IL MONDO PERDUTO DI FRAZETTA

IL MONDO PERDUTO DI FRAZETTA

Se siete stanchi dei fumetti di oggi perché sembrano la brutta copia dei telefilm e volete spaziare con la fantasia, niente paura: Frank Frazetta, nato a New York nel 1928 e morto in Florida nel 2010, con le sue illustrazioni vi parlerà di un mondo perduto.

frank_frazetta_the_silver_warrior
Si tratta del mondo perduto degli autori dei comic book della golden age (dalla fine degli anni trenta all’inizio degli anni cinquanta), anche se Frazetta, come Alex Toth e Fred Guardineer, non ha avuto la fortuna di realizzare un personaggio famoso o di disegnare per un bravo sceneggiatore. Di un immaginario che nasce dalle pulp, riviste avventurose popolari dagli anni dieci agli anni quaranta, che furono soppiantate proprio dai loro continuatori, i comic book.

aybfdp0
Le pulp dalle sgargianti copertine ci campavano sui mondi perduti. L’autore che più contribuì a forgiarli fu Edgar Rice Burroughs. I babbani di oggi hanno in mente il pedestre Tarzan dei film, ma quello dei romanzi (e dei fumetti) aveva sempre a che fare con popoli sconosciuti. C’erano i ruderi di Atlantide, città abitate da antichi romani, castelli frequentati da ebrei, scimmie ibridate con esseri umani… più che un personaggio ambientalista, Tarzan (il vero Tarzan) era fantastorico.

Oltre ai numerosi romanzi di Tarzan, Burroughs scrisse libri di altro genere. Come il ciclo di Pellucidar, su un mondo posto nel centro della Terra pieno di animali mostruosi e umanoidi. Poi c’erano i suoi cicli fantascientifici, come quello di John Carter di Marte, plagiato dai fumetti di Buck Rogers e Flash Gordon, con tante regine sadomaso vogliose di diventare amiche intime dell’eroe (lo stesso valeva per Tarzan, con Ladi Opar e compagnia bella). Questi romanzi li ho letti, non scrivo per sentito dire o dopo essermi limitato a seguire le loro versioni a fumetti: per quanto riguarda il recente film di John Carter, ho smesso di guardarlo nel giro di due minuti.

le0cmrjqad2smxluslp5

Dopo aver lavorato per i comic book, Frazetta trova un’occupazione stabile facendo le matite delle tavole domenicali del celebre Li’l Abner di Al Capp. Tra parentesi, in Italia sono state pubblicate solo le strisce: quando mai qualcuno presenterà le grandi tavole a colori di Li’l Abner? Non bisogna sorprendersi troppo se Al Capp si faceva disegnare le storie che firmava dopo averle inchiostrate, era abbastanza normale per gli autori sindacati. Con poche eccezioni, come Charles Schulz, l’autore di Charlie Brown e Snoopy. Ma il suo era un disegno minimalista, che si poteva fare in fretta (se si era bravi come lui). Una volta Schulz disse, mi sembra a Lietta Tornabuoni che lo intervistava per Linus, che le strisce di Li’l Abner avevano perso la loro “purezza”. L’intervistatrice, sapendo poco di fumetti, lo prese come un giudizio un po’ metafisico, ma Schulz intendeva dire: “Li’l Abner ha perso la coerenza stilistica che poteva dargli solo il suo autore originale”.

Tornando a Frazetta, negli anni sessanta inizia l’attività per la quale diverrà famoso: illustratore di copertine.

00
Frank Frazetta comincia a fare le illustrazioni per le copertine delle riviste di fumetti in bianco e nero della Warren, la casa editrice di Zio Tibia e Vampirella: quest’ultima inventata graficamente da lui.

Siamo nell’horror classico proposto al cinema da attori come Boris Karloff e Bela Lugosi, più che dalle pulp (“Weird Tales” pubblicava il ben più sofisticato Lovecraft). Ma sempre negli anni trenta siamo.

ffcolr10frank_frazetta_gargoyle11_1971_05_vampi_fritz
Sono gli editori dei tascabili a fare la fortuna di Frazetta, chiedendogli di illustrare le copertine dei libri che negli anni sessanta ristampano i personaggi più famosi delle pulp. Nello stesso decennio, anche la Marvel, con Jack Kirby e Steve Ditko, ripropone per l’ultima volta l’immaginario delle pulp nei fumetti.

Naturalmente Tarzan, il personaggio alla base della fantasia sfrenata delle pulp, non può mancare tra le illustrazioni di Frazetta.

0urofrazetta0040urofrazetta009ffcolr77
Il mondo di Tarzan si presta a essere rielaborato con altri personaggi e situazioni, ma sempre con molte regine o dee bianche (possibilmente bionde) a capo di popoli misteriosi.

cg-1frank_frazetta_catgirlfrank_frazetta_desperationfrank_frazetta_the_moons_rapturetarzla
I pochi che hanno letto i racconti di Solomon Kane, l’avventuriero puritano creato da Robert Howard, sanno che Conan è strettamente imparentato con Tarzan.

Nelle sue ultime avventure, Solomon Kane si ritrova in un’Africa abitata da popoli misteriosi discendenti da quelli mediterranei, sia pure declinati in chiave horror come voleva la rivista pulp per la quale Howard lavorava, “Weird Tales”. A quel punto, Howard deve aver fatto questo ragionamento: se Burroughs ha messo i popoli antichi nel presente delle avventure di Tarzan, io potrei portarli in un lontanissimo passato. Conan, infatti, presenta un mondo perduto della preistoria, dove già esistono popoli che precedono e ricalcano quello greco, egizio, eccetera.

I tascabili di Conan con le copertine di Frazetta vengono letti da Roy Thomas, che rilancerà il personaggio nei fumetti Marvel con i disegni del geniale Barry Smith. Questi fumetti, a loro volta, apriranno la strada ai film interpretati da Arnold Schwarzenegger.

1uefrazetta-thebarbarianffcolr32frazetta-death-dealer2snow_
In mondi perduti, o “sperduti” in qualche regione dell’epoca moderna, vivono uomini e animali preistorici. Potevano essere accettati dal lettore solo prima dell’invenzione dei satelliti artificiali, in un’epoca in cui gli aeroplani erano pochi.

Il primo a postularli fu Arthur Conan Doyle, l’autore di Sherlock Holmes, con un romanzo del 1912 intitolato “Il mondo perduto”, appunto (che ispirò Pellucidar di Burroughs).

1zbfrank_frazetta_savagepellucidarfrank_frazetta_the_mammothfrazetta_jungle_tiger
Frazetta rappresenta anche il mondo fantasy di Tolkien, illustrando “Il Signore degli anelli”.

f21frank_frazetta_bw_lordoftheringsfrank_frazetta_bw_middleearthfrank_frazetta_bw_orcs
La fantascienza di Frazetta, come abbiamo detto, parte da John Carter di Burroughs.

frazetta-af39frank_frazetta_carsonofvenusfrank_frazetta_space104attack
Dopo la giungla misteriosa, i mondi selvaggi sopravvissuti sulla Terra e quelli nello spazio, le pulp presentavano pre-supereroi metropolitani come The Shadow e Doc Savage che, attraverso le strisce per i quotidiani di Phantom (l’Uomo Mascherato), hanno portato alla creazione di Superman e degli altri supereroi dei comic book.

Mi sarebbe piaciuto vedere Frazetta illustrare le copertine delle ristampe di Doc Savage: l’illustratore James Bama ha conferito l’aspetto definitivo al personaggio, ma non è riuscito a rappresentare gli elementi fantastici dell’ambientazione in cui agiva.

Comunque, Frazetta ha portato il suo punto di vista in molti altri generi: mitologico, western, storico, parodistico, bellico, erotico, hard boiled…

frank-frazetta-wallpaper-frank-frazetta-wallpapers-12frank_frazetta_madamederringerking%2bkong%2bfrazetta_01qman_ff_legacy_545_seven_romans01_blazingcombat_1965oct_fritzfe3ce61268f21b0398765c37673ca3a8_largefrank_frazetta_temptationfrazetta-black-and-whiteimg_0037
Nel 1983, viene prodotto “Fire and ice”, un lungometraggio basato sui disegni di Frank Frazetta.

Il film, oggi dimenticato, non è malaccio, tenuto conto che è stato realizzato da Ralph Bakshi con pochi soldi.

fireice1fireice46a00d8341c684553ef01901d25d6df970b-pi
Il numero uno del comic book Thun’da, il tarzanide della Magazine Enterprises scritto da Gardner Fox e disegnato da Frank Frazetta nel 1952, merita di essere ammirato dalla prima all’ultima pagina.

thun%27da01-01frontcover-frankfrazetta%28afterphotoshop%29
Il tratto di Frazetta è già maturo, anche se qua e là il disegnatore si ispira ancora agli autori del fumetto sindacato.

Ecco alcuni altri assaggi dei fumetti che Frazetta ha realizzato prima di diventare illustratore a tempo pieno: una copertina del comic book di Buck Rogers, le dinamiche matite delle strisce di Flash Gordon (poi inchiostrate da Dan Barry) e una tavola domenicale di Johnny Comet, effimera serie sindacata su presunti testi del pilota automobilistico Peter De Paolo.

ff_213frazettaflgofrazettaflash1frazettaflash2johnnycomet
Concludiamo con il Frazetta di Li’l Abner: le tipiche ragazze alla Al Capp e una parodia di Marlon Brando nel Selvaggio; più due intere tavole domenicali, con le parodie di Superman e di Marilyn Monroe.

frazetta078ai9-1abner10secondthirdfrazetta_img_02
Nel televisivo fumetto di oggi, il “mondo perduto” di Frank Frazetta e degli autori della sua generazione è veramente perduto per sempre…

Contatto E-mail: info@giornale.pop

5 commenti

  1. Bellissimo articolo, come sempre.

  2. […] immaginario, assolutamente moderno, non ha niente a che fare con il mondo trasognato delle pulp di Frank Frazetta. Neppure quando ne rivisita esplicitamente i […]

  3. Iconico come pochi altri nell’illustrazione. Che si tratti di locandine di film ,fumetti , vinili o romanzi frazetta ha codificato graficamente interi generi. Bellissimo articolo .

  4. […] mi rimane che consigliarvi di leggere il mio articolo su Russ Manning e quello su Frank Frazetta, con le sue spettacolari illustrazioni del mondo burroughsiano e i vari […]

  5. […] chi volesse ammirare numerose illustrazioni di Frank Frazetta segnaliamo questo articolo di Giornale […]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*