MATRIMONI IN ITALIA TRA SPOSI STRANIERI: CONSIGLI PRATICI

Matrimoni in Italia da sposi stranieri: 5 consigli pratici

Sposarsi in Italia: un sogno che spinge molti stranieri, provenienti da ogni parte del mondo, a scegliere una location italiana per giurarsi amore eterno.

Terra di amori e di nozze indimenticabili, l’Italia è una delle nazioni più gettonate dalle coppie straniere per organizzare il proprio matrimonio tra chiese, cattedrali, piazze, monumenti e tradizioni culinarie locali.

Il numero di matrimoni tra stranieri celebrati in Italia cresce ogni anno e il trend è destinato ad aumentare esponenzialmente.

Tra le regioni più ambite svettano nella classifica la Toscana, il Lazio, la Campania, la Sicilia, la Puglia, la Calabria ecceteta.

Quali sono i consigli per sposarsi in Italia essendo stranieri? Occorre fare attenzione agli aspetti burocratici e legali, ma anche un’ottima scelta della location del matrimonio, degli abiti, degli accessori e di tutte le decorazioni nuziali.

Per questo è buona cosa affidarsi all’esperienza e alla professionalità di un wedding planner in Italy.

 

Matrimoni in Italia da coppie di sposi stranieri: tipo di rito e documenti obbligatori

Le coppie straniere che decidono di organizzare il proprio matrimonio in Italia possono optare per la celebrazione del rito civile o religioso.

In ogni caso, a prescindere dalla nazionalità e dalla fede religiosa dei futuri sposi, i cittadini stranieri necessitano di alcuni documenti obbligatori.

È necessario il Nulla Osta, rilasciato dall’Ambasciata o dal Consolato della nazione di appartenenza presente in Italia o da autorità competenti nel paese d’origine.

Il Nulla Osta può essere sostituto da un Certificato di Capacità Matrimoniale, o da una Dichiarazione Giurata, o da un Atto di Notorietà.

Inoltre, i cittadini stranieri che vogliono sposarsi in Italia devono possedere un Passaporto valido, che funge da documento d’identificazione.

A seconda del paese di origine, potrebbero essere richiesti anche altri documenti, come il certificato di nascita.

Nel caso di persona vedova, sono richiesti il certificato del primo matrimonio e il certificato di morte del coniuge deceduto.

I divorziati non possono risposarsi prima dei 300 giorni dall’emissione del decreto di divorzio.

 

Matrimonio in Italia: scelta della location

L’Italia è una terra ricchissima di location uniche al mondo: sarà davvero difficile per i futuri sposini scegliere il luogo che farà da cornice alle nozze.

Dal Nord al Sud, fino alle Isole, si può optare per le metropoli, per le località di mare, per quelle di montagna e per qualche paesaggio collinare. C’è davvero l’imbarazzo della scelta!

 

Matrimonio in Italia da sposi stranieri: abito, accessori, bouquet e decorazioni

Organizzare un matrimonio comporta la necessità di scegliere il giusto abito nuziale con gli accessori e le scarpe, oltre al trucco e parrucco.

Inoltre, è importante scegliere il bouquet di fiori abbinato agli abiti nuziali, ma anche alle bomboniere ed alle decorazioni.

 

Matrimonio in Italia: scelta del menù

Hotel, agriturismo, ristorante, catering che sia, è importante scegliere il perfetto menù per celebrare il banchetto del matrimonio.

Pesce, carne, ortaggi, prodotti a km 0, ma anche menù vegani e vegetariani per gli sposi più esigenti.

Data la complessità dell’organizzazione del matrimonio in Italia, è buon consiglio affidarsi ad un Wedding Planner in Italy.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*