ACQUISTO DI GIOIELLI E PANDEMIA, COS’È CAMBIATO

ACQUISTO DI GIOIELLI E PANDEMIA

La crescita dell’e-commerce

I consumatori sono sempre più a loro agio nell’acquistare gioielli online, soprattutto dopo la pandemia, ed è molto più probabile che facciano acquisti di alto livello online rispetto a cinque anni fa. La quota delle vendite online negli Stati Uniti e nelle vendite di gioielli dell’Europa occidentale è raddoppiata nel 2019, a scapito dei marchi fisici.

I marchi di gioielleria e i rivenditori di fascia media stanno soffrendo per il calo dei visitatori e l’incertezza dei consumatori, mentre la concorrenza dei marchi indipendenti di nicchia è in aumento. I rivenditori e i marchi specializzati devono, quindi, lavorare molto più duramente per distinguersi dalla massa.

Nonostante tutto l’acquisto di gioielli è aumentato: due terzi delle persone hanno acquistato gioielli (anche rigenerati, come quelli proposti da gioiellosicuro) o orologi negli ultimi cinque anni, con un aumento del 5% rispetto a 2018.

Detto questo, ci sono una serie di problematiche come il calo delle forniture di diamanti grezzi dalle miniere, le frodi nel commercio elettronico e persino matrimoni ritardati a causa del Covid.

Quindi, quali tendenze del mercato della gioielleria possiamo aspettarci di vedere nel 2021 e oltre? In che modo i marchi possono comprendere i driver e i comportamenti di diversi dati demografici al fine di formare strategie di crescita efficaci?

 

Principali tendenze del mercato dei gioielli (anche rigenerati)

“A marzo e aprile 2020, tra le prime chiusure di negozi per pandemia, le vendite di gioielli al dettaglio sono diminuite rispetto allo stesso periodo del 2019”.

Le vendite sono cresciute di 1 miliardo di dollari anno su anno: in non piccola parte attribuibile agli anelli di fidanzamento.

La pandemia ha spinto le persone a rivalutare le proprie priorità. E alcuni di coloro che avrebbero dovuto sposarsi nel 2020/21 hanno investito i risparmi nell’aggiornamento del loro anello.

Il principale concorrente della gioielleria, i viaggi, era off-limits nel 2020 e all’inizio del 2021, il che significa che le coppie benestanti avevano più reddito disponibile del solito.

La pandemia ha influenzato i gusti dei consumatori in fatto di anelli, con un notevole aumento degli stili minimalisti e senza tempo. Sembra che questo periodo di incertezza abbia portato a un desiderio di acquisti per compensare il senso di disagio.

I fattori che contribuiscono alla crescita globale di questo mercato includono:

  • il numero crescente di acquirenti digitali,
  • la popolazione femminile in aumento,
  • la popolazione della classe media in aumento e
  • il turismo in crescita.

 

Gioielli online e social media: un trend in crescita

I social media non sono mai stati così importanti per i marchi, in tutti i settori, come lo sono ora. Lo sviluppo di un approccio social-first alle campagne è una delle strategie più efficaci per aumentare la consapevolezza del marchio e raggiungere un nuovo pubblico. Con il social commerce, un marchio di gioielli può creare un’esperienza di acquisto personalizzata e mirata all’interno di una piattaforma di social media come Instagram o Facebook, in modo che il cliente possa avere il meglio di tutti i mondi, scorrendo il suo feed sui social media e acquistando le cose che ama. Inoltre, il social commerce può fare riferimento a un marchio che integra un’esperienza social nella propria app o sito web.

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*