A TAVOLA CON ENRICO IV: LA POULE AU POT

A TAVOLA CON ENRICO IV: LA POULE AU POT

La ricetta che vedremo oggi è quella della celeberrima “poule au pot” francese. Prima di vederne gli ingredienti e la preparazione sarà bene dare un’occhiata alla sua storia. E qui parliamo di Enrico IV, re di Francia e di Navarra. Una volta fattosi cattolico e diventato re, il monarca di tutti i Francesi fece una promessa solenne: “Voglio” disse più di una volta, “che ogni contadino possa mettere la gallina in pentola la domenica”. Quel che a lui premeva era che, per la durata del suo regno, ognuno dei suoi sudditi potesse mangiare degnamente almeno un giorno la settimana. Da allora pare abbia origine la tradizione dei Francesi di far bollire la gallina farcita di verdure.

Credo però che noi Italiani abbiamo una marcata preferenza per il pollo al forno, che a parere nostro fa più bella figura nei nostri piatti, mentre proviamo una certa repulsione per il bollito, con la sua pelle gommosa, e per l’aglio e la cipolla che galleggiano nel brodo oleoso.

A dire il vero la gallina bollita potrebbe non piacere a tutti. E non piace neanche al sottoscritto. Quando da bambino – stavo in Francia, allora – mangiai per la prima volta un po’ di questa “poule au pot”, mi sia concesso di dirlo, vomitai. Il brodo oleoso con aglio e cipolla, la pelle gommosa… A dire il vero vomitai anche la seconda volta. Non ci fu una terza volta perché, in seguito alla ribellione di tutti i sudditi della mia famiglia, la “poule au pot” fu bandita dal nostro regno. Questo, ovviamente, non vi impedisca di godervi il piatto regale per eccellenza. Il fatto che la poule au pot mi faccia schifo non sia da ostacolo alle buone forchette e ai buongustai che ci leggono: hanno il diritto di assaggiare un piatto che per molti è una autentica prelibatezza.

Sia chiaro che nel caso trovaste disgustosa la ricetta che mi accingo a dettagliarvi, o addirittura vi sentiste male dopo avere mangiato, io declino ogni responsabilità.

Ecco, è ora di prendere carta e penna e di segnarvi la ricetta.

Per una deliziosa poule au pot serve
– 1 gallina
– 800 grammi di carote
– 300 grammi di rape
– 4 porri
– 2 cipolle con 2 chiodi di garofano infilzati
– sale e pepe
– un cucchiaio di timo e alloro tritati

Preparazione
Lavare le verdure, sbucciarle.
Mettere la gallina in una pentola grande, coprire d’acqua.
Far bollire, schiumare.
Aggiungere le verdure piegando i porri in due, la cipolla, il timo e l’alloro tritati, salare e pepare.
Togliere il grasso del brodo e servire la gallina con le verdure.

Dio ce la mandi buona…

1 commento

  1. Che bella ricetta sincera; ahahaha! Confessi che a te fa schifo, che ti ha fatto VOMITARE ben 2 volte, però ci dici la sua storia e tutti gli ingredienti. FANTASTICO, grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*