ALIEN E I GUERRIERI DELLA NOTTE SONO LO STESSO FILM DI WALTER HILL

Walter Hill

Alien rappresenta l’esordio da produttore di Walter Hill, che in seguito produrrà non solo gran parte dei propri film alla maniera dei grandi vecchi di Hollywood (probabilmente per avere un maggiore controllo artistico), ma anche qualcuno di altri registi, definendosi “un medio produttore indipendente”.

Walter Hill

Nel 1978 nelle mani di David Giler capita una sceneggiatura scritta da Dan O’Bannon e Ronald Shusett. O’Bannon ha studiato alla University of South California come John Carpenter e proprio con Carpenter ha realizzato un cortometraggio di fantascienza come prova d’esame, Dark Star, diventato poi un lungometraggio nel 1974.

Già ideando l’alieno di Dark Star (un palloncino) O’Bannon aveva pensato a un soggetto con un alieno meno grottesco e più terrificante. Da questa idea nasce lo script di Alien. Giler legge la sceneggiatura e la trova interessante, tanto da passarla al socio Walter Hill. A Hill piacciono molto alcune parti, ma complessivamente non lo soddisfa appieno. Ci mette mano, insieme a Giler, aggiungendo alcune idee (il gatto di Ripley, il robot). Secondo O’Bannon, Hill, Giler e il terzo socio Gordon Carroll avrebbero avuto l’intenzione di appropriarsi del suo script, estromettendolo. Anche se poi alla fine sui titoli di testa risulteranno autori della sceneggiatura solo lui e Shusett. Querelle a parte, attraverso vari apporti prende forma il copione di uno dei più importanti film di fantascienza degli anni settanta. Superato lo scoglio della sceneggiatura e trovata nella Twentieth Century Fox la major disposta a finanziare il film, parte la caccia al regista. Si pensa all’anziano maestro Robert Aldrich, reduce da alcuni bellissimi film come I ragazzi del coro (The Choirboys) e il fantapolitico Ultimi bagliori di un crepuscolo (Twilight’s Last Gleaming), entrambi del 1977.

Poi a Peter Yates, regista che Hill conosce dai tempi di Bullitt e che ha dimostrato con il sottovalutato Abissi (The Deep, 1977) di essere abilissimo nel genere avventuroso e nel creare suspense.

Lo stesso Hill entra nel novero dei candidati, ma si tira indietro non sentendosi a proprio agio con gli effetti speciali e anche perché gli è stato offerto di dirigere un western, poi mai realizzato. D’altra parte poche sono le esperienze successive di Walter Hill con generi come la fantascienza e l’horror. I vari sequel e prequel di Alien lo vedono figurare come produttore in quanto detentore dei diritti, ma solo per quel che riguarda Aliens – Scontro finale (Aliens), diretto nel 1986 da James Cameron, ci pare di poter cogliere un autentico coinvolgimento creativo.

Quanto alle regie, è di matrice fondamentalmente fantascientifica il capolavoro postmoderno Strade di fuoco (Streets of fire, 1984), che però non ottiene l’auspicato successo di pubblico.

Nel 1989 produce insieme a Robert Zemeckis la serie televisiva I racconti della cripta (Tales of the Crypt), di cui dirige due episodi. L’uomo che era la morte (The Man Who was Death) e Poker (Cutting Cards).

L’ultimo incontro con la fantascienza avviene nel 2000, ma anche in questo caso non si tratta di un’esperienza fortunata. La regia di Supernova (id.) comporta difficoltà varie. Nonché problemi con la produzione che spingono la Metro Goldwyn Mayer a rimaneggiare il materiale girato, tanto che alla fine Hill, disconoscendo il montaggio definitivo del film, decide di firmarsi con lo pseudonimo Thomas Lee.

Tornando a Alien, alla fine la scelta del regista cade su Ridley Scott, autore inglese che ha maturato grande esperienza nel campo pubblicitario e che si è segnalato per il suo film d’esordio, I duellanti (The Duellists), del 1977.

Scott si applica meticolosamente per realizzare con Alien (id., 1979) un film pieno di suspense e molto elaborato dal punto di vista visivo, curatissimo sotto il profilo scenografico e degli effetti speciali.

Se volessimo, forzando un po’, considerare Alien un film con più paternità, quindi tanto di Scott quanto di Dan O’Bannon quanto di Hill (e di Giler, Shussett, Giger eccetera) e lo considerassimo dopotutto un film americano al di là del fatto che il regista sia inglese e che sia stato girato in Inghilterra, vedremmo alcune affinità con il film di Hill I guerrieri della notte (The Warriors, 1979): sceneggiatura sostanzialmente scarna, azione privilegiata, personaggi uniti in un gruppo che devono difendersi da un nemico, ambientazione notturna. Non abbiamo intenzione di rendere d’autore ciò che non lo è, e ci pare obiettivamente di poter considerare Alien una altamente apprezzabile opera artigianale nel vero senso della parola (con buone dosi di artisticità) e non un film d’autore, ma se anche lo fosse, non faremmo certo di Hill l’autore. Più interessante capire se Alien e I guerrieri della notte siano assimilabili e rappresentino due titoli fondamentali per analizzare il cinema americano (e industriale, dopotutto) del periodo che va dalla metà degli anni settanta alla metà del decennio successivo.

Potremmo partire dal rilevare come le dinamiche, definiamole creative, del cinema americano sul finire degli anni settanta partano dalla ricerca, più o meno coerente e sistematica, di un ben preciso luogo spaziotemporale, che può anche essere un non-luogo. Luogo-non-luogo che, tenendo conto delle radici del cinema americano (la frontiera, quindi gli spazi sconfinati ma anche un saldo rapporto con la Natura, la terra, la famiglia), in un’accezione urbana significa necessariamente mutevolezza (basta passare da una via all’altra, da un quartiere all’altro), spaesamento, inconoscibilità.
Alien non può certo essere definito un film urbano, eppure gli spazi dell’astronave, che nascondono un pericolo imprevedibile e reiterato, ricordano le strade popolate di potenziali nemici de I guerrieri della notte. In esso, d’altra parte, la presenza mentale dell’uomo in movimento costituisce il fulcro della messinscena, che è poi la medesima, fredda, insondabile che agisce tra le pareti della Nostromo, ma anche, seppur mediata dalle traiettorie delle automobili che quasi prendono il sopravvento su quelle umane, in Driver – L’imprendibile (The Driver), diretto da Walter Hill nel 1978.

La descrizione che lo stesso regista ha dato del suo cinema, la già citata frase “faccio film su uomini duri in situazioni pericolose”, si attaglia perfettamente sia ad Alien sia a I guerrieri della notte. Tuttavia si potrebbe aggiungere che i suoi personaggi sono soprattutto, nella maggior parte dei casi, personaggi che cercano un proprio spazio, un luogo sicuro o, meglio ancora, un rapporto armonioso con ciò che li circonda (si chiami tutto ciò il Mondo, la Società, gli Altri, poco importa). Non a caso nel finale di Alien, Ripley espelle il mostro dalla navetta: se non siamo di fronte a una vera e propria metafora dello spazio vitale, poco ci manca.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*