I GADGET FIGHI DI TOPOLINO TRA GLI ANNI ’80 E ’90

gadget di Topolino

Durante la bella stagione, sin dagli anni trenta, Topolino presentava spesso dei gadget (qui quelli dagli anni sessanta ai settanta – NdR), raggiungendo la perfezione tecnico-creativa tra la fine degli ottanta e la prima metà dei novanta.
Quindi rivediamo nel dettaglio i gadget strafighi del periodo d’oro che va dal 1989 al 1994.

 

gadget di Topolino

 

Di solito i gadget di Topolino erano composti da varie parti che uscivano in diversi numeri di fila, per abituare i giovani lettori alla fedeltà di lettura.

 

1989 – L’ORA ECOLOGICA

Un orologio a cristalli liquidi con i volti di Topolino e Minni.
Il cinturino, in sughero, aveva la testata del quotidiano romano Il Messaggero. Tutto era ecosostenibile e, pare, biodegradabile.

gadget di Topolino

 

1990 – LA MACCHINA FOTOGRAFICA ECOLOGICA

Evoluzione in grande del gadget precedente, la macchina fotografica era realizzata in Mater-Bi, ossia plastica ricavata dal granturco (garmonboziaaaa!). Oggi materiale molto diffuso, all’epoca appena inventato.
La macchina fotografica, perfettamente funzionante, venne anticipata dal misterioso slogan “l’ecologia avrà nuovi sviluppi”.

gadget di Topolino

 

1991 – IL TOPOBINOCOLO

Primo dei gadget ad avere anche, a corredo, una storia a fumetti che ne introducesse le funzioni: il Topobinocolo, che era una lente di ingrandimento, ma anche binocolo richiudibile.

 

1992 – IL TOPOJOLLY

Il “portatutto dappertutto”, recitava lo slogan.
Uno zainetto/marsupio multicolore composto da diversi scompartimenti, disponibile in varie colorazioni.
Io nella sacchetta piccola ci mettevo i gettoni per gli arcade.

 

 

1993 – IL TOPOWALKIE

Qui si superarono, perché ti facevano costruire un walkie talkie preciso e funzionante. Lo presi in doppia copia, con mio fratello.
Spesso captavamo i messaggi altrui… senza volerlo!

 

 

1994 – IL TOPOKIT

Tre contenitori in plastica con dentro di tutto: semi, richiamo per uccelli, parabola, clessidra, calendario e via dicendo.
Mi pare che ci fosse qualcosa anche per chi aveva l’Ideario Disney come agenda scolastica.

 

 

Da questo momento in poi, spariscono le storie a fumetti legate al prodotto. E gli stessi gadget si fanno sempre meno interessanti: tranne in rari casi, sono copie o sono veri e propri giocattoli (navi, auto…).

In corrispondenza con le parti del regalo estivo, la tiratura di Topolino si alzava, impennandosi anche oltre un milione di copie come veniva strillato in copertina.

 

Ricordavate questi gadget? Quali avete collezionato?

 

 

1 commento

  1. Articolo simpatico, documentato e che esprime passione. Però io, per motivi anagrafici, sono più legato ai gadget del decennio precedente, oggetto dell’articolo ricordato con un link nel testo. E sospetto che l’autore di questo testo, nel parlare di periodo d’oro, abbia appunto fatto riferimento alla sua esperienza anagrafica. Purtroppo è inevitabile, per chi ha amato i fumetti sin da quando era bambino, mantenere una componente ‘nostalgica’. Dico ‘purtroppo’ perché mi accorgo, anche di me stesso, che questa componente inevitabilmente influisce sulla mia capacità di giudizio critico

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*