L’ARTE COMICA DI STAN LAUREL E OLIVER HARDY

L’ARTE COMICA DI STAN LAUREL E OLIVER HARDY

Esistono momenti cinematografici che vanno solo guardati, senza ulteriori analisi e dissezioni critiche. Tra essi vanno annoverati i film con Stan Laurel e Oliver Hardy: il che naturalmente non significa che non debbano essere studiati, andando oltre il puro piacere della visione.

L’inglese Arthur Stanley Jefferson e lo statunitense Oliver Norvell Hardy (ribattezzati in Italia Stanlio e Ollio) alla fine degli anni venti hanno formato una coppia grazie alla geniale intuizione del produttore e regista Hal Roach, girando fino ai primi anni cinquanta più di novanta pellicole, tra cortometraggi (le cosiddette comiche) e lungometraggi. Riuscendo sempre a mettere insieme un’elevata qualità artistica e la capacità di divertire lo spettatore di qualsiasi età e livello culturale.

Come ha scritto Adriana Marmiroli (Zuppa d’anatra n. 36, aprile 1985), “immediati, semplici, vitalistici, trionfavano tra bambini e grandi. Più simili ai cartoni animati, la loro malinconia si sfumava nel riso”.
La sterminata filmografia di Laurel e Hardy andrebbe ripassata interamente, poiché in ognuno dei loro lavori vi è almeno una sequenza da scolpire nella memoria. Tuttavia, anche limitandosi a una selezione di dieci film, c’è abbastanza materiale per farsi un’idea della grandezza di questi due comici straordinari.

STAN LAUREL E OLIVER HARDY

 

 

Che cosa è la comicità? Io non lo so. Qualcuno lo sa? La potete definire? Quello che so io, è quello che ho imparato per fare ridere, e questo è tutto ciò che conosco a proposito della comicità.
Stan Laurel

 

Closeau (…) ha molto di Laurel e Hardy. Sellers e io pensiamo che Stan Laurel sia il più grande comico mai esistito, più grande di Chaplin e di tutti gli altri.
Blake Edwards

 

Ci divertivamo e facevamo un sacco di cose pazze nei nostri film, ma siamo sempre stati reali. Anche quando giravamo le nostre comiche, cercavamo di essere reali.
Oliver Hardy

 

Se doveva capitare qualcosa di brutto in un film di Stanlio e Ollio, Stan lo riservava al personaggio di Stanlio. Stan era il creativo della coppia, e questo Babe lo apprezzava moltissimo. Quest’ultimo passava il tempo libero sui campi da golf. Era un uomo gioviale, disinvolto, estroverso, e a Ollie piaceva che le cose stessero così. Stan si sentiva realizzato nelle ore in più che passava allo Studio, adorava lavorare su nuove gag o su nuove idee comiche. La comicità era la sua vita. Quando qualcuno gli chiedeva dei progetti futuri, Ollie aveva una risposta ricorrente: “Chiedete a Stan”.
Dick Van Dyke

 

La nostra popolarità è durata tanto tempo… pensavo che la gente ci avrebbe scordati, ma non è stato così. Forse il pubblico ama noi e le nostre comiche perché ci abbiamo messo dentro tanto amore.
Stan Laurel

 

Basta vederli. Anche se non fanno niente.
Pierre Etaix

 

Non che non apprezzi una buona gag, attenzione, mi piace creare una buona reazione comica proprio come fa ogni attore, ma non ho mai realmente lavorato sodo nel “reparto creazione”.
Oliver Hardy

 

Nessun comico ha mai avuto la popolarità universale di Stan e Ollie. Essi rappresentano un patrimonio di cultura infantile non soltanto per chi era bambino negli anni ’30, ma anche per chi è bambino adesso.
Marco Giusti

 

Il mondo è pieno di persone come Stanlio e Ollio. Basta guardarsi intorno: c’è sempre uno stupido al quale non accade mai niente e un furbo che in realtà è il più stupido di tutti. Solo che non lo sa.
Oliver Hardy

 

All’origine del loro successo c’è evidentemente un fatto morfologico indiscutibile: erano piacevoli da guardare, anche separati; riuniti erano irresistibili. Il contrasto è così totale che si crederebbero due personaggi di fumetti ai quali si fosse miracolosamente riusciti a dar vita.
J. P. Coursodon

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*