LA VERSATILE CLAUDIA GERINI IN 14 SEQUENZE

Claudia Gerini

Sono numerose le attrici e show-girl lanciate da quel geniale talent-scout che è stato Gianni Boncompagni. Alcune peraltro poco valorizzate e che avrebbero indubbiamente meritato di più. Dal programma Non è la Rai, per esempio, autentica palestra televisiva, sono uscite un buon numero di ragazze che hanno poi dimostrato di saper camminare con le proprie gambe e, in alcuni casi, di avere un notevole talento. Su tutte svetta, per doti recitative, bellezza e personalità, Claudia Gerini. Gli inizi con Boncompagni le hanno permesso, come ad altre sue colleghe, di imparare a cantare e a ballare, e la versatilità è infatti uno dei suoi pregi (non sfruttato appieno, tuttavia). Più tagliata per la commedia, probabilmente, che le ha regalato i maggiori successi, ha però offerto ottime prove anche sul versante drammatico. In occasione del suo compleanno (18 dicembre), omaggiamo Claudia Gerini con 14 video tratti da film e programmi televisivi, che ne testimoniano fascino e qualità attoriali.

Nata a Roma il 18 dicembre del 1971, Claudia Gerini vince nel 1985 il concorso di bellezza Miss Teenager. Qui viene notata da Gianni Boncompagni, presente in giuria.

L’anno successivo partecipa al primo film, La ballata di Eva (regia di Francesco Longo) e ad alcuni spot pubblicitari, tra cui quello dei Baci Perugina.

Il primo ruolo cinematografico di un certo rilievo lo ottiene nella commedia di Sergio Corbucci Night Club, del 1989. Ambientato all’epoca della dolce vita romana, vede la Gerini vestire i panni di Cristina, come lei giovane aspirante attrice. Nel cast anche Christian De Sica e Sabrina Ferilli.

Claudia Gerini esordisce nel 1991 in televisione nel programma Primadonna, ideato e diretto da Boncompagni, in cui conduce un gioco telefonico. In seguito, entra appunto a far parte del gruppo di bellezze adolescenti che animano lo show Non è la Rai. Dopo qualche altro film, nel 1995 Carlo Verdone la vuole come protagonista di uno dei tre episodi di Viaggi di nozze. Ivano e Jessica sono una coppia di sposini romani un po’ burini che decidono di fare un tour nelle discoteche come viaggio di nozze. Il film fa sfracelli al botteghino anche grazie al loro tormentone “’o famo strano”: la giovane attrice rivela un sorprendente talento comico.

Sempre diretto e interpretato da Verdone, il successivo Sono pazzo di Iris Blond (1996), permette a Claudia Gerini di mostrare anche le proprie doti canore. Interpreta Iris, una giovane cameriera che vive a Bruxelles e che, grazie all’incontro col musicista Romeo, riesce a coronare il sogno di diventare cantante.

Non poteva mancare l’incontro con la comicità della Gialappa’s Band, che nella stagione 1996-1997 realizza forse la migliore edizione di Mai dire Gol. La conduzione viene affidata a Claudio Lippi e a varie attrici e presentatrici. Nella puntata del 20 gennaio 1997 tocca alla Gerini, che si disimpegna con bravura.

Un’altra commedia di successo a cui prende parte è Fuochi d’artificio (1997), che ha per protagonista Leonardo Pieraccioni, anche regista. Interpreta Lorenza, che lavora con Ottone in un negozio di animali, e di cui è segretamente innamorato Germano (Massimo Ceccherini).

L’esordio cinematografico della Gialappa’s Band, Tutti gli uomini del deficiente, diretto da Paolo Costella nel 1999, non risulta all’altezza delle aspettative. Claudia Gerini è Stella, una delle partecipanti a una caccia al tesoro organizzata da un miliardario. Ma anche se i realizzatori del film puntano molto su di lei, appare sacrificata in una vicenda troppo dispersiva.

Nel 2000 è protagonista insieme a Corrado Guzzanti di una puntata della trasmissione di Rai3 Milano-Roma, nella quale due personaggi del mondo dello spettacolo compiono in automobile il viaggio del titolo.

C’è stato un tempo in cui la partecipazione al Festival di Sanremo sanciva la definitiva popolarità di un’attrice o di una showgirl. La Gerini in ogni caso è già piuttosto conosciuta quando nel 2003 viene scelta da Pippo Baudo per affiancarlo nella conduzione della kermesse canora, in onda come di consueto su Rai 1. L’altra presenza femminile è la bionda Serena Autieri.

Una commedia nera con un’idea di partenza interessante, alla (fatte le debite proporzioni) Roman Polanski, ma rovinata da una parte finale piuttosto fiacca, è Nero bifamiliare, film diretto nel 2007 da Federico Zampaglione, leader del gruppo musicale Tiromancino e all’epoca compagno di Claudia Gerini. Marina e Vittorio, sposati e con qualche problema economico, acquistano tramite mutuo una villetta in un comprensorio chiamato Villa Serena. Quando la casa viene svaligiata dai ladri, i sospetti di Vittorio si appuntano subito sui misteriosi vicini. In alcune sequenze la Gerini esprime un notevole sex-appeal.

Nonostante se la cavi bene nel ballo e nel canto, sono stati pochi i varietà televisivi che le hanno dato la possibilità di proporsi come soubrette. Ricordiamo comunque un’esibizione come ospite in due edizioni di Carramba! Che fortuna, nel 1999 e nel 2008 e, recentemente, la partecipazione in veste di concorrente nel programma musicale Dance Dance Dance, in onda dal 2016 su Fox Life.

Nel 2008 Verdone torna a girare un film a episodi, intitolato Grande, grosso e… Verdone, riprendendo in parte i coatti protagonisti di Viaggi di nozze: cognomi uguali, nomi diversi e, naturalmente, qualche anno in più. Enza e Moreno si recano con il figlio in un lussuoso hotel di Taormina e, com’è prevedibile, il loro modo di comportarsi stride con quello dei clienti abituali. Nonostante l’episodio non sia all’altezza di quello del 1995, l’alchimia tra la Gerini e Verdone funziona ancora e i momenti divertenti non mancano.

Sulla scia del rocker Rob Zombie, anche Zampaglione si è messo a girare film del terrore con tanto di musa ispiratrice: Sheri Moon per Zombie, Gerini per Zampaglione. Tulpa – Perdizioni mortali, del 2012, mischia al thriller con momenti splatter un po’ di erotismo, nel raccontare la vicenda di Lisa, single e donna in carriera che di notte frequenta un club privé i cui membri cominciano ad essere uccisi uno dopo l’altro.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*