PAOLINA PEZZAGLIA, ATTRICE PRODIGIO FUORI DALLE RIGHE

PAOLINA PEZZAGLIA, ATTRICE PRODIGIO FUORI DALLE RIGHE

(Paola Pezzaglia, attrice e diva teatrale e cinematografica che calcò le scene tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento, è stata un’artista di grande spicco e alto valore. Di questa figura femminile coraggiosa e altruista, intraprendente e libera, oggi se ne parla anche oltreoceano. Ringraziamo il nipote Gianni Greco per l’articolo inedito in cui ci racconta della nonna, Paolina, con stile brioso e con rare testimonianze, anche fotografiche, raccolte dal padre e proseguite da lui stesso. Tre generazioni, un lascito continuo. Tea C. Blanc)

 

Cominciamo dall’inizio: Paolina Pezzaglia nacque a Milano da padre gobbo e madre di non eccelsa statura il 13 settembre 1889, nello stesso anno della Tour Eiffel, o se preferite di Charlie Chaplin e Adolf Hitler. Un anno fatidico per chiunque volesse mettersi in mostra. E chi più di un attore? Infatti Paolina aveva solo tre anni e mezzo quando suo zio Angiolone Pezzaglia, capocomico di Compagnie popolari, la sparò su un palcoscenico dove la piccola dette subito prova di un talento innato: riusciva a incollare gli spettatori alle sedie, e si prendeva innumerevoli applausi a scena aperta, chiamate al proscenio che sembravano non finire mai, tanti fiori e regali. Paolina era fatta per recitare. Qualcuno scrisse commedie e monologhi appositamente per lei, la sua voce, dicono gli articoli dell’epoca, incantava per chiarezza di dizione e naturalezza. Padrona della scena, Paolina spopolava.

Paola Pazzaglia nel dramma francese I due derelitti

1897. Paolina nel ruolo maschile di Fanfan ne “I due derelitti”, dramma francese di Pierre Decourcelle

Passarono gli anni, e la piccola attrice crebbe, ma non tanto: restò sempre di statura fisica paragonabile a un tappo, però di champagne, di quelli che schizzano su col botto come faceva lei a ogni interpretazione: la sua statura artistica la rendeva grande sulla scena. Ogni genere, dal comico al drammatico, le era congeniale. Si distaccò da suo zio, perennemente ancorato ai drammoni da arena, e, in Compagnie sempre più prestigiose, iniziò a viaggiare. A 13 anni raggiunse da sola Barcellona dove la capocomica Bianca Iggius aveva urgentemente bisogno di una “amorosa”, fu poi prima attrice giovane con Gustavo Salvini ad Alessandria d’Egitto, in seguito prima attrice assoluta a Tunisi con Achille Vitti, e via per tutta l’Italia isole comprese, la Svizzera, i Paesi Baltici, senza dimenticare che era arrivata a essere persino la prima attrice di Ermete Zacconi, il Numero Uno dell’epoca.

Paola Pazzaglia nel 1911

Paolina nel 1911, al tempo del suo contratto con Ermete Zacconi

Nel 1914 per lei arrivò il cinema, e, solo per esso, cambiò il suo nome da Paolina a Paola. Fu una pioniera dello schermo, persino sceneggiatrice. Interpretava ruoli femminili e maschili, sperimentava di tutto.

Paola Pazzaglia nel film Il fornaretto di Venezia

Paolina nel film “Il fornaretto di Venezia” (1914), nel ruolo di Sofia

Paoa Pazzaglia nel film Il mistero dei Montfleury ibì

Paolina nel film seriale “Il mistero dei Montfleury” (1918), in cui interpretava il monello di strada Biribì

La vulcanica Paolina aveva avuto anche il tempo di innamorarsi, nel 1906, quando lavorando nella Compagnia di Dina Galli aveva incontrato il suo futuro marito, Antonio Greco, attore brillante dalla vita troppo breve.

Paola Pazzaglia e Antonio Greco

Paolina e Antonio nel 1907

Si sposò incinta a 18 anni nel 1908 e dette al mondo un bambino di nome Ruggero, che quando sua madre morì di polmonite a Firenze a soli 36 anni, fattosi grande, sentì il bisogno di raccogliere le testimonianze di chi l’aveva conosciuta. Ruggero viaggiò dagli anni ‘30 agli anni ‘50 del Novecento in cerca di personaggi del teatro e del cinema ancora viventi che potessero offrirgli un ricordo della mamma, e molto tempo più tardi dettò a suo figlio Gianni le frasi di quei grandi raccolte indelebilmente nella sua memoria. E suo figlio Gianni rimase molto stupito dai nomi altisonanti che il padre era riuscito ad avvicinare, e ancor più dalle loro testimonianze su una nonna che non aveva potuto conoscere.

Gianni, figlio del figlio di Paolina, è colui che sta scrivendo. E queste sono le testimonianze raccolte da suo padre.

Ruggero Greco

Ruggero Greco (1908-1976), figlio di Paolina, uomo dalle ardite imprese

Partiamo alla grande, nientemeno che con Gabriele D’Annunzio, che pronunciò una frase da par suo su Paolina. L’aveva vista all’opera in due suoi drammi, “La figlia di Iorio” e “La fiaccola sotto il moggio”. Così disse il Vate a Ruggero: “Paolina Pezzaglia Greco è stata la Mila di Codra ideale, e ha tenuta accesa la mia fiaccola ponendola sopra il moggio”. Cosa chiedere di più?

Gabriele D’Annunzio

Gabriele D’Annunzio, poeta e drammaturgo (1863-1938)

Restiamo nei “quartieri alti”, e ascoltiamo cos’ebbe da dire la poetessa di fama Ada Negri, della cui opera Paolina ci ha lasciato vari quaderni colmi di scritti. Disse Ada: “Paolina fu una grande interprete delle mie poesie, ma per me soprattutto un’amica”. Risulta esserci stata anche una corrispondenza epistolare tra le due donne, entrambe gravitanti su Lodi. E quanto a lodi, Paolina non ne difettò, come vediamo, persino dopo morta.

Ada Negri

Ada Negri, poetessa (1870-1945)

Dario Niccodemi, drammaturgo celebre, così si espresse, con voce flebile, in uno degli ultimi giorni della sua vita: “Paolina Pezzaglia Greco? Forse la miglior ‘Nemica’ sulle scene”. E in effetti “La nemica” fu un cavallo di battaglia di Paolina, che l’interpretò fino all’ultimo, e le fruttò l’omaggio di una statuetta policroma, giunta fino a noi, che la ritrae nella scena madre di quel dramma nel 1925, l’ultimo suo anno di vita.

Dario Niccodemi

Dario Niccodemi, drammaturgo (1874-1934)

Statuetta di Paola Pazzaglia, in La nemica

La statuetta riproduce Paolina nella scena madre de “La nemica”, 1925. È l’ultima immagine che abbiamo di lei

Un altro famoso drammaturgo, Sem Benelli, così disse a Ruggero: “Eccezionale: nella ‘Cena’ Paolina riuscì a essere sia Ginevra che Giannetto Malespini. Un’attrice stupefacente”. Si riferiva a quanto avvenuto a Catania nel 1913: prima di andare in scena con “La cena delle beffe” il protagonista maschile ebbe un’intossicazione e non fu in grado di recitare. Paolina non esitò: si spogliò del costume di Ginevra e indossò quello ben più impegnativo di Giannetto Malespini, recitando in modo tale da meritarsi l’elogio incondizionato della stampa specializzata. Da quel momento Paolina nella “Cena” interpretò regolarmente il ruolo di Giannetto. Era fatta così.

Sem Benelli

Sem Benelli, drammaturgo (1877-1949)

Luigi Maggi, apprezzato regista cinematografico, così si espresse: “Nel mio ‘Fornaretto di Venezia’ Paola Pezzaglia è stata l’amante ideale. Avrebbe dovuto fare più cinema”. E qui affiora una verità evidente: si conoscono solo otto film interpretati da Paolina, avrebbe dovuto dedicarsi maggiormente al cinema, anche perché le poche immagini in movimento che ne abbiamo ce la mostrano come un’interprete davvero unica.

Luigi Maggi

Luigi Maggi, regista cinematografico (1867-1947)

Renzo Ricci e Margherita Bagni, all’epoca sposati tra loro, erano più giovani di Paolina, e facevano parte di quella schiera di attori, poi famosi, che da lei attinsero. Disse lui di Paolina: “Grande attrice, dalla rara dote di inchiodare il pubblico sulle poltrone dall’inizio alla fine”. E lei: “Avrebbe meritato di più, ma la vita le fu breve e piena di ostacoli”. Parole vere. La conoscevano bene.

Renzo Ricci,

Renzo Ricci, attore e capocomico (1899-1978). Foto autografata a Ruggero Greco, 1932

Margherita Bagni

Margherita Bagni, attrice (1902-1960). Foto autografata a Ruggero Greco, 1935

Sergio Tofano, attore popolarissimo ma anche, con lo pseudonimo di Sto, geniale disegnatore, creatore del famoso Signor Bonaventura pubblicato sul Corriere dei Piccoli, era uomo di poche parole. “Quella lì dava lezioni a tutti”, disse sbrigativamente a Ruggero di sua madre. Parlava poco ma si spiegava bene.

Sergio Tofano (Sto)

Sergio Tofano (Sto), attore e disegnatore (1886-1973). Foto autografata a Ruggero Greco, 1932

Ruggero Greco (a sinistra) con gli attori Elsa Merlini e Sergio Tofano, 1932

Ruggero Greco (a sinistra) con gli attori Elsa Merlini e Sergio Tofano, 1932

Un grande attore, di quelli riconosciuti universalmente tali, era Ruggero Ruggeri. Le sue parole colpirono nel segno: “La Pezzaglia fu una promessa mantenuta per il pubblico, ma non per se stessa”. Paolina ebbe grandi successi sulla scena, infatti, ma non riuscì a capitalizzarli. Forse perché non lasciò mai che il calcolo le sopraffacesse il cuore. A differenza di molte altre “dive”, si accompagnò sempre con uomini poco più che spiantati, e senza badare alle convenienze: nel 1919, ormai vedova da sei anni, si innamorò di un attore più giovane di lei di dodici. Lei 30 anni, lui 18. Scandalo? Non per lei. Ebbe da lui una figlia, ma non volle legarlo con un matrimonio forzato. Lo lasciò libero e si stabilì coi due figli a Firenze, dove recitò negli ultimi anni della propria vita. Lui, Luigi, torinese come Antonio, svincolato da ogni dovere familiare, prima partecipò ad alcuni film italiani, poi espatriò in Argentina dove trovò la celebrità come regista cinematografico diventando Luis. Questa era la Paolina capace di sacrificarsi, e Ruggeri l’aveva capito: “non per se stessa”, aveva detto.

Ruggero Ruggeri

Ruggero Ruggeri, attore e capocomico (1871-1953)

Ermete Zacconi, che poté conoscere a fondo le capacità di Paolina, così si espresse: “Avrei voluto averla per più tempo con me. Ne conservo un gran ricordo: la prima attrice perfetta”. Questo mostro sacro dell’arte teatrale, ma anche del cinema, era sposato con Ines Cristina Bagni, non a caso sua prima donna in Compagnia. Ma a un certo punto lei, per ragioni mai accertate, si ritirò temporaneamente dalle scene, e il grande capocomico ebbe bisogno di un’altra prima attrice. Tra le tante che avrebbero firmato col proprio sangue un contratto con lui, guarda caso scelse proprio Paolina, che per una stagione (1911/1912) primeggiò sui palcoscenici più prestigiosi a fianco del Numero Uno. Ma poi la moglie tornò, e il buon marito non poté fare altro che riprenderla nel ruolo che non solo per capacità recitative le spettava. A Ruggero, come altri fecero, Zacconi firmò una sua foto, e ci scrisse, unico fra tutti: “A Ruggero Greco Pezzaglia”. Doveva proprio tenerci molto.

Ermete Zacconi

Ermete Zacconi, attore e capocomico (1857-1948). Foto autografata a Ruggero Greco Pezzaglia, s.d.

L’attore Camillo Pilotto aveva lavorato con Paolina nel film “La capanna dello zio Tom”, del 1918, e disse: “Non si fermava davanti a niente, la Paolina: volenterosa e forte. Attrice nell’anima”. L’aveva vista cavalcare spericolatamene, cadere da cavallo in scene senza controfigura, intrepida sempre, che dovesse arrampicarsi su una corda o lanciarsi in acque poco tranquille per salvare qualcuno. Attrice che non si risparmiava, e chi lavorava con lei non poteva non accorgersene.

Camillo Pilotto

Camillo Pilotto, attore (1890-1963)

Enrico Viarisio fu addirittura scoperto da Paolina: le cronache ci dicono che nel 1916 fu lei, a capo di una Compagnia, a offrirgli, giovanissimo, il primo contratto teatrale. E fu un inizio burrascoso: non essendosi presentato il primo attore, la nostra capocomica-talent scout buttò il povero Viarisio sulla scena facendogli interpretare tutti i ruoli maschili. Se intrepida era lei, intrepidi dovevano essere anche tutti gli altri! Di lei l’attore, diventato poi famoso anche grazie a Carosello, disse infatti: “Eh, la Paolina, la Paolina… Che donna… E che peperina!”. Ricordava ancora il suo avventuroso esordio.

Enrico Viarisio

Enrico Viarisio, attore (1897-1969). Foto autografata a Gianni Antonio Greco (erroneamente Grego) per espressa richiesta del padre Ruggero, 1955

Un altro degli “allievi” di Paolina fu Nino Besozzi, che dichiarò: “Quando era sulla scena lei ci sentivamo tutti dei novellini”. Questo ci conferma non solo la grande bravura della nostra Paolina, ma anche la sua vocazione a insegnare la propria arte, sia direttamente che semplicemente mostrandosi su un palcoscenico.

Nino Besozzi

Nino Besozzi, attore (1901-1971). Foto autografata a Ruggero Greco, 1935

Dina Galli, popolare e brillante attrice milanese, fu quella che vide nascere nella sua Compagnia l’amore tra Paolina e Antonio, giovani attori di grandi speranze. Quando si sposarono, anche se non lavoravano più insieme, lei e tutti i colleghi mandarono loro un regalo, di cui sopravvive il biglietto d’accompagnamento, con le firme di ognuno. Avevano lasciato quindi un ottimo ricordo i due piccioncini, tanto da far dire alla celebrata attrice: “Paolina? Che cara e brava compagna di lavoro! Ci si stava benissimo insieme!”.

Dina Galli

Dina Galli, attrice e capocomica (1877-1951)

Nell’ambiente teatrale si formavano vere e proprie dinastie familiari di attori. Una di esse era quella degli Almirante. Il caratterista di tanti film Luigi Almirante, per inciso zio del noto politico Giorgio, aveva lavorato con Paolina fin da giovanissimo, e disse di lei: “Nata per le scene, Paolina. Simpatica e unica”. Questa unicità ricorre, non meno che la simpatia.

Luigi Almirante

Luigi Almirante, attore (1886-1963)

E chi si sarebbe mai aspettato che persino un tenore di chiara fama come Beniamino Gigli avesse conosciuto e apprezzato Paolina? Ma era così. Ruggero Greco andò da lui e ne ebbe questo fulminante giudizio: “Se Paolina Pezzaglia Greco si fosse data al canto sarebbe stata un grande soprano”. E questa similitudine dice tutto.

Beniamino Gigli

Beniamino Gigli, tenore (1890-1957). Foto autografata a Ruggero Greco, 1930

Ma le sorprese musicali non sono finite. Persino un grande compositore come Ottorino Respighi l’aveva conosciuta. Ruggero evidentemente lo sapeva, e da lui ricavò questa illuminante dichiarazione: “Conobbi Paolina nel periodo in cui stavo scrivendo ‘Le fontane di Roma’, e lei era una fontana dal getto vivace e luminoso. Le dedicai qualche nota…”. Ora non si vuole qui indagare, ma non si dedicano note a caso…

Ottorino Respighi

Ottorino Respighi, compositore (1879-1936). Foto autografata a Ruggero Greco, 1933

Nel periodo fiorentino Paolina ebbe contatti col grande chansonnier Odoardo Spadaro, che disse a Ruggero: “Ebbi modo di conoscere e apprezzare Paolina quando si stabilì a Firenze. Mi dette anche qualche consiglio di scena che mi fu molto utile. Quando morì, per me fu un dolore fortissimo, non ci volevo credere… Porta un bacione a Paolina!”. E Ruggero portò il bacione di Spadaro sulla tomba di Paolina al cimitero di Trespiano, ricordandosi che fu proprio subito dopo la sua morte che l’autore di “Porta un bacione a Firenze” lasciò la propria città per andare a Parigi, da dove la sua carriera prese il volo.

Odoardo Spadaro

Odoardo Spadaro, chansonnier e attore (1893-1965). Rara serie di foto giovanili in pose attoriali

Un concetto un po’ oscuro venne espresso a Ruggero da Giovanni Zannini, un attore con cui sia Paolina che Antonio lavorarono per vari anni (fu lui quello a sentirsi male prima della “Cena delle beffe”): “Avemmo Compagnia insieme alternativamente fino al 1914, quando lei iniziò a lavorare nel cinema. Io come regista e attore nel 1915. Era molto più brava di me sulla scena, ho sbagliato a non chiamarla nei miei film. Ma ci sono cose che preferisco non raccontare…”. E qui ogni illazione è possibile. Si sa solo che la protagonista di quasi tutti i film diretti da Zannini fu sua moglie Lina Pellegrini. Forse qualche gelosia impedì al regista di proseguire il sodalizio teatrale con Paolina anche sullo schermo. Peraltro niente di guasto: i film di Zannini sono universalmente considerati tra i più brutti della prima cinematografia italiana.

Giovanni Zannini firma

Firma di Giovanni Zannini, attore e regista cinematografico (1884-1951), di cui non si conoscono immagini fotografiche

Con Achille Vitti Paolina spopolò in Tunisia. Il capocomico disse a Ruggero: “Paolina era appena uscita dalla Compagnia di Zacconi, e io me l’accaparrai subito. Con lei è rimasta memorabile la tournée in Tunisia del 1912. Al Rossini di Tunisi il successo fu grande grazie soprattutto a lei”. Ci fu un periodo in cui i più quotati capocomici si contendevano questa piccola instancabile attrice a cui non mancava certo il lavoro. E infatti nella sua breve vita non smise mai di recitare.

Achille Vitti

Achille Vitti, attore e capocomico (1866-1935)

Mary Cléo Tarlarini, considerata la protodiva del cinema italiano, colei che nei film muti recitava solo se in sottofondo suonava un violino, nel 1918 fondò una propria Casa Cinematografica, la Cléo Film, con cui produsse sei lungometraggi. In uno di questi Paolina si era totalmente stravolta, con un trucco che l’aveva fatta diventare una grassona di mezza età. E la produttrice raccontò a Ruggero questo aneddoto: “Quando la vidi truccata da Madama Girasole per il film ‘Le peripezie dell’emulo di Fortunello e compagni’, che avevo prodotto io, non la riconobbi. E ci facemmo delle grandi risate insieme”. Vedere le immagini di quel film ci fa pensare che simili effetti oggi si realizzano con estrema facilità al computer, ma immaginare che nel 1918 fosse possibile una tale concreta quanto plausibile trasformazione ha dello stupefacente.

Mary Cléo Tarlarini

Mary Cléo Tarlarini, attrice e produttrice cinematografica (1878-1954)

Paola Pezzaglia nel film Le peripezie dell’emulo di Fortunello e compagni truccata da Madama Girasole

Paola Pezzaglia nel film “Le peripezie dell’emulo di Fortunello e compagni”, 1918, truccata da Madama Girasole

Una grande interprete teatrale era considerata Virginia Reiter, famosa soprattutto per le qualità della sua voce, che si diceva fosse “di un metallo puro, con venature delicate e inesauribile varietà di ritmi. Una musica composta di semitoni graduati con sapienza, quando sale alle note più alte e robuste, nella concitazione del dramma, si purifica e squilla come se non da una gola umana scaturisse, ma da bronzo percosso con una verga d’argento”. Così si scriveva di lei sulla rivista teatrale “Il piccolo Faust”. E fu proprio lei che disse a Ruggero: “Con Paolina in Compagnia avevo trovato una giovane ‘rivale’: in fatto di voce e dizione non aveva molto da invidiarmi”. Grande anche nel riconoscere i meriti altrui, la Reiter.

Viginia Reiter

Viginia Reiter, attrice e capocomica (1862-1937)

Per concludere ecco Maria Campi, una celebre canzonettista sulla cui vita è stato anche girato un film: “Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa”, interpretato da Monica Vitti. Fu infatti proprio la Campi a ideare quel repentino movimento del bacino che faceva andare in visibilio il pubblico maschile. La popolare sciantosa si dedicò anche al cinema, ma dalla rivista al grande schermo il passo non è breve. Ci pensò Paolina, però, con la sua generosità, a darle qualche lezione. E la Campi a Ruggero lo ammise: “La Paolina era un’attrice vera, e a me che venivo dal varietà dette degli ottimi consigli, tanto che nel film ‘La capanna dello zio Tom’, che girammo insieme, fui finalmente all’altezza di una parte drammatica. Grazie, Paolina!”.

Maria Campi

Maria Campi, canzonettista e attrice (1877-1963)

Già, grazie Paolina, ma Paolina non dovette mai ringraziare nessuno, tutto quello che raggiunse lo ottenne con le sole proprie forze, in mezzo a mille difficoltà, non ultime quelle economiche. E fa piacere che dopo la sua riscoperta, oggi, nel III Millennio, il suo nome circoli, sia pure all’interno di una nicchia, come quello di una donna avanti sui tempi, forte e libera: “Donna Nuova” si legge in una tesi di laurea su di lei discussa all’Università di Bologna. In Nuova Zelanda è stato dato il suo nome a una puledra rivelatasi vincente. Negli USA l’attrice e poetessa Amber Tamblyn l’ha inserita nella sua più significativa poesia. Il Comune di Firenze ha posto una lapide sulla casa dove morì. Wikipedia le ha dedicato voci in cinque lingue.

Più viva che mai ai giorni nostri, ci piace pensare a Paolina Pezzaglia Greco (1889-1925) come l’eternamente giovane portabandiera dell’innumerevole schiera di artisti caduti nell’oblio del tempo, che magari non hanno un nipote che si occupi della loro memoria. Lei, che abbiamo voluto definire “La più grande attrice sconosciuta del mondo”, oggi nel mondo è un po’ più grande e un po’ meno sconosciuta.

Paolina Pezzaglia Greco

Paolina Pezzaglia Greco a Firenze nel 1921

Quanto a Ruggero, girò parecchio per conservare la memoria di sua madre, che nelle tournée teatrali lo faceva dormire nel cassetti dei comò e lo metteva in scena quando serviva un attore bambino. L’oggetto di questo articolo fu un’impresa spontanea e insolita, d’amor filiale, meritevole di essere ricordata e narrata. Oggi anch’io, figlio di Ruggero, faccio lo stesso con nonna e nonno, ma non avendo più nessuno in vita da poter interrogare interrogo il passato, e lui risponde abbondantemente, tanto da regalarmi un ricco Archivio che nel 2013 è stato dichiarato dallo Stato italiano “di interesse storico particolarmente importante”. Ma tutto nasce dal nucleo originario che Ruggero è riuscito a preservare fra traversie di ogni tipo, cambi di città, di case, decessi, alti, bassi, guerre e alluvioni.

Cosa per cui, tra le altre, lo ringrazio.

 

Archivio Pezzaglia-Greco
pezzagliagreco.blogspot.com

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*