ROBBY IL ROBOT: UNA STAR HOLLYWOODIANA DI METALLO

ROBBY IL ROBOT: UNA STAR HOLLYWOODIANA DI METALLO

Nel novembre 2017 è stato battuto all’asta Robby il robot al prezzo record di 5milioni e 375mila dollari presso la casa d’aste Bonhams di New York.
La gloriosa storia di Robby inizia nel film “Il pianeta proibito” ed è continuata con comparsate in altri film e telefilm…

13644056_10206706964501578_2072432046_n

Disegnato e assemblato dall’ingegnere americano Robert Kinoshita, Robby il robot vide la luce il primo luglio del 1955 negli studios della Metro-Goldwin-Mayer di Culver City, in California. Era praticamente una sorta di scatolone con gli arti, alto circa 2 metri e pesante 140 chili. L’intera operazione costò 125.000 dollari (cifra considerevole per l’epoca): i suoi movimenti furono affidati a un “mago” degli effetti speciali, Glen Robinson, mentre per l’interpretazione vocale venne scelto un attore di buon talento, Marvin Miller.

13672470_10206706969101693_1641141687_n13672556_10206706965301598_2140158939_n

A guardarlo, l’automa non aveva nulla di eroico, anzi, risultava goffo e grottesco, eppure sarebbe diventato una delle icone della science fictios cinematografica. Una parte del successo, probabilmente, fu dovuta a una precisa scelta autoriale. Robby, infatti, rappresentò la prima presentazione sul grande schermo delle cosiddette “tre leggi della robotica” elaborate dallo scrittore Isaac Asimov. Queste sono: 1) Un robot non può recare danno a un essere umano, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano riceva danno; 2) Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla prima legge; 3) Un robot deve proteggere la propria esistenza, purchè l’autodifesa non contrasti con la prima e la seconda Legge. Il successo di Robby è indissolubilmente legato al film “Il Pianeta Proibito” (Forbidden Planet, Usa 1956), tratto dal romanzo omonimo di W.J. Stuart (a sua volta ispirato a “La Tempesta” di William Shakespeare). Alla regia troviamo Fred M. Wilcox.

13664769_10206706966501628_1727064720_n

Una spedizione guidata dal comandante Adams (Leslie Nielsen) atterra sul pianeta Altair 4, alla ricerca del gruppo di esploratori terrestri arrivato su quel mondo venti anni prima. I superstiti sono pochissimi: il dottor Morbius (Walter Pidgeon), uno scienziato un po’ megalomane, la giovane figlia di questi, Altaira (Anne Francis) e un robot tuttofare denominato affettuosamente Robby.

13652837_10206706974061817_866275253_n

Sul pianeta sono rimaste tracce evidenti degli antichi abitatori alieni, i Krell, ideatori di una gigantesca macchina comandata dagli impulsi elettromagnetici del cervello. In breve, un misterioso nemico semina la morte tra i componenti dell’equipaggio. Si scopre che la macchina dei Krell ha il potere di risvegliare i “mostri dell’id”, gli istinti distruttivi sepolti nel subconscio freudiano. A causa di questi impulsi violenti, un’evolutissima razza si autosterminò in una sola notte.

13664868_10206706971141744_1491743370_n

Il dottor Morbius ha liberato nuovamente questa “ bestia primordiale” e solo in un momento di consapevolezza lo scienziato si rende conto che l’unica via di uscita è la distruzione del macchinario dei Krell, anche a costo della propria vita. Dopo avere affidato la figlia ad Adams ed alle amorevoli cure di Robby, innesca un congegno di distruzione che fa esplodere Altair-4.

13652524_10206706967741659_1459527355_n

Dopo questo film, l’ubbidiente e servizievole Robot diventa una autentica star. Anche in Italia, doppiato dal giovane Alberto Lupo, Robby suscita grandi simpatie e persino il fumetto gli rende omaggio sulle pagine de “Il Monello” n. 43 del 1948. Purtroppo, il successivo film con Robby non fu all’altezza del suo talento: “Il Robot e lo Sputnik” (The Invisible Boy, Usa 1957), non ottenne grande successo. Tuttavia, la fama di Robby non venne scalfita dal “flop”. Per cinquant’anni, il gioviale automa continuerà a calcare le scene. Alla fine metterà insieme 23 ruoli, partecipando a serie come “L’Uomo Ombra” del 1958, “Ai Confini della Realtà” (in due episodi del 1963 e del 1964), “La Famiglia Addams (1966), “Lost in Space” (in due episodi del 1966 e del 1967), Project Ufo (1978) fino a Mork & Mindy (1979). Troverà persino modo di far capolino nel poliziesco “Colombo”, nell’episodio “Mind Over Mayhem” del 1974.

13664503_10206706978781935_225404049_n

Sul grande schermo, Robby si farà vedere in pellicole come “L’Astronave Fantasma (1961), “Gremlins” (1984), “Le ragazze della Terra sono facili” (1988) e “Looney Tunes: Back in Action” (2003). L’ultima sua apparizione risale al 2005, nell’episodio “Gavin’s Pipe Dream” della serie televisiva “Una Pupa in Libreria”. Poi, anche per Robby giunse il momento della pensione. Ci piace pensarlo in ciabatte e con la papalina sul testone, mentre si gode il meritato riposo in un personalissimo Sunset Boulevard che speriamo non troppo malinconico…

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*