JACK REACHER – PUNTO DI NON RITORNO

JACK REACHER – PUNTO DI NON RITORNO

Tratto dal romanzo omonimo di Lee Child, Jack Reacher – Punto di non ritorno (Jack Reacher: Never Go Back) esce a quattro anni di distanza dal film di Christopher McQuarrie Jack Reacher – La prova decisiva. Se l’attore principale resta Tom Cruise, che è anche produttore, cambia invece il regista. Dietro la macchina da presa troviamo un veterano come Edward Zwick, il cui primo film risale all’ormai lontano 1986 (A proposito della notte scorsa…) e che diresse il protagonista di Top Gun nel 2003 in L’ultimo samurai.

Rispetto a McQuarrie (entrato ormai nell’orbita di Cruise perchè dopo Mission: Impossible – Rogue Nation dirigerà anche Mission: Impossible 6), Zwick lavora su uno script che amplia la parte intimista rispetto a quella d’azione. Pur non essendo Michael Mann, riesce a dar vita a un paio d’ore di buon impatto emotivo e spettacolare.

L’ex ufficiale della Polizia Militare Reacher questa volta si trova a dover aiutare il maggiore Susan Turner, arrestata con l’accusa di essere responsabile della morte di due militari in Afghanistan. Il suo tentativo di liberarla va a buon fine ma, accusato di un omicidio che non ha commesso, insieme alla Turner comincia a indagare per cercare di scoprire chi sta tentando di incastrarli.

Tom Cruise (center) is Reacher in JACK REACHER, from Paramount Pictures and Skydance Productions. OS-09738

Con la collaborazione dell’ottimo Oliver Wood, direttore della fotografia inglese attivo da quasi quarant’anni e che viene, guarda caso, dai film su Jason Bourne con Matt Damon ai quali Cruise, è evidente, vuol fare concorrenza, Zwick confeziona un film interessante e che tende a umanizzare un personaggio come Reacher.

Dotato di grande cultura cinema cinematografica (tra i suoi autori preferiti figurano Hawks, Ford, Fellini e Truffaut), il regista di Blood Diamond pur nei limiti di un film che necessita di un ritmo sostenuto cerca di immettere la sua idea di cinema e di creare una figura di eroe a tutto tondo.

In un’intervista a proposito di Defiance – I giorni del coraggio uscito nel 2008, si riferì a colui che può sembrare un grande eroe ma che è pieno di dubbi su se stesso e che ha anche compiuto gesta che così eroiche non erano. Ritratto che potrebbe essere usato per lo stesso Reacher.

Zwick non rinuncia a qualche parentesi sentimentale e persino umoristica, caratterizza bene i personaggi di contorno (lo spietato killer che insegue Reacher e Susan funziona meglio che nel primo film) e dirige un paio di scene action che restano impresse. In particolare quella finale sui tetti di New Orleans durante la festa di Halloween, di bondiana memoria.

Unica pecca: alcuni flash-back, visivamente contrastanti con la coerenza fotografica della pellicola.

1 commento

  1. Bello, convincente, impianto preciso e stesura efficace: mi dici cose per cui voglio vedere il film. Bravissimo, mi è piaciuto molto

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*