale” che resta sopito per tutte le 200 e passa pagine del libro. Nulla che possa prendere o appassionare veramente. Nulla che faccia mettere due pensieri in croce e che non sia puro descrittivismo freddo e per nulla interessante, per non dire fastidioso.

Un libro lungo e pedante, di cui si poteva francamente fare a meno. Se non fosse stato per il can can mediatico dovuto alla contemporaneità dell’uscita con i fatti della strage di Charlie Hebdo, l’avremmo già archiviato o messo in vendita a qualche bancarella dell’usato a 5€. Come l’ho trovato io, appunto.

la-copertina-di-charlie-hebdo-dedicata-a3

2 commenti

  1. Io l’avevo letto. Mi è sembrato sinistro ed inquietante…

  2. […] vena poetica che ne decreterà la fortuna. Le successive sei pagine sono dedicate a un articolo di Michel Houellebecq, autore di “Le particelle elementari”. Lo scrittore viene ritratto a tutta pagina dal grande […]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*