PIUME DI DINOSAURO E STATUE GRECHE A COLORI

PIUME DI DINOSAURO E STATUE GRECHE A COLORI

Come molti, da bambino adoravo i dinosauri e devo ammettere che mi affascinano ancora oggi. Giganteschi lucertoloni preistorici! Avevo un pupazzetto di plastica, un Tirannosaurus Rex piantato sulle zampe posteriori, ben dritto sulla schiena e ricoperto di scaglie in dura plastica.

Circa vent’anni più tardi, i T-Rex non sono più come quelli che ricordavo. Ora sono rappresentati con quell’andatura orizzontale e le piume variopinte. Io sono invecchiato, forse evoluto e dopo milioni di anni anche i dinosauri lo sono. Sono molto diversi anche da come li aveva immaginati nell’ottocento il paleontologo creazionista Richard Owen che diede loro il nome di “lucertole spaventose”.

Altro esempio, completamente diverso: le statue greche. Esteticamente perfette, con il candido e puro bianco del marmo. Talmente belle che una volta riscoperte tornarono di gran moda con il neoclassicismo che rende tanto ammirabili molte capitali europee. Bianche e candide? No, per niente.

Gli studi più recenti ricostruiscono statue, colonne e sarcofagi dai colori splendidamente brillanti, in contrasto con la sacralità del bianco a cui era abituato il frequentatore delle raccolte di gessi classiche. L’altare di Zeus (in restauro nel Pergamon Museum di Berlino), la Colonna Traiana a Roma e le statue del Museo dell’acropoli di Atene, ora scoloriti dal tempo, dovevano essere un’esplosione di colori.

La ricerca scientifica produce inevitabili cambiamenti, grandi o piccoli, che sconvolgono i nostro vivere quotidiano. Dall’elettricità all’esplorazione lunare, dalla plastica a internet. Non soltanto invenzioni e scoperte straordinarie, anche riscoprire elementi dimenticati del passato cambia il nostro modo di percepirlo e comprendere anche l’attualità. Possiamo imparare dal passato.

I greci non erano solo dei guerrieri e filosofi che ammiravano l’aspetto apollineo delle loro candide statue, ma vivevano tutta l’emozione sfaccettata dei colori e delle emozioni dei loro eroi e dei. I dinosauri non erano semplicemente la versione gigantesca delle lucertole che guizzano nel parco: l’evoluzione puntava ad evolverli, a fargli prendere il volo come uccelli.

4897750

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*