LE MIE PARODIE PER “MAD” E OLTRE

LE MIE PARODIE PER “MAD” E OLTRE

La parodia è il travestimento burlesco di un’opera letteraria o cinematografica a scopo per lo più satirico, a tal proposito non possiamo fare a meno di ricordare “Mad”, la celebre rivista made in Usa.

Ne parlo con una punta d’orgoglio, avendo avuto l’occasione di collaborare all’edizione inglese di Mad a partire dal 1985, ponendo la mia firma al fianco di autori americani come Jack Davis, Al Jaffee, Aragones e Don Martin. Ma facciamo un salto negli Usa del lontano 1952, per incontrare William M. Gaines, figlio di Maxwell (uno dei fondatori della Dc Comics, la casa editrice di Superman e Batman).

William Gaines negli anni cinquanta pilotava la la casa editrice Ec Comics, specializzata in fumetti tra l’horror e la fantascienza. Un comic book si differenziava dagli altri: “Mad”. Era un albo creato nel 1952 dal  geniale gag-man Harvey Kurtzman, insieme ad autori come Bill Elder, Wally Wood e Jack Davis. Nacquero così le parodie di Lone Ranger, trasformato in “Lone Stranger”, Superduperman (Superman), Flesh Garden (Flash Gordon), Prince Violent (Prince Valiant), Gopo Gossum (Pogo), Manduck The Magician (Mandrake).

Scrive il critico Alberto Becattini nel primo numero della rivista specializzata “Funnies”: “Piuttosto che usare semplicemente i personaggi, Mad gettava su di essi nuova luce. Gli eroi dei fumetti diventavano dei commentatori di se stessi, erano coscienti del fatto che esistevano entro una struttura che a loro andava stretta e parevano ribellarsi contro di essa. Così Mickey Rodent escogitava un piano per riprendersi quella popolarità che Darnold Duck gli aveva soffiato, Poopeye si batteva contro imitazioni di altri personaggi per affermare la sua superiorità e i Katchandhammer Kids passavano dalle burle infantili a una carriera adulta come gangsters”.

La parodia permise di affrontare anche altri territori, come le opere cinematografiche. Il film “Il selvaggio”, interpretato da Marlon Brando, diventa “Wild ½”, mentre King Kong è “Ping Pong”, per arrivare alle opere letterarie come “Shermlock Shomes”.

15451183_1155518157896064_226217683_n

Parodia del film “Il selvaggio” con Marlon Brando, rivisitato da Harvey Kurtzmann e Wally Wood per Mad

15424427_1155519857895894_825602748_n

“Mezzogiorno di fuoco” visto da Harvey Kurtzman e Jack Davis

Dopo ventitré geniali numeri di “Mad”, nel frattempo trasformatosi in rivista, Kurtzman ruppe con Gaines per lanciare (con scarsa fortuna) una rivista analoga: con lui se ne andarono, almeno provvisoriamente, Elder e Davis. Rimasero Wood (fino ai primi anni sessanta) e Jaffee. Di lì a poco si ricostituì un nuovo staff sotto la direzione di Al Feldstein, che fece di “Mad” una rivista un po’ al di sotto del livello raggiunto fino al quel momento, ma comunque sempre inarrivabile, grazie a nuovi disegnatori come Don Martin, Mort Drucker, Dave Berg e Sergio Aragones.

Per un breve periodo degli anni ottanta, ebbi anch’io l’onore di far parte della Usual Gang of Idiots. Il mio esordio nell’edizione inglese di “Mad” avvenne nel maggio del 1985, con una rivisitazione a fumetti di Alfred E. Neuman, la mascotte della rivista, dal non casuale titolo “Italian Restaurant”. Qualche numero più tardi ho raccontato le demenziali vicende degli Hominid, folli omini che avevo creato a Trento qualche anno prima.

15415912_1155524187895461_115614004_n

Copertina di uno dei primi numeri del Mad inglese ai quali ha collaborato Fulber (Fulvio Bernardini)

 

15416972_1155525767895303_1996525106_n

La prima tavola di Fulber, “Italian Restaurant”, pubblicata dall’edizione inglese di “Mad” n. 277 del maggio 1985

 

15415991_1155527491228464_1422341657_n

“Mail” di Fulber viene pubblicata dal numero di settembre, sempre del 1985

L’esperienza tra le fila di Mad contamina quelle che saranno le mie successive produzioni a fumetti italiane. Nel 1998 esce “Batcan Forever”, un volumetto che rappresenta il mio primo importante lavoro di ampio respiro. Una quindicina di tavole con il mio personaggio Gary che riprendono il celebrato “Batman Forever”, diretto da Joel Schumacher nel 1995.

15417024_1155529364561610_1269310329_n

Copertina del volume del 1998 “Batcan Forever”, con la parodia del film Batman Forever

 

15491847_1155530527894827_777005768_o

Una tavola estratta dal volume

Con lo stesso stile ho realizzato “Gary e il monito Rongo-rongo”, dove faccio il verso al lavoro cinematografico “Rapa-Nui” diretto da Kevin Kostner e Kevin Reynolds.

15423576_1155539291227284_1192833890_n

15423590_1155539731227240_207264063_n

La parodia a fumetti del film Rapa Nui


Infine, nel 2010, in “Gary e il varco di Puck”, ho nostalgicamente ricreato ambientazioni e personaggi del glorioso passato di “Mad”.

15423556_1155542534560293_1073821613_n

15497948_1155542854560261_1688454805_n

Due tavole estratte dalla storia “Gary e il varco di Puck”

2016 © Fulber

3 commenti

  1. […] Tra il 1953 e il 1955, l’artista realizzò alcune delle sue opere più interessanti per gli albi a tinte forti della Ec Comics, compreso l’umoristico Mad. […]

  2. […] anni settanta e ottanta gli va meglio con Cracked, rivista umoristica concorrente di Mad diretta da John Severin. Qui ha la possibilità di dare libero sfogo alla sua vena caricaturale con […]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*