NUOVE TENDENZE: IL VAJAZZLING SUL PUBE DEPILATO

NUOVE TENDENZE: IL VAJAZZLING SUL PUBE DEPILATO

Un corpo femminile morbido e privo di peli è considerato particolarmente desiderabile. Per questo le modelle della pubblicità sono liscie e depilate. Le donne hanno sempre considerato imbarazzante la presenza dei peli sul corpo, soprattutto sul viso perché barba e baffi sono attributi maschili.

Viso perfettamente depilato

Viso perfettamente depilato

Anche i maschi a volte si sono depilati. Gli antichi Egizi si radevano e si epilavano, cioè si strappavano i peli dalla radice nel tentativo di eliminarli e impedirne la ricrescita. Era una pratica diffusa tra le donne e i sacerdoti, i quali si radevano i capelli e si depilavano tutto il corpo in segno di rispetto per la divinità. In Grecia gli atleti si depilavano completamente, così a Roma dove eliminavano i peli delle gambe con gusci di noci arroventati. Negli hamman, i musulmani si depilavano, come avviene oggi, con limone mescolato a zucchero e acqua.

Ceretta fai da te

Ceretta fai da te

Se si ha poco pelo e non particolarmente folto, si può usare lo stesso metodo degli antichi. È il più facile, poco doloroso e meno dispendioso. Con una piccola spatola si spalma la cera sciolta sulla parte da depilare e poi si applicano delle strisce adesive di carta. Con uno strappo deciso si rimuove il pelo incastrato nella cera indurita. Il pelo viene strappato alla radice e per un po’ di tempo non ricresce.

Si può ottenere lo stesso risultato con sostanze corrosive che sciolgano i peli e rendano possibile la loro eliminazione dopo un tempo di posa determinato dal tipo di pelo e dal tipo di pelle. È un intervento che si può fare anche a casa, ma i tempi di posa sono variabili e dipendono da tanti fattori, per cui è facile ustionarsi.

Un altro metodo è quello di radere i peli con un rasoio dopo averli accorciati con le forbici. Tuttavia è convinzione generale che tale sistema rinforzi il pelo che ricrescerebbe più folto a ogni rasatura. Per alcuni questa credenza non corrisponde al vero. Con la rasatura i peli ricrescono immediatamente perché non sono stati strappati alla radice. Inoltre, eventuali peli sul viso restano visibili sotto pelle soprattutto se sono molto scuri.

Corpo maschile depilato con elettrocoagulazione ad ago

Corpo maschile depilato con elettrocoagulazione ad ago

L’elettrocoagulazione a mezzo ago o radiofrequenza è l’unico metodo accreditato dall’ente americano Food and Drug Aministration per la depilazione permanente. Consiste nell’infilare un ago sottilissimo all’interno del follicolo pilifero, trasmettendo corrente che brucia il bulbo. Il pelo viene poi estratto con una pinzetta. È abbastanza doloroso e può lasciare cicatrici. Occorre che le macchine usate siano in ottime condizioni, che venga cambiato spesso l’ago e che l’operatore sia abile. È efficace sui peli grossi e isolati dell’inguine, del ventre, delle labbra e intorno alle areole. Se si è fortunati e l’operatore valido, può essere definitivo in relativamente poche sedute. È efficace anche sui peli chiari. Richiede tempi lunghi perché si devono trattare i peli uno a uno.

Depilazione a laser

Depilazione con il laser


Il  laser e la luce pulsata
consentono una depilazione che dura nel tempo.  Sono  metodi che sfruttano  la trasmissione del calore attraverso la melanina che colora il pelo, si surriscalda al passaggio della corrente e lo brucia. Non ci sono studi scientifici che comparino i due metodi valutando accuratamente vantaggi e svantaggi. Pare che il laser sia più preciso e selettivo.

I due metodi sono applicati sia nei centri medici sia in quelli estetici, con una differenza. In ottemperanza al decreto legislativo 110/2011 i centri estetici possono usare luce pulsata, soft laser e laser defocalizzati con un’intensità ridotta. Se il pelo da trattare è chiaro o bianco alcuni sostengono che sia impossibile trattarlo mentre per altri lo è, ma solo con i laser più potenti.

Il laser ha il grande vantaggio di essere indolore. Solo la zona dell’inguine potrebbe essere sensibile. Con questa tecnica è possibile trattare anche zone piuttosto estese.

Sulla definitiva risoluzione del problema o sulla necessità di parecchie sedute ci sono diverse teorie. Una sostiene che i peli attraversano tre fasi di crescita. Se il pelo viene bruciato mentre sta crescendo l’eliminazione è definitiva, quindi nella seduta non verranno trattati i peli che sono nella fare di quiescenza e che si ripresenteranno in seguito. Questo significa che sarebbero necessarie più sedute.

vajazzle3

Il vajazzling

Un’altra teoria sostiene che quando i peli ricrescono dopo la luce pulsata o il laser il trattamento è stato fatto male.

L’ultima novità in fatto di depilazione inguinale è il vajazzling, cioè la decorazione dell’inguine perfettamente liscio e depilato, con brillanti o cristalli Swaroski, nella forma desiderata.

Dopo avere depilato l’inguine, per ottenere un effetto super levigato e idratato si pratica il  vajacial (una procedura rivitalizzante usata in origine per il viso), quindi con la pinzetta per la depilazione delle ciglia si incollano i brillanti o gli Swaroski che sono stati precedentemente posizionati su una superficie adesiva pretattata.

La tecnica non è invasiva e la decorazione dura circa 5 giorni. Si possono applicare anche piume, farfalle ricamate e altre decorazioni.

Vajazzling

Vajazzling

Anche gli uomini possono rendere luccicante il loro inguine con il corrispondente maschile del Vajazzling, che si chiama pejazzling.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*