L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE INIZIA CON L’APP PSICOLOGA

L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE INIZIA CON L’APP PSICOLOGA

Il futuro che solo qualche anno fa credevamo lontano è già qui con l’intelligenza artificiale. La tecnologia sta compiendo passi da gigante e le nostre vite sono destinate a essere stravolte. Abituiamoci, quindi, a importanti novità.

Per esempio, l’intelligenza artificiale rappresenta già la nuova frontiera della psicologia con l’app Woebot, un programma in grado di interagire via chat con gli utenti. Per chi soffre di ansia o depressione è disponibile uno psicoterapeuta digitale, attivo 24 ore al giorno. Non somministra medicine, non ha fattezze umane, ma adopera tecniche di psicoterapia cognitiva che può anche insegnare. Basta scaricare l’apposito programma, gratuito per le prime due settimane e attualmente disponibile solo in inglese.

Woebot si rivolge ad un pubblico impossibilitato a sostenere le spese per curare la propria salute mentale. Si sta rivelando efficace, capace cioè di interagire con i “propri pazienti”, cogliendone i cambiamenti umorali, dando consigli e suggerendo, laddove necessario, di contattare un numero di emergenza.

Alcuni studiosi della Stanford School of Medicine hanno testato Woebot su un gruppo di persone di età compresa tra i 18 e i 28 con disturbi di ansia e depressione: i risultati sono stati incoraggianti, le persone hanno dichiarato di sentirsi meglio, per quanto al momento la app non possa ancora considerarsi una vera e propria alternativa alle terapie classiche della psicologia.

L’evoluzione dell’intelligenza artificiale è un processo inarrestabile, in continua crescita. Google ha deciso che aprirà in Cina un centro di ricerca, il primo in Asia, dove attirare i migliori cervelli del settore in competizione con altri famosi colossi come Alibaba o Baidu, impegnati a investire grossi capitali nella AI. La corsa è già cominciata perché in molti ne intravedono le importanti ricadute in ambito militare, commerciale e scientifico.

Il presidente russo Vladimir Putin, nel luglio del 2017, ha dichiarato che “chi diventerà leader nell’ambito dell’intelligenza artificiale, guiderà il mondo“. Non a caso gli Stati Uniti ci lavorano da tempo e la Cina ha stanziato, fino al 2030, investimenti per 150 miliardi di dollari, con lo scopo di diventare un punto di riferimento mondiale.

A proposito di Asia, un assaggio di quello che tra breve sarà la normalità lo potremo vedere ai prossimi giochi olimpici invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud. Qui, sparsi per i diversi impianti, hostess e steward umanoidi aiuteranno gli ospiti a pianificare giornate e spostamenti, consigliando i mezzi di trasporto, indicando le soste per il ristoro e offrendo informazioni sul meteo.

Questo evento sportivo sarà un’esplosione di tecnologia, quella che a breve riempirà la nostra quotidianità. Nella città coreana è prevista una copertura 5G per la rete wireless, telecamere a riconoscimento facciale, persino guanti contactless, per pagare senza estrarre la carta di credito.

Sono assaggi di un futuro vicino che promettono rivoluzioni fino a poco fa impensabili. Le trasformazioni sono in corso e altre arriveranno a breve. A noi la capacità di saperle gestire, evitando il rischio di esserne sopraffatti come taluni temono.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*