PAOLA SAULINO OFFRE SESSO ORALE SE AL REFERENDUM VINCE IL “NO”

PAOLA SAULINO OFFRE SESSO ORALE SE AL REFERENDUM VINCE IL “NO”

Le labbra di Paola Saulino sono sulla bocca di tutti. L’attrice si era in un primo momento offerta di aiutare Madonna a soddisfare tutti gli elettori della candidata alla Casa Bianca del partito democratico: “Cmq se Madonna non ce la fa, l’aiuto io a fare i pompini a chi vota Clinton!!! Two mouths is megl che one! #iostoconmadonna #notrump please no Trump!!!!! Chiunque di voi può votare qui: NO TRUMP!”.

paola-saulino

L’attrice Paola Saulino assomiglia alla ministra Maria Elena Boschi

Visto che Donald Trump ce l’ha fatta a diventare presidente degli Stati Uniti, ora la generosa Paola si appella agli italiani promettendo su Facebook una prestazione sessuale orale eseguita “con dovuta e accurata maestria” se alle urne il prossimo 4 dicembre voteranno No al referendum costituzionale proposto dal Governo di Matteo Renzi:

L’attrice non si pone limiti: “Nella vita si ingoiano rospi ben più ostili, per cui…”.

facebocc

Il post su Facebook dell’attrice

Paola Saulino è nata a Napoli il 16 luglio 1989. Tra il 2008 e il 2012 ha studiato alla scuola del Teatro Elicantropo a Napoli. In quegli anni ha interpretato alcuni ruoli nei spettacoli di Carlo Cerciello e Massimo Abbate nel capoluogo campano. Successivamente ha partecipato ai workshop di Ivana Chubbuck a Roma.

Il debutto sul grande schermo è del 2013, nel film Pazze di Me di Fausto Brizzi, con un ruolo secondario. Lo stesso nella serie tv 1992, dove recitavano Stefano Accorsi e Miriam Leone.

Attualmente vive a Los Angeles, dove ha lavoricchiato in alcuni film. L’attrice è alta 163 centimetri ed è una taglia 40. I tratti del volto assomogliano vagamente a quelli di Maria Elena Boschi, ma le due hanno intrapreso strade professionali differenti. A parte il fatto che la ministra Boschi propugna con forza il SÌ a nome del governo.

paola-saulino-foto-13

Il lato B non è compreso nel pacchetto-premio

Se l’elettorato maschile è probabilmente entusiasta dell’iniziativa, quello femminile potrebbe rimanere deluso e, per rappresaglia, optare per il SÌ al referendum. Comunque Paola lascia una speranza anche alle signore, essendo bisessuale.

Sulla prospettiva di girare un film porno, avanzata da qualche giornalista, Paola risponde: “No, ma se da parte del governo ci saranno proposte di riforme davvero utili e interessanti le cose possono cambiare…”.

paola

Dopo l’annuncio della Saulino, le battute su Matteo Renzi si sprecano

La verifica giornalistica delle affermazioni politiche si chiama fact checking, ma in questo caso sarebbe più adatta l’epressione fuck checking. A tale scopo abbiamo fatto alcuni calcoli statistici.

Gli elettori maschi in Italia sono circa 24,5 milioni. Supponendo una partecipazione al voto del 40%, avremo 9,8 milioni di partecipanti. Supponiamo, quindi, che i NO siano il 50%, abbiamo 4,9 milioni di “premiabili”. Supponendo anche qui che gli interessati alla riscossione del premio siano solo il 30% anche se la Sig.ra Paola Saulino sembra più attraente della Ciccone, si hanno 1,47 milioni di “premi”. Supponendo un tempo medio di 3 minuti a testa, si ha un totale di 4.423.121 minuti, ossia 73.719 ore, ossia 3.072 giorni, ovvero 8 anni e 5 mesi. Senza un minuto di riposo. Una performance alquanto improbabile, il che farebbe della Saulino una degna candidata alla presidenza del Consiglio.

PAOLA SAULINO PRECISA
“Mi stanno arrivando messaggi dove mi si chiede di chi è stata l’idea, nothing! It’s just me! Ho pubblicato un mio pensiero reale e stop! Non sarà cmq difficile essere più seria dei politici di casa nostra (anzi vostra) nel mantenere la mia parola. Però io vivo a Los Angeles, non sono in Italia, e siccome i premi si meritano, dovreste fare un viaggio intercontinentale, e soprattutto capire dove trovarmi prima di… Se ci riuscite, a disposizione! Baci #pompiniforever”.

Come al solito, gli italiani finiscono cornuti e mazziati.

1 commento

  1. Sauro con gonna alla tirolese, tacchi da venti centimetri e lunga parrucca rosso Tiziano passeggia all’inizio di questo grande viale che poi come ponte Bir Hakeim scavalca la Senna su due piani: che combinerà mai il nostro direttore? certo sbarcare il lunario ai nostri tempi è cosa dura, però Sauro, almeno tagliati i baffetti, altrimenti chi vuoi che possa avvicinarti?. Io sto sotto perché in alto il vento soffia furiosamente gelandomi il naso, anche se preventivamente l’ho protetto con uno strato di silicone epidermico. Già, son qui dalle parti di boulevard de Grenelle perché mi è stato assicurato che alle luci dell’alba di qui passa Manus insieme a Paola reduci dalle orge di Pigalle. Io che sono stato incaricato da l’Arcangelo Gabriel in persona di mantenere un certo ordine morale all’interno del Giornale Pop ho deciso di tentare di convertire Manus e Paola a morigerare il tono delle loro avventure che talvolta sono troppo irreali: consiglio di prendere esempio dalla vita reale intervistando qualche casalinga ottantenne, casomai ex tenutaria di case di appuntamento per arzilli vecchietti.. Vorrei dirle loro di prendere anche esempio da alcuni film cult, che di seguito elenco :
    ll Ponte Bir-Hakeim, poi vi spiegherò perchè lo tiro sempre in ballo, fu scenario di numerosi film di successo: Le Dernier Tango à Paris ( Sauro nel 1972 a dodici anni era già aiuto regista e aiutava Marlon con consigli sul come sedurre minorenni,) Ascenseur pour l’échafaud, Zazie dans le métro, Peur sur la ville, Ronin, Taxi 2, Benjamin Gates et le Livre des secrets, Un Indien dans la ville, Munich, Inception e chi più ne ha più ne metta.
    Va beh, son le tre di mattino e per oggi lascio perdere e ritorno in convento dove madre Bradamante mi attende per sentire dalla mia voce che vento tira nella Paris by night, Mah, sarà perchè son mezzo orbo e viaggio in carrozzella motorizzata a rotelle, ma non ho avuto di che divertirmi!!
    Speriamo meglio per domani notte!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*