ANORMALITÀ

ANORMALITÀ

Quando vivi in un paese anormale, ti basta guidare per sentirti speciale. Te lo devi ricordare, di non essere speciale. Quando metti la freccia e la cintura di sicurezza; ogni volta che cerchi un parcheggio, magari a pagamento, pur di non lasciare la macchina in doppia fila o in un posteggio riservato; quando rispetti le rotonde, cedi il passo ai pedoni, rispetti i ciclisti e lasci la macchina vicina al centro per poi camminare. Ti senti speciale, ma non lo sei.

Quando vivi in un paese anormale, ti basta camminare per strada per sentirti speciale. Te lo devi ricordare, di non essere speciale. Ogni volta che usi i cestini o ti riempi le tasche di cartacce; quando differenzi la tua immondizia; quando sgridi qualcuno che getta mozziconi e bottiglie di birra sulla spiaggia. Ti senti speciale, ma non lo sei.

Quando vivi in un paese anormale, lavorare – o cercare di lavorare – ti fa sentire speciale. Te lo devi ricordare, di non essere speciale. Quando rispondi alle richieste, rispetti i tempi, consegni qualità, cresci, consigli e speri – preghi – di essere ripagato con la stessa moneta. Ti senti speciale, ma non lo sei.

Quando vivi in un paese anormale, ti devi incazzare quando vedi qualcosa di anormale spacciato, venduto, confuso o diventato normale agli occhi di tutti. Perché i ragazzi e i bambini si guardano intorno, si guardano accanto, e imparano che vivere in un paese anormale non è orribile, ma comodo; e che quello che davvero conta, non è sentirsi speciali, ma normali.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*