CHI HA PAURA DELLE LEGGI SULLA PROSTITUZIONE?

CHI HA PAURA DELLE LEGGI SULLA PROSTITUZIONE?

Il fenomeno della prostituzione in Italia è in continua crescita. Nel 2014, uno studio da parte delle associazioni del volontariato rivelò che il numero delle prostitute sul territorio italiano andava da 60.000 a 120.000 donne. Nel 2005, un altro studio ne aveva contate “solo” 45.000.

È in aumento il numero di donne italiane che si prostituisce, perché in tempi di crisi molte madri non riescono a mantenere le loro famiglie. Ma sono in crescita anche le baby squillo: c’è un aumento di circa il 10% di adulti che cercano rapporti sessuali con minorenni. Queste ultime provengono soprattutto dall’Est Europa: Romania 22%, Albania 10,5% e il resto da Bulgaria, Moldavia e Ucraina. Molte anche dalla Nigeria (36%).

Inoltre, si amplia lo sfruttamento di ragazzi egiziani, cinesi, rom e romeni nel mercato sessuale, nell’accattonaggio e in altri traffici illeciti.

Molte donne si prostituiscono per strada (circa il 65% dei casi): il 37% di loro ha una età tra i 13 e i 17 anni, nel 52% tra 18 e i 30 anni, e nel’11% ha una età superiore ai 30 anni. Il rilievo economico di questi traffici non è indifferente: secondo il Transcrime (Centro interuniversitario sulla criminalità transnazionale) ammonta tra i 2 e i 7,5 miliardi di euro.

In Italia, quello della prostituzione è un problema perennemente impantanato nelle sabbie mobili del moralismo e della superficialità. Da molto si parla di legalizzare la prostituzione ponendo vincoli e limiti di legge: vietare la tratta delle persone o lo sfruttamento sessuale di minorenni, punire violenze e costrizioni. Altre volte si è pensato di colpire i consumatori del sesso con multe salate o sanzioni penali severe.

Per fare questo, occorrerebbe introdurre leggi adeguate e opportuni controlli da parte delle autorità. Di certo tirare fuori dalla strada le donne non è sufficiente: occorre anche metterle in situazioni di sicurezza, perché non siano vittime delle ritorsioni da parte di chi le sfrutta, e deve essere potenziata la rete dei servizi a sostegno delle donne in difficoltà economiche, per evitare che si prostituiscano contro la propra volontà.

Locale berlinese, in Germania la prostituzione è legale e regolamentata

Un locale di Berlino. In Germania la prostituzione è legale e regolamentata

Come viene gestita la prostituzione nel resto dell’Europa? In Germania è legalizzata dal 2002, con precise norme igienico-sanitarie e chiari adempimenti fiscali, perché le prostitute guadagnano almeno 100 euro a prestazione, sui quali pagano regolarmente le tasse. Anche in Austria e Grecia è legalizzata e le prostitute sono regolarmente registrate. In Austria, peraltro, i controlli sono molto severi, con monitoraggi continui nelle case dove si svolge l’attività. In Olanda la prostituzione è stata legalizzata dal 2000, in Irlanda è legale e lo sfruttamento duramente colpito. In Finlandia il mercato del sesso è legale, ma sono proibite le case chiuse e la prostituzione all’aperto. Il caso del Belgio è particolare, perché la gestione dei bordelli è illegale, ma in realtà sono tollerati.

Anche in Italia, date le dimensioni del fenomeno, sarebbe opportuno fare scelte chiare.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*