MILANO CHIAMA L’ESERCITO CONTRO LE GANG DEI LATINOS

MILANO CHIAMA L’ESERCITO CONTRO LE GANG DEI LATINOS

Milano violenta. Sembrerebbe il titolo di un “poliziottesco” degli anni settanta, invece è la sintesi del clima nervoso che si respira in queste ore nel capoluogo lombardo. Dopo i recenti fatti di cronaca che hanno insanguinato Milano, i due albanesi assassinati a Canegrate e l’omicidio di un domenicano vicino a piazzale Loreto, il neosindaco Sala è corso ai ripari.

Pur evitando allarmismi e strumentalizzazioni, il primo cittadino ha chiesto al ministero degli Interni Angelino Alfano la possibilità di utilizzare l’esercito, soprattutto nelle aree più periferiche della cintura urbana. Domanda che al momento è in stand-by, poichè i militari attualmente disponibili sono stanziati a Roma per il Giubileo.

Nell’attesa, si è comunque deciso di agire. In mattinata è scattato un blitz con centinaia di uomini delle forze dell’ordine impegnati nella bonifica del “boschetto” di Rogoredo, un’area degradata della periferia sud-est dove attivo è il traffico di sostanze stupefacenti, tanto da fare di questa zona una delle piazze di spaccio più importanti della Lombardia.

Se negli ultimi anni i dati sulla criminalità sono scesi, Milano continua a confermarsi ai vertici italiani per furti, delitti e rapine. Il sindaco ha deciso di chiamare l’esercito soprattutto per la presenza di numerose gang sudamericane, dai Ms-13 ai Trinitarios, le cui faide hanno lasciato a terra quindici morti in dieci anni.

Battaglie metropolitane che si consumano tra piazzale Loreto e via Padova, in palazzoni dove neppure la polizia si sogna di entrare. Intere vie dove a echeggiare non è l’italiano ma  lo spagnolo, con un po’ di arabo e di cinese.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*