IN AUSTRIA VINCE BOTTAS, VETTEL SECONDO

IN AUSTRIA VINCE BOTTAS, VETTEL SECONDO

Con il secondo posto in Austria, il ferrarista allunga nel mondiale e ora conta venti punti di vantaggio sul rivale Hamilton.

Dopo due settimane in cui non sono mancate le polemiche per la ruotata rifilata da Vettel ad Hamilton in regime di safety car durante il Gran Premio di Azerbaijan, il campionato del mondo di Formula 1 si sposta in Stiria (Austria), sul circuito dello Spielberg, nei pressi della città di Zeltweg. La pista è di proprietà della Red Bull, dunque è di fatto la scuderia austriaca a ospitare la nona prova stagionale.

Pole position siglata da Bottas su Mercedes. Hamilton spunta il terzo tempo, ma deve retrocedere in griglia di cinque posizioni per un problema meccanico alla sua Mercedes che gli ingegneri hanno dovuto risolvere con la sostituzione del cambio. I ferraristi Vettel e Raikkonen prendono il via dalla seconda e terza piazza. Dopo di loro le due Red Bull e il francese Grosjean al volante di una Haas apparsa su questo tracciato particolarmente performante.

Griglia di partenza del Gran Premio d’Austria. Hamilton retrocesso di cinque posizioni per la sostituzione del cambio

Allo start Bottas tiene il comando davanti a Vettel e Ricciardo. Raikkonen perde una posizione nei confronti di Grosjean, ma la riconquista poco dopo. Lentissima la partenza di Verstappen, poi coinvolto in una carambola innescata da Kvyat a centro gruppo. Gara subito finita per l’olandese e anche per uno sfortunato Alonso.

Partenza lenta per Verstappen, scavalcato al via dalle due Force India

Con Verstappen fuori dai giochi e con le prime posizioni congelate, l’attenzione della gara si sposta sulla rincorsa di Lewis Hamilton alla zona podio.
Tutti i concorrenti adottano la strategia di un solo pit stop. Dopo la solita giostra dei cambi gomme, Hamilton si ritrova davanti a Raikkonen e può gettarsi all’inseguimento di Ricciardo.


Non succede niente fino alle battute finali. Bottas ha problemi di usura degli pneumatici e vede diminuire progressivamente il suo vantaggio su Vettel. Poco più indietro, stessi problemi per Ricciardo che deve a sua volta difendersi dagli assalti di Hamilton. La bandiera a scacchi sancisce la seconda vittoria stagionale per Bottas. Vettel termina la gara dietro agli scarichi del finlandese e conquista un secondo posto molto utile per la classifica mondiale.
Terzo, sul gradino più basso del podio, conclude Ricciardo con la Red Bull. Hamilton deve accontentarsi della quarta piazza.
Quinto Raikkonen davanti a Grosjean, ultimo dei concorrenti a pieni giri. In zona punti anche le due Force India e le due Williams.
Si temeva la pioggia, ma la corsa è rimasta asciutta fino alla fine.

Ordine di arrivo del Gran Premio d’Austria


Proteste da parte di Vettel e del suo team per una presunta partenza anticipata di Bottas allo spegnimento dei semafori rossi. I giudici hanno dato ragione al finlandese e considerato valido lo start.
Sebastian allunga nel mondiale e ora ha venti punti di vantaggio sul rivale Hamilton. Attenzione però alle prestazioni di Bottas, il pilota finlandese si sta dimostrando un ottimo acquisto per il team di Stoccarda e a questo punto non è da escludere un suo inserimento nella lotta per il titolo iridato.


Classifica mondiale piloti

Vettel 171
Hamilton 151
Bottas 136
Ricciardo 107
Raikkonen 83
Perez 50
Verstappen 45
Ocon 39

Prossimo appuntamento il 16 luglio per il Gran Premio di Gran Bretagna.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*