HAMILTON PRIMO A MONTREAL, VETTEL GRANDE RIMONTA

HAMILTON PRIMO A MONTREAL, VETTEL GRANDE RIMONTA

La settima prova del mondiale 2017 di F1 è ospitata in Canada, sul circuito Gilles Villeneuve di Montreal.
La Mercedes deve rispondere prontamente al one-two messo a segno dagli avversari della scuderia Ferrari a Montecarlo. Lewis Hamilton non si fa pregare e conquista la sua sessantacinquesima pole-position in carriera eguagliando il numero di pole di Ayrton Senna, grande specialista del giro secco.
A fianco del pilota britannico prende il via il leader della classifica mondiale Vettel. Seconda fila tutta finlandese con Bottas e Raikkonen, poi i due piloti della Red Bull.
Dopo la pausa monegasca, al volante della prima McLaren torna Fernando Alonso.

La griglia di partenza del Gran Premio del Canada
Prima fila: Lewis Hamilton (Mercedes) e Sebastian Vettel (Ferrari)
Seconda fila: Valtteri Bottas (Mercedes) e Kimi Raikkonen (Ferrari)
Terza fila: Max Verstappen (Red Bull) e Daniel Ricciardo (Red Bull)
Quarta fila: Felipe Massa (Williams) e Sergio Perez (Force India)
Quinta fila: Esteban Ocon (Force India) e Nico Hulkenberg (Renault)
Sesta fila: Daniil Kvyat (Toro Rosso) e Fernando Alonso (McLaren)
Settima fila: Carlos Sainz (Toro Rosso) e Romain Grosjean (Haas)
Ottava fila: Jolyon Palmer (Renault) e Stoffel Vandoorne (McLaren)
Nona fila: Lance Stroll (Williams) e Kevin Magnussen (Haas)
Decima fila: Marcus Ericsson (Sauber) e Pascal Wehrlein (Sauber).

Start caratterizzato da una collisione a centro gruppo che mette subito knock out Sainz e Massa. Deve entrare subito la safety car per consentire agli steward di togliere di mezzo le vetture danneggiate ed i detriti.
Quando si riprende a correre Lewis Hamilton è al comando inseguito da Verstappen, Bottas e Vettel. Il ferrarista, toccato al via da Verstappen, ha l’ala anteriore danneggiata, fa fatica a mantenere un buon ritmo e deve fermarsi per sostituire il musetto. Torna in pista in ultima posizione.
Dopo undici tornate è costretto al ritiro Verstappen, col motore della sua Red Bull che ammutolisce di colpo. Via libera alle due Mercedes e a Ricciardo.
Nella parte centrale della gara si mettono in evidenza le due Force India, che con la strategia di un solo pit stop riescono ad avere la meglio su Raikkonen.
Vettel fa una grande rimonta e quando alla bandiera a scacchi mancano una ventina di giri rientra ai box per il suo secondo ed ultimo cambio gomme. Torna in pista in settima posizione, passa Raikkonen approfittando di un lungo del finlandese e si getta all’inseguimento delle due Force India. Proprio negli ultimi giri il tedesco riesce a scavalcare prima Ocon e poi Perez centrando un quarto posto che vale quasi come una vittoria e che gli permette di mantenere la leadership del campionato.

Vince Hamilton davanti a Bottas, Ricciardo, Vettel, Perez, Ocon e Raikkonen. Per la Mercedes una doppietta che tiene viva più che mai la lotta per il titolo iridato, anche se la corsa è stata condizionata dalla toccata al via tra Vettel e Verstappen e dal ritiro dello stesso pilota olandese.

L’ordine d’arrivo del Gran Premio di Montreal

Lewis Hamilton sul podio con l’attore Patrick Stewart


Classifica mondiale piloti

1 – Sebastian Vettel 141 punti
2 – Lewis Hamilton 129 punti
3 – Valtteri Bottas 93 punti
4 – Kimi Raikkonen 73 punti
5 – Daniel Ricciardo 67 punti

Prossima gara il 25 giugno per il Gran Premio dell’Azerbaijan.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*