LE BORSE SONO I GIOIELLI DEL NOSTRO TEMPO

LE BORSE SONO I GIOIELLI DEL NOSTRO TEMPO

Le borse sono diventate i nuovi gioielli delle donne in un’epoca in cui è pericoloso indossare quelli veri. Vengono portate al braccio o a spalla oppure, quelle più piccole, in mano. Le prime borse erano state fatte per gli uomini, ma nel corso dei secoli sono diventate il più importante accessorio femminile. Le migliori borsette sono di fabbricazione europea. Pur essendo legate al volubile mondo della moda, alcune sono diventate l’oggetto più desiderato.

Nel video sopra si vede come viene fabbricata una borsa di qualità. È necessaria una lavorazione artigianale estremamente accurata. Non sono ammessi errori perché la materia prima usata, in questo caso la pelle, si potrebbe graffiare o bucare e non può essere recuperata. La lavorazione viene fatta in Italia, in Francia oppure in Spagna.

Conceria italiana

Innanzi tutto occorre avere una materia prima eccellente. La maggior parte delle borse di qualità sono fatte di pelle. Il più grande produttore di pelle di alta gamma è l’Italia con più di 1300 aziende. Si trovano nel Veneto (Arzignano), in Toscana (Santa Croce Valdarno), in Campania (Solofra) e in Lombardia (Magentino). Quelle in Lombardia conciano pelli piccole per scarpe e borse.

Conceria in Indonesia

La lavorazione della pelle fatta con metodi tradizionali è inquinante. Le concerie nei paesi in via di sviluppo, come nel Bangladesh e in Cina, hanno causato gravi danni alla popolazione. Le aziende italiane investono molto per adeguarsi alle leggi ed evitare i rischi connessi alla lavorazione delle pelli.

L’Italia esporta le sue borse in Francia, in Cina e in Corea del Sud. Anche il Giappone è un grande importatore di borse di alta gamma.

L’eccellenza dei pellami italiani

Pelle di serpente della Italrettili di Santa Croce Valdarno

Le concerie italiane sono in grado di produrre pelli di straordinaria morbidezza e qualità. C’è collaborazione fra lo stilista delle borse e l’azienda che concia la pelle. Infatti ogni tipo di borsa richiede un tipo particolare di pelle. Le borse rigide richiedono pelli rigide come quella di coccodrillo e le borse morbide pelle morbida come, per esempio, quella di capretto.

Pelle di rettile

Lo stilista delle borse si fa ispirare dalle pelli che ha a disposizione.

Borsa doppia di Prada in pelle saffiano, di colore nero e mughetto

La pelle saffiano è un tipo di pelle che sembra graffiata: fu usata per la prima volta dalla stilista Miuccia Prada. La borsa nella foto sopra è una tote, cioè una borsa grande, adatta a portare anche un po’ di spesa.

Borsa a tracolla in capretto, city di Balengiaca

La morbidissima borsa di Balenciaga di quest’anno è una versione del modello city in pelle di capretto.

Bottega veneta, 2017, pelle stampata in rilievo con motivi di farfalle, tinta calvados

Per arrivare a produrre una pelle come questa, stampata in rilievo con motivi di farfalle, è necessario partire da pelli di qualità e senza difetti. Gli allevamenti intensivi danneggiano l’animale e la sua pelle.

Borsa a quadri Louis Vuitton

Il marchio di lusso Louis Vitton usa anche molto tessuto di canvas spalmato che viene prodotto in Romagna dalla società Vulcaflex. La Louis Vuitton nel 1987 è confluita con Moët Hennesy, una ditta di vini pregiati, nel gruppo Lvmh. Il gruppo, presieduto da Bernard Arnault, ha sede a Parigi. Possiede molti altri marchi tra cui Dior, Bulgari, Fendi e Loewe.

Loewe, borsa flamenco, collezione 2017

Il gruppo Lvmh, negli ultimi anni, ha cercato di comprare le concerie italiane e francesi. Dove non c’è riuscito ha stipulato contratti di esclusiva. Vuole avere a disposizione, per le aziende del proprio gruppo, tutta la pelle di qualità necessaria.

Loewe, autunno inverno 2017 2018

Le azioni del gruppo Lvmh sono quotate in borsa. Molte sono di proprietà dei paesi arabi come il Qatar, che ha fatto un consistente investimento nell’ultimo periodo.

Loewe, oro e pelle scamosciata per borsa amazona 2014

La società Loewe è stata fondata a Madrid nel 1846 da un gruppo di artigiani del cuoio. La Spagna ha una lunga tradizione nella lavorazione della pelle di capretto. La conoscenza della relativa tecnica era giunta in Spagna dal Marocco, dove era stata inventata. il marchio Loewe ha avuto origine nel 1876, quando Enrique Loewe Roessberg, un artigiano tedesco, è entrato nel gruppo.

Loewe, borsa Puzzle

Il britannico Jonathan Anderson è il direttore creativo di Loewe dal 2013. Ha dichiarato la sua intenzione di reinventarsi il marchio producendo di nuovo le borse degli anni cinquanta, sessanta e settanta.

Busta in pelle bianca di Demna Gvasalia per Balenciaga

La “busta” bianca è una borsa confezionata in pelle bianca. La casa di moda Balenciaga, che ha come direttore creativo il georgiano Demna Gvasalia, continua sulla strada tracciata dal suo fondatore. Cristobal Balenciaga fondò la casa di moda nel 1937, dopo essere sfuggito alla guerra civile spagnola. Geniale e irriverente, ha lasciato un imponente archivio da cui i suoi successori hanno attinto.

Balenciaga, 2017, borsa Ikea

Il direttore creativo ha rifatto le borse Ikea in pelle.

Il museo delle borse di Amsterdam

Ad Amsterdam esiste il più grande museo delle borse del mondo. Espone 5000 pezzi, dal medioevo ai nostri giorni. È la collezione di Hendrikje Ivo, che ha raccolto borse per 35 anni.

Borsa di Gianni Versace indossata da Madonna alla prima del film Evita, Museo della borsetta, Amsterdami

Lo stilista Gianni Versace confezionò la borsa per la showgirl Madonna che la indossò alla prima del suo film Evita.

Museo della borsetta di Amsterdam

Le vetrine consentono di ammirare ogni pezzo da diversi punti di vista.

Se amiamo le borse è un museo da visitare.

 

 

 

GIORNALE POP cerca articolisti e redattori.
Chi fosse interessato scriva a info@giornalepop.it

La collaborazione sarà di tipo volontaristico.

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*