TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

Star, star, Starzinger star, superstar. Gorgo sotto i mari lotterà, Hakka in terra ci difenderà”.

E chi se lo dimentica? Spazio infinito, cyborg, e una principessa da salvare insieme al pianeta.

 

Un’opera di Leiji Matsumoto

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER
Starzinger è un anime della Toei scritto da Leiji Matsumoto, trasmesso in Giappone in 73 episodi tra il 1973 e il 1979. La serie fu presentata in Italia da diverse reti locali nel 1979.
Nel 1979, Matsumoto ha curato anche una versione a fumetti in 3 volumetti.

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

 

La storia di Starzinger

L’Energia Galattica, fonte della pace e della prosperità di tutte le civiltà della Galassia, sta lentamente affievolendosi. La Regina del Grande Pianeta, che dovrebbe mantenere in vita l’energia, sta invecchiando e non può più assolvere al suo dovere. Per questo motivo la principessa della Luna, Aurora, inizia un lungo viaggio per raggiungere il Grande Pianeta. Vuole ripristinare l’Energia Galattica prima che tutti i pianeti sprofondino nella barbarie e nella violenza. In questo viaggio è accompagnata da un singolare gruppo di guardie del corpo e collaboratori.

 

Il gruppo degli eroi

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

Jan Coog è un essere umano trasformato in cyborg e imprigionato per la sua attitudine ribelle, fino a quando viene liberato per servire Aurora. Don Hakka e Sir Gorgo sono altri due cyborg. Il primo, massiccio e forte, segue la principessa fin dall’inizio. Il secondo, alto e bellissimo, viene incontrato strada facendo.
Ad aiutare il quartetto nella loro missione ci sono la dottoressa Kitty, una scienziata, e il professor Dogget. Entrambi rimangono sulla Terra per tutta la durata della storia.
La missione sarà ostacolata da diversi antagonisti, tra cui gli alieni dalle fattezze scimmiesche Ghinghin e Kinkin, che vogliono approfittare della debolezza della galassia per sottomettere i pianeti.

 

I protagonisti

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER
Aurora è una principessa-guerriera della Luna. Ha perso il suo regno a causa della diminuzione dell’Energia Galattica ed è stata scelta dalla dottoressa Kitty per ripristinarla, in quanto possiede gli stessi poteri della Regina del Grande Pianeta.

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

Jan Coog è un essere umano che ha fatto trasformare il proprio corpo in cyborg per proteggere l’umanità, ma da allora gli sono sempre stati assegnati incarichi di poco conto e ha perciò sviluppato un’attitudine ribelle. Per questo motivo è stato imprigionato in una sfera di cristallo, finché la dottoressa Kitty lo libera per servire la principessa Aurora. Viene indotto con un trucco a indossare una coroncina d’oro, che si rivela essere uno strumento attraverso il quale la principessa può controllarlo. La sua arma è un bastone allungabile, il Giavellotto Astrale, mentre il suo mezzo di trasporto è lo Star Crow… In pratica, come vedremo meglio più avanti, si tratta della versione fantascientifica dello Scimmiotto.

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

Don Hakka è un altro cyborg che si unisce al gruppo. Di corporatura massiccia e fortissimo nel combattimento, ha una catena e uno scudo che può sparare un razzo. Il suo mezzo di trasporto è lo Star Bud.

Sir Gorgo, un cyborg incontrato sul Pianeta dell’acqua, inizialmente attacca l’equipaggio della Regina del Cosmo. In seguito però si innamora di Aurora e decide di far parte del gruppo. È il cyborg più riflessivo dei tre, la sua intelligenza sarà molto utile per uscire da situazioni pericolose. Le sue armi sono il tridente siderale e un piccolo computer portatile in grado di individuare i punti deboli dei nemici. Guida lo Star Chopper.

TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE SU STARZINGER

La Dottoressa Kitty è una geniale scienziata che aiuta i protagonisti durante il viaggio grazie alla sua abilità tecnica, pur essendo rimasta sulla Terra.

Il Professor Dogget, sempre al fianco della dottoressa Kitty, è colui che ha trasformato Coog in un cyborg.

 

Alcune cose di Starzinger che forse non sapevate

Nel 1978 Starzinger rompe la la tradizione dei robottoni trasformando i gusti del giovane pubblico giapponese.

 

Dragon Ball e altri scimmiotti

La storia di Starzinger è basata sul classico della letteratura cinese Viaggio ad Occidente, il romanzo dello Scimmiotto per intenderci, che ha ispirato tra i tanti anche Dragon Ball di Akira Toriyama.
Il romanzo, risalente al Cinquecento, racconta la storia del monaco Sanzang, che viene inviato alla ricerca di testi sacri del buddhismo dall’illuminato Guaniyn.

Vecchi e nuovi personaggi

 

 

 

Son Goku è il nome giapponese di uno dei protagonisti del romanzo, il re scimmiotto Sun Wukong. In Starzinger il suo ruolo spetta al leader dei tre cyborg guerrieri al servizio della principessa Aurora, Jan Coog. Il magro Sir Gorgo è il corrispettivo fantascientifico del demone fluviale Sha Gojo, ossia Sha Wujing. Il corpulento Don Hakka deriva infine da Cho Hakkai, ovvero Zhu Wuneng. Ed è grosso perché l’originale era un maiale. E la principessa Aurora? Nel romanzo, era un uomo, il monaco Sanzang.

 

Capitani e treni volanti

 

A ideare per la Toei la storia della principessa lunare e dei suoi tre cavalieri cyborg è Leiji Matsumoto, tra i più amati mangaka e animatori di sempre. Tra i suoi fumetti e anime più conosciuti ci sono Capitan Harlock e Galaxy Express 999.
Starzinger fa seguito a Danguard (Danguard Ace), serie mecha di 56 episodi con cui ebbe inizio la collaborazione tra Matsumoto e la Toei, dopo che questa aveva rotto i rapporti con Go Nagai per una disputa sui diritti di Gaiking.

 

Mai, mai scorderai… i gattini

Il character design di Starzinger è di Masami Suda, storico animatore che ha lavorato per Tatsunoko (sin dai tempi di Mach 5 e Gatchaman) e la Toei, per la quale si è occupato di trasporre su schermo il manga di Ken il Guerriero, la serie tv e il film del 1986.
Masami Suda ha lavorato anche a serie come Slam Dunk, Candy Candy, Dragon Ball Z, Giant Killing Street Fighter II. Negli ultimi tempi ha curato il character design di Yo-kai Watch, serie di videogiochi e poi di cartoni che ha spopolato tra i bambini di tutto il pianeta a partire dal 2013.

 

Forza cinque

 

Negli Stati Uniti, Starzinger è nota come Force Five: Spaceketeers, perché faceva parte di una serie antologica (Force Five, appunto) contenente cinque anime giapponesi trasmessi a rotazione. Le altre serie erano Force Five: Gaiking, Force Five: Dangard Ace (Danguard), Force Five: Starvengers (Getter Robo G) e Force Five: Grandizer (Goldrake). Il progetto nasceva per sfruttare la popolarità degli Shogun Warriors, i robot giocattolo importati da Mattel. Vennero mandati in onda solo 26 episodi di ciascuna serie.
La storia di Starzinger era stata modificata e i nomi dei protagonisti cambiati, per riecheggiare quelli dei tre moschettieri di Dumas: Jesse Dart, Arimos e Porkos. Nel mercato home video del Regno Unito, invece, Starzinger era diventata Sci-Bots, mentre in America Latina gli è stato dato come titolo un più generico El Galáctico.

 

Giocattoli con le pinne

Nei remoti primi anni ottanta furoreggiavano anche da noi i giocattoli di Starzinger. Lo Star Crow di Jan Coog e le altre navicelle (Star Cupper e Star Bood), l’astronave Queen Cosmos e le action figure in plastica e metallo dei personaggi sono state realizzate dalla Popy/Bandai e importate in Italia da Ceppi Ratti. Se avete ancora in soffitta qualche esemplare inscatolato e siete disposti a venderlo su ebay, sapete come pagarvi la prossima vacanza. Le pinne di Sir Jogo e la pancia lanciamissili di Don Hakka sono simboli indelebili di un’epoca.

 

Sigla di Starzinger e ri-sigla

 

 

 

 

La sigla italiana di Starzinger era cantata dai Superobots, gruppo fondato nel 1979 da Douglas Meakin e Aldo Tamborrelli. Giancarlo Balestra si era occupato di scrivere un testo che fosse adatto alla musica giapponese. Infatti la sigla di Starzinger, come quella di Jeeg e Mazinga Z, è basata sull’originale. Ecco la versione giapponese.

 

 

 

Infine, ecco la sigla per il mercato latino americano di El Galáctico.

 

 

 

 

Il fumetto italiano di Starzinger

Abbiamo trovato nel web questo fumetto italiano di Starzinger: qualcuno sa dirci chi sono gli autori e da quale rivista è stato pubblicato?

 

(Da Il Sestante News)

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*